VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

I colpi del condor di casa Milan e un giallo: Silvio aveva detto no... L'Inter si dimostra fragile: Mazzarri non convince Thohir a spendere (e un colpevole c'è). Juve, per fortuna arriva Coman...

02.09.2014 00.00 di Fabrizio Biasin  Twitter:    articolo letto 82405 volte
© foto di Federico De Luca

Mi hanno rubato la bici. Maledetti infami. Gli sfortunati che mi seguono su facebook lo sanno già, ho ammorbato lor signori per tutto il fine settimana con i miei peana allucinati e i piagnistei che a confronto Mazzarri è la reincarnazione di Chuck Norris. Lo so: oggi non è il caso di cazzeggiare che è giorno di bilanci, di mercati chiusi, di bla bla, di "io ce l'ho più grosso di te, tu ce l'hai più piccolo di me, io ho fatto la plusvalenza, tu sei in minusvalenza, un-due-tre Biabiany lo prendo me" e quindi poche troiate, se proprio vi interessa sapere cosa penso dei ladri di biciclette, vi rimando al link in calce.

Ora, sarò totalmente onesto: a me del mercato frega relativamente, frega più della mia bici o delle ultime tre puntate di "Breaking Bad" che mi sparerò stanotte prima di dire addio a Walter White (mi mancherai Walter...) e di crollare in un pianto che neanche Mazzarri dopo aver clamorosamente toppato l'interrogazione di geografia in terza media ("mamma, la maestra ce l'ha con me, mi ha chiesto i confini della Basilicata. Nessuno sa i confini della Basilicata. Ma io ho vinto la gara di calci d'angolo all'intervallo e un giorno salverò la Reggina"). Però è anche vero che son due mesi che stiamo dietro a 'sti matti e quindi è il caso di fare il punto e dire la nostra in maniera sfacciata, arrogante e senza paura di offendere qualcuno: in Italia quelli bravi a far mercato sono pochi, pochissimi. E non è affatto una questione di disponibilità economica, di crisi del calcio italiano, o comunque non solo: la verità è che in troppe piazze l'improvvisazione stravince sulla programmazione e si persegue la filosofia dell'uovo oggi che è meglio del gallinaccio domani. Volete i nomi? Eh? Facciamo i nomi???!!! Sputtaniamo tutti quanti 'sti magnapaneatradimento?? Eh? Li vogliamo fare? Corcazzo, che se partono le querele chi la compra la bici nuova? Oh, le bici mica crescono sugli alberi. Diciamo che in ogni caso potete arrivarci tranquillamente da soli e comunque la Basilicata confina a est con la Puglia, a ovest con la Campania, a sud con la Calabria e a nord forse con qualcos'altro. Forse però (bieco tentativo per distogliere l'attenzione dalla faccenda "fai i nomi").

Comunque, vi comunico ufficialmente che il mercato è chiuso. Ce lo auguriamo tutti quantomeno. L'ultima giornata è stata più o meno uno strazio. Pensavamo a botti clamorosi, abbiamo cazzeggiato per settimane dei Falcao, dei Lavezzi, dei Podolski, dei Jackson Martinez, dei Margheritoni e degli Aristoteles. Ebbene, il colpo dell'ultimo giorno è stato Bonaventura al Milan (oltre a Saviola al Verona). Biabiany invece è saltato per 3.500 lire. A guardare i titoli roboanti degli ultimi giorni ci sarebbe da riflettere su certe sparate alla Calboni di taluni cazzari (volete i nomi? Eh, li volete? Malefici cazzari, ora vi sbugiardo, li volete? Corcazzo, che poi mi tolgono il saluto e magari mi bucano le ruote della bici nuova).

Si diceva del Milan e del "condor" Galliani. I tre giorni del condor sono terminati con l'acquisto di Bonaventura per 7 milioni, l'arrivo in prestito di Torres e Van Ginkel, la cessione di Cristante per 6 milioni, il no di Zaccardo che ha bloccato Biabiany. Possiamo fare diverse considerazioni.

1) E' vero, Galliani negli ultimi tre giorni di mercato è un vero maestro. L'ha dimostrato anche ieri e si merita applausi sinceri. Il problema è che ci sono anche gli altri 57 giorni. Se tu costruisci la squadra per tempo e alla fine aggiungi la ciliegina hai diritto di vincere il "premio condor", se concentri il 60% del mercato nelle ultime 72 ore rischi di volere un giocatore (Biabiany) e di prenderne un altro (Bonaventura, comunque davvero ottimo).

2) Il gruppo consegnato a Inzaghi è effettivamente competitivo, almeno rispetto a quelle che erano le premesse. Torres per Balotelli è un gran colpo. Menez, Diego Lopez, Armero e Alex sono ottime soluzioni a basso costo. In definitiva Galliani affida a Inzaghi una rosa rinforzata. Il problema sono le prospettive e la progettualità: l'età media della rosa è rimasta la stessa, il monte ingaggi non si è abbassato. Per Torres sono stati investiti oltre 15 milioni di ingaggio al lordo per un giocatore appartenente ad altro club. Francamente un'esagerazione.

3) La cessione di Bryan Cristante non ha senso. O meglio, ce l'ha se pensi che nei prossimi anni non varrà più dei 6 milioni incassati dalla cessione al Benfica. Viceversa, hai deciso di vendere uno dei pochi prospetti della rosa e di concentrare le tue attenzioni su un altro giovine: Van Ginkel. Solo che l'olandese non è tuo, e se disputa una grande stagione se lo riprende Josè, e se invece è un pippone te lo lascia volentieri. «Il ragazzo ha chiesto la cessione perché voleva giocare, il Benfica non ha concesso il prestito», ha detto lo stremato ad dopo lo sprint. Se non gli avessero piazzato l'olandese del Chelsea davanti (con l'innovativa clausola se-gioca-non-lo-paghi), magari Bryan sarebbe rimasto volentieri.

Non si arrabbierà il buon Mauro Suma se per una volta sarò io a fargli notare che proprio il 29 agosto scorso "Milan Channel" annunciò che il presidente Silvio Berlusconi in persona aveva detto no alla cessione del giovane Cristante. Così invece Galliani il 24 maggio 2012: "Non ci interessa allevare ragazzi per venderli a due lire, sono più contento se un ragazzo della Primavera va in prima squadra che se vinciamo lo scudetto Primavera". In ogni caso con Bonaventura è stata messa una gran bella pezza.

Molto più complessa la situazione in casa Inter. Il mercato in questo caso era stato progettato per tempo, pareva più che buono, ma la partita di Torino e certi chiari segnali venuti dal campo nelle settimane precedenti avevano fatto capire a tutti quanti che la squadra cercava e, soprattutto, necessitava di un giocatore per completare il reparto avanzato. Per molti giorni si è parlato a sproposito di Lavezzi, anche per bocca dello stesso presidente Thohir. Inutile ipotizzare l'ingaggio di un giocatore dallo stipendio stratosferico se le possibilità non superano il 10%; meglio tacere, altrimenti poi i tifosi (giustamente) si incazzano come iene. Per il resto Biabiany è stato scartato, Bonaventura invece abilmente "scippato" dai cugini. La rosa, vista l'impossibilità di piazzare Guarin, è infine rimasta invariata e lascia la sensazione che il club sia rimasto con il cerino in mano.

Il fatto è che, impedimenti di carattere economico a parte, più di una responsabilità ricade sull'atteggiamento di un mister che ha fatto di tutto per togliere al suo presidente la voglia di acquistare. Che senso ha investire su un attaccante se poi Mazzarri schiera mezza punta anche contro la Difendese (nome di club inventato)? E' ora che il tecnico toscano faccia chiarezza con se stesso e con i suoi tifosi: se nella sua testa esiste solo il 3-5-1-1 allora la rosa va bene così (a patto che il tecnico più pagato della A la sappia far girare), viceversa l'allenatore avrebbe dovuto osare di più: contro il Torino e a colloquio con i dirigenti nerazzurri. Sembra in definitiva che il tecnico non si sia scrollato di dosso l'etichetta di "provinciale", quella di un "allenatore calcolatore" che teme anche la sua ombra e dopo un anno non si è ancora accorto che guidare l'Inter significa osare, avere coraggio anche se la squadra non è quella del triplete. Inzaghi in questo senso può già dare lezioni al suo dirimpettaio.

Capitolo Juve. Diciamo la verità: anche in questo caso sono stati fatti degli errori. Non si è trattato di un problema di comunicazione, semmai di "azione". Marotta e soci avevano tutto il diritto di sfidare i colossi d'Europa per Falcao, ma solo se avevano in tasca un piano B anche solo di "medio livello". Alla fine, invece, i bianconeri sono stati spiazzati via dalle volontà di club troppo più potenti. Non è ammissibile che la Signora - reduce da tre scudetti di fila - si ritrovi a Verona con l'attacco ridotto all'osso. Coman è una meravigliosa realtà e il merito è degli stessi dirigenti, ma affidarsi a un ragazzino è un azzardo che la Juve doveva e soprattutto poteva evitare. Un serbatoio che annovera tra gli altri Immobile (poi venduto), Gabbiadini, Berardi e Zaza andava sfruttato in maniera decisamente più saggia.

Chiudo con le altre: la Roma prende il terzo difensore (Yanga-Mbiwa) per dimenticare Benatia. Uno tra il francese, Manolas e Holevas riuscirà a far dimenticare il marocchino. La Fiorentina infoltisce il centrocampo con Micah Richards e Kurtic. L'Hellas invece investe ancora nel "vintage": dopo le intuizioni Jorginho, Romulo e Iturbe, Sogliano quest'anno invece di guardare i Dvd ha sfogliato gli annuari Panini. Sperando nella "cura Toni", dopo Rafa Marquez arriva a Verona anche Javier Saviola: 33 anni e compagno del messicano al Barcellona addirittura nel 2003/04, l'anno in cui - per dire - Fernando Torres diventava a 19 anni capitano dell'Atletico Madrid. Coman invece andava alle elementari.

Fine. Son le 22.27 e mi levo dalle balle. Se succede qualcosa che rimescola tutto il brodo fate finta che non abbia scritto niente e portate pazienza. In fondo è l'ora di Breaking Bad e della bici nuova, quella che qualche figlio di maiala mi ha spazzato venerdì nella città dell'Expo. http://www.liberoquotidiano.it/news/milano/11681380/Milano--cosi-mi-hanno-rubato.html (Twitter: @FBiasin)


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.