VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Guarin se ne va e il Mancio lo schiera: uno dei peggiori in campo, mentre l'Inter non può continuare così. Juve, grandissima occasione ma la rosa è incompleta: dipende dal Real Madrid. Spalletti bis, ma senza rivoluzione

17.01.2016 00:00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 60432 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

L'Inter ha un grosso problema. Facciamo due. C'è chi dipende dai gol dei propri centravanti. E chi è costretto a sperare che Handanovic non prenda nemmeno un minimo di febbre, altrimenti sono dolori. Lo si è visto in parecchie partite, una volta di più con l'Atalanta a Bergamo. Sloveno praticamente insuperabile dagli avversari (ci ha pensato un disastroso Murillo a portare in vantaggio i cugini nerazzurri), migliore in campo di gran lunga, mentre il proprio collega, a novanta metri di distanza, sta portando i documenti all'ufficio di collocamento. Se il primo problema è, in realtà, una risorsa, il secondo è solo un grosso punto interrogativo. Perché in quattro partite l'Inter ha segnato solamente due gol, uno con l'Empoli e l'altro con un autogol - sfortunato quanto maldestro - di Toloi. Difficile pensare che un simile ruolino possa garantire una qualificazione in Champions League, figuriamoci sperare nello Scudetto. Eppure per sedici giornate Mancini è stato in vetta alla classifica: anche qui è complicato credere che sia solo fortuna, probabilmente la realtà sta nel mezzo. L'Inter è una buona squadra, ma deve giocare da provinciale perché, di fatto, non può fare altro. I campioni che decidono le partite ci sono: a Bergamo è mancata la concretezza nei sedici metri. Non solo l'ultimo passaggio, ma il tiro dal limite. Guarin solitamente ci prova, ieri solamente una volta - deviata - ed è stato uno dei peggiori in campo. Nel post partita Mancini si è lasciato scappare come abbia chiesto di andar via: perché schierarlo? Il centrocampo dell'Inter avrebbe bisogno di un organizzatore di gioco, al di là della presenza di Medel, comunque positivo nei primi mesi. L'equivoco è Kondogbia al posto di Yaya Touré: servirebbe un calciatore fisicamente all'altezza del Mancio, ma con piedi più educati. Sebbene il francese possa diventare uno dei migliori a livello mondiale.
Chi lo è già, e a buon titolo, è Paul Pogba. Che, a due settimane dalla scadenza del mercato, potrebbe pure subire l'assalto del Real Madrid. A Zidane piace, non è una novità, e per un anno e mezzo - fino all'estate del 2017 - non potrà vestire la camiseta blanca, a meno che non si trovi un accordo a partire da subito. Complicato migliorare la rosa strapagando un centrocampista che non può essere utilizzato in Champions League in questa annata, altrettanto pensare che, in caso, non possa scegliere Barcellona. Dove, d'altro canto, sarebbe il padrone assoluto del centrocampo. Perché Iniesta e Busquets sono due super campioni, ma la nuova filosofia del Barça seguirebbe il francese. Un po' come Neymar, in attacco, da blindare dagli assalti di City e Paris Saint Germain. Diverso è il discorso per Alvaro Morata: può chi non è titolare - pienamente almeno - della Juventus esserlo del Real Madrid? No. Anche perché, pure lui, non sarebbe impiegabile in Champions. E poi è sempre possibile che il Real Madrid decida di riscattarlo con la famosa recompra e cederlo un anno in prestito: Arda Turan poteva finire al Galatasaray, ma il Barcellona ha rifiutato ogni destinazione perché da gennaio in poi sarebbe stato un perno della propria squadra. La Juventus non può essere altro che la candidata principe allo Scudetto, non fosse altro per l'abitudine alla vittoria che in questi anni Conte ha trasmesso e che Allegri ha cavalcato nel migliore dei modi. Per vincere in Europa manca qualcosa, almeno un centrocampista di livello mondiale e forse un'alternativa a Dybala, unico attaccante dalle caratteristiche complementari, a meno che non si voglia considerare Morata come seconda punta.
A Roma c'è chi pensa che l'aver esonerato Garcia sia la panacea di tutti i mali. Sicuramente Spalletti per almeno due anni e mezzo sarà portato in palmo di mano, con la pressione che si allenterà inesorabilmente (un po' come per Mancini all'Inter dell'immediato dopo Mazzarri) ma la squadra rimane quella che dovrebbe lottare per il campionato, e non è nemmeno troppo distante: virtualmente sette punti, in caso di vittoria contro l'Hellas Verona. Certo, di mezzo ci sono altri club che corrono - quasi tutti - e un Napoli che continua a essere trascinato da Gonzalo Higuain, sempre più alieno nelle sue prestazioni. Il problema che Spalletti dovrà risolvere è: può rimanere senza un Gervinho (ambito in Cina ma non solo) che finora è stato il miglior giocatore della Roma del girone d'andata? E riuscirà a risollevare la media gol di un Dzeko che assomiglia più a quella di Bartelt che non di Batistuta? Perché nella sua prima esperienza in giallorosso Spalletti si era reso celebre per la capacità di schierare una squadra senza un vero numero nove, sfruttando ripartenze e un falso nove che, ai tempi, non era certo consueto come ora.
Chiosa finale sul Milan: che senso ha avere un allenatore che, da giugno a settembre, viene incensato dalla stampa specializzata (tutta, nessuna esclusa) sui metodi di allenamento da sergente, sull'aria nuova che tira a Milanello, sugli acquisti che fanno virare rotta, se poi, nei fatti e nelle intenzioni, la sfiducia arriva già a ottobre, quando i punti dalla vetta sono pochi, e la possibilità di risalire c'è tutta? Semplicemente i rossoneri non esistono più, come società. Brutto da dire, per il club che ha vinto di più in vent'anni, almeno fino al 2007. Ma non si vive di soli ricordi e la programmazione dovrebbe andare al di là di tre mesi non perfetti. Un discorso che andrebbe fatto, più o meno, ogni stagione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.