VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Gigio firma subito ed esci dal tritacarne! Mercato Juventus, adesso tocca alla difesa. Città in rivolta: Borja Valero come Hernanes? Roma e Napoli: Milan e Inter snobbate

24.06.2017 08:22 di Mauro Suma   articolo letto 44765 volte

La visita di Vincenzo Montella a Castellammare di Stabia ha riportato la vicenda nel suo ambito, quello della casa e della famiglia. Il PSG e il Real Madrid sono stati una tentazione, drenata e gestita da Mino Raiola, e possiamo comprenderlo. Ma oggi che anche il presidente del Senato della Repubblica ha detto la sua su Donnarumma, nessuno può dirsi totalmente padrone di una vicenda così delicata, così controversa, così esasperata. Ognuna delle parti in causa deve riuscire adesso a guidare il proprio segmento di responsabilità con una mano morbida e ispirata, l'unica possibile, lasciando al destino il suo tragitto e il suo percorso naturali: la firma con il Milan di Gigio, senza aspettare un minuto di più. Il ragazzo è dentro un frullatore, dal quale deve uscire il prima possibile. Ne è stata una prova la seconda gara all'Europeo con l'Under 21. Dal momento che bisogna, si deve parlare, in ogni trasmissione, e in tutte le breaking news del mondo, di Donnarumma e solo di Donnarumma, si vanno a cercare sfumature e responsabilità anche quando non ci sono. I gol che ha preso contro i cechi fanno parte della vita e del calcio, ma in questa situazione forzata e spasmodica tutto fa brodo, tutto fa notizia, tutto deve essere stressato. Anche un fenomeno come Gigio non può mai essere pronto per tutto questo, qui ha davvero 18 anni, deve ancora lavorare molto, al riparo da tutto questo, con le persone, le sue, quelle con cui ha feeling, sui suoi campi e nei suoi luoghi, non può essere urlato e strillato ogni minuto e ogni ora. Non è più, e non è mai stata, una questione di soldi, ma adesso è certamente una vicenda di gioco al massacro. Chi vuol bene a Gigio, e a partire dalla sua famiglia amore e attenzioni non mancano di certo, faccia subito e bene quel che è giusto per togliere il ragazzo dal tritacarne e per rimetterlo in una dimensione di casa, di famiglia, di continuità, di stabilità. E' chiaro che tutto questo sia il Milan, ma non per una questione di tifo e di colori, bensì di normale intelligenza, di normale sensibilità. Con buona pace di tutti e senza sciami negativi da parte di nessuno, Mino in primis, proprio perchè comprendiamo che il passo indietro meno redditizio debba essere proprio il suo.

Donnarumma è stata la quercia gigantesca che ha fatto ombra alla Juventus in queste settimane molto delicate. La polemica Bonucci-spogliatoio di Cardiff, la rescissione contrattuale di Dani Alves, i mal di pancia di Alex Sandro: su tutto questo la mediaticità di Gigio ha fatto ombra. Anche senza andare alla Juventus, ha fatto un grande favore ai bianconeri. Sulla vicenda Fifa-Pogba invece no, l'ombra del giovane fenomeno rossonero fino a quel punto non ci è arrivata, su quel tema si è generata da sola. Ma al di là di questo, dopo aver cambiato negli ultimi anni di mercato il dna del centrocampo (passato da Pogba-Vidal a Pjanic-Khedira) e dell'attacco (passato da Tevez-Morata a Higuain-Dybala), sta arrivando per gli uomini-mercato bianconeri il momento di prendere atto della situazione della BBC: gli anni e gli acciacchi di Barzagli e Chiellini, le voci di mercato su altri tre giocatori, la crescita tutta da interpretare di Rugani e l'inermittenza di Benatia, non c'è dubbio è qui che il mercato bianconero deve dare la migliore prova di sè.

Borja Valero è un grande, dicono in casa Inter, anche perchè se Firenze fa fuoco e fiamme per lui deve essere davvero un grande giocatore. Su questo non c'è dubbio, lo spagnolo è un raffinatissimo giocatore sia di pallone che di calcio. Ma le lacrime della città non sono una garanzia. Basta recuperare la memoria e le lacrime di quando Hernanes andò via dalla Lazio, senza però riuscire a ripetersi su quei livelli nè in nerazzurro e nemmeno in bianconero. Il trentaduenne Borja Valero, un anno in più di Lucas Biglia, è un motivatissimo "pallino" di Luciano Spalletti. Bene così e giusto così. Senza che si avverta la necessità di violini, violoncelli, archi e archetti. Diciamo che l'ex tecnico giallorosso sapeva benissimo che non avrebbe preso nessun big dalla Roma, che ha ceduto infatti Salah e Manolas all'estero, andando saggiamente sul viola che non era e non sarà una chimera come le altre, da Nainggolan a Tolisso, evocate in maniera improvvida a margine della potenza di Suning.

Una nota fanzine bianconera ha sbeffeggiato in settimana Milan e Inter, andando a fare una inchiesta fra le anti-Juve, naturalmente identificate ancora in Roma e Napoli. Qualcuno ha pensato che fossero frecciate a romanisti che cedono e a partenopei immobili sul mercato, in riferimento ad una Juve che ha già aggiunto uno Schick alla propria artiglieria già pesantissima. No, non era così banale. Il senso è molto più obliquo, per quanti sforzi abbia già fatto il Milan e per quanti ne potrà fare l'Inter, le anti-Juve sono e saranno ancora Roma e Napoli. Questo era l'obiettivo della spedizione della fanzine. Per la quale, le debolezze e le ossessioni non cambiano mai capoluogo o regione. Milano, sempre e comunque.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: il segreto delle "non-lacrime" di Allegri. Milan: l'allarme cinese... e occhio a maggio! Inter: è ora di giocare al gioco del silenzio. Napoli: il diritto di Sarri a fare come crede 20.02 - Ciao. Quando arriva il momento di compilare questo editoriale faccio un giro sui siti per cercare ispirazione ed evitare di scrivere cose come “prima o poi bisogna affrontarle tutte” o “lo scudetto si decide a primavera” o “la politica è tutto un magna-magna”. A volte i siti ti danno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio? 11.02 - Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.