HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?
  Barcellona
  Juventus
  Manchester United
  Liverpool
  Manchester City
  Ajax
  Porto
  Tottenham

La Giovane Italia
Editoriale

I primi clamorosi ma non confermati spifferi sul Pallone d'Oro e il premio più incerto dell'ultima decade. Fenomeni contro Francesi ma può essere l'anno della rivoluzione di Modric

Nato a Firenze il 5 maggio del 1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker per Radio Sportiva ed è ora voce di RadioMonteCarlo Sport
18.11.2018 09:30 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 65408 volte

Urne chiuse. Così la discussione è ufficialmente pronta per proseguire, adesso senza più chance d'influenzare il giudizio dei 173 giornalisti aventi diritto di voto per il Pallone d'Oro del 2018 che sarà assegnato il prossimo 3 dicembre a Parigi. La redazione di France Football nelle scorse ore ha fotografato il plico di preferenze arrivate: 5 punti al primo, 3 al secondo, 1 al terzo. Il primo spiffero arrivato dalla Francia è di un collega di Radio France International: "Cristiano Ronaldo e Lionel Messi per la prima volta nella storia fuori dal Podio". L'informazione sarebbe arrivata da fonti vicine a Canal Plus nelle mani di Eric Mamhrut. Da FF tacciono, non confermano, rimbalzano ogni domanda, richiesta di informazione sottobanco. Giustamente. Però la chiacchiera fa rumore e basta che riuniate qualche amico, che apriate un qualsivoglia gruppo WhatsApp chiedendo "chi merita il Pallone d'Oro?" per scatenare un putiferio.

La sosta delle Nazionali è buona per fare il punto su quel che è stato. Su chi sono i favoriti della lista dei 30 dove, francamente, ci sentiamo di mettere nel novero del papabile podio al massimo sei nomi e non oltre. I due plurivincitori, chiaramente. Poi Antoine Griezmann, Kylian Mbappé, Luka Modric, Raphael Varane. Tra poco entriamo nello specifico dei nomi ma è giusto rifarsi alle parole di Mbappé per chiarire un aspetto: "Non credo che uno di loro, Messi e Ronaldo, vincerà quest’anno il Pallone d’Oro perché in questa stagione c’è stato il Mondiale, che ha la precedenza. Sarebbe un peccato se non venisse premiato un francese, dato che al Mondiale abbiamo fatto la storia". Ma è giusto così? Con Fabio Cannavaro fu così. Ma non con Andres Iniesta, per esempio...

Sia concesso a chi picchia sui tasti la licenza da Bar Sport, ovvero esprimere la propria non richiesta e inutile preferenza. La crocetta va su Raphael Varane, e i capelli dei più si drizzeranno ma c'è una spiegazione che sembra quanto meno logica. Varane è il prototipo del difensore moderno, spada e fioretto. Nessun giocatore potrebbe prenderne il posto al Real Madrid, in questo momento e per il 2018 che ha giocato, e per quel che ha vinto, Champions League e Mondiale, da protagonista e da titolare, lo merita lui. Mbappé? In Europa, fallimentare, col PSG. Ronaldo? Non ha inciso nella Liga e nel Mondiale. Di Messi, tra Europa e Russia, non ne parliamo, Griezmann ha fatto bene al Mondiale ma per il resto ha il cerino in mano (dimenticanza di chi scrive: ha vinto l’Europa League). E Modric è stato sì bravissimo in Champions, dove però ha fatto meglio CR7. E al Mondiale ha alzato la Coppa della gloria, non quella vera e concreta.

Chiusa l'irrichiesta parentesi, giusto ora capire più razionalmente perché ognuno di questi dovrebbe vincere. E perché no. Varane per i motivi di cui sopra, s'intende, ma non ha certo la classe di Ronaldo, i tocchi di Modric, non ha deciso le partite al Mondiale come Griezmann. Insomma, è un gran difensore, ma non ruba cuore e anima come i Grandi. Perché dovrebbe vincere il croato? Semplice. E' stato il miglior giocatore dell'ultimo Mondiale ed è arrivato in finale con la Croazia, non certo con l'Argentina o col Brasile. Con la Croazia. E lui, a differenza di Lionel Messi o di Neymar, è arrivato in fondo, da protagonista e vincitore, anche alla Champions League. Però non ha vinto la Liga, stravinta dalla Pulga, e in fondo a Mosca ha perso contro la Francia. E in quel Real, in fondo, le rovesciate erano di Cristiano Ronaldo. Ecco, appunto, CR7. Come può vincere il titolo di migliore del 2018 uno che non ha vinto il campionato ed è uscito addirittura agli ottavi nell'anno del Mondiale? "Fatele voi quelle rovesciate", verrebbe da dire e rispondere. Una Champions da protagonista, sì. Ma in finale l'ha visto Bale, il mondo alla rovescia. Così potrebbe essere l'anno della rivoluzione, il primo in cui lui o Lionel Messi non vincerà. L'argentino non è considerato nel podio potenziale però... Come puoi lasciar fuori il miglior talento puro della storia moderna del calcio? Sacrilegio. Conta quello o conta l'anno solare? Discussione eterna. Chi dice di meritarlo è Antoine Griezmann, gol e mirabilie in Russia, in rete anche nella finale contro la Croazia. Sì, però con l'Atletico Madrid che ha vinto se non la seconda coppa europea*?

Sicché ognuno ha pro e contro. Ha un punto a favore e uno contrario. Per i bookmakers Luka Modric è nettamente in testa. Le quote sarebbero crollate per la vittoria del croato che sembra vicino al possibile titolo. A seguire, Cristiano Ronaldo, poi Antoine Griezmann. A seguire, giù dal podio, ci sarebbero Raphael Varane, Kylian Mbappé, Lionel Messi e Mohamed Salah. Sono previsioni ma le quote del 10 del Real sono andate a picco. Andrà così? Gli spifferi, non confermati, non smentiti, dicono che Cristiano Ronaldo e Lionel Messi sarebbero addirittura giù dal podio, per una tre posti di testa con Modric davanti a Varane e Mbappé. Un centrocampista, un difensore e un giovane Fenomeno. Se dev'essere Rivoluzione, in fondo, che Rivoluzione sia fino in fondo...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Le scuse ad Allegri e le scuse di Spalletti: trova la differenza. Napoli, la strada per essere grande si fa in salita. Bologna, Sinisa ha smontato la testa. Gravina-Brunelli-De Siervo, asse contro Di Maio che vuole far perdere al calcio 2 miliardi 18.03 - La Toscana non è uguale in tutte le sue città. Firenze non è Livorno, Siena non è Pisa e Forte dei Marmi non è Grosseto. Ognuna di queste ha le sue bellezze. Anche i toscani sono diversi tra di loro. Ci sono quelli simpatici che fanno ridere e quelli che vogliono fare i simpatici...

Editoriale DI: Marco Conterio

Il Mondo capovolto: la Juve clamorosamente tra le grandi favorite Champions. Ajax, talenti e delusioni cocenti. Messi o Cristiano Ronaldo? Lo scontro possibile e il derby di oggi. Tutto di un altro pianeta 17.03 - Adesso che il cerchio si stringe, su Tuttomercatoweb.com abbiamo aperto il sondaggio che di per se ha poco d'originale, tanto di banale ma che ha il gran dubbio della risposta finale. "Chi è la favorita per la Champions 2018/2019?". Otto opzioni, di fatto i lettori ne stanno votando,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli: Insigne, Koulibaly e Allan restano. Per il centrocampo c’è Fornals, in attacco Lozano prima scelta. Per il futuro di Allegri bisogna aspettare ancora, Conte e Deschamps nomi da monitorare. Il Real ripensa a Milinkovic Savic 16.03 - I motori si stanno scaldando. La Primavera in arrivo sta accendendo il mercato. Il Napoli è sempre molto attivo. Ancelotti e la società sono convinti di poter crescere ancora e per questo l’obiettivo è tenere tutti i big. Non c’è alcuna volontà di prendere in considerazione offerte...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter fuori dall’Europa paga caro il caso-Icardi. Un capitano vero avrebbe giocato. Zhang furioso lo vuole sul mercato. Derby ad alto rischio. Spalletti via, Conte ha chiesto tempo. Il caso Mourinho. 15.03 - L’Europa League era uno degli obiettivi stagionali, ora per non fallire completamente la stagione, all’Inter non resta che la caccia alla Champions, con il Derby alle porte, in un momento complicatissimo. Questa situazione drammatica è il frutto amaro del caso Icardi che da oltre...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Una Champions da sballo e il dominio inglese. L’orgoglio italiano di Napoli e Inter e la rivoluzione in casa Real 14.03 - Ora abbiamo le favolose 8 d’Europa. E nei giorni in cui si discute tantissimo della Brexit, le squadre della Premier danno un chiaro indirizzo: in Champions vogliono dettare loro la legge. L’ultima volta che si era verificato un evento del genere era esattamente 10 anni fa: Arsenal,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Attenzione Icardi: contatto e offerta Real Madrid! E nel frattempo l’Inter proibisce l’incontro con Zhang Hanno ucciso Allegri. Allegri è vivo! Come può non essere la Juventus la favorita della Champions? 13.03 - Juve da Champions negli occhi di tutti, ma c’è la precedenza al notizione su Icardi. E anche se incombe il derby e l’attualità, attenzione alla novità. Nella giornata di lunedì il Real Madrid (proprio nelle stesse ore dell'arrivo di Zidane) ha contattato l’entourage di Icardi. Un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la scelta di Zidane e il futuro di Allegri… nel giorno del giudizio. Inter: la pace solo a parole tra Icardi e Spalletti. Roma: c’è un vero, grande acquisto 12.03 - La prima cosa che mi viene da scrivere è che Zidane è tutto tranne che rincoglionito. I rincoglioniti non sanno scegliere il momento giusto, lui ha mollato Madrid un anno fa, ha capito che questa per gli amici spagnoli sarebbe stata una stagione fetente, si è fatto l’anno sabbatico...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve, la notte verità. Inter, basta frecciatine. Spalletti-Marotta chiudetevi nello spogliatoio. Roma, follia pura. Foggia, “Nember One” Venezia, da Vecchi-Zenga a Cosmi la gondola non gongola 11.03 - Potete raccontarci quello che volete. La cena tra Agnelli e Allegri, la Champions che è un’ossessione della stampa e non del club, che la partita di domani sera con l’Atletico Madrid sarà una come tante altre. Sappiamo e sapete che non è così. Domani, a Torino, ci sarà un bivio. Se...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Kean rischia di diventare un caso, sarà sacrificato in estate? La Roma pensa al casting, mentre l'Inter perde candidati alla panchina. Il Napoli può vincere l'Europa League 10.03 - L'Italia scopre, o meglio riscopre, Moise Kean, attaccante della Juventus, primo 2000 a giocare in Serie A. In un periodo in cui i minorenni vanno poco di moda, Donnarumma a parte, poteva sembrare un buon punto da cui ripartire anche per la nostra Nazionale, in preda a un'anemia di...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Roma: Sarri, Gasperini e Giampaolo idee per il futuro. Inter-Icardi patto fino al termine della stagione. Il Milan al lavoro per i rinnovi di Abate, Zapata, Suso e Donnarumma. Juventus, fari accesi su Joao Felix del Benfica 09.03 - L’addio a Di Francesco, la risoluzione consensuale con Monchi, l’arrivo di Ranieri e un futuro ancora da scrivere. La Roma cambia e guarda avanti, con un solo grande obiettivo: la qualificazione alla Champions League del prossimo anno, traguardo fondamentale. Ranieri resterà al timone...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510