HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Qual è il vostro miglior acquisto dopo il primo trimestre?
  Muriel (Atalanta)
  Nainggolan (Cagliari)
  Ribery (Fiorentina)
  Lukaku (Inter)
  De Ligt (Juventus)
  Hernandez (Milan)
  Kulusevski (Parma)
  Lozano (Napoli)
  Smalling (Roma)
  Caputo (Sassuolo)

La Giovane Italia
Editoriale

Ibra non ha fretta, per ora il Milan non ci arriva (e nemmeno il Bologna). E Balo può già andarsene. Conte vuole tre pedine per la seconda parte di campionato. Due sole squadre al comando, non solo nei risultati ma economicamente

24.11.2019 08:09 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 37105 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Gli assistiti di Raiola muoveranno il prossimo mercato invernale. Da una parte c'è il solito Zlatan Ibrahimovic, uscito dalla Major League Soccer con la sua solita grandeur da chi, bene o male, è e sarà leggenda del calcio. La situazione è ancora fluida: il Manchester United vuole un centravanti di stazza e di esperienza, non sempre per farlo giocare da titolare ma che sposti qualche equilibrio, anche a gara in corso. Il Borussia Dortmund punta un attaccante, ha contattato il Chelsea per Giroud e proprio Zlatan. In Italia il Napoli non sta muovendo le pedine (sembra francamente più pubblicità fatta da De Laurentiis che non una situazione vera) mentre il Bologna sì: ed è l'unica società che sta realmente pensando a Zlatan quasi ossessivamente. Mihajlovic è un fattore, ma lo svedese vorrebbe un altro capitolo della suddetta grandeur. Passare da Los Angeles a Bologna non sembra plausibile. E il Milan? L'incontro con Raiola è stato fatto, formalmente, per Suso e Romagnoli: un meeting di cortesia per fare capire chi sarà a trattare. Poi c'è stato il discorso Ibra, una possibile offerta da 6 milioni (in 18 mesi) che però per ora non convince. Si vedrà, anche se le italiane ora sono in seconda fila. Chi si è già (quasi) pentito di essere tornato in Italia è Mario Balotelli, non convocato dal Brescia dopo il litigio di metà settimana con Grosso: tutti, a parole, hanno provato a spegnere il fuoco. Poi nei fatti fanno il contrario: Balo se ne può già andare a gennaio, il posto in Nazionale non c'è (e non ci sarà) e non è detto che poi non si aprano altre piste già viste, come il Brasile. Nemo profeta in patria, nemmeno lui.

Oggi c'è stata l'ennesima dimostrazione fra Inter e Juventus. Perché dalla panchina dei bianconeri, dopo sessanta minuti dove il rischio grosso è stato quello di affondare, possono pescare Douglas Costa o Ramsey. E vincere le partite con i sostituti... per l'Inter è evidentemente più difficile, seppur Conte stia facendo un grande lavoro con il materiale umano a disposizione. La rosa, dopo l'infortunio di Sanchez, è corta. Politano è ultimo nella gerarchia degli attaccanti, dietro anche a Esposito. E qualche calciatore di esperienza, in grado di vincere ancora, servirebbe. Certo, Nainggolan, Perisic e Icardi sarebbero stati delle belle aggiunte. A proposito di Icardi, il PSG vorrebbe riscattarlo subito, mentre lui non ha fretta. Chiede 12 milioni di euro annui, ha rinnovato a 7,5 con l'Inter e ne percepisce 9. E l'Inter è terrorizzata dal fatto che Icardi possa tornare indietro: c'è una clausola per potere rifiutare il trasferimento, Wanda lo preferirebbe in Italia, ma d'altro canto sa che non ci sono opzioni. La telenovela può scorrere liscia oppure incresparsi: ed è un bel rebus. Ritornando a Conte, vuole tre pedine per la sua Inter: un centravanti, appunto, un centrocampista, forse un esterno di sinistra (Asamoah spesso fermo, Biraghi che non ha convinto finora): poi certo, vari ed eventuali, ma queste sono le richieste principali. Sarebbe l'unico modo per rimanere competitivi. Icardi permettendo...

Nello speciale bilanci di metà settimana abbiamo intravisto alcune tendenze chiare: c'è molta differenza fra le squadre che salgono in Serie A e lottano per la salvezza e quelle oramai radicate che, però, dipendono praticamente tutte dai diritti televisivi e dal player trading. Paradossalmente per avere bilanci in utile è meglio essere tra il decimo e il settimo posto, per non rischiare di farsi ingolosire e alzare gli stipendi in caso di Europa (e magari non doverli trattenere a forza). La Roma deve vendere e continuare a farlo se non va in Champions, il Milan ha problemi grossi perché il fatturato non si alza mai, la Lazio dipende dalle plusvalenze. Come nel campionato, anche nei bilanci c'è una sproporzione esagerata tra Juventus e Inter e le altre: tante le plusvalenze dei bianconeri per il fair play finanziario, salvo poi fare un aumento di capitale per cifre molto basse per Exor (ma enormi per altre aziende di calcio), l'Inter ha debiti verso Suning e un bond da 300 milioni, ma anche 96 milioni che arrivano dalla Cina, senza Suning non avrebbe potuto fare un salto di livello del genere. L'idea è che il fair play finanziario abbia creato due mondi: i ricchissimi che, però, non sarebbero sostenibili senza plusvalenze, aumento di capitale e sponsorizzazioni, I medi che, se volessero mai competere, si dovrebbero iper indebitare, e le altre. Creando una spaccatura fra le grandi di Europa e le altre.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juventus, Cristiano Ronaldo resta almeno fino al 2021 e fissa gli obiettivi: Champions League e Pallone d’Oro. Per Demiral pronta l’offerta del Milan. Marotta e Paratici, che sfida per Tonali a giugno. Il Real Madrid su Koulibaly 07.12 - Ormai manca meno di un mese all’inizio del mercato e le strategie cominciano ad essere chiare. Parto dal futuro di Cristiano Ronaldo. Resterà sicuramene anche l’anno prossimo alla Juventus. Poi a fine 2021 farà le sue valutazioni, la Cina potrebbe essere un’ipotesi, ma ad oggi la...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Tonali alla Juventus, Kulusevski all’Inter a gennaio: patto di non aggressione. Conte e Sarri, ecco chi vincerà. Ibra al Milan, presto l’annuncio. Napoli, un compromesso per portare Ancelotti a fine stagione 06.12 - Il ricordo della vicenda Lukaku è ancora fresco e una volta di più Juventus e Inter si ritrovano sugli stessi obiettivi. Tonali piace all’Inter? Ma lo vuole anche la Juve. Kulusewski pronto per la Juve? Ma l’Inter non molla. Ovvio, quasi normale, che due grandi società e...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Gli intermediari, la FIFA e i soldi delle società 05.12 - Su 17896 trasferimenti internazionali in 3558 sono stati utilizzati intermediari (quasi il 20% del totale) per una spesa complessiva di 653,9 milioni di dollari in commissioni. Così recita il report Fifa, che prende in considerazione tutti i trasferimenti di tutto il mondo. Nella...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ibra-Milan: ecco cosa manca. Perché non si può criticare la mediocrità finora espressa da Sarri? Se la ride Allegri. Cristiano, ma perché? La Juve difende: la Champions val bene una messa Cristiana.Il miracolo di Conte all’Inter, chi disturba? 04.12 - Il passo Ibrahimovic l’ha fatto: la sua richiesta di 10 milioni netti per un anno e mezzo è stata in parte ridotta. Il Milan ha offerto 6 milioni netti per la metà stagione rimanente più la prossima, e 4 di bonus anche se si tratta di bonus complicati. Ibra ha deciso di controrichiedere...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: il problema (se c'è) non si chiama Sarri... Inter: la mossa di Conte è datata marzo 2019 (e a gennaio arrivano...). Milan: Ibra, un aiuto per Pioli. Cellino e DeLaurentiis: prendere esempio dal giovane Giulini. La lezione di Messi... 03.12 - Buonasera (se leggete di sera). Buongiorno (se leggete di giorno). Mortacci vostra (se non leggete, ma tanto non è il vostro caso, perché state leggendo). Siam qui a scrivere la consueta pappardella di fatti e fatterelli dal puro valore soggettivo. Del resto ognuno ha la sua idea...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

De Zerbi a scuola da Sarri... eh, scusate il contrario! Cambiare allenatore? In A e B (quasi sempre) un flop. Lo Monaco picchiato ma il calcio resta in silenzio 02.12 - Ci sono giorni che non sai cosa scrivere. Devi pensare mezz'ora prima di trovare qualche argomento interessante. Giorni, come questi, che devi tenere fuori mille argomenti e che vorresti toccare tutti. Ho scelto. Vorrei parlare di calcio ma non posso parlare solo di calcio. C'è una...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

L'Inter aveva ragione: la cessione di Icardi era necessaria per fare il salto di qualità. Per gennaio già presa un'altra decisione non banale: Marotta non torna sui suoi passi 01.12 - Ma l'Inter ci ha davvero guadagnato? Ma era davvero necessario vivere e alimentare per mesi il caso Icardi, scaricarlo ben prima di darlo via, e puntare su Romelu Lukaku? Sicuri che la priorità fosse il centravanti? La scorsa estate i dubbi su quanto fatto da Giuseppe Marotta, sul...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, tra De Paul e un nuovo tentativo per Vidal. C’è anche Pinamonti per l’attacco. La Fiorentina di nuovo su Politano. Napoli in pole per Amrabat, a gennaio i rinnovi di Zielinski, Milik e Maksimovic 30.11 - L’Inter sogna gli ottavi di Champions League e nel frattempo continua a muoversi sul mercato. A gennaio non è facile migliorare la squadra, ma Marotta e Ausilio faranno il possibile per cercare di soddisfare Antonio Conte. È chiaro che il primo della lista per il centrocampo resta...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Inter, ok di Zhang: arrivano Giroud e Matic. Marotta non molla Kulusevski e sfida la Juve. Milan aspetta il sì di Ibra. Napoli, prove di pace per Adl. Fiorentina, ecco il centro sportivo da sogno da 70 milioni 29.11 - Il signor Zhang, come l’uomo del monte, ha detto sì. Marotta avrà le risorse per fare mercato nel mese di gennaio, porterà a casa quel centrocampista e quell’attaccante che Conte ha chiesto chiaramente e pubblicamente per provare ad avvicinare ancora di più la Juventus. Del resto...

Editoriale DI: Luca Marchetti

L’Inter e Lautaro più forti del VAR, il Napoli sulla strada giusta e Chiesa a colloquio con la Fiorentina 28.11 - L’Inter la vince di forza, non solo tecnica e fisica ma anche mentale. Ha fatto una grande prestazione e ora la qualificazione rimane difficile ma certamente più vicina. L’Inter la vince con la forza di Conte, con una grinta incredibile, con dei messaggi lanciati dalla panchina con...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510