VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Germania-Italia, differenza più abissale del 4-1. Viaggio nella riforma tedesca: la FIGC prenda esempio. Conte ha ragione: i dati inchiodano i nostri club

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
03.04.2016 11.14 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 35922 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Possiamo offenderli chiamandoli crucchi. Possiamo dire - in alcuni casi illuderci - che poi nelle gare importanti vinciamo sempre noi. E possiamo aggiungere, a ragione, che il loro rigore d'azione e di pensiero non è sempre la strada giusta. Opponendo con soddisfazione la nostra capacità di adattamento e di improvvisazione, quella che a volte ci porta a ottenere risultati straordinari, del tutto inattesi. A gettare davvero il cuore oltre l'ostacolo.
Eppure, circoscrivendo il discorso all'ambito sportivo, non c'è dubbio che in questo momento la Germania sia anni luce avanti a noi. Il 4-1 di martedì scorso non spiega bene il divario che c'è tra i due movimenti. Perché la Germania da ormai 15 anni ha portato avanti un discorso di programmazione che in Italia non abbiamo nemmeno abbozzato. E se adesso la Germania si ritrova con la nazionale più forte del mondo - e negli ultimi anni ha fatto incetta di trofei anche a livello giovanile - non è certo frutto del caso.
Occorre fare un passo indietro: Campionato Europeo di Belgio e Paesi Bassi. La Germania rimedia una figuraccia. In tre gare contro Romania, Inghilterra e Portogallo conquista un solo punto. Una disfatta. Nelle federazione teutonica iniziano profonde riflessioni e la risposta che produce questa lunga disquisizione è la più semplice: bisogna investire sui settori giovanili. Seriamente.
Nel 2001 viene introdotto la norma che obbliga i club delle prime due serie - Bundesliga e Zweite Bundesliga - ad avere una squadra in ogni categoria giovanile a partire dagli Under 12. E si chiede a una nuova generazione di allenatori, che deve essere sempre supportata da strutture adeguate, di puntare sulla tecnica. E' stato aggiunto, inoltre, l'obbligo per tutte le formazioni dall'Under 16 in avanti di avere almeno dodici giocatori candidabili a una maglia della nazionale di categoria. Eventuale penalizzazione? La revoca della licenza per la partecipazione ai campionati.
La strategia è semplice e lineare, la migliore per favorire la crescita di giovani calciatori tedeschi. Una strategia che ha portato risultati sul medio e lungo termine. E che risultati. La vittoria del Mondiale nel 2006 è stato per noi il momento più alto di una generazione che già aveva dato tutto, ma che alle spalle aveva il deserto. La Germania, battuta in semifinale, proprio in quei mesi portava avanti una rinascita che ha prodotto frutti importanti negli anni successivi. Il Mondiale, inoltre, servì per rimodernare o in molti casi ricostruire gli stadi. Un modo per riportare i tifosi allo stadio (congiunto, in molti casi, a una precisa strategia di prezzi popolari), fare della Bundesliga il campionato con più persone allo stadio e aumentare i ricavi.

Tornando però specificamente al discorso nazionali, ci sono dei dati che inchiodano una federazione come la nostra che non riesce a creare queste riforme strutturali. La Germania, mediamente, ha molti più giocatori tedeschi in rosa rispetto agli italiani in forza alle squadre di Serie A. Di seguito il dato (rilevazione di Transfermarkt.it) relativo alla percentuale di stranieri nelle prime sei squadre in classifica. Quelle che, in teoria, dovrebbe fornire il maggior numero dei giocatori alle rispettive Nazionali.

1) Juventus 61.5% di stranieri
2) Napoli 68%
3) Roma 82.1%
4) Fiorentina 79.2%
5) Inter 82.6%
6) Milan 48.1%

1) Bayern Monaco 57.7%
2) Borussia Dortmund 45.8%
3) Hertha Berlino 46.7%
4) Bayer Leverkusen 55.6%
5) Mainz 53.3%
6) Schalke 04 41.4%

In Italia solo il Milan ha una percentuale di stranieri inferiore al 60%. In Germania, nessuno dei top club arriva al 60%. Senza contare che la Bundesliga, che non è il campionato più ambito al mondo, molti dei suoi talenti più importanti li ha già esportati: Kroos milita nel Real Madrid, Özil nell'Arsenal, ter Stegen al Barcellona, Sami Khedira alla Juventus, Emre Can al Liverpool. Giusto per restare sui giocatori frutto di questa nuova generazione che sono già in top club europei. In Italia, restando sullo stesso target, l'unico che possiamo opporre è il regista del PSG Marco Verratti. Ha ragione quindi Conte a lamentarsi del fatto che in Italia il numero di giocatori 'convocabili' sia decisamente più basso rispetto a quello di altri paesi.
A questo dato c'è da aggiungerne un altro ancora più importante, quello decisivo che ci inchioda definitivamente. E fa capire come la riforma prodotto nel 2014 dalla FIGC - subito dopo la disfatta in Brasile - non è nemmeno paragonabile a quella della DFB. Quest'ultima negli ultimi 15 anni per incentivare la crescita dei settori giovanili ha investito oltre 300 milioni di euro e i club di Bundesliga nella stagione 2014/15 hanno investito 93.3 milioni di euro, il 4.4% in più rispetto alla precedente annata. In Italia i nostri club hanno investito quasi la metà, siamo sui 50 milioni di euro.
Dati preoccupanti, a cui bisognerebbe aggiungerne anche altri (il nostro è il campionato più vecchio d'Europa, ad esempio) che dipingono bene il quadro complessivo. La differenza tra Germania e Italia, in questo momento, è abissale. Va ben oltre il 4-1 dell'Allianz Arena.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter-Simeone, qualcosa non torna… Milan, scelta difficile per l’attacco! Juve, Guarin è stanco della Cina. De Rossi, Roma ingrata? 19.04 - Che Pasqua… C’è chi ha trovato la sorpresa che cercava da tempo e chi è rimasto a bocca asciutta. Si pensi al popolo nerazzurro, beffato sul più bello. Gioie per Juve e Napoli, Roma contrariata. Uova frantumate, in senso letterale, alle spalle, è meglio guardare avanti… Pare incredibile...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: 113 motivi per temere il Barcellona e 1 solo (ma decisivo) per non avere paura. Inter: il futuro di Pioli e la scelta dei nerazzurri. Milan: 2 nomi concreti per il mercato (e l’agenda di Fassone). Un appunto a Orsato 18.04 - Da tre giorni non faccio altro che pensare ai celebri ricercatori dell’Amaro Montenegro, alla loro perseveranza nell‘individuare e mettere in salvo l’Antico Vaso. Li invidio molto, perché si danno sempre un gran daffare e cascasse il mondo non falliscono mai. Questi signori dopo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, padroni nuovi fantasmi vecchi. Pioli si è giocato l’Inter. Chievo, prima di prendere il DS informati bene. Venezia e Foggia: c’è la mano delle società 17.04 - Hanno un nome: Lì. Hanno un cognome: Lì. E hanno quasi la stessa faccia. C’è di fatto che esistono e, finalmente, li abbiamo visti e (quasi) toccati. I cinesi del Milan non sono cinesi magnati ma sono cinesi affaristi e sicuramente non è una colpa né un’offesa. Fanno un mestiere diverso...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.