HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Corsa Scudetto: chi s'è rinforzato di più in difesa?
  L'Inter con l'esperienza di Diego Godin
  La Juventus con l'acquisto di De Ligt
  Il Napoli affiancando Manolas a Koulibaly

La Giovane Italia
Editoriale

I colpi di Perez spiegano la decisione di Zidane (che era la prima scelta di Agnelli). L'allenatore della Juve e una triste battaglia. Calcio europeo da riformare: serve un compromesso

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
16.06.2019 11:18 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 69116 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Ci sarà tempo e modo di parlare della Juventus, del nuovo allenatore e di un racconto che meriterebbe studi sociologici approfonditi e non di un banale editoriale. Ma prima c'è da raccontare chi ha già operato, anche perché spiega con i fatti la decisione dell'allenatore che, lo scorso febbraio, era la prima scelta di Andrea Agnelli per la successione di Massimiliano Allegri: Zinedine Zidane.
Non era solo una questione di ingaggio quando, lo scorso 11 marzo, il tecnico francese si convinse a tornare alla guida del Real Madrid qualche mese dopo la decisione di dimettersi dallo stesso ruolo. Era una questione di progetto, di investimenti, di idee. Che certamente sono state schiarite dai 12 milioni di euro l'anno concordati con Perez, ma soprattutto da quanto gli era stato promesso allora dal presidente del Real Madrid. Promesse mantenute e la certezza che non è finita qui, che manca l'ultimo grande colpo: Paul Pogba.
Al momento, mentre in Serie A monitoriamo le ultime fasi del domino delle panchine, la campagna acquisti del Real Madrid recita così: Eden Hazard (100 milioni di euro) Luka Jovic (60 milioni di euro), Eder Militão (50 milioni di euro), Ferland Mendy (48 milioni di euro) e Rodrygo (45 milioni di euro). Oltre 300 milioni di euro già spesi per rifondare una squadra che, per i più critici ma anche per lo stesso Zidane, doveva esser rifondata già dopo la vittoria in finale contro il Liverpool. La rivoluzione è invece arrivata un anno dopo ma è arrivata in grande stile: il Real Madrid s'è già imposto come protagonista indiscusso dell'estate 2019 e proprio con questi colpi programmati nei primi giorni di Primavera ha convinto Zizou a tornare. Spiazzando in questo modo anche la Juventus.

Siamo agli sgoccioli di tre settimane in cui a rubare titoli, prime pagine e commenti sono stati gli allenatori. Il valzer delle panchine, che ha raccontato di pochi colpi di scena e tanti rifiuti, è stato alla fine meno roboante rispetto a quanto ci si potesse aspettare un mese fa: delle 20 squadre che parteciperanno alla prossima Serie A in 13 hanno confermato il tecnico con cui hanno concluso il precedente campionato. Hanno cambiato in sette e non s'è trattato di cambi banali: Conte-Inter, Fonseca-Roma, Giampaolo-Milan, poi Di Francesco, Andreazzoli e Juric. Chiuderà il cerchio la Juventus, lo chiuderà con Maurizio Sarri che diventerà il nuovo allenatore bianconero dopo settimane in cui un virtuale campo di battaglia ha preso il posto di quella che dovrebbe essere la cronaca.
Da un lato i tifosi, che hanno coltivato il sogno Guardiola oltre la reale trattativa e in alcuni casi - sullo spazio astratto del web - hanno cominciato a offendere chiunque raccontasse qualcosa di diverso. Senza alcun rispetto. Dall'altro giornalisti che non si sono limitati alla mera cronaca (e cioè di una Juventus che ormai da giorni ha concentrato le sue attenzioni unicamente su Sarri), ma hanno cominciato a deridere tifosi che continuavano/continuano a sperare nell'arrivo di Guardiola e a offendere colleghi, insider o pseudotali che su quel fuoco continuavano/continuano a soffiare perché portatori di fonti diverse. Senza alcun rispetto.
Una battaglia senza senso. Come se poi ognuno non dovesse rispondere alla propria coscienza. Come se non fossero poi le notizie da sole, senza strombazzamenti di ogni sorta, a costruire la credibilità. Come se le notizie fossero solo un supporto a una contesa medievale da sbandierare un'ora sì e l'altra pure. Come se il web non conservi tutto, coi rischi e le consapevolezze che questo comporta.
Sarebbe da darsi tutti una calmata, ma il vento di questi tempi soffia in tutt'altra direzione, purtroppo. E non solo quando si parla di calcio.

A proposito di buonsenso, la chiusura ermetica di tutte le Federazioni nazionali in merito alla possibilità di riformare le competizioni europee a partire dal 2024 non va in questa direzione. Su un punto hanno ragione: la nuova Champions League non può diventare una competizione blindata, non può essere così esclusiva e svilire completamente i campionati nazionali. Così il gioco non funziona, ma per la verità non funziona nemmeno adesso perché i campionati sono troppo lunghi e troppo noiosi.
Oggi sulle nostre colonne leggerete uno speciale di Gaetano Mocciaro (dalle 10.15, ogni 30 minuti) in cui viene analizzata la situazione non solo nei grandi campionati europei, ma anche in quelli che si conoscono meno. Emergono tante realtà diverse accomunate però da due punti: no alle riforme, si alla prosecuzione dei campionati nazionali. Che però un po' ovunque (con la Premier come unica vera eccezione) sono dominati sempre dalle stesse squadre. Con le conseguenze nefaste in termini di appeal e spendibilità che questo comporta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

I ritardi dell'Inter scuotono Conte. Sarri ha bisogno di tempo ma Higuain andrebbe ceduto solo in un caso. Milan, un cantiere aperto 22.07 - Finalmente il pallone ha ricominciato a rotolare. Dall'altra parte del mondo, con una umidità del 70% ma in orari perfetti per noi italiani. Tra una pasta fredda e una granita in spiaggia, alle 13.30, abbiamo visto la prima Inter di Conte e la prima Juventus di Sarri. Subito due sconfitte...

Editoriale DI: Marco Conterio

L'estate da globetrotter di Paratici, la frecciata sbagliata di Conte ad Ausilio. E' l'estate dei ds al centro del mercato: il nuovo corso di Parma, Bologna, Fiorentina e non solo 21.07 - Il mercato italiano che torna sulla mappa del calcio internazionale è già, di per se, una notizia. Importante, fondamentale. Un piccolo passo, la Juventus è il grande traino ma anche l'Inter del nuovo corso la sta seguendo su un'importante scia. Il lavoro dei direttori sportivi, Fabio...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli, tutte le mosse: James Rodriguez, Lozano, Icardi e Pépé. Verdi ai saluti: è sfida Samp-Toro. Demiral e Correa, il Milan prova ad accelerare, anche se le richieste di Juventus e Atletico Madrid sono alte. Fiorentina, ecco gli obiettivi 20.07 - L’affare James Rodriguez è diventato complicatissimo. Il Napoli era convinto di poter intraprendere la strada del prestito con diritto di riscatto e in un primo momento sembrava che Florentino Perez avesse aperto a questa possibilità, grazie anche al lavoro di Jorge Mendes. Il si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Neymar si offre alla Juve, il Psg chiede Dybala. Operazione da 200 milioni. Milan, arriva Correa dall’Atletico, via Cutrone e Andrè Silva. Conte insiste per Lukaku, l’Inter va avanti. Dzeko, si tratta. Con James e Icardi un Napoli da scudetto 19.07 - Le uniche cose certe sono due: Neymar vuole lasciare il Paris Saint Germain e il club francese deve vendere qualche giocatore per far cassa e mettersi in pace con il fair play finanziario. Come finirà? La soluzione arriva da una nota televisione brasiliana, Chiringuito Tv, che...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Fiorentina e Milan, idee da Champions, Juve ora le cessioni, Inter standby Lukaku, Rog va al Cagliari il Tottenham guarda in Italia 18.07 - Partiamo dalla fine da una cena fra Inte e Fiorentina a Milano dove magari si sarà continuato a parlare di Borja Valero, visto che le due società si erano già viste nel corso del pomeriggio per continuare a capire quali potevano essere i margini per il ritorno del centrocampista spagnolo...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Finalmente Juventus e Napoli hanno contattato l’Inter per Icardi! Ma l’Inter non ci sta, prezzo alzato per la Juventus! Il Napoli non affonda il colpo. Come su James Rodriguez… Le cifre di De Ligt. De Rossi-Boca Juniors, Benedetto-Marsiglia 17.07 - La guerra totale Inter-Juventus riscrive nuove pagine, settimana dopo settimana. Nella passata si era registrata l’azione di disturbo della Juventus su Lukaku, rivelatasi come vi avevamo anticipato una bufala completa, non a caso non c’è stato alcun seguito - e come potrebbe essere....

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: finalmente De Ligt, il colpo per la Champions. Inter: l'idea e i calcoli del club per il centrocampo (e su Dzeko e Lukaku...). Milan: Bennacer fatto e... occhio a Suso. Roma: la mossa per Veretout e il caso-Zaniolo. Napoli-James,tocca a Mendes 16.07 - Ho visto la partita di tennis. Molti l’hanno vista. È stata bellissima. Se vi piacciono il tennis e lo sport in generale avete certamente goduto come ricci. Dicono che i ricci siano dei grossi trombatori: ci fidiamo. Una volta ho incontrato Federer. È successo un anno fa. Alla fine...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Buona la prima di Conte ma servono i bomber. Chiesa, giorni decisivi. Il Milan ha fretta ma bisogna sacrificarne uno. Palermo, fai presto... 15.07 - A metà luglio, dopo 7 giorni di lavoro, non si può giudicare una squadra e le indicazioni di un allenatore. Qualcosa, però, di Conte a Lugano già si è visto. Gli esterni larghissimi sulle linee e i centrocampisti che vanno sempre al tiro. Non si può giudicare una squadra senza attaccanti...

Editoriale DI: Andrea Losapio

L'Inter defenestra Icardi, chissà che alla fine non rimanga. C'è solo la Juventus, ma James non basta ad accorciare il gap 14.07 - Niente summer tour in Asia per Mauro Icardi. La notizia del giorno è che, oltre a essere fuori dai piani dell'Inter, alla fine l'argentino è proprio uscito dalle priorità. Mai, in anni recenti, i nerazzurri si erano comportati così. Spesso c'erano le correnti, chi era più legato a...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

James Rodriguez al Napoli si fa, a centrocampo arriva Elmas. Verdi verso il Torino. Inter, se Nainggolan parte occhio a Vidal ma dipende dalle richieste del Barcellona. La Roma aumenta il pressing su Higuain, resta però il nodo ingaggio 13.07 - James Rodriguez e il Napoli sono vicini. L’operazione procede spedita e la sensazione è che si sia arrivati ormai alla fase caldissima della trattativa. L’attaccante colombiano vuole il Napoli, Ancelotti lo considera il miglior acquisto possibile per aumentare la qualità della squadra....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510