VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7?

17.01.2018 00:00 di Fabrizio Ponciroli  Twitter:    articolo letto 23767 volte

A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN. In Cina lo aspettano da tempo, i top club europei pure ma, dico a gran voce: giù le mani da Nainggolan. La Roma, se davvero ha un progetto importante, non può prescindere dal belga. Anche davanti ad un’offerta “irrinunciabile”, Nainggolan va blindato, incatenato, legato a doppia mandata… Non esiste una Roma vincente, senza Nainggolan in campo. Gli altri sono sacrificabili, lui no. Non ha ancora 30 anni (li compirà il prossimo 4 maggio) e, se Di Francesco trova il modo di avvicinarlo alla porta avversaria, è uno di quei centrocampisti che vorresti sempre al fantacalcio. Certo, magari non farà 14 gol come lo scorso anno ma la vena realizzativa del belga è lampante… Il tifo organizzato giallorosso sembrerebbe pronto a scendere in piazza per far capire il proprio attaccamento a Nainggolan, a prescindere dalla stupidaggine di Capodanno (grave ma non tale da inficiare il rapporto con la città e il popolo della Roma). E, aggiungo, la Serie A non può ancora permettersi di perdere Nainggolan… Non ancora (idem per Dybala).
Passiamo a Verdi. Il suo “no, grazie” al Napoli ha fatto scalpore. Si sono fatti paragoni importanti, con gente come Riva, Rossi, Di Natale, Roby Baggio e tanti altri, tutti capaci di rifiutare la grande offerta… Sicuramente il buon Simone ha scelto con la sua testa. Poteva andare al Napoli e far parte di una big, ha preferito restare a Bologna e continuare a crescere, giocando con continuità. Decisione da rispettare, figlia di un 25enne che non ha mai avuto problemi a intraprendere il sentiero più tortuoso, complicato, imprevedibile. Come quando ha deciso di trasferirsi in Spagna, all’Eibar. Un’esperienza per crescere, proprio come la scelta di rimanere al Bologna. Se, davvero, il Napoli crede in questo giovane, a giugno ci sarà modo e tempo per riparlarne. Sicuramente, al giorno d’oggi, con i procuratori a dettar legge, la presa di posizione di Verdi è da evidenziare.
Da evidenziare è anche il mercato dell’Inter. Lisandro Lopez, Ramires e Rafinha. Salvo sorprese, saranno questi i tre rinforzi che Spalletti avrà a disposizione per la seconda parte della stagione in corso. Anzi, forse due su tre (Ramires pare destinato a restare in Cina). Sono nomi all’altezza dell’Inter? Qualche dubbio c’è. Lisandro Lopez, classe 1989, non gioca più di 20 gare in un campionato dalla stagione 2013/14, al Getafe. E Rafinha? Il fratello maggiore, Thiago, è buonissimo, infatti gioca nel Bayern Monaco. Lui, il fratello minore, è un jolly ma di cristallo. Può giocare ovunque anche se, la sua miglior stagione, al Celta, l’ha visto impiegato come trequartista. Gli infortuni lo accompagnano da sempre. Una scommessa, proprio come Lisandro Lopez (anche se Rafinha, a livello di talento, è una certezza). Ecco, l’Inter sta scommettendo sulla voglia di rivalsa di due giocatori che, potenzialmente, potrebbero essere importanti. Appunto, potenzialmente…
Chiudiamo con la notizia che ha sconvolto la Terra e gli amici alieni nascosti su Marte: CR7 è pronto a lasciare, dopo nove stagioni, il Real Madrid. Mourinho lo aspetta a Manchester per vincere, insieme, la Champions League, come nel lontano 2007/08, ultima volta che i Red Devils sono saliti sul tetto d’Europa. Ma quanto vale oggi CR7? Da 16 anni è protagonista in campo, con più di 700 gare da professionista. Il prossimo 5 febbraio compirà 33 anni. Quante stagioni, da fuoriclasse, gli rimangono? Vale davvero la famosa clausola da un miliardo di euro che tanto viene citata in Spagna? Un fatto è certo: il CR7 azienda vale moltissimo. Di fatto si compra un brand globale… E il Cristiano Ronaldo giocatore? Il prezzo è legato alla sua voglia di continuare ad essere il primo della pista. Se ancora ha il fuoco dentro, allora giusto fare ponti d’oro per lui. Pur sapendo che l’età, ad un certo punto, diventa un fattore determinante, per tutti. Un esempio: Platini ha smesso di giocare a 33 anni… Zidane a 34…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Juve, il sogno è sempre Isco, c’è anche Bernat per la fascia sinistra. Sarri pensa solo al campionato, il futuro a fine aprile. Chelsea e Monaco alla finestra. L’Inter torna forte su Verdi 14.04 - L’eliminazione in Champions League non cambia i piani. Marotta è stato chiaro. La Juventus aumenterà la sua qualità con un mix tra giovani e giocatori più esperti. E anche qualche sogno. Uno di questi è Isco. Il corteggiamento parte da lontano. Sono due anni, che i bianconeri sondano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.