VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero

20.05.2017 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 22907 volte

Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il giocatore che se l'Atalanta lo tiene in panchina contro la Juventus la formazione di casa non è quella titolare...Da quando il suo nome è stato accostato al Milan e da quando il Club rossonero e l'Atalanta hanno iniziato a parlarne, è iniziata l'operazione candeggio. Come d'incanto i 28 milioni sono diventati troppi (per Gagliardini erano giusti e incontestabili), il giocatore non è più uno che fa la differenza, mentre da qualche bocca è uscito addirittura che non sarebbe titolare a Bergamo. Non sappiamo quando e non sappiamo soprattutto se Kessie diventerà un giocatore del Milan, ma quello che abbiamo visto e sentito ci basta. Il Milan sta dando sostanza e muscoli a sè stesso, il suo mercato tira dritto, nonostante la sconfitta con l'Empoli i tifosi rossoneri sono tornati a San Siro anche contro la Roma. Atalanta-Milan è stata una partita-chiave, una partita-specchio per capire Kessie e il suo potenziale. A proposito: dopo la coppa d'Africa, un certo calo è nell'ordine naturale delle cose. Ma al bando i dettagli, la sostanza è che i tifosi del Milan in questo momento si sentono forti, si sentono nuovi. Nessuno ha la garanzia o può dare la garanzia che tutti i loro sogni si realizzeranno, ma il calcio è bello proprio per questo, perchè è il regno dell'umore del momento, della sensazione fuggente. Sia che il nome arrivi o non arrivi, sia che il campo dica bene o dica male, il tifoso del Milan si sta sentendo vivo, curioso, attivo. Può seguire le trasmissioni e può andare sulla app di mercato da protagonista, non da voyeur. Oggi i tifosi capiscono tutto, oggi ai tifosi arriva tutto. E se il Milan centrerà sia la sostanza, e fino ad oggi ci siamo, che la qualità, il mercato è lungo, dei 4-5 nuovi innesti da aggiungere ad una ossatura che c'è e che troppo spesso è stata sottovalutata nei giudizi, l'analisi della gente rossonera è che il Milan possa tornare a contare, ad essere credibile e protagonista. Cercare di mortificarla, è una operazione piccola e cattiva.

Una nota fanzine bianconera ha canzonato e sbertucciato in settimana il Milan e i milanisti, perchè loro, buon per loro e merito loro, sono a Cardiff, mentre i rossoneri sono rimasti ad Atene per via delle iniziative del Decennale della Settima Coppa dei Campioni/Champions League vinta il 23 Maggio 2007 contro il Liverpool. Capiamo perfettamente che dalle parti della fanzine, Atene, con tutto il carico di Happel e Magath che quella città comporta, sia un argomento delicato. Del resto, nel Maggio del 2006, dieci anni dopo la Finale vinta a Roma dalla Juventus contro l'Ajax, non potevano esserci grandi celebrazioni per ovvi motivi, per cui non esiste la controprova di come al di fuori del Milan si festeggino o meno i dieci anni da una grande impresa. La Storia in ogni caso, anche e soprattutto quando riguarda Atene che per il Milan è città di 2 Finali europee vinte, è materia delicata, bisogna saperla maneggiare. Solitamente nei grandi Club, quando ci sono i cicli positivi si vince tanto e ci si gode il momento. Quando invece ci sono cicli negativi, e la famosa Storia insegna che prima o poi capitano a tutti e tornano per tutti, la memoria diventa utile consolazione e strada maestra per il futuro. Perchè andare avanti e guardare solo avanti senza rispettare la Storia, significa mettere il paraocchi ai propri valori fondamentali. Chi deve vincere oggi, vinca. Chi ha vinto ieri e oggi fa fatica, si consoli e attraverso gli insegnamenti della propria Storia, ritorni dove è già stato. Atene, cara fanzine, è Storia intoccabile. Tocca a Cardiff diventarlo.

Piero Ausilio sente molto la rivalità con Milan e Juventus, molto più con il Milan che con la Juventus, ma la rivalità e le sensazioni sportive fanno parte del calcio. Sennò il calcio muore. E' un dirigente che riesce in ogni caso a non essere antipatico, nemmeno agli avversari diretti. Fatta la premessa, siamo molto combattuti. Da un lato pensiamo che Piero Ausilio non possa essere così ingenuo da sbottare in quel modo, in maniera così fragorosa come è accaduto davanti agli studenti universitari di Diritto sportivo e Giustizia sportiva. Un dirigente avvezzo a telefonini, tablet e social come lui non poteva ignorare i rischi e le implicazioni delle tesi che stava sostenendo. Forse voleva mandare messaggi o più semplicemente essere obiettivo. Però, così facendo, ha "coperto" mediaticamente, proprio sullo stesso Sito che lo aveva pubblicato, il documento che sanciva i 4,5 milioni di commissione per l'acquisto di Gabigol. Una operazione di mercato estranea e antitetica al modus operandi del dirigente italiano. Oppure, ha probabilmente parlato proprio sull'onda emotiva di quel documento che per moltissimi è stato assolutamente clamoroso e inquietante. Oppure ancora ha cercato di "coprire" con il proprio sfogo quell'acquisto del brasiliano tutt'ora misterioso e incomprensibile soprattutto per la gestione mediatica e di campo che ne è seguita. Non sappiamo e non ci azzardiamo. Comunque sia, se resterà nell'Inter, Piero Ausilio dovrà cercare di azzerare tutto e tornare un punto di riferimento di normalità e non di fibrillazione. Perchè dopo lo sfogo di Crotone rintuzzato dalla squadra ci sono stati il rinnovo contrattuale e l'arrivo di Sabatini con la conseguente messa a disposizione del suo mandato, perchè dopo aver fatto trapelare la necessità di disertare l'assemblea dei direttori sportivi per andare a coprire alcuni problemi organizzativi ad Appiano è spuntato l'audio universitario. Adesso per le grida non c'è più spazio, è arrivato per Piero Ausilio il tempo dei sussurri.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.