VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Higuain lucida follia: serviva un colpo non da Juve per la definitiva consacrazione. Napoli, Icardi a tutti i costi ma chiudi in fretta per evitare l'ennesima beffa. Mancini, basta frignare: è lui a dover dare garanzie alla società, non viceversa

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
29.07.2016 08:19 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 88661 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Novanta milioni di euro per un centravanti classe '87. Quasi tutto il budget in arrivo da Manchester per Pogba dirottato a Napoli per comperare un cartellino che, se tutto va bene, verrà ammortato nel prossimo quinquennio. C'è poco della pianificazione mostrata da Agnelli e Marotta in questi anni nell'acquisto del centravanti della nazionale argentina Gonzalo Higuain. C'è la volontà di indebolire l'unica squadra che nell'ultima stagione, proprio grazie ai 36 gol del Pipita, ha creato qualche ostacolo tra i bianconeri e il quinto Scudetto consecutivo, ma anche il desiderio di competere con le big europee ad armi pari. Senza rincorrere club più facoltosi che, grazie all'ottimo lavoro societario, anche in termini di fatturato sono più vicini dopo l'ultimo biennio.
Che la Juve mettesse le mani nella sua cassaforte per rinforzare l'attacco questa estate era operazione scontata. Magari altri 30-40 milioni per acquistare definitivamente Alvaro Morata dal Real Madrid, o qualcosa in più per prelevare Romelu Lukaku dall'Everton. Giocatori fortissimi adesso, ma potenzialmente campioni affermati solo nel giro di un paio d'anni. Una follia, se follia doveva essere, sembrava potesse esserci solo per Edinson Cavani, giocatore che ha comunque una valutazione più bassa rispetto ai 90 milioni di euro sganciati per Gonzalo Higuain. La Juventus questa volta s'è spinta un po' più in là: vuole vincere tutto e subito e ha acquistato un campione già affermato. Senza pensare a quale era il suo reale valore e a quanto potrà essere eventualmente ceduto tra tre-quattro anni. Ha una forza tale che può permettersi un grande acquisto sopra le righe e, con il Pipita, ha adesso un grande bomber all'altezza di Luis Suarez, Robert Lewandowski o Sergio Aguero.

Discorso diametralmente opposto in casa Napoli. L'umore dei tifosi dopo il tradimento che s'è consumato nell'ultima settimana è pessimo. Ce l'hanno col traditore, con quel Pipita che non ha nemmeno salutato prima di sbarcare all'aeroporto di Torino-Caselle, ma anche con chi non ha impedito il tradimento. Con una proprietà che ha il demerito di non aver previsto un divorzio nell'aria da tempo a prescindere dalla destinazione finale.
Adesso, si attende una reazione veemente. Trasformare un momento di difficoltà in una opportunità non è solo un obbligo, ma è anche l'unica strada possibile per restare ad alti livelli perché questo Napoli - che non ha il merchandising, le strutture e l'organizzazione societaria della Juventus - dipende esclusivamente dai proventi dei diritti tv e dalle grandi plusvalenze. E' stato così negli ultimi anni per Lavezzi e Cavani, è così adesso per Higuain.
Non è un caso se De Laurentiis nel passato recente abbia costruito il suo Napoli migliore dopo la partenza del Matador, un addio doloroso che permise al club di inserire in rosa Higuain, Mertens, Callejon, Reina e Albiol. Ora la situazione è piuttosto simile e, con una Champions alle porte, serve investire 90 e più milioni di euro per dare a Sarri quei rinforzi necessari per ripartire dopo il tradimento.
Arkadiusz Milik è sicuramente un ottimo innesto. Mancino naturale, vede la porta e partecipa alla manovra. All'ultimo Europeo ha oscurato la stella di Robert Lewandowski, ma pensare che possa essere lui l'erede di Higuain vuol dire accettare un paio d'anni di ridimensionamento. A Napoli molti, moltissimi tifosi spingono per la conferma di Manolo Gabbiadini col centravanti polacco, ma anche lui non ha mai mostrato la personalità giusta per imporsi da titolare in questa squadra. La media gol mostrata dal bomber classe '91 è certamente elevatissima, ma bisogna analizzare in quali circostanze ha segnato e quanti dei gol realizzati sono stati realmente decisivi.
Discorso diverso per Mauro Icardi: altra tempra, altre prospettive. Un prototipo di campione che ha una marcia in più rispetto al pur forte Gabbiadini. Il Napoli deve chiudere in fretta, valutarlo 60-65 milioni di euro è chiaramente una follia, ma anche i 90 milioni di euro spesi per Higuain lo sono stati e De Laurentiis, adesso, ha la disponibilità economica per prendere Maurito, un grande centrocampista (perché non chiudere Herrera?) e un laterale di difesa come Darmian. Anche in considerazione del fatto che altri 25 milioni di euro arriveranno proprio dalla cessione di Gabbiadini.
I piccoli rilanci (adesso siamo a 52 mln più bonus) stanno solo permettendo all'Inter di entrare nell'ordine di idee di pareggiare la proposta fatta dal Napoli a Icardi. Serve, se davvero De Laurentiis crede nell'argentino, presentare in tempi rapidissimi un'offerta irrinunciabile e chiudere il discorso. Altrimenti i tifosi del Napoli si preparino a un'altra, l'ennesima, beffa di questa rovente estate.

Da quando è tornato all'Inter, nel novembre 2014, Roberto Mancini ha dettato legge nel mercato nerazzurro come nessun altro allenatore di Serie A. Shaqiri, Podolski, Kondogbia, Jovetic, Perisic, Felipe Melo, Alex Telles, Miranda ed Eder sono tutti giocatori espressamente richiesti dal manager di Jesi. Non tutte le sue richieste negli ultimi 20 mesi sono state esaudite (Yaya Tourè, ad esempio...), ma è stato accontentato come pochi altri tecnici grazie al magistrale lavoro del ds Ausilio.
Su richiesta di Mancini sono sbarcati ad Appiano Gentile tanti ottimi giocatori che non sono bastati per entrare tra le prime tre. Nonostante l'ottimo inizio, la squadra nerazzurra ha chiuso la Serie A 2015/16 al quarto posto, un piazzamento deludente visti i propositi di inizio stagione.
Un risultato non all'altezza che non ha comunque scoraggiato la società, brava a rinforzare l'undici titolare nelle ultime settimane: Ansaldi nell'ultima stagione è stato uno dei migliori laterali destri della Serie A, Ever Banega è stato tra i migliori centrocampisti in Europa nell'ultima stagione ed è proprio il tipo di centrocampista che serviva a una mediana con tanti centimetri e poche idee, mentre Candreva è l'ala destra ideale per un 4-2-3-1 decisamente competitivo, all'altezza di Napoli e Roma. Probabilmente superiore.
Questa Inter, rosa alla mano, ha davvero un'ottima squadra, eppure tutto questo a Mancini non basta. Richieste su richieste, continue minacce di dimissioni (al di là delle dichiarazioni ufficiali) che hanno giustamente spazientito la nuova proprietà. Così la corda rischia di spezzarsi in tempi rapidissimi e la colpa, in caso di divorzio, sarebbe quasi esclusivamente da additare all'allenatore, a un Mancini che in 20 mesi ha chiesto tanto e dato poco. Pochissimo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Che sia una bella av-Ventura… Samp, negozio di alta qualità!!! Schick, pensa a giocare… Conte parigino? Mou nelle mani di Ibra! 08.11 - Non so voi ma io sono teso… Lo spareggio Mondiale mi ronza nella mente. Ci penso tanto, troppo. E’ come un chiodo fisso e preferirei averne di altro tipo! Che sia chiaro, ho fiducia nell’Italia ma ho anche tanta, troppa paura… Non me ne voglia il nostro CT (che non ho intenzione di...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.