VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Mercato stellare per il Milan: i rossoneri sono da Scudetto?
  Sì, a patto che arrivi un grande attaccante
  No, la Juventus resta sempre più forte
  No, ha davanti comunque sempre Roma e Napoli
  Sì, già così è da Scudetto

TMW Mob
Editoriale

I migliori 10 personaggi del 2015: Giuntoli top player, Allegri meglio di Conte...

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
21.12.2015 12:36 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 36897 volte
© foto di Federico De Luca

Avremmo potuto scrivere di uno stranissimo conflitto di interessi che si sta venendo a creare nel mondo del calcio, ma ci sarà tempo per affrontare l'argomento, anche perché sarebbe da penale. Potremmo parlare delle elezioni del nuovo Presidente di Lega Pro, ma è la settimana di Natale e vogliamo essere tutti più buoni. Domani si vota per il N°1 della serie C e abbiamo scoperto che Gravina e Ghirelli hanno litigato prima di governare, che qualcuno ha provato fino all'ultimo a spostare le elezioni perché in difficoltà e che due candidati su tre hanno provato a diventarne uno solo. Vedremo domani come andrà: importante è che i Presidenti votino per il bene della Lega e non per ottenere un posto in Consiglio, anche perché ne sono stati promessi talmente tanti che servirebbero 15 posti. Addirittura ci potremmo trovare in Consiglio la Presidentessa della Maceratese che non conosce neanche la differenza tra un fuorigioco attivo e passivo e che se si trova lassù è solo per merito del suo allenatore. Dicevamo che a Natale siamo tutti più buoni, allora votiamo i 10 che si sono maggiormente distinti nel 2015. Settimana prossima, passato Natale, voteremo i 10 peggiori... Abbiate pazienza.

Ecco i migliori, dal decimo al primo:

10) Roberto Mancini
La prima parte dell'anno non è particolarmente ricca di soddisfazioni per il Mancio che torna in Italia ma non riesce a rimettere in carreggiata l'Inter. Lavora, non fa drammi e nella seconda metà dell'anno costruisce una squadra per vincere e riporta il club a lottare per lo scudetto. Idee chiare e manager di livello europeo per un calcio italiano senza grandi trascinatori.

9) Claudio Ranieri
Rifiutò, in estate, il Cagliari per la Premier. Fotografia di quanto siamo fessi in Italia. Il mister che guida il campionato più difficile del mondo noi lo volevamo in una squadra di serie B. Altro che vecchio, è più moderno di tanti giovani allenatori che credono di avere in tasca la verità. Vai Nonno Claudio, hai dato uno schiaffo morale anche a Josè.

8) Massimo Rastelli
Meglio di così non avrebbe potuto fare. Nel 2015 sfiora la serie A con l'Avellino e una traversa di Bologna infrange i sogni suoi e dei tifosi irpini. Il Cagliari gli fa firmare un contratto importante per riportare i sardi in serie A e sta viaggiando ad una media impressionante. Di questo passo chiuderebbe a 90 minuti il campionato.

7) Fabrizio Corsi
E' la dimostrazione che la società quando è sana può permettersi di tutto. Perde Sarri e lo sostituisce con un allenatore che veniva dalla serie C, raggiunge il sesto posto in classifica e continua a puntare sui giovani. Non è una favola ma frutto della programmazione.

6) Paulo Dybala
A Palermo si fa notare e la Juventus gli fa firmare il contratto della vita. L'impatto con il grande calcio è eccezionale e oggi Marotta si gode l'investimento fatto. Grandi potenzialità ma soprattutto grande professionista, al contrario di gente come Balotelli che il suo talento lo ha sprecato in auto e discoteche.

5) Gino Pozzo
Un italiano in Premier. Conquista la promozione con il Watford al terzo tentativo e l'investimento di 25 milioni si moltiplica a dismisura. Costruisce una squadra competitiva anche per la Premier e addirittura adesso sogna l'Europa. Londra è la sua giusta dimensione. Udine gli stava stretta e adesso si sta godendo il suo giocattolino perfetto. Ieri 3-0 al Liverpool, giusto per augurarsi un buon Natale.

4) Roberto Stellone
Dalla Berretti alla serie A con grandissima dignità. Allenatore pacato e preparato. Bravissimo nella gestione del gruppo. In due anni ha vinto Lega Pro e serie B. Pronto per il grande salto.

3) Maurizio Sarri
Al primo anno di Napoli era più facile bruciarsi che esaltarsi. L'impatto è negativo ma dura poco. Con il lavoro sistema la difesa e punta al tricolore. Dovrebbe, però, smettere da subito con i piagnistei che non lo contraddistinguono. Queste cose le lasci a Mourinho e Garcia.

2) Massimiliano Allegri
La Juve senza Conte sarebbe morta, invece, è Conte che senza la Juve ha perso tanto. Allegri addirittura migliora il lavoro del suo predecessore. Scudetto e finale di Champions. Quest'anno si è incartato all'inizio ma adesso è in grandissimo spolvero, pronto per tornare a lottare per il tricolore. Fiuuuu.

1) Cristiano Giuntoli
Ha vinto due volte: la favola del Carpi non era del Carpi ma di Giuntoli. Con il senno del poi ha dimostrato che era solo farina del suo sacco. Svuotato il sacco, il Carpi è tornato quello che era e lui si sta mettendo in grandissima evidenza a Napoli. L'unico direttore sportivo che potrebbe fare l'allenatore per competenze tecniche. L'unico che conosce i calciatori. Se parli con gli altri direttori fanno solo confusione, poi devono chiedere ai collaboratori o andare su internet. Parli 20 minuti con Giuntoli e ti fa le fotografie integrali di tutte le squadre di serie A, serie B e Lega Pro. Non credevo in così tanta competenza, oggi bisogna fare i complimenti a De Laurentiis per aver individato gli uomini giusti per il nuovo percorso del Napoli.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
L'Inter e i giovani di qualità, la Juve e le trattative ad oltranza, la rosa degli attaccanti del Milan. Roma: non solo Defrel 20.07 - Cominciano ad intrecciarsi le strade di Inter e Juve. Non poteva esser altrimenti, non possono rimanere lontane. E allora mentre si definiscono i dettagli per l'operazione di Vecino con la Fiorentina e il suo agente (la Fiorentina dovrebbe far sapere come preferisce che venga pagata...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan, problema Bacca… Inter, un terzetto per decollare! Cassano? Ma stiamo scherzando? La bicicletta di Djalminha, l’età di Taribo West 19.07 - Eccomi qui… Sono reduce da una trasferta “calcistica” che mi ha emozionato. Sono stato a Londra, alla O2 Arena, per lo Star Sixes, il torneo delle leggende del calcio. Ben 120 ex giocatori a duellare per dimostrare che la classe non ha età (se non lo sapete, ha vinto la Francia con...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti alle sorprese, anche pericolose! Milan: ecco i soldi per il Gallo. Inter: 3 novità e altrettante "pillole di fiducia". Napoli: la giusta scelta (ma c'è un pericoloso neo...) 18.07 - PREAMBOLO Ciao. Questo dovrebbe essere il 450esimo editoriale da me scritto su Tmw. Ho fatto dei calcoli di massima. Iniziai nel 2008, avevo ancora i capelli, ho saltato quasi mai. Anzi no, una volta fui costretto alla resa a causa di un attacco di acetone perforante. Scaliamo...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Bonucci in due giorni, per Dalbert sono due mesi. Fassone e Mirabelli, scudetto al mercato ma in campo serve tempo. Branchini, c'era una volta il Re del mercato... E c'è ancora! 17.07 - I tifosi del Milan hanno lasciato, lo scorso maggio, San Siro delusi e stanchi dell'ennesimo campionato mediocre del diavolo. Si facevano due domande: "Il prossimo anno ci abboniamo? Ma questi cinesi che razza di cinesi sono?". Sembra passata una vita e, invece, sono solo due mesi....

EditorialeDI: Marco Conterio

Dalla Juventus al Milan, dall'Inter alla Roma e non solo: i retroscena sui colpi che preparano adesso le grandi d'Italia. E' anche il mercato dei procuratori: tutti gli affari già a segno 16.07 - E' una splendida estate. Inattesa. Il Milan s'è preso la copertina ma mica è finita. Già, perché adesso la premiata coppia Fassone-Mirabelli cerca la ciliegina in attacco e non è da escludere che per il centrocampo arrivi pure un altro colpo con Suso possibile partente. E' da Scudetto?...

EditorialeDI: Mauro Suma

Allegri: da Pirlo a Bonucci. Donnarumma: nessuna reciprocità. Napoli: l'esperimento del non mercato 15.07 - Quando c'è una diaspora che scuote le pareti dello stomaco di una tifoseria, Massimiliano Allegri si trova nel mezzo. Andrea Pirlo nel Milan del 2012, Leonardo Bonucci nella Juventus del 2017. Max cozza senza volerlo con i caratteri di alcuni big: loro non si aspettano in un uomo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Bonucci capitano del Milan: tutti i retroscena sul divorzio dell'anno. Episodi inquietanti. Ha vinto Allegri. Epurazione, anche Cuadrado e Mandzukic in partenza. In arrivo Manolas. Viola, caos Kalinic 14.07 - Bonucci al Milan è il divorzio dell’anno e forse anche di più. Non siamo infatti solo davanti a un semplice trasferimento a sorpresa, questa vicenda racconta di una Juventus in ebollizione e trasformazione che sta cercando di porre fine a un evidente strappo di spogliatoio iniziato...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Milan grandi idee (Bonucci), Juve-Schick, Roma e gli attaccanti... 13.07 - L'idea è ambiziosa, esattamente come il Milan del nuovo corso. Finora nessun contatto, neanche ufficioso, fra le società. Ma i rossoneri pensano a Bonucci. Hanno cominciato a sondare il terreno, a parlare con il procuratore del ragazzo (l'altro ieri Lucci era a casa Milan anche per...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, ora un addio eccellente… Milan-Gigio, tutto dimenticato? Roma-Nainggolan, resa dei conti! Inter, quanti sogni. E intanto Roberto Carlos fa 9… 12.07 - Ancora una volta, la Juventus sta mostrando gli artigli. Dopo un inizio di calciomercato soporifero, Marotta e compagni hanno deciso di inserire le marce alte. Douglas Costa è un fenomeno. In un calcio molto tattico come quello italiano, avere uno, come il brasiliano, che salta l’uomo...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve, non solo Douglas: altri 2 colpi “da Champions” (uno nascosto). Inter: la strategia su Nainggolan, il patto con Dalbert e la “tecnica-Spalletti”. Milan: dietro al super-mercato c’è un piano preciso (e occhio al Gallo…) 11.07 - (A fine editoriale mi lascio andare a un delirio da ricovero coatto. Non fateci caso, è il caldo). Buondì. Oggi volevo ragionare con voi di emoticon. Le faccine che sorridono, che piangono, il simbolo della merda col sorriso, il dito all’insu, le corna, l’omino che corre, il vecchio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.