HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Icardi sempre più Real. Che succede con Wanda? Addio social anche a Brozovic e Perisic: è un giallo. Suning contestato, Spalletti deluso. Malagò-Fabbricini, la strada è giusta

02.02.2018 00:00 di Enzo Bucchioni   articolo letto 47234 volte
© foto di Federico De Luca

Tra le varie pagelle, pagelline e pagellone del mercato invernale, se c’è una società bocciata più o meno da tutti quella è l’Inter. Serviva un trequartista, un giocatore di fantasia, l’anello di congiunzione fra centrocampo e attacco e come già successo in estate, quel giocatore non è arrivato. Ma il mercato deludente, del quale parleremo più avanti, non è l’unica cosa che inquieta il mondo nerazzurro.

Da alcuni giorni sono di nuovo accesi i riflettori sul futuro di Icardi. Vi avevamo anticipato mesi fa le voci spagnole, l’amore e le attenzioni del Real, la voglia di pagare quella clausola rescissoria da 110 milioni per portare l’attaccante a Madrid per sostituire Benzema. Un tweet di Icardi sull’addio e dintorni apparso proprio in questi giorni, sta diventando un enigma.

Ha deciso? Ha accettato la corte del Real, lascia l’Inter? La cosa non ci meraviglierebbe affatto. La clausola rescissoria è bassa, pagare una cifra del genere per gli spagnoli non è un problema. Ma la situazione forse è ancora più complessa. Non vogliamo fare del gossip e la vita privata dei giocatori ci interessa il giusto, ma siccome nel frattempo Icardi ha smesso di seguire la moglie sui social e la signora Icardi, sempre sui social, ha cambiato nome tornando a farsi chiamare semplicemente Wanda Nara, la vicenda si colora di giallo. Ripeto, non è gossip perché Wanda Nara non è soltanto la moglie, ma anche la manager di Icardi per cui quelle considerazioni sull’addio insospettiscono ancora di più. C’è un crisi personale o trattasi di divergenze sul futuro calcistico dell’attaccante?

Stando a indiscrezioni che circolano, Icardi vorrebbe andare a Madrid mentre Wanda avrebbe in testa un rinnovo con l’Inter e il conseguente innalzamento della clausola rescissoria. Non basta. Oltre a non seguire più la moglie sui social, da qualche giorno Icardi avrebbe smesso di seguire anche Perisic e Brozovic. Potrebbe voler dire niente, ma potrebbe invece anche essere una traccia da seguire per capire davvero cosa stia succedendo dentro l’Inter. Non c’è più armonia nello spogliatoio? La domanda sorge spontanea e il vistoso calo di rendimento della squadra e di Icardi e Perisic in particolare negli ultimi due mesi, deve far pensare. A questo punto la palla passa a Spalletti che ha il compito di tenere assieme una situazione non facile. L’umore dell’allenatore lo capiremo meglio oggi nella conferenza stampa pre-Crotone, ma di sicuro non è felice. Anzi. Chi lo conosce bene lo racconta parecchio inquieto. Forse i cinesi che si aspettava lui sono diversi da quelli che stanno gestendo l’Inter. E il malumore di Spalletti è nulla al confronto di quello dei tifosi delusi per la lontananza (in tutti i sensi) della proprietà Suning e soprattutto per gli scarsi investimenti. Dai cinesi si aspettavano molto di più e questa palla al piede del fair play finanziario è difficile da accettare. Rafinha e Lisandro Lopez sono buoni giocatori, ma Pastore o non Pastore, serviva anche altro per rilanciare l’Inter in vista della volata Champions. Non centrare l’Europa che conta sarebbe una delusione fortissima per tutto l’ambiente ed è facilmente comprensibile. E se la società è comunque forte con i manager Sabatini e Ausilio, toccherà proprio a Spalletti dare dei segnali che vadano oltre il mercato. Nei momenti di difficoltà è l’allenatore che deve dimostrare di essere diverso da un Pioli naufragato l’anno scorso o dal Mancini di due anni fa che non riuscì a gestire la crisi. Molto si nasconde anche dietro a quel tweet di Icardi, se l’argentino ha già la testa a Madrid o ha qualcosa d’altro in mente, non sarà facile ritrovare serenità ed equilibrio.

Non sarà facile neppure ridare un senso alle istituzioni del pallone, ma le nomine dei commissari avvenute ieri fanno ben sperare. La strada è giusta.

Fabbricini in Federcalcio è una garanzia istituzionale per conoscenza ed esperienza. Costacurta è il calcio giocato, l’avvocato Clarizia l’uomo giusto per cambiare i regolamenti: due vice commissari ad hoc.

Malagò in Lega con Bernardo Corradi e l’avvocato Nicoletti vice, avranno un compito forse ancora più duro, ma sono un’altra triade ben congegnata.

Gli uomini del Coni dovranno cominciare dalle regole, vanno ricostruite le fondamenta del pallone, immesse idee e aperta la strada per uomini nuovi capaci di portare il calcio nel futuro. Non sarà facile, ma questa è l’ultima occasione: si cambia o si muore.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Dai mecenati al FFP, dai crac alla noia. Così non va: come ripensare la Serie A? O si vara la Superlega o si cambiano le regole, guardando a modelli molto diversi come quello NBA 02.12 - È appena iniziato il mese di dicembre, non siamo ancora al giro di boa della Serie A e tra gli italiani che vivono di pane e pallone ci sono due correnti di pensiero. Ci sono coloro che considerano il discorso Scudetto già concluso, chi dice che raggiungere una Juventus che finora...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Di Francesco merita ancora fiducia, a gennaio 2 acquisti. L’Inter si inserisce nella corsa a Tonali, per Gabigol spunta l’ipotesi Premier. Milan per la difesa uno tra Christensen e Cahill. Fabregas più di un’idea ma costi alti 01.12 - Di Francesco e il futuro. Un futuro ancora giallorosso. Merita fiducia anche se la sconfitta con il Real ha fatto riemergere i soliti problemi, soprattutto la mancanza di continuità. La partita di martedì sera va analizzata bene. Il primo tempo è stato molto buono. Casomai è inspiegabile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Fabregas al Milan, manca solo l’ok di Abramovich. Ibra già fatto. Juve punta i giovani Ndombelè e Gedson Fernandes, Ramsey più vicino, Isco nel mirino. Inter, Marotta vuole Martial. Perisic può partire per Chiesa 30.11 - Il Milan ha buone possibilità di portare a casa a gennaio Cesc Fabregas, 31 anni, panchinaro di lusso del Chelsea. Il centrocampista spagnolo con Sarri gioca pochissimo ed ha capito che il progetto di rilancio dei rossoneri può allungargli una straordinaria carriera. All’inizio della...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->