HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

I primi clamorosi ma non confermati spifferi sul Pallone d'Oro e il premio più incerto dell'ultima decade. Fenomeni contro Francesi ma può essere l'anno della rivoluzione di Modric

Nato a Firenze il 5 maggio del 1985, è caporedattore di Tuttomercatoweb.com. Già firma de Il Messaggero e de La Nazione, è stato speaker per Radio Sportiva ed è ora voce di RadioMonteCarlo Sport
18.11.2018 09:30 di Marco Conterio  Twitter:    articolo letto 65790 volte

Urne chiuse. Così la discussione è ufficialmente pronta per proseguire, adesso senza più chance d'influenzare il giudizio dei 173 giornalisti aventi diritto di voto per il Pallone d'Oro del 2018 che sarà assegnato il prossimo 3 dicembre a Parigi. La redazione di France Football nelle scorse ore ha fotografato il plico di preferenze arrivate: 5 punti al primo, 3 al secondo, 1 al terzo. Il primo spiffero arrivato dalla Francia è di un collega di Radio France International: "Cristiano Ronaldo e Lionel Messi per la prima volta nella storia fuori dal Podio". L'informazione sarebbe arrivata da fonti vicine a Canal Plus nelle mani di Eric Mamhrut. Da FF tacciono, non confermano, rimbalzano ogni domanda, richiesta di informazione sottobanco. Giustamente. Però la chiacchiera fa rumore e basta che riuniate qualche amico, che apriate un qualsivoglia gruppo WhatsApp chiedendo "chi merita il Pallone d'Oro?" per scatenare un putiferio.

La sosta delle Nazionali è buona per fare il punto su quel che è stato. Su chi sono i favoriti della lista dei 30 dove, francamente, ci sentiamo di mettere nel novero del papabile podio al massimo sei nomi e non oltre. I due plurivincitori, chiaramente. Poi Antoine Griezmann, Kylian Mbappé, Luka Modric, Raphael Varane. Tra poco entriamo nello specifico dei nomi ma è giusto rifarsi alle parole di Mbappé per chiarire un aspetto: "Non credo che uno di loro, Messi e Ronaldo, vincerà quest’anno il Pallone d’Oro perché in questa stagione c’è stato il Mondiale, che ha la precedenza. Sarebbe un peccato se non venisse premiato un francese, dato che al Mondiale abbiamo fatto la storia". Ma è giusto così? Con Fabio Cannavaro fu così. Ma non con Andres Iniesta, per esempio...

Sia concesso a chi picchia sui tasti la licenza da Bar Sport, ovvero esprimere la propria non richiesta e inutile preferenza. La crocetta va su Raphael Varane, e i capelli dei più si drizzeranno ma c'è una spiegazione che sembra quanto meno logica. Varane è il prototipo del difensore moderno, spada e fioretto. Nessun giocatore potrebbe prenderne il posto al Real Madrid, in questo momento e per il 2018 che ha giocato, e per quel che ha vinto, Champions League e Mondiale, da protagonista e da titolare, lo merita lui. Mbappé? In Europa, fallimentare, col PSG. Ronaldo? Non ha inciso nella Liga e nel Mondiale. Di Messi, tra Europa e Russia, non ne parliamo, Griezmann ha fatto bene al Mondiale ma per il resto ha il cerino in mano (dimenticanza di chi scrive: ha vinto l’Europa League). E Modric è stato sì bravissimo in Champions, dove però ha fatto meglio CR7. E al Mondiale ha alzato la Coppa della gloria, non quella vera e concreta.

Chiusa l'irrichiesta parentesi, giusto ora capire più razionalmente perché ognuno di questi dovrebbe vincere. E perché no. Varane per i motivi di cui sopra, s'intende, ma non ha certo la classe di Ronaldo, i tocchi di Modric, non ha deciso le partite al Mondiale come Griezmann. Insomma, è un gran difensore, ma non ruba cuore e anima come i Grandi. Perché dovrebbe vincere il croato? Semplice. E' stato il miglior giocatore dell'ultimo Mondiale ed è arrivato in finale con la Croazia, non certo con l'Argentina o col Brasile. Con la Croazia. E lui, a differenza di Lionel Messi o di Neymar, è arrivato in fondo, da protagonista e vincitore, anche alla Champions League. Però non ha vinto la Liga, stravinta dalla Pulga, e in fondo a Mosca ha perso contro la Francia. E in quel Real, in fondo, le rovesciate erano di Cristiano Ronaldo. Ecco, appunto, CR7. Come può vincere il titolo di migliore del 2018 uno che non ha vinto il campionato ed è uscito addirittura agli ottavi nell'anno del Mondiale? "Fatele voi quelle rovesciate", verrebbe da dire e rispondere. Una Champions da protagonista, sì. Ma in finale l'ha visto Bale, il mondo alla rovescia. Così potrebbe essere l'anno della rivoluzione, il primo in cui lui o Lionel Messi non vincerà. L'argentino non è considerato nel podio potenziale però... Come puoi lasciar fuori il miglior talento puro della storia moderna del calcio? Sacrilegio. Conta quello o conta l'anno solare? Discussione eterna. Chi dice di meritarlo è Antoine Griezmann, gol e mirabilie in Russia, in rete anche nella finale contro la Croazia. Sì, però con l'Atletico Madrid che ha vinto se non la seconda coppa europea*?

Sicché ognuno ha pro e contro. Ha un punto a favore e uno contrario. Per i bookmakers Luka Modric è nettamente in testa. Le quote sarebbero crollate per la vittoria del croato che sembra vicino al possibile titolo. A seguire, Cristiano Ronaldo, poi Antoine Griezmann. A seguire, giù dal podio, ci sarebbero Raphael Varane, Kylian Mbappé, Lionel Messi e Mohamed Salah. Sono previsioni ma le quote del 10 del Real sono andate a picco. Andrà così? Gli spifferi, non confermati, non smentiti, dicono che Cristiano Ronaldo e Lionel Messi sarebbero addirittura giù dal podio, per una tre posti di testa con Modric davanti a Varane e Mbappé. Un centrocampista, un difensore e un giovane Fenomeno. Se dev'essere Rivoluzione, in fondo, che Rivoluzione sia fino in fondo...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510