HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi merita il Pallone d'Oro 2018?
  Sergio Aguero
  Alisson Becker
  Gareth Bale
  Karim Benzema
  Edinson Cavani
  Thibaut Courtois
  Cristiano Ronaldo
  Kevin De Bruyne
  Roberto Firmino
  Diego Godin
  Antoine Griezmann
  Eden Hazard
  N'Golo Kanté
  Isco
  Harry Kane
  Lionel Messi
  Neymar
  Jan Oblak
  Luka Modric
  Paul Pogba
  Sadio Mané
  Hugo Lloris
  Marcelo
  Kylian Mbappé
  Mario Mandzukic
  Ivan Rakitic
  Sergio Ramos
  Mohamed Salah
  Luis Suarez
  Raphael Varane

La Giovane Italia
Editoriale

Higuain e Caldara boom ma a Leo non basta. De Laurentiis si scrive le regole da solo. Belotti ad un bivio: ora o mai più. Un'estate italiana: la solita pagliacciata

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
06.08.2018 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 53043 volte
© foto di Daniele Mascolo/PhotoViews

E' stata la settimana del diavolo. Tifosi che tornano a sognare e sperare dopo il bluff Lì. L'arrivo di Elliott è servito almeno a fare chiarezza sulla strategia futura della società. Avere un proprietario come fondo non è il massimo ma, almeno, conosciamo la mission. Rivalutare squadra e brand e rivendere al doppio della cifra stabilita al momento dell'acquisto. Brutto dirlo così ma sono verità che conosciamo. Con il cinesino di prima, invece, c'erano solo tante nubi all'orizzonte, una spada dietro alle spalle inflitta dall'Uefa e un futuro senza un perché. In attesa di capire come sarà composto il management definitivo del Milan (sarebbe assurdo ipotizzare di affidare tutto a Leonardo), i rossoneri ne escono tecnicamente bene dall'operazione con la Juventus che ne esce, amministrativamente, altrettanto bene. Un'operazione che serviva a tutti con una unica regia alle spalle: Fabio Paratici, genio del mercato, artefice dei successi bianconeri e ideatore di questo asse con il Milan. Tuttavia a Gattuso non può ancora andare bene questa formazione. Molti esuberi da sistemare. Perché fare mercato in entrata è, da sempre, più semplice che farlo in uscita senza dover pagare i vari incentivi all'esodo. Gattuso ha bisogno di una mezzala per completare il centrocampo. Serve fisicità, quella mancata lo scorso anno in mezzo al campo e sulle palle inattive sia offensive che difensive. Caratteristiche imprescindibili per questo Milan. Caldara è un talento, Caldara è il futuro ma vi faccio una domanda: siamo sicuri che, nel breve termine, il Milan si sia rinforzato in fase difensiva? Ha una difesa molto giovane e per essere un Milan che punterà ai primi 4 posti qualche dubbio resta. Romagnoli fortissimo, Caldara idem. Donnarumma in porta, un futuro fenomeno che oggi non ha richieste dal mercato italiano ed Estero, Conti che rientra da un anno di infortunio e Calabria non è proprio un fulmine di guerra. Dall'altra parte dovremo capire se c'è Rodriguez o il fratello (ne ha tanti vedremo quale sarà). Sta nascendo un buon Milan, avanti soprattutto fa paura. Suso, Higuain e Calhanoglu formano un tridente da scudetto. Se Biglia torna ad essere Biglia è un discorso, altrimenti il Milan avrà un problema ad impostare il gioco.
E' stata la settimana di De Laurentiis, nuovo Presidente del Bari. Una delle tante anomalie di un sistema che fa acqua da tutte le parti. Che De Laurentiis sia un grande Presidente lo dicono i fatti, che sia bravo è oggettivo ma è oggettivo anche che stiamo parlando del Presidente del Napoli e, se non lo vieta il regolamento almeno dovrebbe vietarlo il buon senso: un imprenditore non può essere Proprietario delle due squadre più importanti e potenti del Sud Italia. Nel breve può anche andare bene (una in D e l'altra in Champions) ma le ambizioni del Bari devono almeno essere pari a quelle del Napoli, preso da De Laurentiis nei bassi fondi della C. Chiarito che non discutiamo la scelta di affidare il Bari a De Laurentiis ma contestiamo la scelta di averla affidata al Presidente del Napoli, il Sindaco di Bari non ha fatto nulla per la sua città. Scelta pessima, mai una forte pressione su Giancaspro che si permette il lusso di avere la residenza allo stadio. Sono curioso di capire se dorme nello spogliatoio del Bari o in quello degli arbitri. E soprattutto se porta il cane a pisciare a centrocampo o nell'area di rigore sotto la Curva del Bari... Va a fare colazione nel bar della tribuna e quando invita qualcuno a cena apre la sala executive del San Nicola. Fossimo in Inghilterra ci saremmo già trovati polizia, cavalli, carabinieri, Guardia di finanza e sigilli. Tornando a De Laurentiis vorremmo specificare al Presidente del Napoli, scusate... del Bari, che le regole non le possono scrivere in base ai suoi interessi. Quando ha preso il Bari sapeva che sarebbe ripartito dalla D. Anzi ha anche preannunciato un investimento di 3 milioni per fare la squadra. Chiedere oggi la serie C è folle. Il tempo per chiedere i ripescaggi è abbondantemente finito e aspettiamo solo i verdetti di Prato e Como, in quest'ultimo caso la ragione ci porta a dire che merita la C. De La prepara 3 milioni per la D ma qualcuno dovrebbe dirgli che non deve fare la Champions ma un campionato di Dilettanti dove devono giocare per forza un 98, due 99 e un 2000. In D ne andrà una sola, quella che vince il campionato. Se dovesse arrivare secondo e vincere i play off, poi basterebbe mettere 350 mila euro e taaccc ti fai la serie C. Attacco gratuito di De Laurentiis a Sibilia che lo definisce un politico: vero! Ma questo non toglie che un politico faccia rispettare le regole. E' difficile inserire nella stessa frase "polito" e "regole" ma ogni tanto funziona.
A cavallo tra la fine di questa settimana e l'inizio della prossima si potrebbe decidere il futuro di Andrea Belotti. E' il capitano del Toro e non può fare dichiarazioni. Ma proviamo ad entrare nella testa del gallo. Oggi prende 1,4. A Napoli gli farebbero 5 anni a 3,5. Voi cosa fareste? Oggi giocherebbe campionato e Coppa Italia. A Napoli giocherebbe anche la Champions. Voi cosa fareste? Il Torino prova a spingere per Zaza, sostituto di Belotti o partner di attacco di Belotti. Il rischio di passare anche in secondo piano con il compagno di Nazionale: e voi cosa fareste? Belotti andrebbe di corsa a Napoli e il Napoli lo sa. La partita è tra due menti difficili come Cairo e De Laurentiis che neanche si amano più di tanto. Cairo ne vuole 65 per farsi rompere le scatole dai tifosi del Toro. Adl non vorrebbe andare oltre i 50 ma, con quella cifra, prende Belotti senza la cresta del gallo.
Infine due riflessioni veloci sul nostro bel sistema italico. Vi sembra normale che oggi dovevano uscire i calendari di B e invece sono stati rinviati? Vi sembra normale che domani avremmo dovuto fare i calendari di C e, invece, ancora non sappiamo numero di squadre partecipanti e chi ci sarà? Tutte follie. Le sigle TFN, Tar etc etc sono diventate parte del nostro vocabolario. Fanno parte del nuovo linguaggio del calcio italiano. Ma siamo stufi. Aprono un'inchiesta tarocca sui messaggini del Parma tra Calaiò e De Col, dicendo che non si sentivano mai. Poi portano in aula i messaggini precedenti dove si evince che si sentivano almeno una volta al mese. Il caso Chievo è paradossale, per non parlare dei ripescaggi in B e in C. Se non cambiano le regole, se non ridurranno le squadre professionistiche e se non aumenteranno i controlli passeremo tutte le estati dietro a queste catastrofi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Berlusconi e il Milan di Gattuso. Ad Allegri manca solo un tetto. Marotta-Inter, non avrebbe senso. Io voto Gravina perché.... 15.10 - Quando c'è la pausa campionato è un disastro. Non sai cosa scrivere e devi inventare storie, raccogliere notizie e parlare di mercato anche quando non c'è. Per fortuna, in questa domenica pomeriggio, Silvio Berlusconi su Sportitalia (durante Monza-Triestina) ci ha dato diversi spunti...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La pausa degli esoneri e dei primi acquisti per gennaio. Pungiball Ventura, ma il Chievo ha fatto benissimo. Finalmente c'è la formazione: ora Mancini segua il consiglio di Sarri 14.10 - Lo sport Nazionale degli ultimi undici mesi è stato insultare Gian Piero Ventura. Non è stato solo il colpevole dell'eliminazione dell'Italia dal Mondiale, ma dallo scorso 13 novembre di qualsivoglia problema. L'aumento dello spread? E' colpa di Ventura. Il surroscaldamento globale?...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Conte ipotesi concreta per il Real, Florentino pronto a tutto per avere anche Hazard. Milan, che colpo Paquetà. Under verso il rinnovo fino al 2023. Napoli a breve l’accordo con Zielinski, per gennaio non sono previste operazioni in entrata 13.10 - Lopetegui, Conte, Real e Chelsea. Il mese di ottobre potrebbe regalarci un’altra interessante rivoluzione in panchina. Florentino Perez non è soddisfatto del rendimento del suo allenatore, fortemente voluto in estate dopo l’addio di Zidane e ora sta pensando in maniera concreta ad...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Ronaldo, una vergogna. In certi casi è vietato tifare. Juve su James Rodriguez e Rabiot. Milan, dopo Paquetà tutto su Barella. Derby con l’Inter per Ramsey 12.10 - Attorno alla vicenda personalissima che coinvolge Cristiano Ronaldo stiamo scrivendo un’altra pagina imbarazzante. E dico poco. Fatevi questa domanda: avete elementi seri che vi possano far pensare che Cristiano Ronaldo sia colpevole di stupro? La risposta sensata, quasi obbligata,...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Milan: un colpo in Brasile. Leicester: in arrivo un italiano, faceva il cameriere! E una Nazionale che non decolla... 11.10 - Il Milan ha praticamente preso Paquetà, il primo colpo di Leonardo. Nella notte italiana, Globo Esporte aveva lanciato l'indiscrezione. Nel corso della giornata le conferme. Accordo raggiunto tra Milan e Flamengo per il centrocampista offensivo brasiliano classe '97. Il ragazzo arriverà...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Incredibile Cristiano! Si sente perseguitato dalla Uefa, e ha deciso di boicottare la Nations League! Come se al momento non ci fossero altre preoccupazioni. L’Italia e Mancini invece devono considerarla priorità, per non finire come Ventura 10.10 - La faccenda ha dell’incredibile, e sarebbe da farci una risata sopra se non apparisse assurda. E terribilmente fuori luogo, visto il momento estremamente delicato. Cristiano Ronaldo, e insieme con lui il suo entourage familiare e lavorativo (che nel caso di Cristiano si mischiano),...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri sta vincendo l'ultima sfida (e Ronaldo...). Inter: Spalletti ha un muro insuperabile da battere (e c'entra Icardi). Milan: il mercato e la memoria corta. Arriva il derby, con le solite balle... 09.10 - C’è la sosta. Porca malora. La sosta non piace a noi, ma neppure ai giocatori: Mancini ne ha convocati 28 e sono tornati a casa in 29 (anche il giardiniere di Coverciano si è dato malato). Ma non è questo il punto: le soste ci sono e ce le teniamo. Parliamo piuttosto di Temptation...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Serie A senza emozioni. La Juve cala subito il sipario. Ventura-Chievo? La sua giusta dimensione. Gattuso, numeri da... Conte! E Ancelotti si sta prendendo il Vesuvio 08.10 - Il problema della serie A non sono gli stadi, i diritti tv, il mercato o il marketing. Il vero problema sta diventando la Juventus. E non è una battuta. Vuole essere un'analisi semiseria. La, quasi, ossessione dei bianconeri di vincere questa maledetta Champions sta aumentando il...

Editoriale DI: Marco Conterio

L'assurdo processo mediatico per Ronaldo già prima delle sentenze. In campo Fenomeno e Juve pazzesca. L'Italia finalmente si accorge di Pellegrini mentre è in cerca di un 9. Solo che Cutrone è in panchina e il Milan pensa a Ibra 07.10 - Giustizialisti e innocentisti. Accecati dalla voglia di una soluzione, prima che il tempo faccia il suo corso. Scrivere di Cristiano Ronaldo in queste delicate ore non è certo facile. Perché pende su di lui una scure importante, un'accusa grave. Però non c'è null'altro da aggiungere....

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Marotta, il futuro è ancora un rebus. Dybala che momento, ma non paragoniamolo a Messi e  Ronaldo. Ancelotti e il capolavoro con il Liverpool. Icardi in area di rigore è tra i primi 3 attaccanti al mondo. Italia, è l’ora di cominciare a vincere 06.10 - Il futuro di Beppe Marotta resta ancora un rebus. La separazione con la Juventus è troppo fresca per avere certezze su quello che sarà il domani. Di sicuro gli 8 anni di successi sono un biglietto da visita che nessuno ha in Italia. Credo che bisognerà attendere qualche mese prima...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy