VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Ciryl Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Gennaio e il calciomercato che non c'è stato: l'Inter l'unica big ad acquistare un titolare. Juve, cosa è successo con Evra? Non sostituirlo subito è un rischio. Date una top club a Maran: allena a Verona il nuovo Sarri

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
29.01.2017 00:00 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 42096 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

A furia di ripetere e ripeterci che il mercato estivo va organizzato e programmato con settimane d'anticipo, le big di Serie A si sono dimenticate del fatto che i giocatori, forti e titolari, possono essere acquistati anche a gennaio. E' vero che questa è chiamata la finestra di riparazione, che di giocatori buoni sul mercato in questo mese ce ne sono pochi. Che i calciatori forti, chi li ha, a gennaio non li cede, ma qualcosa di buono da acquistare c'era, come dimostrato dai vari Draxler, Oscar, Depay e Payet. In Italia, invece, questa sessione di calciomercato verrà ricordata come la più anonima degli ultimi anni. Qualche innesto che non cambia le carte in tavola e qualche errore che rischia di essere scontato a stretto giro di posta.

Il Napoli con intelligente anticipo ha sostituito il partente Gabbiadini con Pavoletti, ma di terzini nemmeno l'ombra. A Sarri è andata bene, perché Strinic s'è rivelato all'altezza del compito, ma s'è trattato di un rischio. Di una di quelle scommesse che possono andarti bene, ma anche no. Qualche chilometro più a nord, ad esempio, la scommessa non ha pagato. Simone Inzaghi nel girone d'andata ha fatto miracoli e la società l'ha ripagato negandogli quell'ulteriore alternativa in attacco che serviva come il pane. Non ha rinnovato il contratto di un Biglia sempre più distratto, non s'è liberata di Djordjevic per lasciar spazio a un vero vice Immobile. Un errore dietro l'altro: ai biancocelesti la maglia nera di questa sessione di calciomercato perché altrove, anche se poco, qualcosa hanno fatto. La Fiorentina ha preso Saponara per sostituire un Ilicic che, se non andrà via entro martedì, lo farà in estate. Il Milan ha consegnato a Montella un'alternativa in più in attacco (Deulofeu e Ocampos in, Niang out), mentre la Roma con Grenier ha permesso a Spalletti di godere di una soluzione diversa a centrocampo. Anche se la priorità del manager di Certaldo era ed è ancora Defrel e le condizioni fisiche del giocatore francese - che nella prima parte di Ligue 1 ha giocato meno di mezz'ora - sono tutte da certificare.
Qualche ritocco e nulla più, appunto. Non sono certo queste le mosse che ti permettono di cambiare la stagione. A conti fatti, l'unica big che ha acquistato un titolare è stata l'Inter: complimenti a Roberto Gagliardini, futuro pilastro della Nazionale che ad Appiano Gentile - per dirla con le parole di Gasperini - ha subito spaccato.

Capitolo a parte merita la Juventus. I bianconeri continuano a stravincere la sfida sui giovani: ottimo il colpo Orsolini, lungimirante la scelta di bloccare Quaison, unica nota lieta di un Palermo allo sfascio. Ma sarebbe servito anche altro. Questa sessione di mercato non può essere promossa a pieni voti: c'è qualcosa che non torna, c'è un Evra che è andato via senza che nessuno ne abbia ben compreso il motivo.
Il laterale francese era da tutti riconosciuto come uno dei leader di questa squadra. Era l'unica vera alternativa ad Alex Sandro e, soprattutto in Champions, ha avuto le sue possibilità e i suoi spazi. Aveva un contratto in scadenza e tutti davano per scontato il suo addio in estate: perché forzare i tempi? Perché non farsi convocare per quasi un mese? Perché mettere in difficoltà una Juve che lotta per vincere su tutti i fronti e aveva bisogno dell'esperienza del francese?
Qualcosa non torna, qualche passaggio è saltato e non hanno detto quale. Ad oggi, l'unica certezza è che la decisione della società di non sostituirlo appare rischiosa: può essere adattato Asamoah in quel ruolo, certo, ma non è la stessa cosa.

Chiosa finale su Rolando Maran. Ho un debole per il suo Chievo e per un'organizzazione di gioco che in Italia ha pochi eguali. Non ce ne vogliano Campedelli e Nember, ma questa non è una squadra da decimo posto. E' un gruppo con discreti giocatori che brilla solo perché in campo tutti - dal portiere al centravanti - sanno sempre cosa fare con e senza palla. E' uno spettacolo veder giocare il Chievo, pur con tutti i limiti tecnici che contraddistinguono questa squadra. Pochi se ne sono accorti solo perché i clivensi, che hanno da tempo abbandonato l'etichetta di favola, non fanno più notizia. Ma Maran meriterebbe ben più gloria e complimenti: la prima big che se ne accorgerà farà le sue fortune.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.