HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Higuain da il via libera per Ibra al Milan. Tutto fatto, lui deciderà entro novembre. Barella, l’Inter torna in pole. Conte al Real, ora si può. Figc, Gravina è l’uomo giusto  

19.10.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 26975 volte
© foto di Federico De Luca

Un altro importante tassello per il ritorno di Ibrahimovic al Milan l’ha messo direttamente Gonzalo Higuain. Nella bella intervista rilasciata ieri alla Gazzetta, fra le tante cose non banali, si legge anche: “Ibra al Milan? Io amo giocare con i grandissimi e lui lo è”.
E’ più di un via libera, praticamente un’investitura, e visto che arriva dal leader rossonero, cadono tutte le remore o le perplessità sull’impatto nello spogliatoio, sul come avrebbero preso i giocatori il ritorno di un personaggio così ingombrante. Del resto i dubbi non erano giustificati, Higuain è una persona intelligente e sa che anche un Ibra a fine carriera potrebbe comunque portare molto, far crescere tutto il Milan in personalità ed efficacia senza togliere spazio a nessuno. Il carisma dell’uomo e del giocatore non si perdono.
Dunque, Ibra arriverà a gennaio?
Il Milan, Leonardo in particolare, e Mino Raiola procuratore di Ibra sono praticamente d’accordo. Fosse per loro si sarebbero già messi a trattare gli ultimi dettagli per firmare. Ma i due, conoscendo Ibra, sanno benissimo che non va forzato, né in un senso né in un altro. Sarebbe controproducente. Il giocatore sa che questa soluzione è possibile, lui ha dato l’ok perché si sondasse l’opportunità, ma vuole pensarci in assoluta libertà. Come ha sempre fatto. Ci sono ancora da giocare due giornate di campionato con i Galaxy, vuole portare la sua squadra nei play off, poi deciderà. Percentuali? Diciamo non poche, altrimenti avrebbe già detto da tempo al suo procuratore “non parlarne nemmeno”. Probabilmente Ibra, che è un professionista scrupolosissimo, vuole avere la certezza di poter essere ancora competitivo e determinante ad alto livello. Deciderà di tornare al Milan se dentro di se avrà la certezza di poter lasciare il segno. Non è tipo che ami il viale del tramonto, troppo orgoglio. La personalissima valutazione di tutti i pro e i contro di un’operazione del genere prima di chiudere la carriera nel Malmoe, ci sarà alla fine del campionato americano.  Non prima.
Ma non riflette solo Ibra. Questo è il momento dei grandi silenzi degli operatori di mercato, un po’ tutti stanno mettendo a punto idee e seguono piste in gran segreto prima di sferrare attacchi per gennaio o preparare il terreno per giugno. Un nome comunque circola con insistenza ed è quello di Nicolò Barella. Attorno al giocatore c’è un bel derby di mercato.
L’estate scorsa l’Inter ha fatto di tutto per prenderlo, ma Giulini, nonostante la sua vicinanza storica ai nerazzurri, ha detto no, non vendo. La pista è stata congelata, ma la corsa al giocatore non s’è fermata. Nel passato ci aveva messo gli occhi sopra anche la Juve che mandò Romagna a Cagliari come una sorta di anticipo, poi il ripensamento. Più di recente s’è fatto sotto anche il Milan, con le idee chiare e i soldi giusti. Il Cagliari non tratta a meno di 40 milioni e sarà difficilissimo portare via Barella a gennaio, gli isolani dovrebbero essere in una zona di classifica sicura, senza problemi. Saputo dell’interesse del Milan, è tornato in pista l’Inter: è partito il Derby.
L’Inter ha fatto valere la primogenitura estiva, della trattativa già avviata fatta di cash, ma anche di giocatori interessanti che potrebbero far comodo a Maran. Il giocatore (pare) andrebbe volentieri a giocare con Nainggolan, suoi idolo quando lo ammirava nella prima squadra del Cagliari. Fra l’altro hanno lo stesso procuratore. Si prospetta, come detto, un Derby di mercato incerto come quello sul campo di domenica prossima.
Meno incerto, invece, il futuro di Conte. Florentino Perez è tornato alla carica. Un contatto c’era già stato a giugno quando Zidane si dimise a sorpresa, ma l’operazione si bloccò praticamente subito. Conte voleva prima risolvere la sua questione economico-contrattuale con il Chelsea dove ballano più di dieci milioni, ma anche i giocatori del Real (Ramos in testa) manifestarono perplessità al loro presidente per la gestione rigida dell’ex juventino riferita ai blancos dagli spagnoli del Chelsea. Ora molte cose sono cambiate. Conte sta risolvendo le cause in ballo con Abramovich, si sta andando verso un accordo e nel frattempo i giocatori del Real hanno scaricato Lopetegui.
Florentino Perez sta per decidere, non lo ha fatto in questi giorni, ma di sicuro la sosta di novembre della Liga sarà decisiva: Lopetegui è più che in bilico. Sarà esonerato se il trend negativo del Real non cambierà radicalmente nelle prossime tre settimane.
Già deciso, invece, il nome del nuovo presidente della Federcalcio. Lunedì prossimo sarà eletto Gabriele Gravina che prende la pesante eredità dei due mandati (tre anni e mezzo) disastrosi di Carlo Tavecchio e di dieci mesi inconcludenti del commissario Fabbricini. Se è vero, come ha fatto sapere ieri il Dg uscente Michele Uva, che la ripartenza è possibile, ora toccherà a Gravina accendere i motori e accelerare. Il nostro calcio è all’anno zero. Ha bisogno di riforme radicali e rapide, di regole nuove, di idee e energie. Dalla Nazionale ai settori giovanili, c’è da fare un lavoro enorme per tutte le categorie e i settori. Per non parlare della giustizia sportiva e degli apparati incrostati.
Gravina è l’uomo giusto, conosce benissimo la macchina e gli uomini, è un dirigente federale di lungo corso. Attorno a sé ha coagulato una maggioranza importante e con questo consenso potrà permettersi di fare subito le cose concordate con i suoi elettori. Avevo sperato nel commissariamento, ne esco profondamente deluso. Gravina invece sa benissimo cosa l’aspetta e questo mi da fiducia: ripartire è davvero possibile. Ora o mai più. 


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->