VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero

20.05.2017 00.00 di Mauro Suma   articolo letto 22570 volte

Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il giocatore che se l'Atalanta lo tiene in panchina contro la Juventus la formazione di casa non è quella titolare...Da quando il suo nome è stato accostato al Milan e da quando il Club rossonero e l'Atalanta hanno iniziato a parlarne, è iniziata l'operazione candeggio. Come d'incanto i 28 milioni sono diventati troppi (per Gagliardini erano giusti e incontestabili), il giocatore non è più uno che fa la differenza, mentre da qualche bocca è uscito addirittura che non sarebbe titolare a Bergamo. Non sappiamo quando e non sappiamo soprattutto se Kessie diventerà un giocatore del Milan, ma quello che abbiamo visto e sentito ci basta. Il Milan sta dando sostanza e muscoli a sè stesso, il suo mercato tira dritto, nonostante la sconfitta con l'Empoli i tifosi rossoneri sono tornati a San Siro anche contro la Roma. Atalanta-Milan è stata una partita-chiave, una partita-specchio per capire Kessie e il suo potenziale. A proposito: dopo la coppa d'Africa, un certo calo è nell'ordine naturale delle cose. Ma al bando i dettagli, la sostanza è che i tifosi del Milan in questo momento si sentono forti, si sentono nuovi. Nessuno ha la garanzia o può dare la garanzia che tutti i loro sogni si realizzeranno, ma il calcio è bello proprio per questo, perchè è il regno dell'umore del momento, della sensazione fuggente. Sia che il nome arrivi o non arrivi, sia che il campo dica bene o dica male, il tifoso del Milan si sta sentendo vivo, curioso, attivo. Può seguire le trasmissioni e può andare sulla app di mercato da protagonista, non da voyeur. Oggi i tifosi capiscono tutto, oggi ai tifosi arriva tutto. E se il Milan centrerà sia la sostanza, e fino ad oggi ci siamo, che la qualità, il mercato è lungo, dei 4-5 nuovi innesti da aggiungere ad una ossatura che c'è e che troppo spesso è stata sottovalutata nei giudizi, l'analisi della gente rossonera è che il Milan possa tornare a contare, ad essere credibile e protagonista. Cercare di mortificarla, è una operazione piccola e cattiva.

Una nota fanzine bianconera ha canzonato e sbertucciato in settimana il Milan e i milanisti, perchè loro, buon per loro e merito loro, sono a Cardiff, mentre i rossoneri sono rimasti ad Atene per via delle iniziative del Decennale della Settima Coppa dei Campioni/Champions League vinta il 23 Maggio 2007 contro il Liverpool. Capiamo perfettamente che dalle parti della fanzine, Atene, con tutto il carico di Happel e Magath che quella città comporta, sia un argomento delicato. Del resto, nel Maggio del 2006, dieci anni dopo la Finale vinta a Roma dalla Juventus contro l'Ajax, non potevano esserci grandi celebrazioni per ovvi motivi, per cui non esiste la controprova di come al di fuori del Milan si festeggino o meno i dieci anni da una grande impresa. La Storia in ogni caso, anche e soprattutto quando riguarda Atene che per il Milan è città di 2 Finali europee vinte, è materia delicata, bisogna saperla maneggiare. Solitamente nei grandi Club, quando ci sono i cicli positivi si vince tanto e ci si gode il momento. Quando invece ci sono cicli negativi, e la famosa Storia insegna che prima o poi capitano a tutti e tornano per tutti, la memoria diventa utile consolazione e strada maestra per il futuro. Perchè andare avanti e guardare solo avanti senza rispettare la Storia, significa mettere il paraocchi ai propri valori fondamentali. Chi deve vincere oggi, vinca. Chi ha vinto ieri e oggi fa fatica, si consoli e attraverso gli insegnamenti della propria Storia, ritorni dove è già stato. Atene, cara fanzine, è Storia intoccabile. Tocca a Cardiff diventarlo.

Piero Ausilio sente molto la rivalità con Milan e Juventus, molto più con il Milan che con la Juventus, ma la rivalità e le sensazioni sportive fanno parte del calcio. Sennò il calcio muore. E' un dirigente che riesce in ogni caso a non essere antipatico, nemmeno agli avversari diretti. Fatta la premessa, siamo molto combattuti. Da un lato pensiamo che Piero Ausilio non possa essere così ingenuo da sbottare in quel modo, in maniera così fragorosa come è accaduto davanti agli studenti universitari di Diritto sportivo e Giustizia sportiva. Un dirigente avvezzo a telefonini, tablet e social come lui non poteva ignorare i rischi e le implicazioni delle tesi che stava sostenendo. Forse voleva mandare messaggi o più semplicemente essere obiettivo. Però, così facendo, ha "coperto" mediaticamente, proprio sullo stesso Sito che lo aveva pubblicato, il documento che sanciva i 4,5 milioni di commissione per l'acquisto di Gabigol. Una operazione di mercato estranea e antitetica al modus operandi del dirigente italiano. Oppure, ha probabilmente parlato proprio sull'onda emotiva di quel documento che per moltissimi è stato assolutamente clamoroso e inquietante. Oppure ancora ha cercato di "coprire" con il proprio sfogo quell'acquisto del brasiliano tutt'ora misterioso e incomprensibile soprattutto per la gestione mediatica e di campo che ne è seguita. Non sappiamo e non ci azzardiamo. Comunque sia, se resterà nell'Inter, Piero Ausilio dovrà cercare di azzerare tutto e tornare un punto di riferimento di normalità e non di fibrillazione. Perchè dopo lo sfogo di Crotone rintuzzato dalla squadra ci sono stati il rinnovo contrattuale e l'arrivo di Sabatini con la conseguente messa a disposizione del suo mandato, perchè dopo aver fatto trapelare la necessità di disertare l'assemblea dei direttori sportivi per andare a coprire alcuni problemi organizzativi ad Appiano è spuntato l'audio universitario. Adesso per le grida non c'è più spazio, è arrivato per Piero Ausilio il tempo dei sussurri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.