VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Higuain come Bonucci: le critiche esasperate e affrettate ai campioni. Le fortune dell'Inter passano da una mancata cessione. Sarri e i grandi livelli: gioco stellare e atteggiamenti non da top

Nato a Firenze il 05/05/1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker e conduttore per Radio Sportiva, oltre che editorialista di Firenzeviola.it e voce di TMW Radio.
01.10.2017 09:05 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 32519 volte
© foto di Image Sport

Popolo di navigatori, pronti a salpare per il primo porto sicuro, gli italiani. A farsi trascinare dalla corrente del momento, a sentire il vento e seguirlo a vele spiegate. Siamo la patria della moda e delle mode, dell'erba del vicino e del vicino che non ci piace. Saliamo sul carro del campione e non gli porgiamo la mano al primo inciampo. Al secondo lo sorpassiamo, al terzo ne fotografiamo il ginocchio sul terreno, la fronte corrucciata, mentre cerca di rialzarsi, piuttosto che essergli bastone. Siamo bastone, già, ma mai carota. L'Italia tutta, dalla Mole al Maschio Angioino, ha idolatrato in tempi e modi diversi Gonzalo Higuain. Figlio e traditore a Napoli. Divino e di carne a Torino.

Leonardo Bonucci ha spaccato gli attacchi avversari e pare pure gli spogliatoi. E' stato davanti a tutti sul mercato e dietro la lavagna dopo le prime di campionato. Ha un carattere forte, che forse l'ha pure superato il centrale del Milan, ma la boria non supera la gloria e quel che ha fatto non è certo sorpassato da quel che sta facendo.

Eppure critici e critiche hanno additato entrambi. Che le prestazioni non siano state e siano tuttora all'altezza delle qualità di entrambi, è sotto gli occhi di tutti. Higuain si è preso i fischi del Camp Nou, ma per superare i fiaschi a una punta bastano i gol e quelli il Pipita non se li è certo scordati. Bravo Allegri a punzecchiarlo, meno a metterlo alla mercé del poco clemente pubblico italiano ma Higuain ha reagito. Ha segnato. Ha risposto a chi non c'era, ha ringraziato chi c'è stato, dimostrando che la fretta porta pochi consigli e solo giudizi fuorviati e fuorvianti.

Per Bonucci vale la stessa storia. E' stato pagato caro, è arrivato garibaldino pronto a riunire un Milan a pezzi. Però se Roma non è stata costruita in un giorno, anche ritirare su le fondamenta rossonere non è e sarà facile e per questo esagerare è sempre ingeneroso. Chiaro, urge ribadirlo: Bonucci è sotto i propri standard e pure lui dovrebbe limitare gli eccessi concentrandosi sui successi. Però merita ben altre occasioni, prima d'essere bocciato e tacciato di critiche che le sue qualità inevitabilmente prima o poi smentiranno.

Intanto c'è chi gode di qualcosa che avrebbe potuto fare, magari anche voluto, visto che il portafogli era ristretto dalla cerniera svizzera della Uefa. L'Inter però, dulcis in fundo, sorride per la mancata cessione di Ivan Perisic al Manchester United. Nonostante le smentite e i dinieghi, la Beneamata era pronta a venderlo sull'altare del Fair Play Finanziario. Però Mourinho ha esitato e indugiato nell'alzare la posta e allora l'Inter ha trovato altre soluzioni per far cassa e trattenere il croato, rinnovandogli pure il contratto. E' lui il vero equilibratore delle sorti offensive nerazzurre, in una stagione dove il trequartista che serviva a Spalletti non è arrivato e in un anno in cui Candreva ancora non ingrana.

La chiosa su Maurizio Sarri. Un calcio con la bionda tra i denti, più che fumo c'è però tanto arrosto nel suo Napoli. Ha geometrie euclidee e idee pitagoriche, l'armatina azzurra. Se sarà degna dello Scudetto e di andare avanti in Champions, lo racconterà soltanto il tempo. Però in un calcio dove i dettagli contano, Sarri dimostra di curarli come i sarti più raffinati e i complimenti che gli arrivano da ogni latitudine e cattedra, da Sacchi a Guardiola, sono meritati. Il problema, l'unico, è che deve fare il salto di qualità una volta uscito dal rettangolo di gioco. Non possono, le conferenze di Sarri, o le sue interviste, trasformarsi ogni volta in un J'Accuse. Non può, Sarri, attaccare una volta il calendario, una le Nazionali, una i terreni di gioco e un'altra l'avversario. Essere genuino non regala sempre la ragione. Che dovrebbe guidare per far riflettere, per vestire l'abito migliore anche nelle serate di gala. Si abitui, Sarri. E' sarto magnifico in campo. Lo sia anche fuori.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gattuso confermato, il Milan ha deciso. Ma Donnarumma va via, arriva Reina: se i cinesi in pagano, Elliott ha già l’acquirente. Sabatini in Cina per l’Inter del futuro 23.02 - Il Milan sta trovando una sua dimensione, non c’è motivo di cambiare, Fassone e Mirabelli hanno deciso: Gattuso sarà l’allenatore rossonero anche l’anno prossimo. La decisione è già stata comunicata a Rino che l’ha accolta con entusiasmo e una promessa: farà di tutto per provare a...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Sicuri che non vi interessa il fatturato? Ed è vero che chi spende di più, vince di più? 22.02 - Ancora numeri, per cercare di analizzare quanto il mercato influisce, soprattutto quanto i soldi influiscono sulle prestazioni. Soldi uguale mercato. Ma è vero che chi meglio spende meglio spende? Ovvero il famoso concetto del fatturato? E' un argomento che ciclicamente torna di attualità....

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Da Robben a Balo, quante offerte per l’estate! Juve su de Vrij, il Real tenta Bonucci… Ma Ibra non lo vuole nessuno? 21.02 - Sarà un’estate caldissima e non solo per le alte temperature (gli esperti parlano di una “bella stagione” torrida). Tutti si stanno affannando per cercare l’affare del secolo. Indubbiamente non mancano le super offerte. La lista di “parametri zero” è lunga ed interessante. Al Bayern...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto delle "non-lacrime" di Allegri. Milan: l'allarme cinese... e occhio a maggio! Inter: è ora di giocare al gioco del silenzio. Napoli: il diritto di Sarri a fare come crede 20.02 - Ciao. Quando arriva il momento di compilare questo editoriale faccio un giro sui siti per cercare ispirazione ed evitare di scrivere cose come “prima o poi bisogna affrontarle tutte” o “lo scudetto si decide a primavera” o “la politica è tutto un magna-magna”. A volte i siti ti danno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.