VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Germania-Italia, differenza più abissale del 4-1. Viaggio nella riforma tedesca: la FIGC prenda esempio. Conte ha ragione: i dati inchiodano i nostri club

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
03.04.2016 11:14 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 35961 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Possiamo offenderli chiamandoli crucchi. Possiamo dire - in alcuni casi illuderci - che poi nelle gare importanti vinciamo sempre noi. E possiamo aggiungere, a ragione, che il loro rigore d'azione e di pensiero non è sempre la strada giusta. Opponendo con soddisfazione la nostra capacità di adattamento e di improvvisazione, quella che a volte ci porta a ottenere risultati straordinari, del tutto inattesi. A gettare davvero il cuore oltre l'ostacolo.
Eppure, circoscrivendo il discorso all'ambito sportivo, non c'è dubbio che in questo momento la Germania sia anni luce avanti a noi. Il 4-1 di martedì scorso non spiega bene il divario che c'è tra i due movimenti. Perché la Germania da ormai 15 anni ha portato avanti un discorso di programmazione che in Italia non abbiamo nemmeno abbozzato. E se adesso la Germania si ritrova con la nazionale più forte del mondo - e negli ultimi anni ha fatto incetta di trofei anche a livello giovanile - non è certo frutto del caso.
Occorre fare un passo indietro: Campionato Europeo di Belgio e Paesi Bassi. La Germania rimedia una figuraccia. In tre gare contro Romania, Inghilterra e Portogallo conquista un solo punto. Una disfatta. Nelle federazione teutonica iniziano profonde riflessioni e la risposta che produce questa lunga disquisizione è la più semplice: bisogna investire sui settori giovanili. Seriamente.
Nel 2001 viene introdotto la norma che obbliga i club delle prime due serie - Bundesliga e Zweite Bundesliga - ad avere una squadra in ogni categoria giovanile a partire dagli Under 12. E si chiede a una nuova generazione di allenatori, che deve essere sempre supportata da strutture adeguate, di puntare sulla tecnica. E' stato aggiunto, inoltre, l'obbligo per tutte le formazioni dall'Under 16 in avanti di avere almeno dodici giocatori candidabili a una maglia della nazionale di categoria. Eventuale penalizzazione? La revoca della licenza per la partecipazione ai campionati.
La strategia è semplice e lineare, la migliore per favorire la crescita di giovani calciatori tedeschi. Una strategia che ha portato risultati sul medio e lungo termine. E che risultati. La vittoria del Mondiale nel 2006 è stato per noi il momento più alto di una generazione che già aveva dato tutto, ma che alle spalle aveva il deserto. La Germania, battuta in semifinale, proprio in quei mesi portava avanti una rinascita che ha prodotto frutti importanti negli anni successivi. Il Mondiale, inoltre, servì per rimodernare o in molti casi ricostruire gli stadi. Un modo per riportare i tifosi allo stadio (congiunto, in molti casi, a una precisa strategia di prezzi popolari), fare della Bundesliga il campionato con più persone allo stadio e aumentare i ricavi.

Tornando però specificamente al discorso nazionali, ci sono dei dati che inchiodano una federazione come la nostra che non riesce a creare queste riforme strutturali. La Germania, mediamente, ha molti più giocatori tedeschi in rosa rispetto agli italiani in forza alle squadre di Serie A. Di seguito il dato (rilevazione di Transfermarkt.it) relativo alla percentuale di stranieri nelle prime sei squadre in classifica. Quelle che, in teoria, dovrebbe fornire il maggior numero dei giocatori alle rispettive Nazionali.

1) Juventus 61.5% di stranieri
2) Napoli 68%
3) Roma 82.1%
4) Fiorentina 79.2%
5) Inter 82.6%
6) Milan 48.1%

1) Bayern Monaco 57.7%
2) Borussia Dortmund 45.8%
3) Hertha Berlino 46.7%
4) Bayer Leverkusen 55.6%
5) Mainz 53.3%
6) Schalke 04 41.4%

In Italia solo il Milan ha una percentuale di stranieri inferiore al 60%. In Germania, nessuno dei top club arriva al 60%. Senza contare che la Bundesliga, che non è il campionato più ambito al mondo, molti dei suoi talenti più importanti li ha già esportati: Kroos milita nel Real Madrid, Özil nell'Arsenal, ter Stegen al Barcellona, Sami Khedira alla Juventus, Emre Can al Liverpool. Giusto per restare sui giocatori frutto di questa nuova generazione che sono già in top club europei. In Italia, restando sullo stesso target, l'unico che possiamo opporre è il regista del PSG Marco Verratti. Ha ragione quindi Conte a lamentarsi del fatto che in Italia il numero di giocatori 'convocabili' sia decisamente più basso rispetto a quello di altri paesi.
A questo dato c'è da aggiungerne un altro ancora più importante, quello decisivo che ci inchioda definitivamente. E fa capire come la riforma prodotto nel 2014 dalla FIGC - subito dopo la disfatta in Brasile - non è nemmeno paragonabile a quella della DFB. Quest'ultima negli ultimi 15 anni per incentivare la crescita dei settori giovanili ha investito oltre 300 milioni di euro e i club di Bundesliga nella stagione 2014/15 hanno investito 93.3 milioni di euro, il 4.4% in più rispetto alla precedente annata. In Italia i nostri club hanno investito quasi la metà, siamo sui 50 milioni di euro.
Dati preoccupanti, a cui bisognerebbe aggiungerne anche altri (il nostro è il campionato più vecchio d'Europa, ad esempio) che dipingono bene il quadro complessivo. La differenza tra Germania e Italia, in questo momento, è abissale. Va ben oltre il 4-1 dell'Allianz Arena.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.