VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

Gli assurdi attacchi a Higuain e la pronta vendetta del Pipita. Il segreto dietro ai successi della Juventus. Mourinho, l'ennesimo attacco senza senso e anche Sarri sta prendendo lo stesso pessimo vizio

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
11.09.2016 07:07 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 81138 volte
© foto di Image Sport

Vien da sorridere, ripensando agli sberleffi d'invidia e rabbia nei confronti di Gonzalo Higuain. Grasso, gordo, chi più ne ha più ne metta e ne mangi. Dieci minuti per far ingoiare alle malelingue due bocconi amari, il Pipita è la fotografia di quanto la Juventus viaggi a velocità tripla rispetto alle contendenti. Che siano di proprietà americana, italiana o cinese, poco importa. La Juventus è società che dallo Stadium in poi ha resettato col passato e deciso di ripartire. Programmando. Scegliendo dirigenti capaci e pure chi gli è alle spalle è gente che opera, lontana dai riflettori, ma che è nel proprio settore al top. Giuseppe Marotta e Fabio Paratici sono gli splendidi apici dell'iceberg. Ci sono Federico Cherubini, Stefano Braghin e Moreno Zocchi a far da ponte tra prima squadra e settore giovanile. C'è Javier Ribalta, l'uomo delle missioni all'estero senza scordare Pablo Longoria che segue i giovani dentro e fuori dai nostri confini e c'è chi si occupa dei tanti gioielli in prestito, Claudio Chiellini. C'è un'intera squadra, e la lista sarebbe lunga, che è il vero segreto. Fanno tutti capo ad Andrea Agnelli, organizzati, ognuno nel suo settore. E' la forza del club. Una dirigenza non quasi plenipotenziaria (De Laurentiis al Napoli). Troppo lontana (la Roma di Pallotta, l'Inter dei cinesi) o in fase transitoria (il Milan). E' così che si semina per arrivare agli Higuain ma nonostante l'esempio sia chiaramente sotto gli occhi di tutti, le altre si ostinano a voler portar avanti modelli diversi ed evidentemente non all'altezza di quello bianconero.

La Juventus, oltre a piazzare capolavori in entrata, ne fa pure in uscita. Paul Pogba al Manchester United per tutti quei milioni è la fotografia di quanto, appoggiandosi pure all'agente giusto (Raiola nel caso, Giovanni Branchini per le tante operazioni con il Bayern Monaco), si possa monetizzare al meglio e pure stringere uno stretto rapporto con le più grandi società d'Europa. A proposito di Pogba: ieri ha steccato ancora una volta in una gara importantissima, nel pieno della sindrome da Ibrahimovic. Ha tempo per maturare e per imparare che se costi tutti quei soldi, è anche perché ti considerano trascinatore e giocatore capace di caricarsi il fardello delle responsabilità sulle spalle. No, Pogba non è ancora quel campione e per questo il capolavoro della maxi cessione assume ancor più contorni miracolosi.

A proposito dello United. Pep Guardiola ha dato una lezione di calcio e d'economia a Josè Mourinho. Che dopo la partita è uscito con uno dei suoi, ennesimi, teatrini. "Hanno giocato male e ci mancano due rigori". Il Manchester United ha meritato di perdere, Mou se ne faccia una ragione. Guardiola, ben più signore, ha già dato la sua impronta ad una squadra che a confronto dei Red Devils ha meno campioni (soprattutto senza Aguero in campo!) ma che è più gruppo e più compatta. Alle sceneggiate di Mourinho siamo comunque sempre abituati, è che ogni volta speriamo sia l'ultima.

Chi sta prendendo, in questo, una brutta piega, è Maurizio Sarri. Chi scrive è stato (ed è) uno dei suoi più grandi estimatori. Perché ad Empoli l'ha visto e conosciuto da vicino. Perché sa quel che c'è dietro l'allenatore, ovvero un uomo di valori e di spessore. Però davanti ai microfoni ha preso un brutto vizio. Lamentarsi. Sempre. Comunque. "C'è disinformazione, nei prossimi giorni avrò una rosa risicata". E poi ancora. "Il calendario intenso? E' la follia del nostro calcio. Bisognerebbe fare un passo indietro. Settembre, ottobre e novembre ci sono le nazionali e poi 20 giorni con una partita ogni tre giorni. Praticamente non c'è il tempo di allenare i giocatori". Come se fosse un problema solo per il suo Napoli. E' da più di un decennio che il calcio è così, ma forse Sarri se ne lamenta solo ora che è attore principale e che ne subisce gli effetti in Europa. Torni ad avere, anche a microfoni accesi, quell'umiltà e serenità che lo ha sempre contraddistinto e non prenda, anche lui, una brutta ed inutile strada.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Cassano, amabili resti! Milan, ma Diego Costa? Neymar, ora si sta esagerando! Juve, la 10 non è uno scherzo… 26.07 - Tempo fa mi sono imbattuto nel film Amabili resti… Racconta la storia di Susie, una ragazzina che, dopo essere morta in circostanze tragiche, si ritrova sospesa in un limbo, esattamente a metà tra vita terrena e paradiso… Oltre alle copiose lacrime versate, ricordo la preoccupazione,...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Bernardeschi c’è, ma il colpo da urlo deve ancora arrivare. Inter: la verità dietro al “no” per Vidal, il piano-Perisic e la volontà cinese sui “botti”. Milan: l’ultima tempesta e il fatto. Napoli: l'idea di Sarri 25.07 - Buon fine luglio a voi tutti. Prima le cose importanti. La prima: tale Alberto Carlon mi scrive su Twitter. “Ti posso chiedere di salutare Roberto Marketing e dirgli che mi manca molto Mattia?”. Chi sono io per non eseguire? Nessuno. La seconda: Cassano ha lasciato il calcio,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, se ci sei, batti un colpo! Verratti con Raiola umilia Di Campli. Mirabelli e il rimpianto nerazzurro. Suning, ora i fatti... 24.07 - I voti al mercato sono una cosa, il campo un'altra. Il Milan ad oggi merita 8,5 per come ha lavorato e per i suoi acquisti. Certamente senza soldi si poteva fare ben poco ma la società ha dimostrato di avere le idee chiare e massima concretezza. I tifosi apprezzano e sanno che, in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Marotta e Paratici, ha ragione Agnelli: serve un altro Higuain. Napoli, adesso o mai più. Sabatini: trattative diverse (e non va bene) rispetto a quanto annunciato 23.07 - Lucida follia. Un anno fa, quando la Juventus annunciò l'acquisto di Gonzalo Higuain dal Napoli grazie al pagamento della clausola da 90 milioni di euro, commentai così il trasferimento del Pipita. Un'operazione economicamente folle per i bianconeri per un calciatore...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, dal ruggito di Huarong al ruggito di Florentino. Belotti: tutte le carte in tavola. Napoli: uno Scudetto già vinto. 22.07 - Due anni di sarcasmo, di dileggio e di ironie sul Milan. Una montagna di sentenze e di previsioni nefaste che ha partorito un topolino dal numero 19. E' di questo che ci si è ridotti a discutere. Il Milan di Yonghong Li fa esageratamente quella campagna acquisti milionaria per la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Cairo dice no, ma Belotti ha l'accordo col Milan. Arriva Kalinic. Troppi dubbi su Montella. Juve: ok Berna, ma il centrocampista? Milinkovic Savic con Matic o Matuidi. Inter in difficoltà 21.07 - Cairo resiste, dice no al corteggiamento del Milan e alla cessione di Belotti, ma alla fine si farà. Servirà tempo, trattative giuste, pazienza, ma Belotti al Milan è nella logica delle cose e del mercato. Nonostante tutto. Una società come il Milan che sta spendendo più dell’impossibile,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.