HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

I voti agli allenatori dopo il primo quarto di campionato: Spalletti e Ancelotti meritano di essere valutati meglio di Allegri; Di Francesco merita di essere valutato meglio di Gattuso. Ventura non classificabile - fortunatamente per lui…

Inviato di beIN Sports, opinionista per la CNN, ogni settimana presenta la Serie A in 31 paesi stranieri
31.10.2018 00:00 di Tancredi Palmeri  Twitter:    articolo letto 16917 volte

Diceva Giovanni Trapattoni che gli allenatori si dividono in due categorie: chi è già stato esonerato, e chi lo sarà.
Quest’anno il viaggio completo finora l’hanno percorso solo in due, Davide Ballardini e Lorenzo D’Anna. Dopo dieci giornate di Serie A, ovvero il primo quarto di campionato, è lecito poter dare i voti a quanto fatto finora dagli allenatori - ricordando che son mica bocciature, c’è tempo per affidarsi agli insegnati di sostegno (sempre che non ti espellano dalla scuola…).

GASPERINI (Atalanta): 5.5 - La botta dell’eliminazione in Europa League ha lasciato strascichi nella testa e nella preparazione. E in più, la gente ha cominciato a capire quanto importante fosse Ilicic, in sua assenza. Ma la freccia per Gasperini è verso l’alto: ha recuperato ordine tattico, ha rianimato le truppe, e l’Atalanta è in costante miglioramento.

F.INZAGHI (Bologna): 5 - L’inizio è stato disastroso, a dir poco. Squadra spenta, tattiche prevedibili, scelte incomprensibili. Però va ricordato che la squadra affidatagli è terribilmente impoverita. Adesso lentamente sta lavorando sui pochi motivi di fiducia. La strada è lunga.

MARAN (Cagliari): 6.5 - Pochi mesi ma ha già il comando chiaro della squadra. Integrato perfettamente in una società solida, ha un visibile piano tattico. Un paio di stop indiscriminati bilanciati da un paio di risultati importanti. Lavoro in ascesa.

VENTURA (Chievo): Non Giudicabile - Lo stesso voto che prese dopo Italia-Svezia. Ma lì perché il suo non era stato un lavoro giudicabile come quello di un allenatore professionista; qui invece perché oggettivamente dopo due partite sarebbe ingeneroso anche verso il peggiore dei nemici (tuttavia nelle due partite giocate finora, la squadra è sembrata andare completamente per i fatti propri).
D’Anna 5: incredibile come avesse quasi strappato il pareggio all’esordio con la Juve. Poi, penalizzazioni e limiti tecnici hanno eroso la fiducia.

ANDREAZZOLI (Empoli): 6 - A dispetto del terzultimo posto, l’Empoli ha esposto un calcio più che degno della Serie A. Paga i limiti difensivi, ma in 10 giornate non ha praticamente mai sbracato. Deve conservare l’autostima, e non potrà che crescere.

PIOLI (Fiorentina): 7 - Leggermente appannato ultimamente, ma in generale la Fiorentina dei ragazzi terribili è una delle vere novità di questo campionato. Guardate l’età media della squadra, e la (non) esperienza dietro.

LONGO (Frosinone): 5 - Avessimo scritto l’articolo 10 giorni fa, il voto sarebbe stato moooolto più basso. Ma i 4 punti nelle ultime due partite, e soprattutto le prestazioni quantomeno di carattere, indicano che quantomeno c’è l’impegno di andare oltre le proprie evidentissime lacune.

JURIC (Genoa): Non Giudicabile - Anche per lui due partite non possono fare testo. Ma l’outlook è totalmente diverso da quello mostrato da Ventura. Sembra continuare sull’onda lunga dell’ottimo lavoro impostato dal predecessore.
Ballardini 7: un esonero incomprensibile. La valorizzazione di Piatek. La lusinghiera posizione di classifica nonostante una difesa a tratti impresentabile. Non è un paese per allenatori.

SPALLETTI (Inter) 9: Sta facendo un lavoro pauroso. Questa Inter non sarebbe sulla carta nemmeno un poco seconda. L’anno scorso aveva preso 30 punti di distacco da Juve e Napoli. In Champions ha acceso le anime. Può perfino recriminare per sfortune arbitrali. Ma quello che è più importante, l’ha fatto con una costanza di prestazione a cui non è venuto meno, dal Tottenham in poi. Adesso arriva il più difficile storicamente per l’Inter: non illudersi e rimanere credibile.

ALLEGRI (Juventus) 8.5: In Serie A si è fermato solo mezza volta, ma oggettivamente il gioco è stato sicuro ma niente di particolare, spesso salvato dalla grazia e dalla tigna di Cristiano. In Champions però è dopo il Barcellona la squadra più forte vista finora. Del resto, essere sicuri in campionato gli basta.

S.INZAGHI (Lazio) 7: Gli si può rimproverare il fallimento nei big-match. Ma la Lazio non sbaglia tutte le altre partite, e il quarto posto è oltre le proprie possibilità, accompagnato dalla preziosisma vittoria europea a Marsiglia.

GATTUSO (Milan) 5: Il voto non è malaccio, perché alla fine con una vittoria contro il Genoa sarebbe quarto. Però certo è un’evidenza la povertà del gioco milanista, accoppiata a scelte di formazione davvero rivedibili, per non parlare del girone di Europa League dove dovrà sudare fino all’ultima partita al Pireo. Però la squadra è con lui. Non si può però perdere altro terreno.

ANCELOTTI (Napoli) 9: Oggettivamente la squadra migliore vista sul piano del collettivo. La cosa che inorgoglisce per un allenatore è che ha fatto quasi sempre quello che doveva fare, tranne nei primi tempi con Stella Rossa e Roma, e in casa della Sampdoria. Ma sta spaventando in Champions squadre che hanno il doppio del suo fatturato.

D’AVERSA (Parma) 6.5: La cosa che stupisce di più è come soprattutto lui ancor prima della squadra si sia adattato tanto in fretta alla Serie A. Allenatore all’italiana nel buon senso della parola, quello realista.

DI FRANCESCO (Roma) 5.5: Certo l’ottavo posto per una squadra che dovrebbe essere al secondo suggerirebbe altro. Ma si è ripreso brillantemente da un settembre disastroso, sbagliando poi solo in casa contro la Spal, e procedendo spedito in Champions. Il punto è che ci vuole tempo a riassemblarsi dopo le cessioni chiave, e il cattivo stato di forma di alcune colonne non fa che complicare il compito.

GIAMPAOLO (Sampdoria) 7: Ormai è una sicurezza. Partenza sparata. Il pericolo per lui come l’anno scorso è non riuscire a continuare a motivare a dovere la squadra quando la posizione tranquilla sarà raggiunta.

DE ZERBI (Sassuolo) 8: La benedizione di Guardiola è la ciliegina. De Zerbi in poche settimane è diventato una delle proposte più credibili, sapendo con intelligenza intervenire sulla fase difensiva. Prospettive illimitati.

SEMPLICI (Spal) 7: Prima dell’incomprensibile stop con il Frosinone, la squadra non si era praticamente mai fatta mettere sotto da nessuno. Occhio a non farsi illudere dalla distanza appunto dai ciociari e dal Chievo.

MAZZARRI (Torino) 5: Certo, con un altro Belotti chissà dove sarebbe. Però la sensazione è sempre quella di vedere una squadra a cui manca l’ultimo passo per osare. O manca al suo allenatore?

VAZQUEZ (Udinese) 6: Ottobre l’ha ricacciato indietro. Ma ha fatto ricredere parecchi, compreso chi scrive, sul fatto che fosse pronto. Ma l’unico punto nelle ultime 5 partite pone una sfida molto grossa dal punto di vista psicologico.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri-Real Madrid: contatto. Icardi, fissato l’incontro per il rinnovo. I piani di Marotta per la firma. Pregiudizi su Wanda: fa solo il suo lavoro. Higuain vuole solo il Chelsea e mette in crisi Leonardo 11.01 - Non so se Max Allegri durante le recenti vacanze abbia davvero sposato Ambra come scrivono i giornali di gossip, so invece che ha ricevuto una telefonata da Florentino Perez. Auguri, certo, ma anche una nuova, decisa proposta per la panchina del Real Madrid. L’anno scorso la telefonata...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->