HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Ibra, arrivano le conferme. Ecco come e quando tornerà al Milan. Higuain-Cutrone possono giocare assieme. Ancelotti è un numero uno e si sapeva, ma Napoli non può rinnegare Sarri

05.10.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 36488 volte
© foto di Federico De Luca

Ibra torna al Milan, arrivano le prime conferme. E’ direttamente Leonardo, il direttore generale del Milan, ad ammettere che l’operazione si può fare. E’ chiaro che un dirigente non può dire la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità come se fosse in tribunale, le parole vanno interpretate, ma ieri sera prima della partita del Milan in Europa League Leonardo ha detto: “Un pensierino c’è stato, anzi, più di un pensierino”.

Poi ha aggiunto: “Al momento però non c’è alcuna possibilità”. Parole vere e oneste. Al momento, ha ragione Leonardo, non c’è alcuna possibilità. E’ vero, verissimo: il mercato è chiuso. Leonardo avrebbe potuto dire cose definitive del tipo “L’idea è tramontata, non lo prenderemo più”, ma non lo ha fatto per un motivo molto semplice: stanno ancora lavorando e faranno di tutto per portarlo a Milano a gennaio quando riaprirà il mercato.

Ma Leonardo non può confermare direttamente nulla non solo perché il mercato è chiuso, ma anche per rispetto alla rosa attuale e l’attenzione agli equilibri interni.

Dopo la prima idea estiva, accantonata quando si è aperta la possibilità di prendere Higuain, il pensiero su Ibra c’è sempre stato. Anche quando Andrè Silva ha chiesto di essere ceduto a pochi giorni dalla fine del mercato, ma all’epoca è mancato il tempo.

Leonardo però ha sempre tenuto vivo il suo canale preferenziale fatto di sms e telefonate. Sappiamo che proprio Leonardo ha portato Ibrahimovic al Paris Saint Germain e fra i due è rimasta una sincera amicizia.

In sostanza, si sta lavorando sottotraccia. Leonardo ha accertato che Ibra verrebbe molto volentieri a Milano per tornare nel calcio che conta. Ha avuto la conferma che dopo il grave infortunio il ginocchio regge, l’esperienza ai Galaxy è servita a Ibra per verificare quello che lui ha sempre pensato: può fare almeno un altro anno ad alto livello, ha recuperato in pieno. Morale? Ibra ha dato la disponibilità totale, ha un grande ego, ma sarebbe disposto anche a un ruolo part-time, si metterebbe a disposizione del suo amico Gattuso (hanno giocato assieme), con grande umiltà. Ibra ritiene anche chiusa l’esperienza americana, ha un contratto fino alla fine del 2019, ma non è un problema. Prima che arrivasse il Milan il suo pensiero era quello di tornare al Malmoe per chiudere dove tutto era cominciato. Ora la storia è cambiata, in sintesi: Ibra ha detto sì al Milan.

Adesso si tratta di capire come portare a termine l’operazione dal punto di vista tecnico-contrattuale e su questo sta lavorando Raiola che, come vedete, sulla vicenda mantiene un bassissimo profilo. Già questa è una traccia. Si starebbe lavorando, appunto, su un contratto di sei mesi con la possibilità di altri sei o più qualora il ritorno in Italia dovesse essere felice come Ibra spera. Ma la base del discorso è sei mesi per tornare poi al Malmoe e chiudere con la stagione 2019-2020, alla soglia dei quarant’anni. Non sono trapelate cifre di sorta. Su questo sta ragionando Raiola, ma il ritorno sarebbe un mix di orgoglio e di cuore, non dovrebbe essere una questione economica. Galliani lo riportò al Milan nel 2010, dopo l’infelice parentesi al Barcellona e Ibra di questo è riconoscente. L’apertura a Ibra ieri sera è arrivata anche da Reina, uno dei leader dello spogliatoio e Gattuso, senza sbilanciarsi, un personaggio così lo prenderebbe volentieri. Se in campo può dare ancora qualcosa, di sicuro potrebbe essere utilissimo per il gruppo con la sua carica, il suo carisma, il suo temperamento. Nel processo di crescita pur evidente, infatti, questo Milan a volte manca di personalità, di un leader carismatico.

Come sapete, quest’anno il mercato durerà poco, da tre al 19 di gennaio, ma il tempo per preparare questa operazione non manca. Vedremo.

Nel frattempo ieri sera abbiamo visto un Milan non brillantissimo, ma uscito nel momento giusto a prendersi la vittoria. Questa volta i cambi di Gattuso hanno cambiato la partita. Bravo. Meno bravo Bakayoko che stenta terribilmente a capire cosa fare in campo. Comunque ieri sera s’è avuta la conferma che l’arma del doppio centroavanti (Higuain con Cutrone) non deve essere soltanto l’arma della disperazione. I due hanno un buon feeling e ottimi movimenti. E’ una soluzione in più. E’ chiaro che per farli giocare assieme devi passare dal 4-3-3 al 4-4-2, escludendo Calhanoglu, ma avere due moduli a disposizione e usarli a seconda delle partite o dei momenti, è un plus da sfruttare. Una mediana con Suso, Kessie, Biglia e Bonaventura esterno sinistro può essere molto efficace.

Nelle quattro vittorie di Champions League, tutte bellissime, sta creando un grande dibattito soprattutto il colpo del Napoli col Liverpool. E’ chiaro che battere gli inglesi vicecampioni d’Europa, capolista in Premier, è stato il risultato più eclatante, vale tantissimo. E’ altrettanto evidente che Ancelotti la sfida l’ha preparata benissimo, l’ha vinta lui, ma dire che “con Sarri avremmo preso tanti gol come contro il City e con Ancelotti l’anno scorso avremmo vinto lo scudetto”, è profondamente ingiusto.

Se questi giocatori sono maturi, in grado di recepire al volo il nuovo calcio di Ancelotti, è anche merito del lavoro fatto nei tre anni di Sarri. Questo è un gruppo maturo e l’ha fatto crescere il precedente allenatore. Da Koulibaly in giù, l’elenco è lungo.

Ancelotti è un numero uno assoluto e questo si sapeva. De Laurentiis l’ha preso apposta, proprio per rendere indolore l’addio di Sarri e ripartire subito su basi nuove e più forti.

Ma paragonare il lavoro dei due è sbagliato e ingiusto. Intanto perché vedono un calcio molto diverso, poi perché Ancelotti ha una storia e un percorso diversi, uno dei più grandi della storia del calcio. Sarri è arrivato da poco alla ribalta, ma nella scuola dei maestri di calcio ha dimostrato di poterci stare.

Il suo calcio ricerca l’equilibrio, ma punta soprattutto allo spettacolo. La sua scuola vuole sempre imporre il gioco, si preoccupa di giocare sempre al massimo, meno dell’avversario e delle sue caratteristiche. Se domini per 90 minuti giochi partite spettacolari, se calano ritmo e concentrazione spesso paghi. C’è la voglia di andare oltre, a volte riesce, altre no.

Ancelotti è il caposcuola degli allenatori dell’equilibrio. Quelli che prima studiano l’avversario, cercano di capire come neutralizzare le sue armi (il Liverpool non ha saputo giocare), adattano il modulo e i giocatori al momento, alla partita, per trovare equilibrio tattico e studiare dove e come andare a colpire per vincere la partita. L’altra sera il Liverpool è stato bloccato, chiuso in mezzo al campo, e contrattaccato sugli esterni (Mario Rui ha fatto quasi l’ala).

Quindi due Napoli diversi. Uno ha fatto godere ed è cresciuto tantissimo. Questo farà grandissime partite come quella dell’altra sera, se la giocherà con tutti, mediamente sarà meno divertente, ma potrebbe anche vincere qualcosa. La storia di Carletto è questa, è venuto a Napoli apposta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510