VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/18?
  Real Madrid
  Bayern Monaco
  Roma
  Liverpool

Editoriale

Icardi sempre più Real. Che succede con Wanda? Addio social anche a Brozovic e Perisic: è un giallo. Suning contestato, Spalletti deluso. Malagò-Fabbricini, la strada è giusta

02.02.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 46850 volte
© foto di Federico De Luca

Tra le varie pagelle, pagelline e pagellone del mercato invernale, se c’è una società bocciata più o meno da tutti quella è l’Inter. Serviva un trequartista, un giocatore di fantasia, l’anello di congiunzione fra centrocampo e attacco e come già successo in estate, quel giocatore non è arrivato. Ma il mercato deludente, del quale parleremo più avanti, non è l’unica cosa che inquieta il mondo nerazzurro.

Da alcuni giorni sono di nuovo accesi i riflettori sul futuro di Icardi. Vi avevamo anticipato mesi fa le voci spagnole, l’amore e le attenzioni del Real, la voglia di pagare quella clausola rescissoria da 110 milioni per portare l’attaccante a Madrid per sostituire Benzema. Un tweet di Icardi sull’addio e dintorni apparso proprio in questi giorni, sta diventando un enigma.

Ha deciso? Ha accettato la corte del Real, lascia l’Inter? La cosa non ci meraviglierebbe affatto. La clausola rescissoria è bassa, pagare una cifra del genere per gli spagnoli non è un problema. Ma la situazione forse è ancora più complessa. Non vogliamo fare del gossip e la vita privata dei giocatori ci interessa il giusto, ma siccome nel frattempo Icardi ha smesso di seguire la moglie sui social e la signora Icardi, sempre sui social, ha cambiato nome tornando a farsi chiamare semplicemente Wanda Nara, la vicenda si colora di giallo. Ripeto, non è gossip perché Wanda Nara non è soltanto la moglie, ma anche la manager di Icardi per cui quelle considerazioni sull’addio insospettiscono ancora di più. C’è un crisi personale o trattasi di divergenze sul futuro calcistico dell’attaccante?

Stando a indiscrezioni che circolano, Icardi vorrebbe andare a Madrid mentre Wanda avrebbe in testa un rinnovo con l’Inter e il conseguente innalzamento della clausola rescissoria. Non basta. Oltre a non seguire più la moglie sui social, da qualche giorno Icardi avrebbe smesso di seguire anche Perisic e Brozovic. Potrebbe voler dire niente, ma potrebbe invece anche essere una traccia da seguire per capire davvero cosa stia succedendo dentro l’Inter. Non c’è più armonia nello spogliatoio? La domanda sorge spontanea e il vistoso calo di rendimento della squadra e di Icardi e Perisic in particolare negli ultimi due mesi, deve far pensare. A questo punto la palla passa a Spalletti che ha il compito di tenere assieme una situazione non facile. L’umore dell’allenatore lo capiremo meglio oggi nella conferenza stampa pre-Crotone, ma di sicuro non è felice. Anzi. Chi lo conosce bene lo racconta parecchio inquieto. Forse i cinesi che si aspettava lui sono diversi da quelli che stanno gestendo l’Inter. E il malumore di Spalletti è nulla al confronto di quello dei tifosi delusi per la lontananza (in tutti i sensi) della proprietà Suning e soprattutto per gli scarsi investimenti. Dai cinesi si aspettavano molto di più e questa palla al piede del fair play finanziario è difficile da accettare. Rafinha e Lisandro Lopez sono buoni giocatori, ma Pastore o non Pastore, serviva anche altro per rilanciare l’Inter in vista della volata Champions. Non centrare l’Europa che conta sarebbe una delusione fortissima per tutto l’ambiente ed è facilmente comprensibile. E se la società è comunque forte con i manager Sabatini e Ausilio, toccherà proprio a Spalletti dare dei segnali che vadano oltre il mercato. Nei momenti di difficoltà è l’allenatore che deve dimostrare di essere diverso da un Pioli naufragato l’anno scorso o dal Mancini di due anni fa che non riuscì a gestire la crisi. Molto si nasconde anche dietro a quel tweet di Icardi, se l’argentino ha già la testa a Madrid o ha qualcosa d’altro in mente, non sarà facile ritrovare serenità ed equilibrio.

Non sarà facile neppure ridare un senso alle istituzioni del pallone, ma le nomine dei commissari avvenute ieri fanno ben sperare. La strada è giusta.

Fabbricini in Federcalcio è una garanzia istituzionale per conoscenza ed esperienza. Costacurta è il calcio giocato, l’avvocato Clarizia l’uomo giusto per cambiare i regolamenti: due vice commissari ad hoc.

Malagò in Lega con Bernardo Corradi e l’avvocato Nicoletti vice, avranno un compito forse ancora più duro, ma sono un’altra triade ben congegnata.

Gli uomini del Coni dovranno cominciare dalle regole, vanno ricostruite le fondamenta del pallone, immesse idee e aperta la strada per uomini nuovi capaci di portare il calcio nel futuro. Non sarà facile, ma questa è l’ultima occasione: si cambia o si muore.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Juve: Allegri andrà via, ma guai a dare i bianconeri per “finiti”. Milan: la follia dei processi a Gattuso. Inter: l’operazione Champions spaventa solo i deboli. Napoli: occhio all’uragano Sarri. E forza Roma, ovvio 24.04 - Tra breve parleremo di calcio. Davvero. Ma prima l’Uomo-Ken. Ognuno nasce con uno scopo: alcuni diventano astronauti, altri benzinai, altri missionari, altri Uomo-Ken. L’Uomo-Ken è un tizio che ha come unica ragione di vita assomigliare a Ken, il noto bambolotto Anni ‘80. In questi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allegri non pervenuto. Sarri, colpo Gobbo a Torino. Milan, che dolore il colpo della strega. Crisi Udinese, Oddo non pronto per questi livelli. De Canio e la bacchetta magica... 23.04 - Se la Juventus prepara una finale scudetto in questo modo, molto colpe sono del suo allenatore. Squadra scarica, zero tiri in porta, gente che passeggia in campo e neanche il 10% della carica agonistica che ti aspetti per chiudere i conti e ammazzare il tuo rivale. Juventus ai minimi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Juventus-Napoli, solo un crollo verticale può salvare la A dalla monotonia. Roma può diventare come Londra, ma dipenderà dallo stadio. Che bella la lotta salvezza 22.04 - Questa sera andrà in scena la madre di tutte le partite. Almeno per una fetta, consistente anzichenò, del nostro calcio. Perché tutti coloro che non tifano Juventus proveranno a vedere, finalmente, la speranza di avere una nuova regina del calcio italiano. Il Napoli incarna Davide...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Morata-Juve per ora solo un’idea, ma il ritorno non è impossibile. Per Torreira il Napoli tenta l’affondo. Mancini CT, lo Zenit frena: i tempi potrebbero allungarsi 21.04 - La sfida scudetto di Torino è dietro l’angolo ma anche il mercato continua a regalare spunti interessanti e per certi versi clamorosi. Parto subito forte e vi dico che il ritorno di Morata alla Juventus non è impossibile. Al momento è solo un’idea, destinata a rimanere tale se la...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve-Napoli, ecco come giocheranno. Sui bianconeri le maggiori pressioni. Dybala è il dubbio. Pjanic recupera. Milik in vantaggio su Mertens. Restare o andar via? Il futuro di Allegri e Sarri passa da questo scudetto. Italia, Mancini CT 20.04 - Hai nove punti di vantaggio, praticamente già vinto lo scudetto e pochi minuti dopo scopri che quei punti si riducono a quattro e ritorna tutto in discussione. Non deve essere simpatico. Non è un momento semplice per la Juve alla vigilia dello scontro diretto col Napoli, pochi giorni...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Juventus-Napoli, sfida totale. Un finale di campionato elettrizzante… 19.04 - Un finale di campionato così è letteralmente da sogno. Per tutti i tifosi, di tutti i colori. Perché vivere un duello così bello, così intenso, con così tanti colpi di scena concentrati in pochi minuti o in poche giornate. Lo scontro diretto è ormai alle porte e viverlo con queste...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

I dolori del giovane Andrea Agnelli: se gli obiettivi futuri della Juventus valgono davvero questo danno d'immagine, per il club stesso, e per Gigi Buffon. Gravissima l'accusa di malafede a Collina 18.04 - È passato tutto in cavalleria. No, non di certo le parole di Buffon o di qualcun altro. Le uscite dei giocatori hanno fatto molto clamore, anche se qua in Italia si è trattato solo di rumore, mentre all'estero è stato disgusto e condanna, in un tragico giro del mondo che ha fatto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la corte a Marotta e il futuro di Allegri. Milan: il piano di Gattuso per la prossima stagione (e Donnarumma?). Inter: quanti processi senza senso. E a Buffon il 432esimo consiglio non richiesto 17.04 - A Milano è iniziata la Settimana del Mobile. Alla Settimana del Mobile è difficilissimo trovare dei mobili e la cosa, converrete, è molto curiosa. Molto più facile trovare gente di merda. Di quella sono piene le vie. Sembra che tutti vadano nelle feste esclusive, fanno a gara a dirtelo,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Ecco perché Buffon va assolto. Il suicidio della Lazio senza un perché. L'Inter senza Icardi ha un problema. Empoli verso la A: bastava esonerare Vivarini 16.04 - Ci siamo lasciati alle spalle la settimana europea più folle di sempre per il calcio italiano. Istanbul a parte, una roba del genere non l'avevamo mai vista. Nel bene (la Roma) e nel male (la Lazio). E la Juve è bene o male? Vi starete chiedendo. Assolutamente nel bene. La Juventus...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso 15.04 - Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.