VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Icardi sempre più Real. Che succede con Wanda? Addio social anche a Brozovic e Perisic: è un giallo. Suning contestato, Spalletti deluso. Malagò-Fabbricini, la strada è giusta

02.02.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 46404 volte
© foto di Federico De Luca

Tra le varie pagelle, pagelline e pagellone del mercato invernale, se c’è una società bocciata più o meno da tutti quella è l’Inter. Serviva un trequartista, un giocatore di fantasia, l’anello di congiunzione fra centrocampo e attacco e come già successo in estate, quel giocatore non è arrivato. Ma il mercato deludente, del quale parleremo più avanti, non è l’unica cosa che inquieta il mondo nerazzurro.

Da alcuni giorni sono di nuovo accesi i riflettori sul futuro di Icardi. Vi avevamo anticipato mesi fa le voci spagnole, l’amore e le attenzioni del Real, la voglia di pagare quella clausola rescissoria da 110 milioni per portare l’attaccante a Madrid per sostituire Benzema. Un tweet di Icardi sull’addio e dintorni apparso proprio in questi giorni, sta diventando un enigma.

Ha deciso? Ha accettato la corte del Real, lascia l’Inter? La cosa non ci meraviglierebbe affatto. La clausola rescissoria è bassa, pagare una cifra del genere per gli spagnoli non è un problema. Ma la situazione forse è ancora più complessa. Non vogliamo fare del gossip e la vita privata dei giocatori ci interessa il giusto, ma siccome nel frattempo Icardi ha smesso di seguire la moglie sui social e la signora Icardi, sempre sui social, ha cambiato nome tornando a farsi chiamare semplicemente Wanda Nara, la vicenda si colora di giallo. Ripeto, non è gossip perché Wanda Nara non è soltanto la moglie, ma anche la manager di Icardi per cui quelle considerazioni sull’addio insospettiscono ancora di più. C’è un crisi personale o trattasi di divergenze sul futuro calcistico dell’attaccante?

Stando a indiscrezioni che circolano, Icardi vorrebbe andare a Madrid mentre Wanda avrebbe in testa un rinnovo con l’Inter e il conseguente innalzamento della clausola rescissoria. Non basta. Oltre a non seguire più la moglie sui social, da qualche giorno Icardi avrebbe smesso di seguire anche Perisic e Brozovic. Potrebbe voler dire niente, ma potrebbe invece anche essere una traccia da seguire per capire davvero cosa stia succedendo dentro l’Inter. Non c’è più armonia nello spogliatoio? La domanda sorge spontanea e il vistoso calo di rendimento della squadra e di Icardi e Perisic in particolare negli ultimi due mesi, deve far pensare. A questo punto la palla passa a Spalletti che ha il compito di tenere assieme una situazione non facile. L’umore dell’allenatore lo capiremo meglio oggi nella conferenza stampa pre-Crotone, ma di sicuro non è felice. Anzi. Chi lo conosce bene lo racconta parecchio inquieto. Forse i cinesi che si aspettava lui sono diversi da quelli che stanno gestendo l’Inter. E il malumore di Spalletti è nulla al confronto di quello dei tifosi delusi per la lontananza (in tutti i sensi) della proprietà Suning e soprattutto per gli scarsi investimenti. Dai cinesi si aspettavano molto di più e questa palla al piede del fair play finanziario è difficile da accettare. Rafinha e Lisandro Lopez sono buoni giocatori, ma Pastore o non Pastore, serviva anche altro per rilanciare l’Inter in vista della volata Champions. Non centrare l’Europa che conta sarebbe una delusione fortissima per tutto l’ambiente ed è facilmente comprensibile. E se la società è comunque forte con i manager Sabatini e Ausilio, toccherà proprio a Spalletti dare dei segnali che vadano oltre il mercato. Nei momenti di difficoltà è l’allenatore che deve dimostrare di essere diverso da un Pioli naufragato l’anno scorso o dal Mancini di due anni fa che non riuscì a gestire la crisi. Molto si nasconde anche dietro a quel tweet di Icardi, se l’argentino ha già la testa a Madrid o ha qualcosa d’altro in mente, non sarà facile ritrovare serenità ed equilibrio.

Non sarà facile neppure ridare un senso alle istituzioni del pallone, ma le nomine dei commissari avvenute ieri fanno ben sperare. La strada è giusta.

Fabbricini in Federcalcio è una garanzia istituzionale per conoscenza ed esperienza. Costacurta è il calcio giocato, l’avvocato Clarizia l’uomo giusto per cambiare i regolamenti: due vice commissari ad hoc.

Malagò in Lega con Bernardo Corradi e l’avvocato Nicoletti vice, avranno un compito forse ancora più duro, ma sono un’altra triade ben congegnata.

Gli uomini del Coni dovranno cominciare dalle regole, vanno ricostruite le fondamenta del pallone, immesse idee e aperta la strada per uomini nuovi capaci di portare il calcio nel futuro. Non sarà facile, ma questa è l’ultima occasione: si cambia o si muore.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Da Robben a Balo, quante offerte per l’estate! Juve su de Vrij, il Real tenta Bonucci… Ma Ibra non lo vuole nessuno? 21.02 - Sarà un’estate caldissima e non solo per le alte temperature (gli esperti parlano di una “bella stagione” torrida). Tutti si stanno affannando per cercare l’affare del secolo. Indubbiamente non mancano le super offerte. La lista di “parametri zero” è lunga ed interessante. Al Bayern...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto delle "non-lacrime" di Allegri. Milan: l'allarme cinese... e occhio a maggio! Inter: è ora di giocare al gioco del silenzio. Napoli: il diritto di Sarri a fare come crede 20.02 - Ciao. Quando arriva il momento di compilare questo editoriale faccio un giro sui siti per cercare ispirazione ed evitare di scrivere cose come “prima o poi bisogna affrontarle tutte” o “lo scudetto si decide a primavera” o “la politica è tutto un magna-magna”. A volte i siti ti danno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.