VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Icardi giura amore eterno ed ecco la squadra per vincere. Il Milan scommette sul suo futuro, la Roma guarda in giro per le panchine, la Juve e gli attaccanti…

30.03.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 23631 volte
© foto di Federico De Luca

Icardi lancia il messaggio d’amore all’Inter. Il problema del rinnovo di contratto di quest’estate sembra lontano anni luce, ora è nerazzurro a vita. E c’è da credergli, perché l’ha detto a tutto il mondo, senza filtri, rispondendo alle domande dei suoi tifosi. Vuole rimanere all’Inter, è convinto del progetto Suning e soprattutto vuole vincere con l’Inter. E per vincere l’Inter avrà bisogno di intervenire nuovamente sul mercato. Le priorità in casa nerazzurra sono note: i dirigenti nerazzurri da tempo stanno scandagliando il mercato internazionale per trovare quei profili giusti per far crescere ulteriormente la rosa a disposizione di Pioli. Sì di Pioli perché fino a prova contraria (o crollo dei risultati) con Pioli si sta parlando per costruire l’Inter del futuro. Che poi la proprietà si stia guardando anche intorno per capire come si muove il mercato degli allenatori crediamo sia normale per una società ambiziosa come quella nerazzurra, ma l’apprezzamento per l’attuale allenatore dell’Inter è sicuramente elevato.
Tornando alla squadra: servono un terzino, un attaccante esterno (e se sapesse anche fare la prima punta sarebbe anche meglio!), un centrocampista soltanto se dovesse partire uno dei giocatori al momento in rosa e un difensore centrale di altissimo profilo. Poi altri movimenti di aggiustamento secondo anche le uscite che si riusciranno a fare (magari un altro terzino e un attaccante che possa fare il vice-Icardi).
Manolas, De Vrij, Sanchez, Rodriguez, Darmian, Zappacosta, Schik, Berardi, Bernardeschi… questi sono i nomi in questo momento valutati. Con qualcuno c’è stata già più di una chiacchiera, per qualcuno è stata studiata già una strategia. Qualcun altro è soltanto (almeno al momento) un’idea. Ma vederli scritti tutti insieme dà la misura di quelli che sono i pensieri dell’Inter per la prossima campagna acquisti. Magari non riusciranno a prenderli tutti (ci mancherebbe pure!), magari ci sarà bisogno comunque di approcciare qualche giocatore con la “formula Gagliardini” (e occhio che con l’Atalanta ora c’è un ottimo feeling, tanto che Percassi ha festaggiato il compleanno del presidente Zhang in Cina!). Ma il cantiere nerazzurro è già ben impostato e le speranze di Icardi sono le stesse di Zhang, che già nel mercato estivo ha fatto capire la propria voglia di far tornare grande l’Inter, non soltanto a parole ma a fatti.
Discorso diverso in casa Milan. Intanto le nubi intorno al closing sembrano essersi dissipate (anche se per il 14 aprile dovranno essere saldate le ultime pendenze da parte di Yong Gong Li e stiamo parlando comunque di 170 milioni più i 50 di caparra). E’ cambiato però il contorno. La proprietà, anzi i capitali, non sono più cinesi. Non c’è più SES (Sino Europe Sports Investment) ma Rossoneri Sports Investment. I soldi per chiudere l’operazione arriveranno da Elliot Management Corp, un fondo di investimento americano che ha finanziato anche operazioni più complicate e “spericolate” del Milan. Poi Yong Gong Lì dovrà restituire i soldi del prestito nei prossimi due anni avendo di fatto un po’ di tempo in più per reperire quei fondi che ha sempre detto (con rassicurazioni anche a Fininvest) di avere. L’operazione è ancora più complessa del previsto (visti i nuovi passaggi) e in questo momento (almeno vista da qui) somiglia molto a una partita di poker in cui si scommette però sulle proprie abilità e potenzialità. Ora la missione del Milan è quella di rilanciarsi, perché dopo aver investito tutti questi soldi bisogna rendere la società ancora più appetibile, visto che l’obiettivo di Rossoneri Sports Investments è proprio quella di far lievitare il valore del Milan. Operazione estremamente complicata ma non impossibile. Intanto ci saranno i soldi a disposizione per effettuare delle operazioni di primissimo piano. La prima operazione da fare è quella del rinnovo di Donnarumma: la conclusione appare scontata, il percorso decisamente meno. Poi c’è da capire il discorso di Deulofeu, il rinnovo di Suso. Insomma di chi in questo momento (con l’ottimo lavoro sul campo di Montella) sta mantenendo il Milan in zona Europa. E poi i nomi per il futuro: obiettivo Keita della Lazio che non da ora piace a Massimiliano Mirabelli, futuro direttore sportivo rossonero. L’esterno della Lazio è scadenza 2018 e per il momento la trattativa del suo rinnovo è completamente bloccata. La prossima sessione di mercato potrebbe essere l’ultima per permettere a Lotito un incasso. Il sogno in mezzo al campo è Vidal, con cui ancora non sono stati presi contatti, ma che piace eccome ai nuovi dirigenti rossoneri. Così come sono stati seguiti nel corso di questi mesi tanti altri giocatori (come Musacchio e Aubameyang, tanto per citare i più “mediatici”) ma c’è da sottolineare che finora (giustamente) nessuno ha potuto stringere accordi, visto che ancora non c’è la certezza del cambio di proprietà.
C’è la certezza invece che Monchi sarà il nuovo direttore sportivo della Roma (con Massara che continuerà la sua esperienza in giallorosso). E visto che invece sul futuro di Spalletti ancora non c’è certezza è normale che si faccia un giro di orizzonte. Sampaoli, Emery e Gasperini i primi nomi che circolano dalle parti di… Londra (per il momento più che Trigoria, visto che lì è avvenuto qualche giorno fa l’incontro decisivo). Pallotta in primis, spera rimanga Spalletti ancora che ha dimostrato di poter tirar fuori il massimo da un gruppo di sicura qualità anche in un ambiente complicato come Roma. E vorrebbe convincerlo con qualche colpo di mercato, per fargli capire che le intenzioni sono serie.
Un’ultima considerazione sulla Juventus. Giustamente incensata per il grandissimo lavoro che è stato fatto in questi anni in fase di mercato e programmazione. Ma che la coperta in attacco fosse un po’ corta lo dicevamo anche ad agosto, ma Allegri allora non aveva ancora deciso di cambiare il sistema di gioco. Ora con i 4 tutti in campo Pjaca era la prima (e unica) alternativa agli attaccanti. La soluzione saprà certamente trovarla l’allenatore bianconero, oppure ci sarà un po’ più di spazio per Kean, il primo 2000 a giocare in serie A…


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.