VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Ibra: il tuo e il nostro futuro. Inter: il lodo Thohir. Higuain: Parigi osserva. Napoli: isola fagocitata

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
25.07.2015 09:16 di Mauro Suma   articolo letto 114136 volte

Li vedessi, Zlatan. Si avvicinano rispettosi, quasi circospetti e poi con un soffio dell'anima: ma Ibra arriva? Li leggessi, Zlatan. Dopo aver scritto alle tv o sui social, come giusto, non ci vuole una cima per capirlo, che per il Milan le priorità sono in difesa e a centrocampo, ecco che vince l'adrenalina da tastiera: si però Ibra, ma Ibra, certo che se arriva lui...Li sentissi, Zlatan. Gli avversari. Quelli trasparenti e quelli subdoli, tutti. In radio o in tv appena si parla di te la loro salivazione rallenta, regredisce. Poi, subito dopo, il solito campionario di luoghi comuni: no ma non arriva, poi è vecchio, e poi, chiudono con sguardi finto - velenosi anzi imploranti, il Milan in attacco è già a posto, pensasse ad altro. Si, ti piacerebbe. Zlatan, è così. Ti aspettiamo e ti temono. France Football non abita qui. Anzi ben venga il benservito della Francia. Il calcio non è fatto solo di caselle e di piani. È una scintilla. Una scossa. Ed è troppo tempo che il tuo carattere, brutto, pessimo come tutti quelli che ne hanno uno, non fa sentire forti i tifosi del Milan. Dopo due anni di soggezione, il milanista ha bisogno di una cosa e solo di una cosa: gonfiare il petto. Sei stato strappato alla gente rossonera in una estate pagata cara nel tempo. Sei l'unico che può trasformare i cori in ruggiti. In fondo al tuo caratteraccio ci hai voluto bene. E il rossonero percepisce e ricambia. Stiamo sperando che tu torni. Ma proprio perché sei una cosa seria, molto seria, preferiamo non illuderci. Meglio un sano e prudente pessimismo di un grande sogno infranto. Da tempo forse in cuor tuo hai già deciso, ma ci sono ancora tanti problemi importanti che ti separano dal ruggito di San Siro. Tocca a te Zlatan. Battiti come sai anche nella partita dell'estate, nella partita del futuro. Noi, sia che vada bene sia che no, facciamo come nei primi minuti del derby del 14 Novembre 2010: siamo lì con te.

Dopo aver perso Imbula andato al Porto, dopo aver mezzo perso Salah, dopo aver perso sia il neo viola Suarez che il neo blucerchiato Zukanovic, l'Inter si avvia da netta favorita, attacco già completo e rodato, al derby di oggi. Basterà per contravvenire al lodo Thohir e trovare lo slancio per fare arrivare sia Perisic che Jovetic senza fare cessioni importanti? Al post derby l'ardua sentenza. Intanto dopo che Milan e Inter sono partite forte sul mercato, le altre le hanno raggiunte: la Roma con Salah e Dzeko quasi fatti, il Napoli con Bartra e Vrsalijko ben avviati, la Viola con Astori e Destro nel mirino dopo gli ok di Suarez e Gilberto. Milan e Inter devono tornare forti sul mercato di Agosto.

Higuain ha perso il sorriso a Bilbao un anno fa e non l'ha più ritrovato. Sarri è un maestro di vita ma non l'allegria fatta persona. Napoli ha perdonato il Pipita per il rigore contro la Lazio ma è pronta a rimetterglielo in conto. Se Higuain ritrova entusiasmo e voglia, tutto dimenticato. Ma se il campione argentino non esce dal loop psicologico negativo, la città è pronta a perdere la pazienza. Il presidente De Laurentiis non sembra essere fine psicologo sul tema e la matassa va sbrogliata. A Parigi, potrebbero iniziare a prendere informazioni.

Napoli è diventata la nuova città dell'Ischia Isolaverde (Lega Pro) e l'isola stessa è divisa in due. I tifosi duri e puri hanno deciso che finché la squadra allenata da Bitetto si allena sulla terraferma ci sarà lo sciopero degli abbonamenti e hanno chiesto un incontro alla società che ci sarà dopo il rientro dalle vacanze in Grecia del presidente Rapullino. Altri tifosi sussurrano che ad esempio Carpi e Sassuolo non giocano nella loro città e che quindi non bisogna fare casino a prescindere. Il malessere è più profondo: i tifosi dell'Ischia non si raccapezzano fra i vari Di Bello, Rapullino e Iodice. Vogliono sapere solo una cosa: che intenzioni ha Carlino? Per loro è quella l'unica cosa che conta. E a tenerli calmi non sono certo le voci sulla rescissione del contratto (1300 euro mensili!) dell'ischitanissimo portiere Mennella.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I cinque motivi della crisi Milan. Napoli e Inter giocano per la Juve. Benevento, svegliati che è un incubo. Giulini alla Cellino ma con una differenza... 23.10 - Dalla vittoria dello scudetto estivo al buio profondo del 21 ottobre. Il Milan aveva fatto un'impresa: conquistare in un mese la fiducia dei tifosi rossoneri che avevano riempito, di nuovo, con orgoglio San Siro. E' durato il tempo di una preghiera. Se si spendono 220 milioni di euro...
Telegram

EditorialeDI: Andrea Losapio

Serie A a 18 squadre, che assurdità. La Juventus ha qualche piccolo problema, il Milan decisamente di più. Europa, qualcosa è cambiato. Ed è merito di Lazio e Atalanta 22.10 - C'è un momento per parlare di calcio giocato e un altro di politica del pallone. Credere che il secondo sia più importante del primo è, certamente, presunzione. Ma pensare che uno non influenzi direttamente l'altro è, davvero, un errore pacchiano. Abbiamo provato, nelle ultime settimane,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.