VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Ibra: non, non e ancora non. Zlatan: onore a Liedholm. Juve: Pirlo, torna! Inter, Mancini: troppo mercato

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dopo le esperienze professionali di carta stampata (La Notte e Il Giorno) e televisive (Telelombardia, Telenova, Eurosport), dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
22.08.2015 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 87620 volte

La settimana che precede la Settimana è stata atipica per Zlatan Ibrahimovic. Lui, abituato alle maiuscole e ai punti esclamativi come abito mentale e come griffe della sua carriera, si è dovuto limitare ad una sfilza di non, una serie dura e lapidaria di negazioni. Ibra non ha ancora prolungato il contratto con il PSG, non è stato convocato per la gara dei parigini contro il Montpellier, non si è ancora ripreso del tutto dal suo infortunio, non ha letto concetti positivi nei suoi confronti su France Football che dopo l'intemerata di Giugno è tornato a ricordargli che ormai lui non è più il numero uno, non ha letto nell'atteggiamento del Paris Saint Germain il benchè minimo spiraglio nei confronti di una anche remota intenzione di lasciarlo partire un anno prima rispetto alla scadenza del suo contratto. Una settimana ZlataNON che tiene vive le illusioni, non le nostre a proposito di non, sul suo futuro ma che al di là di quella che sarà la sua prevedibilissima permanenza nel PSG scolpisce una fase della carriera di Ibra completamente diversa da quelle che è abituato a vivere.

A proposito, l'attesa fra i tifosi del Milan, cui senza crudeltà vogliamo ricordare una formuletta glamour ("Non conta quello che hai provato alla fine della corsa, ma quello che hai provato mentre correvi"), nei confronti del presunto rebus Ibra è assolutamente spasmodica. Su facebook esistono gruppi pronti a darsi appuntamento in Piazza Duomo a Milano per una ubriacatura collettiva in caso di. Brividi oltre ogni misura. E siamo nel 2015. Sono passati tanti anni, 14 per la precisione, dalla grande visione di un altro Svedese. Il primo infatti in assoluto, per rispetto della Storia quella vera e non quella riscritta in maniera pretenziosa e pasticciata, ad accorgersi di Zlatan Ibrahimovic era stato proprio lui, il Barone, Nils Liedholm, uno dei più grandi personaggi del calcio mondiale. Lo voleva portare alla Roma nell'Aprile del 2001, quando il gigante era ancora al Malmoe, ma l'Ajax fu più veloce. Avrebbe tentato anche, in seguito, Liddas, ma la notizia è che 14 anni dopo la sua grande intuizione, nonostante non sia stata coronata da successo, la carriera di Zlatan è ancora nel vivo e le sue possibili evoluzioni generano grandi attese fra migliaia e migliata dei tifosi.

Fossimo nella Juventus ci faremmo un pensiero. Se New York City non si qualifica per i playoff, perché non immaginare una stagione alla Beckham all'incontrario per Andrea Pirlo. Il regista dei 4 Scudetti bianconeri è settimo in classifica con New York City, gli dedicano addirittura striscioni irriverenti in un Paese in cui non eravamo a conoscenza dell'esistenza del tifo contro, mentre da questa parte dell'Oceano ci sarebbe un grande bisogno di lui con Khedira e Marchisio out per infortunio e le prospettive di mercato per l'acquisto di un regista non propriamente in discesa. Nell'anno e mezzo di contratto newyorchese del Maestro (nei 10 anni di Milan, a Milan Channel, lo definivamo "Giocatore meraviglioso", ma i tifosi rossoneri ci criticavano e tra i media si parlava di giocatore logoro e chilometrato...), può starci un rientro autunnale-invernale per tenere tonica la gamba e per sostenere alto, in assenza di Vidal e Tevez, le physique du role juventino nella fase a Gironi di Champions League. Non succederà, ma un pensiero vale assolutamente la pena farlo al netto del cabotaggio di Pirlo negli USA e della situazione obiettiva del centrocampo bianconero oggi.

Senza la pretesa di voler dare lezioni a nessuno, perché mai poi, in attesa delle vittorie dell'Inter su Atalanta e Carpi, il campo comunicherà quanto saranno indicative, vale la pena a prescindere riflettere su quello che potrà accadere sul lungo periodo della stagione nerazzurra. Roberto Mancini sparge tranquillità all'esterno sulla crescita della squadra all'esterno e insiste all'interno per l'arrivo di nuovi giocatori. Anche Jovetic, appena arrivato, ha respirato questo clima e lui, rinforzo, ha chiesto subito rinforzi. Amato dai tifosi perché fa arrivare i giocatori, Roberto Mancini dovrà poi inserire gli altri nuovi giocatori che chiede, dopo i molti che già sono arrivati, in un sistema, in una identità di gioco. Che ancora, l'idea del 4-3-3 è spuntata più di un mese dopo il raduno, non sembra esserci. Il mercato non è un modulo, i singoli non sono un sistema di gioco. Ci vuole altro, anche perché Ranocchia e Juan Jesus non saranno più i capri espiatori della scorsa stagione.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.