HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi sarà il capocannoniere del Mondiale?
  Cristiano Ronaldo
  Lionel Messi
  Neymar
  Romelu Lukaku
  Harry Kane
  Antoine Griezmann
  Denis Cheryshev
  Sergio Aguero
  Gabriel Jesus
  Diego Costa
  Timo Werner
  Dries Mertens
  Luis Suarez
  Kylian Mbappé
  Artem Dzyuba
  Edinson Cavani
  Falcao
  Mario Mandzukic
  Thomas Muller
  Altro

Editoriale

Higuain come Bonucci: le critiche esasperate e affrettate ai campioni. Le fortune dell'Inter passano da una mancata cessione. Sarri e i grandi livelli: gioco stellare e atteggiamenti non da top

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
01.10.2017 09:05 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 32679 volte
© foto di Image Sport

Popolo di navigatori, pronti a salpare per il primo porto sicuro, gli italiani. A farsi trascinare dalla corrente del momento, a sentire il vento e seguirlo a vele spiegate. Siamo la patria della moda e delle mode, dell'erba del vicino e del vicino che non ci piace. Saliamo sul carro del campione e non gli porgiamo la mano al primo inciampo. Al secondo lo sorpassiamo, al terzo ne fotografiamo il ginocchio sul terreno, la fronte corrucciata, mentre cerca di rialzarsi, piuttosto che essergli bastone. Siamo bastone, già, ma mai carota. L'Italia tutta, dalla Mole al Maschio Angioino, ha idolatrato in tempi e modi diversi Gonzalo Higuain. Figlio e traditore a Napoli. Divino e di carne a Torino.

Leonardo Bonucci ha spaccato gli attacchi avversari e pare pure gli spogliatoi. E' stato davanti a tutti sul mercato e dietro la lavagna dopo le prime di campionato. Ha un carattere forte, che forse l'ha pure superato il centrale del Milan, ma la boria non supera la gloria e quel che ha fatto non è certo sorpassato da quel che sta facendo.

Eppure critici e critiche hanno additato entrambi. Che le prestazioni non siano state e siano tuttora all'altezza delle qualità di entrambi, è sotto gli occhi di tutti. Higuain si è preso i fischi del Camp Nou, ma per superare i fiaschi a una punta bastano i gol e quelli il Pipita non se li è certo scordati. Bravo Allegri a punzecchiarlo, meno a metterlo alla mercé del poco clemente pubblico italiano ma Higuain ha reagito. Ha segnato. Ha risposto a chi non c'era, ha ringraziato chi c'è stato, dimostrando che la fretta porta pochi consigli e solo giudizi fuorviati e fuorvianti.

Per Bonucci vale la stessa storia. E' stato pagato caro, è arrivato garibaldino pronto a riunire un Milan a pezzi. Però se Roma non è stata costruita in un giorno, anche ritirare su le fondamenta rossonere non è e sarà facile e per questo esagerare è sempre ingeneroso. Chiaro, urge ribadirlo: Bonucci è sotto i propri standard e pure lui dovrebbe limitare gli eccessi concentrandosi sui successi. Però merita ben altre occasioni, prima d'essere bocciato e tacciato di critiche che le sue qualità inevitabilmente prima o poi smentiranno.

Intanto c'è chi gode di qualcosa che avrebbe potuto fare, magari anche voluto, visto che il portafogli era ristretto dalla cerniera svizzera della Uefa. L'Inter però, dulcis in fundo, sorride per la mancata cessione di Ivan Perisic al Manchester United. Nonostante le smentite e i dinieghi, la Beneamata era pronta a venderlo sull'altare del Fair Play Finanziario. Però Mourinho ha esitato e indugiato nell'alzare la posta e allora l'Inter ha trovato altre soluzioni per far cassa e trattenere il croato, rinnovandogli pure il contratto. E' lui il vero equilibratore delle sorti offensive nerazzurre, in una stagione dove il trequartista che serviva a Spalletti non è arrivato e in un anno in cui Candreva ancora non ingrana.

La chiosa su Maurizio Sarri. Un calcio con la bionda tra i denti, più che fumo c'è però tanto arrosto nel suo Napoli. Ha geometrie euclidee e idee pitagoriche, l'armatina azzurra. Se sarà degna dello Scudetto e di andare avanti in Champions, lo racconterà soltanto il tempo. Però in un calcio dove i dettagli contano, Sarri dimostra di curarli come i sarti più raffinati e i complimenti che gli arrivano da ogni latitudine e cattedra, da Sacchi a Guardiola, sono meritati. Il problema, l'unico, è che deve fare il salto di qualità una volta uscito dal rettangolo di gioco. Non possono, le conferenze di Sarri, o le sue interviste, trasformarsi ogni volta in un J'Accuse. Non può, Sarri, attaccare una volta il calendario, una le Nazionali, una i terreni di gioco e un'altra l'avversario. Essere genuino non regala sempre la ragione. Che dovrebbe guidare per far riflettere, per vestire l'abito migliore anche nelle serate di gala. Si abitui, Sarri. E' sarto magnifico in campo. Lo sia anche fuori.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Qui Radio Mosca: perché da luglio niente sarà più come prima in Russia. E nel frattempo ecco i Premi del primo turno: Miglior Squadra Messico; Miglior Giocatore Cristiano Ronaldo, mentre per colpa di Khedira... 20.06 - Qui Radio Mosca, vi scrivo dal treno Sochi-Rostov, 12 ore di viaggio, dalla costa del Mar Nero risalendo la Circassia, dal confine con la Georgia fino ad arrivare a quello con l’Ucraina, quello sensibile, quello dove al di là della dogana c’è la distrutta Donbass Arena di Donetsk,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il giorno di Golovin e la mossa “in serbo”. Milan: le scelte di Fassone per l’udienza a Nyon e la mossa (in attacco) di Mirabelli. Inter: ecco i tempi di Nainggolan (per Icardi si va in “zona clausola”). E su Roma-Pastore… 19.06 - Son stato in Russia tre giorni. A Mosca. La prima cosa che ho capito appena sbarcato a Mosca è che dell’Italia del calcio se ne fottono. Pensavamo che senza di noi non ce l’avrebbero fatta e invece no, ce la fanno eccome. A Mosca era pieno di Fifa, l’organismo maximo del calcio Mondiale:...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, no allo scambio Higuain-Morata. Sì alla cessione secca. Frosinone in A: polemiche e controsensi. Seconde squadre e mercato, la nuova FIGC è già in confusione. C di Cosenza... non di Juve B 18.06 - Il mercato, quello vero, dovrebbe entrare nel vivo solo questa settimana. Saranno i giorni di Sarri al Chelsea, di Ancelotti che inizia a chiudere qualche affare per il Napoli e del Milan che saprà di che morte morire. E' un modo di dire, lo specifichiamo. La Juventus, come sempre,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Un mercato ancora senza rinforzi. Solo la Juve è migliorata, Inter a metà tra acquisti e mancati riscatti. Roma: i giovani basteranno per sostituire i grandi in uscita? Napoli, effetto Ancelotti ma ora i colpi 17.06 - Scrivere di calciomercato col Mondiale che scorre in sottofondo. Con la Francia che sfida l'Australia, con Marocco e Iran che corrono, sudano. Con l'Arabia Saudita che crolla, con le giocate di spagnoli, portoghesi, argentini. Mette una nostalgia dannata dei ricordi più belli perché...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Nainggolan all’Inter si farà. Alisson-Real pista caldissima. Napoli: Politano se esce Callejon. Cancelo e Darmian, la Juve prova il doppio colpo 16.06 - L’Inter è pronta a piazzare il colpo Nainggolan. I contatti con la Roma sono sempre più intensi e la sensazione è che alla fine l’operazione si farà. Con un anno di ritardo, Radja approderà alla corte di Spalletti. E questo è un grande acquisto, che permetterà al tecnico di Certaldo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, avanti su Golovin già star dei mondiali: il Cska alza il tiro. Offerto anche Pjaca. Sarri (e Zola) col Chelsea bloccano Higuain, Icardi, Savic e Rugani. Il Napoli vuole Courtois per liberare l’allenatore. Roma, via Allison e Nainggolan 15.06 - Se qualcuno avesse avuto ancora dei dubbi, la prima partita dei mondiali li ha spazzati via: la Juventus ha visto bene su Aleksandr Golovin, 22 anni, centrocampista del Cska Mosca. Due assist e mezzo, un gol, Golovin è stato il migliore in campo nel cinque a zero dei russi contro...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juve Cancelo e non solo, Inter incontra Dembele, il FFP e il nuovo socio rossonero 14.06 - Ha parlato Allegri, in casa Juve. E con la consueta leggerezza non ha fatto un dramma per eventuali partenze di big, Higuain in testa. “Il 9 luglio vedròsarà in ritiro: generalmente ho sempre avuto una buona squadra”. Chissà che non ci sia Cancelo visto che il Valencia è a Milano...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Qui Radio Mosca: perché è un Mondiale come non si vedeva da Argentina 78? Dalla Russia ecco cosa sta succedendo nel e attorno al Mondiale. Di cosa deve avere paura il Brasile, in cosa deve sperare l’Argentina 13.06 - Qui Radio Mosca: benvenuti in Russia. Da oggi e per il prossimo mese ogni mercoledì proverò a portarvi le sensazioni che si vivono qui al Mondiale, provando a dirvi quello che non si vede davanti alle telecamere o sulla carta stampata. Doverosa promessa: in questo spazio saranno banditi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un belga a centrocampo! Inter: la strategia per Nainggolan-Rafinha e l’appuntamento con Icardi. Milan: il mercato “oltre l’Uefa” passa dalla Spagna. Roma: che meraviglia il piano-Monchi. Napoli: Verdi e... 12.06 - Ciao. Penso da una settimana alla storia del gambero cinese. L’avete letta? Il gambero cinese era dentro la zuppa, stava per crepare di morte orrenda, nella broda bollente. Ma il gambero cinese è come Rambo 3 e decide di uscire dalla zuppa oleosa: si trascina sul bordo del piatto,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, Perin non è la scelta giusta. Monchi sta ricostruendo il Colosseo. "Caso Parma" e regole da riscrivere. Squadre B, così non ci siamo... 11.06 - Parte la settimana che darà lo slancio definitivo al calciomercato. Fin qui poco o nulla. Sarà la settimana dell'inizio del Mondiale ma è una cosa che non ci riguarda e rosichiamo di brutto a pensare che aspettiamo 4 anni e poi non ci presentiamo neanche. Grazie Ventura. Ogni tanto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy