HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Lotta per l'Europa: Inter e Milan andranno in Champions?
  Sì, arriveranno entrambe in Champions League
  Solo l'Inter riuscirà nell'obiettivo
  Niente Inter: sarà solo il Milan a raggiungerla
  Nessuna delle due riuscirà ad andarci

La Giovane Italia
Editoriale

Icardi, ma non solo. E’ un campionato vivo, dalla Champions alla salvezza. C’è ancora tempo per parlare di futuro

04.04.2019 07:16 di Luca Marchetti   articolo letto 17218 volte
© foto di Federico De Luca

Tutti gli occhi erano per Icardi, per quello che avrebbe fatto, per come si sarebbe rapportato con i compagni in campo e con Spalletti. E lui ha risposto sul campo nel modo migliore possibile: l’Inter ha vinto 4-0 lui ha fatto gol su rigore che si era guadagnato (e dopo aver “concordato” con i compagni che poteva batterlo) ha preso un palo clamoroso e ha fornito l’assist per Perisic in occasione del 3-0, insomma un rientro migliore non si poteva. Anzi forse sì: un rientro senza fischi. Però già così è molto. Ci vuole tempo per far guarire gli strappi, le ferite. La presa di posizione della tifoseria nerazzurra era stata preannunciata. Abbiamo la speranza (forse romantica) che dopo la burrasca possa tornare il sereno dappertutto, anche nello spogliatoio in maniera definitiva e quindi di riflesso anche nei rapporti con la tifoseria.
Intanto Icardi è tornato al gol dopo 109 giorni dall’ultima rete segnata (sempre su rigore), ma l’Inter è come se avesse voltato pagina. Anche perché è stata proprio tutta la serata benevola per i colori nerazzurri: il Milan aveva pareggiato 24 ore prima, ha perso la Lazio, ha pareggiato la Roma. L’Inter al momento ha 8 punti di vantaggio sul terzetto Roma, Lazio e Atalanta, ma queste ultime due devono ancora giocare una partita. La Lazio il recupero con l’Udinese, i bergamaschi sono impegnati in serata contro il Bologna: e sebbene sulla carta le due “quinte” in classifica sono favorite attenzione alle squadre impegnate alla lotta per non retrocedere. Di sorprese ce ne sono state parecchie in questo turno infrasettimanale proprio perché in fondo nessuno vuole perdere terreno.
Pensate alla Spal, pensate all’Udinese, pensate all’Empoli, pensate al Bologna di domenica (visto che ancora deve giocare): in fondo si corre, la quota salvezza potrebbe alzarsi un po’, e questo ritmo alto dietro non mette in sicurezza neanche chi si sentiva tranquillo: dal Genoa in giù praticamente (33 punti) tutte non possono considerarsi salve.
E’ vero che il campionato in alto per la vittoria dello scudetto non è praticamente mai stato messo in discussione, ma sia la lotta Champions che la lotta per l’Europa League che quella salvezza sono obiettivamente molto serrata e piene di colpi di scena. Con serie positive che all’improvviso fanno schizzare in alto le squadre o serie negative che le inguaiano. Di fatto in questo momento pochissime le squadre non hanno obiettivi (in campionato): Juventus (ma c’è la Champions in arrivo), il Napoli (idem per l’Europa League) e a Fiorentina che (almeno al momento) pare essersi troppo attardata per poter riprendere la zona Europa League: ma anche qui c’è ancora la semifinale di coppa Italia da giocare. Poi ci sarebbero Chievo e Frosinone che però si sono tutt’altro che arrese
Ecco perché tutte le voci che girano adesso (soprattutto su direttori sportivi e quindi sugli allenatori) non possono essere prese in considerazione se non come preliminari o sondaggi, idee… Nessuno sa quello che può succedere, soprattutto quando gli obiettivi (raggiunti o meno) possono cambiare la stagione successiva. Delle big l’unica sicura al 100% che l’allenatore della prossima stagione sarà quello di quest’anno è il Napoli. Per tutti gli altri qualche spiffero o qualche richiesta c’è sempre stata: fosse soltanto a livello mediatico.
Per cercare di dipanare la matassa c’è bisogno di qualche giorno in più (forse settimana) e qualche certezza (anche in campionato) superiore. Nel frattempo godiamoci l’esplosione dei giovani che continuano ad essere determinanti nei grandi club come Zaniolo (che sul suo futuro ha parlato ma ancora non ha chiarito del tutto) e Kean (che invece non avrà problemi a rinnovare con la Juventus). Godiamoci l’amicizia di Belotti e Quagliarella. Godiamoci un campionato vivissimo e agguerritissimo.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Basta spot elettorali! Il calcio italiano crolla in Europa ma noi pensiamo ai finti progressi. Juve, festa amara. Napoli, serviva Ancelotti per una stagione così? Pippo, vedi come vola il Bologna… 22.04 - Sabato pomeriggio avrei voluto vedere, al mare, la festa della Juventus e invece mi sono ritrovato senza calcio e sprofondato sul divano a rivedere un film nuovo che davano alla tv: Quo Vado! La scena più bella è quando Checco (a proposito, che fine hai fatto? Quando torni a regalarci...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Juve, le plusvalenze non fanno vincere la Champions. Il Milan se ne frega del fair play finanziario, l'Inter riparte da Spalletti? Conte, Tuchel, Sarri e altre leggende 21.04 - La festa Scudetto non è tale quando esci dai quarti di Champions League per mano dell'Ajax. E soprattutto quando potevi farlo una settimana prima, con un pari tranquillo a Ferrara, invece di inserire giocatori di Serie C oppure giovani. La formazione era più forte di quella della...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus, risalgono le quotazioni di Conte. Dybala in partenza, Bayern in prima fila ma c’è anche il Liverpool in un possibile scambio con Salah. Per la difesa spunta anche Jérôme Boateng. Marotta e Paratici, che sfida per Chiesa 20.04 - A fine stagione ci sarà un cambiamento inevitabile. Per la Juventus è già cominciata la fase di riflessione. Il primo nodo resta sempre Allegri. E’ vero che ci sono state le conferme del presidente Agnelli e dello stesso allenatore su un futuro ancora bianconero, ma la sensazione...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Allegri non resterà. Agnelli punta tutto su Conte, l’unico grande motivatore. Arriverà un giocatore super per reparto. Il tentativo per Guardiola di due mesi fa. Napoli, fine del ciclo. Insigne un caso 19.04 - Andrea Agnelli ha confermato Allegri a caldo, subito dopo la bruciante eliminazione dalla Champions e sinceramente penso sia stata soltanto una mossa mediatica. Il tentativo, un classico in questi casi, e niente di più di cercare di deviare l’attenzione dal dramma sportivo per far...

Editoriale DI: Luca Marchetti

La Juve, la Champions, i soldi e il mercato. I programmi della Roma e la “nuova” recompra 18.04 - La mancata qualificazione alle semifinali per la Juventus non è semplicemente una sconfitta che fa male. Perché tradisce le aspettative dei tifosi della Juventus, prima ancora che le ambizioni della società a del suo presidente Agnelli. L’Ajax ha frantumato la Juventus, ha scoperto...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

E’ la disfatta di Allegri, checché ne dica Agnelli: vincere non era l’unica cosa che conta? La Juventus ha giocato solo quando ha dovuto reagire. Rilassatasi con l’Ajax, è crollata. Gli juventini vogliono Allegri? 17.04 - Il ranking. Il nuovo tormentone è il ranking. Uscire da questa disfatta - né più, né meno - contro l’Ajax, e parlare da parte di Agnelli di ranking e degli ultimi cinque anni sempre nei Quarti, ha lo stesso effetto dell’ingaggiare un make-up artist da Oscar per fare agghindare un...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i rischi della super sfida e il moralismo senza senso sui “ragazzotti”. Inter: la verità tra le parole di Marotta (Icardi, Spalletti e... Conte). Milan: il futuro di Gattuso, spiegato nel presente. Napoli: la coerenza non è un optional 16.04 - Mentre scriviamo brucia Notre Dame e c’è davvero poco da ridere. Qualcuno fa grassa ironia “in fondo non è morto nessuno!”. Ah, pisquani, quanta pochezza. Brucia Notre Dame e noi siam qui a parlare di pallone, del resto di arte capiamo nulla, ma che fastidio accendere la tv e vedere...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, angeli e demoni. Inter, traguardo vicino. Napoli, che horror! Chievo giustamente in B. Gravina, prima i veri problemi poi il resto... 15.04 - Le lotte per il quarto posto, e per il terzultimo, sono le uniche rimaste a farci divertire. Penserete, giustamente, come sia caduta in basso la serie A. Vero! La Juventus, ormai, deve fare i calcoli per quando festeggiare. Deve decidere solo la data e si organizza per la passerella,...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

La formazione di Allegri è il frutto di un campionato che non funziona. Vincere così non aiuta nessuno, nemmeno la Juve. E Andrea Agnelli lo sa bene... 14.04 - Un esordiente nel massimo campionato con la maglia della Juventus, due esordienti assoluti in Serie A, più Hans Nicolussi Caviglia. Centrocampista classe 2000 che prima di ieri sera aveva giocato in Serie A solo dieci minuti contro l'Udinese (quando il risultato era 4-0). A Ferrara,...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Inter, è Lukaku la prima scelta se parte Icardi. Dzeko e Zapata le altre ipotesi. Juventus, per il centrocampo si continua a monitorare Ndombele del Lione. Svolta Mertens, l’attaccante belga ora potrebbe rimanere. Giuntoli al lavoro per Callejon 13.04 - La fine del campionato è dietro l’angolo e una decisione deve essere presa per forza. La svolta tra l’Inter e Icardi sta per arrivare. L’addio resta l’ipotesi più probabile ma non scontata. Icardi è un grande bomber, ha 26 anni e ora più che mai è un’occasione di mercato per tante...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510