VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

I cinesi vogliono Inter e Milan protagoniste in Champions: ecco come. Albertini in società più di Maldini. Banega inquieta De Boer. Juve, Witsel e Darmian a gennaio. Ma l'obiettivo resta Matuidi. L'enigma Pjanic

09.09.2016 08.12 di Enzo Bucchioni   articolo letto 62567 volte
© foto di Federico De Luca

L'asse Italia-Cina diventa sempre più interessante o inquietante. Fate voi. Lippi ci torna e fa bene. Uno come lui, un vincente, carisma ed esperienza, avrebbe fatto bene alla Federazione, alla Nazionale e a molti club italioti. Purtroppo mancano le idee e la programmazione e il povero Tavecchio nella vicenda Lippi ha dimostrato di non conoscere neppure le leggi della sua stessa federazione. Si può dire di più? Non credo. Come se non bastasse, in Federcalcio si sono pure dimenticati di festeggiare i dieci anni del mondiale 2006. Non ho parole, restano gli insulti che non proferisco per educazione.

E allora Lippi fa bene a tornare dai cinesi che lo caricano di soldi (60 milioni per tre anni) e di gloria.

I cinesi, una volta erano in via Paolo Sarpi a Milano e a Prato. Ora dovremo abituarci a vederli su tutti i campi di calcio visto che si sono comprati Inter e Milan e forse non si fermano qui. L'interrogativo ora è uno solo: capiranno davvero il pallone? C'è anche chi si domanda fino a quando resteranno, se vogliono davvero rilanciare i due brand o prendere solo il know how e utilizzarlo poi a casa loro. Vedremo.

Intanto quelli di Suning a rimettere in piedi l'Inter ci hanno già provato con un assegno pesante per Gabigol e Joao Mario. I tifosi hanno fatto festa, ma il calcio non si fa solo con i soldi. Qualcuno dovrebbe spiegare ai cinesi che prima vanno rifatte le società, soltanto con due società forti e organizzate, con manager di prim'ordine e tutti i ruoli ricoperti, si può tornare a vincere in fretta. L'Inter, ad esempio, ha fatto errori marchiani come risolvere l'affare Mancini solo a ridosso del campionato o comprare doppioni a centrocampo e in attacco senza pensare a un difensore centrale e a un esterno di grande livello. Soprattutto manca un regista e ora De Boer si dovrà gestire la grana Banega che, come facilmente immaginabile, davanti alla difesa non ci vuol giocare e l'ha detto chiaramente. Non è e non può essere l'uomo giusto per dare un senso di squadra all'Inter, deve giocare più vicino alla porta, più vicino agli attaccanti per ispirarli. Sono curioso di vedere come la risolverà De Boer. Una soluzione potrebbe essere anche il 3-5-2 con Medel dietro i due centrali difensivi, Candreva e Perisic sugli esterni, Brozovic, Kondogbia e Joao Mario in mezzo al campo, Banega vicino a Icardi, libero di svariare. Nel 4-3-3 l'argentino può fare l'interno con Medel davanti alla difesa (l'unico adatto con tutti i suoi limiti), ma chi sta fuori fra Joao Mario (non credo) Kondogbia e Brozovic?

Il Milan questi problemi per ora non li ha. Montella fatica a mettere in piedi undici giocatori da Milan, ma lo sapevamo. I cinesi compreranno il club in novembre, ora siamo solo ai preliminari. La società, però, dovrebbe nascere ora e la ricerca dei manager è fondamentale. Un grande ex dietro la scrivania serve, anche per tramandare i valori rossoneri e la storia. Ci vedo più Albertini (già esperto) di Maldini che può fare cose di campo. In attesa di investimenti e di giocatori veri, intanto però sembra chiara l'idea dei cinesi nerazzurri e di quelli rossoneri.

La serie A va bene, fare squadre competitive per lo scudetto è obbligatorio, ma quello che più preme è fare squadroni pronti per competere in Champions League già dal 2018 quando ci sarà la riforma del torneo con quattro italiane e (forse) alcune società ad invito. All'Uefa hanno già fatto capire che una Nuova Champions senza Inter e Milan non può esistere e i cinesi sono d'accordo perché il brand deve avere una visibilità internazionale ad alto livello. Solo così potranno alzare il fatturato mondiale, sperare di rientrare dagli investimenti e in futuro (forse) guadagnare. I tifosi delle due squadre, ora scettici e delusi, devono soffrire ancora per poco, il 2018 è vicino e rimessi a posto i conti, si ripartirà verso la gloria.

La Juve è già ripartita da cinque anni, guarda caso da quando è arrivato il nuovo Delle Alpi. Idee e investimenti hanno riportato i bianconeri al top anche in Europa. Questo è l'anno della verità a livello internazionale, il mercato è stato fantastico, ma non sembra completo. Qualche lacuna è rimasta, Marotta voleva un altro centrocampista e un esterno per dare il cambio a nonno Evra e all'inquieto Lichtsteiner. Il piano correttivo è pronto. Witsel arriverà a gennaio se ce ne sarà bisogno, comunque c'è già l'accordo per giugno. L'esterno destro o sinistro è stato individuato in Darmian che Mou non vuole: affare fatto per gennaio. I rapporti con il Manchester sono ottimi e Lichtsteiner fuori lista Uefa, sarà appetibile e trasferibile ovunque nel mercato invernale. Ma la Juve sa che serve soprattutto un centrocampista di fisico e di corsa quindi Raiola si sta lavorando Matuidi che è rimasto al Psg ma in testa ha sempre la Juve.

Intanto sono curioso di vedere come Allegri sistemerà il centrocampo. Di sicuro ha idee e se ne intende visto che proprio sul centrocampo a tre ha discusso la sua tesi di laurea a Coverciano, ma Pjanic davanti alla difesa, regista basso, è tutto da scoprire. Almeno per me. Se Allegri riesce a trasformarlo in una sorta di Pirlo, la laurea diventa da 110 e lode con abbraccio accademico, ma qualche dubbio mi resta. La Juve ha un grande centrocampo, ovvio, ma vedo troppa gente uguale e pochi veramente unici. Insomma, di Pirlo,Vidal e Pogba non ce ne sono altri e questo è chiaro. Ma questa Juve è molto più forte in attacco e in difesa, Allegri l'equilibrio lo saprà trovare magari giocando più vicino alla porta avversaria dove gente come Higuain, Dybala e Pjaca (e non solo) sanno essere devastanti come pochi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.