HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
"Messi venga in Italia". CR7 lancia la sfida, credete sia possibile?
  E' solo una provocazione, Messi chiuderà al Barcellona
  In caso di addio, andrà da Guardiola
  Perché non 'con' CR7? La Juve dovrebbe pensarci
  Superato il FFP, può essere il regalo di Elliott al Milan
  Suning può provarci: Messi all'Inter contro CR7 alla Juve
  Messi come Diego. Perché non chiudere al Napoli?
  Andrà al PSG se lasceranno Mbappé o Neymar

La Giovane Italia
Editoriale

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni...

15.02.2018 07:51 di Luca Marchetti   articolo letto 24964 volte
© foto di Federico De Luca

Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio durante il trasferimento monstre di Neymar ci eravamo fatti la stessa domanda e avevamo trovato delle parziali risposte. Ma se Neymar davvero vale 222 milioni di euro, quanto può valere oggi Maradona? O Platini? Oggi come allora ci siamo affidati alla consulenza di playratings, perché è vero, è un gioco. Ma comunque i giochi per essere divertenti devono essere seri e non buffonate. Quindi devono aver (e in questo caso hanno) una base di scientificità.
Playratings generalmente, per calciatori in attività, da una valutazione sul prezzo del giocatore, tarato anche in base alla squadra che acquista. Tenendo conto di una serie piuttosto corposa di variabili (fra cui anche le prestazioni del giocatore in questione si intende) con dei modelli economici presi in prestito e adattati al calciomercato. Fare un passo indietro nel tempo è sempre complicato ed è sempre un azzardo, ma prendendo spunto da Totti non potevamo non giocare. Bene... volete la classifica? Eccola...
Il giocatore, fra quelli presi in esame, con la valutazione più alta sarebbe Ronaldo il Fenomeno con 197 milioni di euro. Seguito proprio da Totti con 160, Maradona con 157, Platini a parimerito con Vieri a 152, Van Basten a 149 e Batistuta a 142. Insomma, Ronaldo a parte, tutti divisi da una 20 di milioni di euro. Ma qui vanno fatte le prime considerazioni: perché Maradona, il Pibe de Oro, universalmente riconosciuto come il migliore (ma non ditelo a Pelé) calciatore di tutti i tempi, sgomita nel mucchio e non ha il primo posto? Primo motivo: l’apice della carriera di Ronaldo è arrivata intorno ai 22 anni. Per i parametri presi in considerazione il fatto di essere arrivati al top con praticamente 15 anni di carriera davanti fa di te una montagna di milioni di euro con le gambe. Gambe purtroppo soggette ad infortuni nel caso di Ronaldo. Ma nell’apice della sua carriera era veramente giovane... discorso inverso per Totti che a 30 raggiunge il top con il Mondiale vinto. Nessuno si sarebbe mai immaginato che la carriera del Pupone sarebbe continuata per altri 10 anni. E questo conta, eccome se conta. Pensate che Playratings ha dovuto forzare il proprio logaritmo perché Totti è andato oltre le più rosee aspettative di carriera del computer. Maradona senza dubbio è stato uno dei grandissimi. Ma il successo raggiunto in una fase della carriera “matura”, un addio al calcio (come quello di Platini) arrivato più vicino ai 30 che ai 40 e la squadra di appartenenza (in questo caso il Napoli) con un blasone con meno appeal del top di allora. E lo stesso discorso vale per Van Basten, che addirittura ha smesso neanche 30enne...
Tutti questi campioni però hanno un minimo comun denominatore. Anche al loro splendore valgono meno di Neymar... come è possibile? Abbiamo fatto allora uno sforzo in più. Abbiamo cercato di capire la “neymarizzazione” del prezzo. Ovvero: il PSG ha deciso di pagare di più Neymar (quasi il 200% in più rispetto al valore di mercato assegnato in quel momento) perché grazie a Neymar può far crescere il proprio brand, può sfruttarlo per il marketing (anche quello del Quatar) può migliorare la propria squadra rendendola più attrattiva. Ecco che allora possiamo parlare di prezzi neymarizzati. I criteri sono sempre gli stessi, ma cambia leggermente la classifica. Ronaldo rimane sempre il primo con un costo (pazzesco) di 433 milioni di euro. Secondo Maradona con 345, terzi a parimerito Platini e Vieri con 334. Poi Totti con 330, qualche milioni di euro in meno, infine Van Basten con 328 e per chiudere con Batistuta a 281. Ecco quanto varrebbero parametrati a ora. Al prezzo di Neymar. Quasi il doppio nel caso di Ronaldo, probabilmente alla stessa età. Ma il clamore che aveva intorno il Fenomeno in quel periodo, fosse vissuto adesso avrebbe generato un giro di affari talmente vorticoso che l’impegno economico sarebbe stato sostenibile. Almeno tanto quanto Neymar. Sempre per gli stessi criteri di prima Maradona non è davanti a tutti e sempre per gli stessi motivi gli altri si giocano punto a punto (anzi, milione a milione) le altre posizioni.
A guardare al passato con gli occhi del presente ci siamo divertiti. Abbiamo cercato di razionalizzare e di mettere a confronto giocatori, anzi campioni, di epoche diverse con un gradi di scientificità. Sicuramente non abbiamo messo d’accordo tutti. Ma nel calcio il bello è proprio discutere, figuriamoci nel calciomercato. Tenetevi forte, siamo solo all’inizio...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Spalletti il grande imputato: il limite di carattere dell’Inter dell’ultimo mese rispecchia il valore della squadra o i limiti del tecnico? Napoli a testa alta, pagato solo il rodaggio iniziale di Ancelotti.Europa League: perché fa per il Napoli 12.12 - Cos’è peggio nella vita: un due di picche, o rimanere con il dubbio che sarebbe potuta andare bene se ci avessi provato? L’Inter esce dalla Champions manco fosse un adolescente impacciato, che si intreccia le mani mentre cerca in tasca il coraggio per rivolgere la parola alla ragazzina...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: Chiellini e altri difensori. Inter: 10 "segreti" sulla festa di Wanda Nara (e uno su Spalletti). Milan: Donnarumma, Abate... e un dato di fatto su Ibra. Napoli: forza Ancelotti, fai impazzire i critici 11.12 - Ciao. Sono stato al compleanno di Wanda Nara. Giuro. Mi ha invitato perché è gentile. E quindi non dovrei, ma vi racconto tutto il torbido di una festa che ha fatto molto parlare e ha indignato i più. Giustamente, tra l’altro: un capitano che va alla festa di sua moglie non si era...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, la differenza tra il gioco e la vittoria. Roma, non c'è nulla. Napoli, devi farcela. Bigon e la meritocrazia: misteri del calcio 10.12 - La differenza tra la Juventus e l'Italia non sta solo nella classifica. Sarebbe riduttivo per una squadra che a dicembre, in campionato, ha vinto tutte le partite e pareggiata una. Se il calcio fosse un'equazione, allora, avremmo risolto molti problemi e ci saremmo messi l'anima in...

Editoriale DI: Marco Conterio

La vittoria di Allegri e la sconfitta di Spalletti. Cancelo, rimpianto nerazzurro e clamorosamente sottovalutato in Europa. Agnelli-Zhang segnano la fine della storica rivalità tra Juventus e Inter? 09.12 - Il tempo dei bilanci di fine anno si avvicina ma è chiaro che tracciare una linea su quel che è stato di questo 2018 non sia complicato. La gara di due sere fa di Torino ne è la chiara fotografia: il coraggio non basta, la Juventus prepara Capodanno da febbraio mentre le altre sono...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Napoli e Giuntoli il matrimonio va avanti, si lavora ancora per Zielinski. Milan, per Cahill c’è l’ok del Chelsea ma resta l’ostacolo ingaggio. La Juventus ripensa a Isco. Roma anche Weigl nella lista di Monchi. Fiorentina su Sansone 08.12 - Meno di un mese e il mercato sarà di nuovo aperto. E allora parto subito con il Napoli e con Cristiano Giuntoli. Un matrimonio destinato a durare ancora a lungo. Con De Laurentiis il feeling è forte e le parti sono vicine a prolungare il rapporto per continuare un ciclo che si è aperto...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Marotta sfida la Juventus. Duello a tutto mercato per Barella, Chiesa, Milinkovic Savic, Martial e non solo: il sogno è Dybala nerazzurro. Spalletti, i segreti per fermare Allegri. Un Ronaldo dall’altra parte vent’anni dopo il rigore contestato 07.12 - Marotta non è ancora un dirigente dell’Inter, almeno in via ufficiale. Per opportunità sarà presentato soltanto giovedì prossimo, dopo la sfida di questa sera con la Juve, il suo passato ancora vivo e caldo. Tutto sommato la scelta di Suning è condivisibile, nel calcio ci sono già...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Vince sempre il più ricco? E come si fa a batterlo? 07.12 - Spesso si fanno discorsi relativi al fatturato e alla capacità di spesa. È evidente che se hai più soldi sei avvantaggiato: diciamo che come minimo puoi permetterti più errori. Ma da qualche tempo a questa parte, soprattutto in Italia, sembra quasi si sia innestato un circolo virtuoso...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Derby d’Italia: ma davvero l’Inter pensa di avere qualche speranza? La Juve allo Stadium prepara una vittoria dal sapore spietato. Quello che deve temere la Juventus è su Isco: Paratici sta lavorando, ma la situazione è complicata 05.12 - Era dal 2010 che non si giocava un derby d’Italia al venerdì, occasione che può essere di buon auspicio per entrambe: perché era l’ultimo anno in cui un’italiana vinse la Champions, e quell’italiana fu l’Inter - e il derby si anticipò appunto prima della semifinale Inter-Barcellona. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: l'incredibile "fame" bianconera e un solo dubbio. Inter: su Spalletti bisogna darsi una regolata. Milan: altalena Gattuso, da "inadatto" a "mister modello". Tutte le rogne del Var... 04.12 - Il problema del Var che fa incazzare tutti come delle bestie (giustamente) è un non-problema, nel senso che non dipende mica dal Var. Prendersela col Var è come prendersela col semaforo che “questo rosso dura troppo! Maledetto!”. Oh, mica lo decide lui. Ecco, qui la questione...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La Juventus non ammazza il campionato ma tutto il sistema. L'inutilità del Var. Milan, serve la svolta a gennaio. Serie B e C, quando le decisioni? 03.12 - Non è un discorso di essere tifosi della Juventus oppure no. Quelli che leggerete sono solo complimenti verso la società, i tifosi, la squadra, Allegri, i magazzinieri, la segreteria, l'ufficio stampa e l'autista della Juventus. Però il problema non è la Juve, il vero problema è che...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
-->