HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato chiuso: quale big s'è mossa meglio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

I sogni del Napoli... sono realizzabili: lista inglese! Milan, che guaio! Mancini, la vera Italia del futuro è nei 2000-01. Una lista che fa sperare: ecco i nomi. Bluff seconde squadre: saranno in 4!

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
28.05.2018 08:40 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 45393 volte
© foto di Federico De Luca

Da oggi parte il periodo più bello dell'anno: si parte con il calciomercato, dove nulla è scontato. Non è scontata la vittoria dello scudetto e non è scontata neanche la vittoria della Champions League. Il fascino del mercato: il Real vince la terza Coppa dei Campioni consecutiva, Ronaldo dice due parole sul suo futuro e i titoli dei giornali spagnoli, il giorno dopo, sono su Ronaldo che lascia Madrid e non sulla vittoria della Champions. Viva il mercato. Quello che fa sognare, quello che fa spalancare gli occhi quando dici che Ancelotti si sta incontrando di nascosto, a Roma, con il Napoli e poche ore dopo arriva anche la foto con le pistole. Che Napoli. Più sorprendente sul mercato che in campo. Da oggi aprirete la app di Tuttomercatoweb 15 volte al giorno, in auto ascolterete solo RMC Sport e arrivati a casa vi metterete comodi sul divano per guardare Sportitalia. Questo è il profilo del vero malato di calciomercato. Sono tanti. Milioni. Per fortuna. Viva i malati.
Carlo Ancelotti sta lavorando sul nuovo Napoli. Da Londra è in contatto costante con Cristiano Giuntoli. Il Napoli farà cassa con le cessioni dei calciatori e andrà a spendere per, almeno, 2 top player più altri 3 calciatori funzionali al progetto di Ancelotti. Il nome per l'attacco è quello di Benzema. Senza se e senza ma è il primo della lista. Per la porta Rui Patricio. Il sogno, difficile, è Di Maria; ma - se De Laurentiis ha convinto Ancelotti - non ci meravigliamo più di nulla. Bene, togliamo Messi e Cristiano Ronaldo. Gli altri? Perché no? Il Napoli dovrà lottare per lo scudetto. Se Ancelotti sposa Napoli è per migliorare la posizione di Sarri e migliorarla significa vincere. Giocare bene non interessa più. Si vuole scendere in piazza. Non sarà facile, ma nel momento in cui Aurelio si è messo in casa Carletto si è caricato sulle spalle un bel macigno di responsabilità e pressioni.
Il vero dilemma del calcio italiano è il Milan. Suso può andare al Napoli, ma se la Uefa sarà cattiva con Fassone, allora, molti big potranno lasciare Milano. Oltre il danno di immagine arriverà il danno tecnico ed economico. C'è solo una soluzione che avevamo già paventato mesi fa: Elliott deve scendere in campo, risanare il club con i soldi, portarlo in due anni in Champions e trovare un acquirente serio. Elliott potrà puntare ancora su Fassone ma l'ombra di Galliani è sempre presente. Se il fondo si caricherà dell'onere di riportare in alto il Milan potranno cambiare, immediatamente, molte cose a Casa Milan. La situazione è complicata e di difficile lettura. Proprio per questo motivo non abbiamo la presunzione di dirvi come finirà. Non lo sa Fassone, non lo sanno in Uefa, non possiamo saperlo noi.
Sta nascendo la nuova Italia di Mancini ma, per favore, non chiamatela nuova. Ricicli, scarti, gente andata. Se questa è la nuova Italia mi viene il mal di pancia peggio di quando sogno Ventura la notte dopo aver mangiato pesante a cena con mia moglie. Se le convocazioni del Mancio sono il bigliettino da visita per il futuro, allora, meglio tornare a guardare l'Italia del 2006 su youtube. La nuova Italia deve guardare al futuro. Nessuno sa che l'Under 17 di Mister Nunziata ha dato lezione di calcio all'Europeo. Le scelte di Maurizio Viscidi risultano tutte indovinate. Sono i ragazzi di Viscidi la nuova Italia e non i convocati di Mancini. Avete seguito l'Europeo? Manco pà cap'... si dice dalle mie parti. Abbiamo perso, ai rigori, la finalissima con l'Olanda e a 7 dalla fine vincevamo 2-1. Gli orange ha vinto ai rigori quarti, semifinale e finale. Hanno alzato la Coppa con tre pareggi. Noi, invece, le altre le abbiamo vinte. Sicuramente avranno bravi rigoristi ma sui singoli ce li mangiamo. Under 17 e 19 sono rappresentate da sole tre Nazioni, presenti in entrambi i tornei. Italia, Portogallo e Norvegia. Francia, Inghilterra e Germania sono indietro. Per questo il lavoro di Viscidi e dei vari Nunziata e Nicolato deve farci sperare nella nuova Italia. Parliamo ancora di Balotelli ma non conosciamo Vergani, attaccante dell'Inter, anno 2001 che è stato eletto scarpa d'oro e capocannoniere dell'Europeo Under 17 con 4 gol nel torneo. Lo vedremo in Primavera con l'Inter, prossima stagione. Abbiamo dei top player, del 2001, come Russo, portiere del Genoa, il trequartista della Roma, Riccardi e il difensore centrale della Juventus, Gozzi. Un Thuram in versione millennial. Ragazzo di colore, africano ma italiano di adozione. Il futuro difensore della Juventus, Cherubini lo ha già in casa. Perché Federico Cherubini e Claudio Chiellini sono il motore della macchina e Paratici lo sterzo che non sbaglia una curva.
Infine un pensiero sulle seconde squadre. Per come sta nascendo il progetto è morto nella culla. Gravina sta cambiando mentalità ed economia della Lega Pro. I Presidenti gli devono solo mille grazie. Ha portato cultura e un campionato più avvincente. Se fossi in lui, però, frenerei sulle seconde squadre e rinvierei almeno di un anno. Così non ha senso. Parliamo di seconde squadre da 5 anni, modello spagnolo e poi le regole non sono chiare, sono contorte e volete sapere il progetto a quante squadre si ridurrà? Quattro. Milan, Juve, Inter e forse Atalanta. Torino e Udinese non vogliono mettere il milione e duecentomila euro per il ripescaggio. Piazzare quelle 4, divise in tre gironi, non cambia il nostro sistema e senza regole chiare rischia solo di creare confusione. Domanda: ma queste squadre B, poi, dove andrebbero a giocare? Fuori Provincia? Non ha senso. A Vinovo o Vismara? Non si può. Negli stadi della prima squadra? Non li aprono perché costerebbe troppo. Se questi sono i presupposti meglio aspettare e rinviare. Le seconde squadre possono servire al nostro calcio ma così è solo un gioco per ricchi. Abbiamo altre priorità.

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

L'umiltà di CR7 e una rosa pazzesca: il buongiorno della Juve. Il bilancio del mercato: la rinascita di Milano. De Laurentiis stecca, Ancelotti no. E' stata l'estate dei grandi agenti e intermediari 19.08 - L'antipasto del campionato, ripartito sotto i riflettori quando forse era lecito aspettarsi una più sensibile e umana commozione da parte delle alte sfere del nostro pallone, è stato quel che ci aspettavamo. Il Chievo che alza le sue Maginot, la Juventus ancora sulle gambe, Cristiano...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ancelotti valore aggiunto del Napoli, Emre Can farà la differenza alla Juventus, Inter mercato top, Milan può lottare per la Champions, Milinkovic Savic rinnova con la Lazio fino al 2023 18.08 - Come ogni estate arriva il momento del gong. Sono passate appena 4 ore dalla chiusura del mercato e l’adrenalina è ancora alle stelle. La prima riflessione che mi viene da fare è che è stato bellissimo, il più entusiasmante degli ultimi anni. E non solo perché è arrivato Cristiano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy