HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Ottavi di Champions: chi ha più possibilità tra Inter e Napoli?
  Andranno entrambe agli ottavi
  Si qualificherà solo il Napoli
  Si qualificherà solo l'Inter
  Verranno entrambe eliminate

La Giovane Italia
Editoriale

Ibra, arrivano le conferme. Ecco come e quando tornerà al Milan. Higuain-Cutrone possono giocare assieme. Ancelotti è un numero uno e si sapeva, ma Napoli non può rinnegare Sarri

05.10.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 35246 volte
© foto di Federico De Luca

Ibra torna al Milan, arrivano le prime conferme. E’ direttamente Leonardo, il direttore generale del Milan, ad ammettere che l’operazione si può fare. E’ chiaro che un dirigente non può dire la verità, tutta la verità, nient’altro che la verità come se fosse in tribunale, le parole vanno interpretate, ma ieri sera prima della partita del Milan in Europa League Leonardo ha detto: “Un pensierino c’è stato, anzi, più di un pensierino”.

Poi ha aggiunto: “Al momento però non c’è alcuna possibilità”. Parole vere e oneste. Al momento, ha ragione Leonardo, non c’è alcuna possibilità. E’ vero, verissimo: il mercato è chiuso. Leonardo avrebbe potuto dire cose definitive del tipo “L’idea è tramontata, non lo prenderemo più”, ma non lo ha fatto per un motivo molto semplice: stanno ancora lavorando e faranno di tutto per portarlo a Milano a gennaio quando riaprirà il mercato.

Ma Leonardo non può confermare direttamente nulla non solo perché il mercato è chiuso, ma anche per rispetto alla rosa attuale e l’attenzione agli equilibri interni.

Dopo la prima idea estiva, accantonata quando si è aperta la possibilità di prendere Higuain, il pensiero su Ibra c’è sempre stato. Anche quando Andrè Silva ha chiesto di essere ceduto a pochi giorni dalla fine del mercato, ma all’epoca è mancato il tempo.

Leonardo però ha sempre tenuto vivo il suo canale preferenziale fatto di sms e telefonate. Sappiamo che proprio Leonardo ha portato Ibrahimovic al Paris Saint Germain e fra i due è rimasta una sincera amicizia.

In sostanza, si sta lavorando sottotraccia. Leonardo ha accertato che Ibra verrebbe molto volentieri a Milano per tornare nel calcio che conta. Ha avuto la conferma che dopo il grave infortunio il ginocchio regge, l’esperienza ai Galaxy è servita a Ibra per verificare quello che lui ha sempre pensato: può fare almeno un altro anno ad alto livello, ha recuperato in pieno. Morale? Ibra ha dato la disponibilità totale, ha un grande ego, ma sarebbe disposto anche a un ruolo part-time, si metterebbe a disposizione del suo amico Gattuso (hanno giocato assieme), con grande umiltà. Ibra ritiene anche chiusa l’esperienza americana, ha un contratto fino alla fine del 2019, ma non è un problema. Prima che arrivasse il Milan il suo pensiero era quello di tornare al Malmoe per chiudere dove tutto era cominciato. Ora la storia è cambiata, in sintesi: Ibra ha detto sì al Milan.

Adesso si tratta di capire come portare a termine l’operazione dal punto di vista tecnico-contrattuale e su questo sta lavorando Raiola che, come vedete, sulla vicenda mantiene un bassissimo profilo. Già questa è una traccia. Si starebbe lavorando, appunto, su un contratto di sei mesi con la possibilità di altri sei o più qualora il ritorno in Italia dovesse essere felice come Ibra spera. Ma la base del discorso è sei mesi per tornare poi al Malmoe e chiudere con la stagione 2019-2020, alla soglia dei quarant’anni. Non sono trapelate cifre di sorta. Su questo sta ragionando Raiola, ma il ritorno sarebbe un mix di orgoglio e di cuore, non dovrebbe essere una questione economica. Galliani lo riportò al Milan nel 2010, dopo l’infelice parentesi al Barcellona e Ibra di questo è riconoscente. L’apertura a Ibra ieri sera è arrivata anche da Reina, uno dei leader dello spogliatoio e Gattuso, senza sbilanciarsi, un personaggio così lo prenderebbe volentieri. Se in campo può dare ancora qualcosa, di sicuro potrebbe essere utilissimo per il gruppo con la sua carica, il suo carisma, il suo temperamento. Nel processo di crescita pur evidente, infatti, questo Milan a volte manca di personalità, di un leader carismatico.

Come sapete, quest’anno il mercato durerà poco, da tre al 19 di gennaio, ma il tempo per preparare questa operazione non manca. Vedremo.

Nel frattempo ieri sera abbiamo visto un Milan non brillantissimo, ma uscito nel momento giusto a prendersi la vittoria. Questa volta i cambi di Gattuso hanno cambiato la partita. Bravo. Meno bravo Bakayoko che stenta terribilmente a capire cosa fare in campo. Comunque ieri sera s’è avuta la conferma che l’arma del doppio centroavanti (Higuain con Cutrone) non deve essere soltanto l’arma della disperazione. I due hanno un buon feeling e ottimi movimenti. E’ una soluzione in più. E’ chiaro che per farli giocare assieme devi passare dal 4-3-3 al 4-4-2, escludendo Calhanoglu, ma avere due moduli a disposizione e usarli a seconda delle partite o dei momenti, è un plus da sfruttare. Una mediana con Suso, Kessie, Biglia e Bonaventura esterno sinistro può essere molto efficace.

Nelle quattro vittorie di Champions League, tutte bellissime, sta creando un grande dibattito soprattutto il colpo del Napoli col Liverpool. E’ chiaro che battere gli inglesi vicecampioni d’Europa, capolista in Premier, è stato il risultato più eclatante, vale tantissimo. E’ altrettanto evidente che Ancelotti la sfida l’ha preparata benissimo, l’ha vinta lui, ma dire che “con Sarri avremmo preso tanti gol come contro il City e con Ancelotti l’anno scorso avremmo vinto lo scudetto”, è profondamente ingiusto.

Se questi giocatori sono maturi, in grado di recepire al volo il nuovo calcio di Ancelotti, è anche merito del lavoro fatto nei tre anni di Sarri. Questo è un gruppo maturo e l’ha fatto crescere il precedente allenatore. Da Koulibaly in giù, l’elenco è lungo.

Ancelotti è un numero uno assoluto e questo si sapeva. De Laurentiis l’ha preso apposta, proprio per rendere indolore l’addio di Sarri e ripartire subito su basi nuove e più forti.

Ma paragonare il lavoro dei due è sbagliato e ingiusto. Intanto perché vedono un calcio molto diverso, poi perché Ancelotti ha una storia e un percorso diversi, uno dei più grandi della storia del calcio. Sarri è arrivato da poco alla ribalta, ma nella scuola dei maestri di calcio ha dimostrato di poterci stare.

Il suo calcio ricerca l’equilibrio, ma punta soprattutto allo spettacolo. La sua scuola vuole sempre imporre il gioco, si preoccupa di giocare sempre al massimo, meno dell’avversario e delle sue caratteristiche. Se domini per 90 minuti giochi partite spettacolari, se calano ritmo e concentrazione spesso paghi. C’è la voglia di andare oltre, a volte riesce, altre no.

Ancelotti è il caposcuola degli allenatori dell’equilibrio. Quelli che prima studiano l’avversario, cercano di capire come neutralizzare le sue armi (il Liverpool non ha saputo giocare), adattano il modulo e i giocatori al momento, alla partita, per trovare equilibrio tattico e studiare dove e come andare a colpire per vincere la partita. L’altra sera il Liverpool è stato bloccato, chiuso in mezzo al campo, e contrattaccato sugli esterni (Mario Rui ha fatto quasi l’ala).

Quindi due Napoli diversi. Uno ha fatto godere ed è cresciuto tantissimo. Questo farà grandissime partite come quella dell’altra sera, se la giocherà con tutti, mediamente sarà meno divertente, ma potrebbe anche vincere qualcosa. La storia di Carletto è questa, è venuto a Napoli apposta.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Di Francesco merita ancora fiducia, a gennaio 2 acquisti. L’Inter si inserisce nella corsa a Tonali, per Gabigol spunta l’ipotesi Premier. Milan per la difesa uno tra Christensen e Cahill. Fabregas più di un’idea ma costi alti 01.12 - Di Francesco e il futuro. Un futuro ancora giallorosso. Merita fiducia anche se la sconfitta con il Real ha fatto riemergere i soliti problemi, soprattutto la mancanza di continuità. La partita di martedì sera va analizzata bene. Il primo tempo è stato molto buono. Casomai è inspiegabile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Fabregas al Milan, manca solo l’ok di Abramovich. Ibra già fatto. Juve punta i giovani Ndombelè e Gedson Fernandes, Ramsey più vicino, Isco nel mirino. Inter, Marotta vuole Martial. Perisic può partire per Chiesa 30.11 - Il Milan ha buone possibilità di portare a casa a gennaio Cesc Fabregas, 31 anni, panchinaro di lusso del Chelsea. Il centrocampista spagnolo con Sarri gioca pochissimo ed ha capito che il progetto di rilancio dei rossoneri può allungargli una straordinaria carriera. All’inizio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->