HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Chi volete come centravanti dell'Italia a Euro2020?
  Ciro Immobile
  Andrea Belotti
  Mario Balotelli

La Giovane Italia
Editoriale

I primi passi del Milan, la missione di Paratici, gli obiettivi dell'Inter in Italia e all'estero. Si sistemano i ds e gli allenatori: il puzzle si compone...

13.06.2019 07:22 di Luca Marchetti   articolo letto 36241 volte
© foto di Federico De Luca

Il primo colpo il Milan lo ha messo a segno: Rade Krunic, dall'Empoli con una trattativa che andava avanti a fari spentissimi da almeno un mese e che Maldini, nonostante l'addio di Leonardo, ha voluto portare avanti. Una trattativa condivisa non solo con Gazidis ma anche con Boban (e Massara sullo sfondo, che nelle prossime ore si unirà al gruppo rossonero anche dal punto di vista formale: era a Milano proprio per definire i dettagli). Giocatore seguito a lungo durante l'anno (anche durante gli allenamenti...) e poi il colpo piazzato: 8 milioni di euro più bonus con un contratto di 4 anni al giocatore.

In attesa della chiamata per formalizzare il contratto Giampaolo si gode gli ultimi giorni di vacanza in compagnia di Galeone ed Allegri.

E' stata una giornata intensa per tutti: anche per la Juventus. Due giorni di missioni europee per Fabio Paratici. Il ds bianconero è stato prima in Francia (a Parigi) dove ha incontrato il Lione chiedendo nuovamente informazioni su Tanguy Ndombele, sul quale c'è stata un'offerta del Tottenham da 45 milioni e la Juventus vuole rimanere informata. E una chiacchierata è stata fatta anche per Amine Gouiri, attaccante del 2000 dei francesi. La seconda tappa del tour è stata a Londra dove certamente ha avuto un incontro con il Manchester United. Chiacchierata, ancora una volta per Pogba, nella quale si è accennato anche a Cancelo. Il terzino infatti sembrava diretto al City ma l'alta richiesta della Juventus e la necessità dei Citiziens di dover vendere prima Danilo hanno rallentato la trattativa. Così la Juve ne ha parlato anche con i Red Devils, magari per inserirlo in scambi o possibili operazioni da fare, perché no anche con lo stesso Pogba. Un contatto di persona per capire la reale valutazione del francese da parte dello United. Nel frattempo, sempre a Londra, si è fatto sotto l'Everton che vorrebbe prendere Moise Kean. Ma la presenza di Paratici a Londra non può non portare a Sarri. E non possiamo escludere un nuovo contatto con il Chelsea per il discorso Sarri. E' necessario trovare un accordo e alla fine è probabile che in qualche modo un indennizzo la Juventus debba pagarlo per l'allenatore. I Blues infatti dovranno pagare 3,5 milioni di pound per liberare Lampard. Per questo non sarebbero così convinti di dover lasciare Sarri gratuitamente (considerando che gli ultimi allenatori del Chelsea, Sarri compreso, sono arrivati sempre con pagamento di clausola). Insomma, come al solito, diplomazie al lavoro per portare alla conclusione anche questa situazione.

Infine, anche se non c'entra nulla con la trasferta europea, la Juventus ha le mani su Hamed Traoré dell'Empoli. La conferma è arrivata dal presidente Corsi. Ma Traoré non rimarrà a Torino. E' infatti il primo pensiero del Cagliari per la sostituzione (eventuale) di Barella. E qui arriviamo all'Inter.

Intanto c'è stato un nuovo incontro con l'Inter, stavolta con Giulini presente, a cena. Non si è arrivati ancora all'accordo e si continuerà a lavorare, con nuovi appuntamenti previsti nei prossimi giorni. Esce Eder, dal discorso contropartite (troppo complicata la situazione) ma non scema certamente l'interesse nerazzurro, anzi. Giulini ha parlato a Sky: "Barella ha molte richieste tanti club lo vogliono. Dopo 5 anni al Cagliari giusto che vada... può essere la volta dell'addio per vederlo in competizioni europee. Non ha accordi con alcun club così come non lo ha il Cagliari con nessuno. L'Inter è molto interessata a Barella come altri club, ha fatto una proposta seria, noi stiamo valutando ma ora non ci soddisfa". Ma è una strada da percorrere. Come da percorrere è la strada di Lazaro, esterno destro dell'Hertha Berlino. Presto ci sarà un incontro anche con i tedeschi per arrivare alla chiusura della trattativa.

Nel frattempo però l'Inter un colpo lo ha chiuso: Lucien Agoumé, centrocampista classe 2002 del Socheaux. I nerazzurri hanno visto gli agenti del giocatore in sede e hanno trovato l'accordo anche col club francese, a cui andranno 4,5 milioni di euro più bonus. Il giocatore è atteso a Milano la prossima settimana per firmare. Come la prossima settimana si perfezionerà il riscatto di Politano (dopo il pranzo con il Sassuolo) e con più "margine" (almeno di tempo) il rinnovo di D'Ambrosio. Capitolo uscite: accordo vicino con lo Standard Liegi per Vanheusden e Emmers per un'operazione complessiva da circa 20 mln.

Alla Fiorentina ha trovato il suo nuovo direttore sportivo: Daniele Pradé (un ritorno, in realtà). Al suo posto a Udine un altro ritorno: Pierpaolo Marino. Che però non potrà avere come braccio destro un'icona come Gabriel Omar Batistuta, con un ruolo da definire nel dettaglio, ma sicuramente non di rappresentanza. Ora subito al lavoro: prima l'incontro a NYC con Montella e poi la questione Chiesa.

Il Cagliari non si ferma invece alla trattativa per la cessione di Barella. Oggi rinnovato Cigarini, riscattato Cacciatore, respinta l'offerta dell'Atalanta per Pavoletti (a testimonianza del fatto che il Cagliari non ha affatto intenzione di smobilitare, soprattutto nell'anno del centenario, anzi). E la conferma di interesse per Defrel.

Ala Samp, altro incontro con Ferrero e Osti con Di Francesco: incontro interlocutorio, la risposta dell'ex allenatore della Roma è prevista entro il fine settimana. Ecco perché l'ipotesi Pioli non è affatto tramontata. All'Atalanta piace Ferrari del Sassuolo, alla Spal è arrivata un'offerta dell'Apoel Nicosia per Dickmann, al Genoa piacciono Scamacca (attaccante del Sassuolo e protagonista al Mondiale Under 20), e Pajac del Cagliari (lo scorso anno in prestito a Empoli da gennaio, già avuto da Capozucca a Frosinone). Il Parma dovrebbe acquistare a titolo definitivo Sepe per 4 milioni di euro: richiesti anche Rog (che era in prestito al Siviglia) e Ounas. Più difficile, nonostante l'ottima sinergia con il Napoli, il ritorno di Inglese.

Radu e la Lazio potrebbero dirsi addio: il club è pronto a lasciarlo andare senza pretendere indennizzi qualora arrivasse un'offerta gradita al giocatore. Mentre in entrata la Lazio è molto interessata a Jony, esterno del Malaga, ma lo scorso anno in prestito all'Alaves.

In Serie B riparte l'avventura di Inzaghi, con il Benevento. Mentre all'estero il centro del mercato per il momento è Madrid. Il Real ha ufficializzato Mendy, terzino del Lione: quarto acquisto dopo Militao, Jovic e Hazard, spesi in tutto circa 250 milioni di euro. In tutto questo mentre Griezmann è destinato al Barcellona, l'Atletico Madrid prova a prendere Joao Felix: è pronto a pagare i 120 milioni della clausola e a offrire 6 milioni a stagione al giocatore.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....

Editoriale DI: Luca Marchetti

Il Milan e i cambiamenti: un’altra ripartenza. La Samp e una scelta complicata 10.10 - Si è presentato Pioli, ma soprattutto hanno parlato nuovamente Gazidis, Maldini e Boban, nella conferenza stampa del loro nuovo allenatore. Le speranze di Pioli, i suoi buoni propositi, il suo modo di porsi e le idee che intende portare fanno sicuramente parte del suo mondo, del...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

La colpa del Milan è dei milanisti: è una squadra da sesto posto, accettatelo! Lasciare a Pioli il tempo non dato a Giampaolo. L’Inter non fa sconti: giusto non pagare 4.5 milioni per favorire Spalletti (e il Milan)? 09.10 - L’unica cosa positiva di tutta questa storia a tinte rossonere è che un galantuomo come Stefano Pioli avrà la possibilità di rifarsi. Dopo aver dato alla città di Firenze quello che nessun contratto avrebbe potuto prevedere - uno straordinario slancio umano per tenere la testa alta...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: 90 minuti semi-perfetti e un dato di fatto “pericoloso”. Inter: il mercato estivo, le prime critiche e la richiesta di Conte. Milan: Spalletti è il prescelto, Pioli l’alternativa (in grande ascesa), Giampaolo è già il passato 08.10 - Ciao. C’è la sosta: un grande classico ottombrino. Due belle settimane di rotture di balle e questa volta con una maglia verde in più, quella della Nazionale. Sapete cosa cambia la presenza della maglia verde rispetto alla noia mortale del “pausone”? Niente. Ma per annoiarci c’è gran...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Maldini, in cerca di esperienza e alla ricerca della classe (persa a Genova): ecco cosa è successo. A Firenze ho visto la luce... classe 1997 e non è Chiesa 07.10 - Siete pronti a leggere una bestemmia pubblica? Eccola: in tutto questo strazio, al Milan, il meno colpevole è Marco Giampaolo. Un allenatore bravo, un grande teorico, non sempre un eccellente pratico a tal punto che pochi anni fa per far ripartire la sua carriera è dovuto scendere...

Editoriale DI: Marco Conterio

Conte e la lezione dell'Inter alla Serie A. Sarri resta ancora una splendida scommessa. Che succede ad Ancelotti e al Napoli? 06.10 - Quanto conta un allenatore, nel rendimento di una squadra? Nelle partite e nei campionati? Domande, non risposte. Trovarle è sempre stata un arcano, quando sembrava d'avere il Graal è arrivato il santone a sovvertire le gerarchie. Un'annata a raccontare un altro percorso, un'altra...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510