VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

I cinesi vogliono Inter e Milan protagoniste in Champions: ecco come. Albertini in società più di Maldini. Banega inquieta De Boer. Juve, Witsel e Darmian a gennaio. Ma l'obiettivo resta Matuidi. L'enigma Pjanic

09.09.2016 08:12 di Enzo Bucchioni   articolo letto 62622 volte
© foto di Federico De Luca

L'asse Italia-Cina diventa sempre più interessante o inquietante. Fate voi. Lippi ci torna e fa bene. Uno come lui, un vincente, carisma ed esperienza, avrebbe fatto bene alla Federazione, alla Nazionale e a molti club italioti. Purtroppo mancano le idee e la programmazione e il povero Tavecchio nella vicenda Lippi ha dimostrato di non conoscere neppure le leggi della sua stessa federazione. Si può dire di più? Non credo. Come se non bastasse, in Federcalcio si sono pure dimenticati di festeggiare i dieci anni del mondiale 2006. Non ho parole, restano gli insulti che non proferisco per educazione.

E allora Lippi fa bene a tornare dai cinesi che lo caricano di soldi (60 milioni per tre anni) e di gloria.

I cinesi, una volta erano in via Paolo Sarpi a Milano e a Prato. Ora dovremo abituarci a vederli su tutti i campi di calcio visto che si sono comprati Inter e Milan e forse non si fermano qui. L'interrogativo ora è uno solo: capiranno davvero il pallone? C'è anche chi si domanda fino a quando resteranno, se vogliono davvero rilanciare i due brand o prendere solo il know how e utilizzarlo poi a casa loro. Vedremo.

Intanto quelli di Suning a rimettere in piedi l'Inter ci hanno già provato con un assegno pesante per Gabigol e Joao Mario. I tifosi hanno fatto festa, ma il calcio non si fa solo con i soldi. Qualcuno dovrebbe spiegare ai cinesi che prima vanno rifatte le società, soltanto con due società forti e organizzate, con manager di prim'ordine e tutti i ruoli ricoperti, si può tornare a vincere in fretta. L'Inter, ad esempio, ha fatto errori marchiani come risolvere l'affare Mancini solo a ridosso del campionato o comprare doppioni a centrocampo e in attacco senza pensare a un difensore centrale e a un esterno di grande livello. Soprattutto manca un regista e ora De Boer si dovrà gestire la grana Banega che, come facilmente immaginabile, davanti alla difesa non ci vuol giocare e l'ha detto chiaramente. Non è e non può essere l'uomo giusto per dare un senso di squadra all'Inter, deve giocare più vicino alla porta, più vicino agli attaccanti per ispirarli. Sono curioso di vedere come la risolverà De Boer. Una soluzione potrebbe essere anche il 3-5-2 con Medel dietro i due centrali difensivi, Candreva e Perisic sugli esterni, Brozovic, Kondogbia e Joao Mario in mezzo al campo, Banega vicino a Icardi, libero di svariare. Nel 4-3-3 l'argentino può fare l'interno con Medel davanti alla difesa (l'unico adatto con tutti i suoi limiti), ma chi sta fuori fra Joao Mario (non credo) Kondogbia e Brozovic?

Il Milan questi problemi per ora non li ha. Montella fatica a mettere in piedi undici giocatori da Milan, ma lo sapevamo. I cinesi compreranno il club in novembre, ora siamo solo ai preliminari. La società, però, dovrebbe nascere ora e la ricerca dei manager è fondamentale. Un grande ex dietro la scrivania serve, anche per tramandare i valori rossoneri e la storia. Ci vedo più Albertini (già esperto) di Maldini che può fare cose di campo. In attesa di investimenti e di giocatori veri, intanto però sembra chiara l'idea dei cinesi nerazzurri e di quelli rossoneri.

La serie A va bene, fare squadre competitive per lo scudetto è obbligatorio, ma quello che più preme è fare squadroni pronti per competere in Champions League già dal 2018 quando ci sarà la riforma del torneo con quattro italiane e (forse) alcune società ad invito. All'Uefa hanno già fatto capire che una Nuova Champions senza Inter e Milan non può esistere e i cinesi sono d'accordo perché il brand deve avere una visibilità internazionale ad alto livello. Solo così potranno alzare il fatturato mondiale, sperare di rientrare dagli investimenti e in futuro (forse) guadagnare. I tifosi delle due squadre, ora scettici e delusi, devono soffrire ancora per poco, il 2018 è vicino e rimessi a posto i conti, si ripartirà verso la gloria.

La Juve è già ripartita da cinque anni, guarda caso da quando è arrivato il nuovo Delle Alpi. Idee e investimenti hanno riportato i bianconeri al top anche in Europa. Questo è l'anno della verità a livello internazionale, il mercato è stato fantastico, ma non sembra completo. Qualche lacuna è rimasta, Marotta voleva un altro centrocampista e un esterno per dare il cambio a nonno Evra e all'inquieto Lichtsteiner. Il piano correttivo è pronto. Witsel arriverà a gennaio se ce ne sarà bisogno, comunque c'è già l'accordo per giugno. L'esterno destro o sinistro è stato individuato in Darmian che Mou non vuole: affare fatto per gennaio. I rapporti con il Manchester sono ottimi e Lichtsteiner fuori lista Uefa, sarà appetibile e trasferibile ovunque nel mercato invernale. Ma la Juve sa che serve soprattutto un centrocampista di fisico e di corsa quindi Raiola si sta lavorando Matuidi che è rimasto al Psg ma in testa ha sempre la Juve.

Intanto sono curioso di vedere come Allegri sistemerà il centrocampo. Di sicuro ha idee e se ne intende visto che proprio sul centrocampo a tre ha discusso la sua tesi di laurea a Coverciano, ma Pjanic davanti alla difesa, regista basso, è tutto da scoprire. Almeno per me. Se Allegri riesce a trasformarlo in una sorta di Pirlo, la laurea diventa da 110 e lode con abbraccio accademico, ma qualche dubbio mi resta. La Juve ha un grande centrocampo, ovvio, ma vedo troppa gente uguale e pochi veramente unici. Insomma, di Pirlo,Vidal e Pogba non ce ne sono altri e questo è chiaro. Ma questa Juve è molto più forte in attacco e in difesa, Allegri l'equilibrio lo saprà trovare magari giocando più vicino alla porta avversaria dove gente come Higuain, Dybala e Pjaca (e non solo) sanno essere devastanti come pochi.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Campionato falsato, subito la riforma e premio-promozione. I limiti dell’Inter, a gennaio uno fra Ozil, Draxler e Vidal. Juve, i nodi di un mercato modesto. Howedes rotto, Douglas Costa fantasma. Con Uva in Uefa l’Italia più forte 22.09 - Dopo cinque giornate è già abbastanza chiaro che il campionato è falsato. Facendo una proiezione, a dicembre, ma forse prima, la situazione sarà già ben delineata con 7-8 squadre in corsa per i posti che contano, quattro o cinque in lotta per non retrocedere e le altre (troppe) senza...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato... 21.09 - Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter, buon carattere…. Mondi diversi: Patrick vs Patrik! Sarri perché non parla? E poi CR7 a Lisbona! 20.09 - L’Inter si ferma a quattro vittorie. A Bologna, i nerazzurri non vanno oltre l’1-1. Straordinari i giocatori di Donadoni, bravi a non mollare quelli di Spalletti. Onestamente Icardi (altro gol) e compagni non hanno incantato. Nella prima frazione, il Bologna ha dominato con un Verdi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incoerenza di chi non vuol vedere (occhio a Higuain...). Inter: c'è un nemico alle porte (ma anche una soluzione). Milan: il rebus del "9" e altre malignità. Napoli: se il problema è fuori dal campo 19.09 - Ciao. Stasera c’è il campionato, domani pure, dunque qualunque cosa io scriva rischia di essere usata contro di me. Per questo e per altri motivi ragioneremo su cose frivole. Per esempio, non so se avete letto, ma la migliore amica della piacente cantante Selena Gomez le ha donato...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.