VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

I migliori 10 personaggi del 2015: Giuntoli top player, Allegri meglio di Conte...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
21.12.2015 12:36 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 36922 volte
© foto di Federico De Luca

Avremmo potuto scrivere di uno stranissimo conflitto di interessi che si sta venendo a creare nel mondo del calcio, ma ci sarà tempo per affrontare l'argomento, anche perché sarebbe da penale. Potremmo parlare delle elezioni del nuovo Presidente di Lega Pro, ma è la settimana di Natale e vogliamo essere tutti più buoni. Domani si vota per il N°1 della serie C e abbiamo scoperto che Gravina e Ghirelli hanno litigato prima di governare, che qualcuno ha provato fino all'ultimo a spostare le elezioni perché in difficoltà e che due candidati su tre hanno provato a diventarne uno solo. Vedremo domani come andrà: importante è che i Presidenti votino per il bene della Lega e non per ottenere un posto in Consiglio, anche perché ne sono stati promessi talmente tanti che servirebbero 15 posti. Addirittura ci potremmo trovare in Consiglio la Presidentessa della Maceratese che non conosce neanche la differenza tra un fuorigioco attivo e passivo e che se si trova lassù è solo per merito del suo allenatore. Dicevamo che a Natale siamo tutti più buoni, allora votiamo i 10 che si sono maggiormente distinti nel 2015. Settimana prossima, passato Natale, voteremo i 10 peggiori... Abbiate pazienza.

Ecco i migliori, dal decimo al primo:

10) Roberto Mancini
La prima parte dell'anno non è particolarmente ricca di soddisfazioni per il Mancio che torna in Italia ma non riesce a rimettere in carreggiata l'Inter. Lavora, non fa drammi e nella seconda metà dell'anno costruisce una squadra per vincere e riporta il club a lottare per lo scudetto. Idee chiare e manager di livello europeo per un calcio italiano senza grandi trascinatori.

9) Claudio Ranieri
Rifiutò, in estate, il Cagliari per la Premier. Fotografia di quanto siamo fessi in Italia. Il mister che guida il campionato più difficile del mondo noi lo volevamo in una squadra di serie B. Altro che vecchio, è più moderno di tanti giovani allenatori che credono di avere in tasca la verità. Vai Nonno Claudio, hai dato uno schiaffo morale anche a Josè.

8) Massimo Rastelli
Meglio di così non avrebbe potuto fare. Nel 2015 sfiora la serie A con l'Avellino e una traversa di Bologna infrange i sogni suoi e dei tifosi irpini. Il Cagliari gli fa firmare un contratto importante per riportare i sardi in serie A e sta viaggiando ad una media impressionante. Di questo passo chiuderebbe a 90 minuti il campionato.

7) Fabrizio Corsi
E' la dimostrazione che la società quando è sana può permettersi di tutto. Perde Sarri e lo sostituisce con un allenatore che veniva dalla serie C, raggiunge il sesto posto in classifica e continua a puntare sui giovani. Non è una favola ma frutto della programmazione.

6) Paulo Dybala
A Palermo si fa notare e la Juventus gli fa firmare il contratto della vita. L'impatto con il grande calcio è eccezionale e oggi Marotta si gode l'investimento fatto. Grandi potenzialità ma soprattutto grande professionista, al contrario di gente come Balotelli che il suo talento lo ha sprecato in auto e discoteche.

5) Gino Pozzo
Un italiano in Premier. Conquista la promozione con il Watford al terzo tentativo e l'investimento di 25 milioni si moltiplica a dismisura. Costruisce una squadra competitiva anche per la Premier e addirittura adesso sogna l'Europa. Londra è la sua giusta dimensione. Udine gli stava stretta e adesso si sta godendo il suo giocattolino perfetto. Ieri 3-0 al Liverpool, giusto per augurarsi un buon Natale.

4) Roberto Stellone
Dalla Berretti alla serie A con grandissima dignità. Allenatore pacato e preparato. Bravissimo nella gestione del gruppo. In due anni ha vinto Lega Pro e serie B. Pronto per il grande salto.

3) Maurizio Sarri
Al primo anno di Napoli era più facile bruciarsi che esaltarsi. L'impatto è negativo ma dura poco. Con il lavoro sistema la difesa e punta al tricolore. Dovrebbe, però, smettere da subito con i piagnistei che non lo contraddistinguono. Queste cose le lasci a Mourinho e Garcia.

2) Massimiliano Allegri
La Juve senza Conte sarebbe morta, invece, è Conte che senza la Juve ha perso tanto. Allegri addirittura migliora il lavoro del suo predecessore. Scudetto e finale di Champions. Quest'anno si è incartato all'inizio ma adesso è in grandissimo spolvero, pronto per tornare a lottare per il tricolore. Fiuuuu.

1) Cristiano Giuntoli
Ha vinto due volte: la favola del Carpi non era del Carpi ma di Giuntoli. Con il senno del poi ha dimostrato che era solo farina del suo sacco. Svuotato il sacco, il Carpi è tornato quello che era e lui si sta mettendo in grandissima evidenza a Napoli. L'unico direttore sportivo che potrebbe fare l'allenatore per competenze tecniche. L'unico che conosce i calciatori. Se parli con gli altri direttori fanno solo confusione, poi devono chiedere ai collaboratori o andare su internet. Parli 20 minuti con Giuntoli e ti fa le fotografie integrali di tutte le squadre di serie A, serie B e Lega Pro. Non credevo in così tanta competenza, oggi bisogna fare i complimenti a De Laurentiis per aver individato gli uomini giusti per il nuovo percorso del Napoli.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.