HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Griezmann all’Inter, è un giallo. Il piano di Suning: anche Oblak e Turan per convincere Simeone. Per Conte giorni decisivi. United: no ad Allegri, resta Solskjaer. Scambio Pjanic-Kroos, ieri un incontro. Veretout, ok di Adl

29.03.2019 22:22 di Enzo Bucchioni   articolo letto 61726 volte
Griezmann all’Inter, è un giallo. Il piano di Suning: anche Oblak e Turan per convincere Simeone. Per Conte giorni decisivi. United: no ad Allegri, resta Solskjaer. Scambio Pjanic-Kroos, ieri un incontro. Veretout, ok di Adl

Come se non bastassero mediatori, agenti, procuratori e tutto il sottobosco del mercato, ci si è messo anche Diego Forlan a sparare una bella bomba, come avrebbe detto Maurizio Mosca. Nel pomeriggio di ieri, serio serio, l’ex giocatore dell’Inter e dell’Atletico, ha detto candidamente “l’Inter venderà Icardi per prendere Griezmann”, aggiungendo “me l’ha detto una fonte certa”. Facile immaginare lo scompiglio.

Il piano sarebbe calcisticamente perfetto: accompagnare Icardi all’uscita magari cercando di trovare un club straniero disposto a pagare la clausola (110 milioni) e con poco di più (120 milioni la clausola), andare a prendere il francese dell’Atletico. Peccato che Griezmann guadagni 23 milioni di euro, particolare non da poco. E allora? Non crediamo che Forlan abbia bisogno di sparare una balla per tornare ad avere un minuto di notorietà mondiale, conoscendo il mondo del calcio qualcosa sotto c’è di sicuro. Poi se Kriezmann verrà all’Inter o no, quello è un altro discorso, ma un treno in Spagna è sicuramente partito e un’idea c’è. Il giallo di mercato è già in scena. E, naturalmente, i giornali spagnoli non sono stati con le mani in mano. Scavando sono arrivati a Simeone. Secondo una ricostruzione, Suning avrebbe intenzione di rilanciare subito l’Inter per fermare lo strapotere juventino e avrebbe pensato al Cholo, grande allenatore e grande ex. Sarebbe proprio l’argentino il sogno dei cinesi per la panchina e l’offerta sarebbe di 10 milioni per quattro anni di contratto. Sempre secondo queste indiscrezioni oltre a Griezmann, per convincere Simeone, Suning avrebbe intenzione di prendere anche il portiere Oblak e perfino recuperare dall’oblio turco un ex fedelissimo come Arda Turan. Fantacalcio? Fantamercato? Fate voi, tutta roba comunque scritta da giornali più che seri. A occhio mi sembra un’operazione-monstre dal punto di vista economico, poco fattibile, non so cosa si siano detti esattamente Zhang padre, Zhang figlio e Marotta durante il recente vertice romano, ma non mi sembra una proprietà in vena di follie. Poi, ammesso e non concesso che tutti gli attori in causa (soprattutto Griezmann) accettino il trasferimento. Secondo altre indiscrezioni, infatti, Griezmann, che l’anno scorso aveva rifiutato il Barcellona, si sarebbe pentito e oggi dopo la delusione in Champions sarebbe dell’idea di riparlarne con i blaugrana.

Questa pista spagnola ecciterebbe e non poco il Popolo Nerazzurro, ma a questo punto è bene seguirla con il giusto disincanto e distacco. Uno di quei palloni di mercato che si alzano, si gonfiano e scoppiano in fretta. Attenzione però: di sicuro l’Inter farà grandi cose. Dopo due campionati passati a confrontarsi con il fair play finanziario e questo, il terzo, di transizione, c’è voglia di dare un’accelerata per costruire uno squadrone. Ai cinesi, al signor Zhang in particolare, non piace stare in mezzo al guado e i soldi non mancano. Il brand Inter deve diventare leader mondiale e non a caso anche la squadra cinese di Zhang è stata ribattezzata Inter. Sempre non a caso è stato preso Marotta, il miglior manager in circolazione.

Tornando però al discorso allenatore, val la pena tenere calda la pista Simeone dopo la delusione in Champions. E’ finito il suo ciclo all’Atletico? C’è un contratto, ma Simeone si può liberare. Vedremo. Intanto forse è più facile e fattibile stringere con Conte. Questi sono giorni decisivi. L’allenatore aveva chiesto tempo, almeno fino alla fine di marzo, per sistemare le sue vicende con il Chelsea. Ci siamo. Proprio ieri Conte è comparso a testimoniare davanti al collegio arbitrale della Premier League che sta indagando da nove mesi. Conte chiede 10 milioni di buon’uscita dopo il licenziamento con un altro anno di contratto. Il Chelsea oppone una sorta di giusta causa perché Conte avrebbe compiuto atti (tipo il messaggio di benservito a Costa) che avrebbero danneggiato il club. Il collegio arbitrale deciderà entro pochi giorni, poi Conte sarà libero di dire sì all’Inter ammesso e non concesso che si trovi l’accordo e che l’idea Simeone alla fine non ritorni prepotente. Curiosità da non trascurare: il possibile arrivo di Simeone all’Inter è quotato anche da bookmakers, quindi ritenuto plausibile anche da loro sempre molto attenti.

In tema allenatori, dopo la partita perfetta contro l’Atletico, non si parla più del futuro di Allegri. Ovvio. Intanto però due piazze che avevano pensato al tecnico della Juve si sono chiuse, cioè il Real e lo United. Al Real è tornato Zidane nelle settimane scorse e proprio ieri lo United ha deciso di confermare Solskjaer che sembrava di passaggio e invece ha sottoscritto un contratto triennale. Arrivato nel dopo Mourinho come traghettare l’allenatore norvegese, grande ex, sta facendo benissimo ed ha il completo sostegno dello spogliatoio, resterà a lungo.

E Allegri? La sensazione che possa salutare se vince la Champions (di sicuro), ma anche senza vincerla, è sempre forte. Per andare dove? Se dovesse esonerare Sarri (non è detto), difficilmente il Chelsea prenderebbe un altro tecnico italiano. Le panchine delle altre big sembrano salde, ma tante storie non sono chiuse.

Chiuso in modo interlocutorio invece l’incontro tenutosi ieri fra Angel Sanchez, direttore del Real Madrid, e l’agente Ramadani. S’è parlato di Jovic dell’Eintracht e Pjanic che piacciono a Zidane. Si prospetta uno scambio Pjanic-Kroos tra Juve e Real sul quale nessuno ha detto no a priori, ma dovrà essere bravo proprio Ramadani a tessere la tela per mettere a posto le caselle. Non sarà facile. Uno degli ostacoli? Kroos guadagna attorno ai 18 milioni di euro, tanto per dire.

Un altro agente, Giuffredi, sta lavorando per tessere un’altra tela, il passaggio di Veretout dalla Fiorentina al Napoli. Ieri s’è incontrato con De Laurentiis. Difficoltà sul rinnovo di Hysaj che potrebbe andare all’Inter, ma è arrivato l’ok di Adl per chiudere l’affare Veretout destinato a sostituire Allan. Il giocatore ha già detto ok a tutto, ora dopo il via di Adl, Giuffredi procuratore di diversi giocatori del Napoli e della Fiorentina agevolerà l’accordo economico fra le due società, la sensazione è che fra 23 e 25 milioni di euro si possa chiudere in fretta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510