VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Gli osservati speciali del Bayern, Higuain, Banega e Maksimovic. E poi Conte in finale al casting Chelsea...

25.02.2016 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 28127 volte
© foto di Federico De Luca

Il Bayern Monaco non è stato solo a Torino in questi giorni. E non fa paura soltanto alla Juventus (che comunque ha lottato alla grandissima). Il tour dei bavaresi è iniziato da venerdì e l'idea non era soltanto quella di vedere la Juventus all'opera il Bologna. Ma soprattutto di vedere all'opera Diawara che quest'anno è stato un'autentica rivelazione in rossoblu, sia per la giovanissima età, sia per le prospettive di crescita. È da grande squadra, lo dicono tutti. Il primo a crederci è stato Corvino che lo ha portato in rossoblu, il secondo Donadoni che ha puntato su di lui. Ora gli occhi di mezza Europa, Bayern compreso. Anche i grandi cercano di anticipare i colpi.
Sabato sera visita a san Siro. E qui l'osservato speciale è stato Miranda. Perché se il Bayern (non per motivi contingenti come l'altra sera) dovesse aver bisogno di un difensore esperto, non vorrebbe farsi trovare impreparato. E Miranda è sicuramente uno dei più solidi difensori centrali in questo momento in circolazione. Certo il prezzo non potrebbe essere di favore, visto che l'Inter lo ha pagato profumatamente nonostante fosse praticamente in scadenza contratto e over 30. Ma i risultati sul campo parlano chiarissimo.
Poi la tappa di lunedì a Napoli, per Napoli Milan. E qui il discorso si fa delicato. Perché i rumors dalla Germania, mai confermati dal Napoli, vorrebbero un Bayern interessato ad Higuain se dovesse essere costretta a vendere Lewandovski. Di sicuro non c'è bisogno di andare allo stadio per vedere Higuain se lo vuoi comprare la prossima estate. Allo stesso tempo in questi giorni è arrivato anche il papà del Pepita: in vista sicuramente incontri con De Laurentiis e Giuntoli, per parlare di un rinnovo che ancora non è arrivato. Higuain a Napoli si trova benissimo (soprattutto quest'anno) c'è una clausola fissata dal momento della firma (oltre 94 milioni di euro). Una firma che non è mai stata "replicata" forse anche per avere una sorta di moral suasion se dovesse arrivare l'offerta irrinunciabile, ma non pari alla clausola. Va precisato che al momento non c'è nulla, se non rumors. Quindi è presto per dare notizie, eventualmente solo supposizioni. Ma comunque, dovesse partire il giro dei grandi attaccanti, Higuain non può non essere preso in considerazione dai club più ricchi d'Europa. Tanto più che non è solo il Bayern ad essersi accorto della straordinaria stagione dell'argentino.
In più c'è sempre Bruno Peres, sul quale c'è anche il Paris Saint Germain. Il terzino granata già da tempo è sotto osservazione: stanno aumentando soltanto le pretendenti. E questo sicuramente è un vantaggio per il Torino che già senza regime di asta ha dimostrato di saper vendere alla grandissima. Potrebbe essere (finalmente, verrebbe da dire!) anche l'estate di Maksimovic. Sono ripresi i contatti fra Napoli e Torino, attraverso intermediari. Si riparte sempre dalla fatidica cifra dei 18 e si comincia a parlare di contropartite. Uno dei primi nomi fatti è quello di El Kaddouri, che al Toro conoscono benissimo.
A Torino rimarra invece ancora a lungo Padoin (annuncio ufficializzato in giornata) e Barzagli presto potrebbe seguirlo. Sono ormai 3 gli incontri e le parti sono davvero vicinissime, tanto è vero che al giocatore è stato proposto anche un post carriera calcistica, nella dirigenza juventina. E questo discorso ci porta a Totti. È stato scritto tutto e il contrario di tutto. Ormai non resta che aspettare l'incontro con Pallotta. Pare evidente che Totti voglia continuare almeno un altro anno da giocatore, e che invece la Roma non sia della stessa idea. Bisogna vedere se le parole corrisponderanno ai fatti e poi eventualmente ragionare. Purtroppo le bandiere in finale di carriera hanno sempre (o quasi) avuto degli sconti con la società di appartenenza. E in alcuni casi in maniera decisamente incomprensibile...
La Roma intanto guarda al futuro, vi ricordate Lo Celso? Lo stava seguendo la Juve e stava pensando di fare l'operazione con il Sassuolo. Bene la Roma ha fatto un'offerta da 7 milioni per il talento argentino classe 96. Già rimandata al mittente. Arriverà un piccolo rialzo, chissà se basterà. Anche perché fintanto che non si decidrà il futuro di Sabatini è naturale che non ci siano spese preventive.
L'Inter nel frattempo ragiona suo futuro. E se la Champions diventa determinante per gli equilibri economici (nonostante ora Thohir stia conducendo una partita altrettanto importante per garantire incassi anche senza l'Europa dei grandi) arriva senza se e senza ma Ever Banega. Tutto fatto, anche le visite mediche. 3 anni di contratto e maglia nerazzurra praticamente addosso. Insomma il primo colpo è stato fatto. Ora tocca anche al campo.
È tutto ancora da decidere a Londra, sponda Chelsea. Nel senso che se è vero che Conte è in assoluta corsa per diventare il nuovo allenatore del Chelsea, non è ancora deciso. C'è ancora Simeone in lizza. Ma ormai è praticamente una corsa a due, fra lui e Conte. Giovedi potrebbe essere la giornata giusta, ulteriore incontro, forse quello decisivo. E forse, se c'è bisogno di qualche segnale in più, a proposito di osservati speciali, Vidal era sul taccuino del ds del Chelsea, presente a Torino per la Champions. Entro fine marzo si decide. Non si può perdere tempo...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.