VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni...

15.02.2018 07:51 di Luca Marchetti   articolo letto 23601 volte
© foto di Federico De Luca

Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio durante il trasferimento monstre di Neymar ci eravamo fatti la stessa domanda e avevamo trovato delle parziali risposte. Ma se Neymar davvero vale 222 milioni di euro, quanto può valere oggi Maradona? O Platini? Oggi come allora ci siamo affidati alla consulenza di playratings, perché è vero, è un gioco. Ma comunque i giochi per essere divertenti devono essere seri e non buffonate. Quindi devono aver (e in questo caso hanno) una base di scientificità.
Playratings generalmente, per calciatori in attività, da una valutazione sul prezzo del giocatore, tarato anche in base alla squadra che acquista. Tenendo conto di una serie piuttosto corposa di variabili (fra cui anche le prestazioni del giocatore in questione si intende) con dei modelli economici presi in prestito e adattati al calciomercato. Fare un passo indietro nel tempo è sempre complicato ed è sempre un azzardo, ma prendendo spunto da Totti non potevamo non giocare. Bene... volete la classifica? Eccola...
Il giocatore, fra quelli presi in esame, con la valutazione più alta sarebbe Ronaldo il Fenomeno con 197 milioni di euro. Seguito proprio da Totti con 160, Maradona con 157, Platini a parimerito con Vieri a 152, Van Basten a 149 e Batistuta a 142. Insomma, Ronaldo a parte, tutti divisi da una 20 di milioni di euro. Ma qui vanno fatte le prime considerazioni: perché Maradona, il Pibe de Oro, universalmente riconosciuto come il migliore (ma non ditelo a Pelé) calciatore di tutti i tempi, sgomita nel mucchio e non ha il primo posto? Primo motivo: l’apice della carriera di Ronaldo è arrivata intorno ai 22 anni. Per i parametri presi in considerazione il fatto di essere arrivati al top con praticamente 15 anni di carriera davanti fa di te una montagna di milioni di euro con le gambe. Gambe purtroppo soggette ad infortuni nel caso di Ronaldo. Ma nell’apice della sua carriera era veramente giovane... discorso inverso per Totti che a 30 raggiunge il top con il Mondiale vinto. Nessuno si sarebbe mai immaginato che la carriera del Pupone sarebbe continuata per altri 10 anni. E questo conta, eccome se conta. Pensate che Playratings ha dovuto forzare il proprio logaritmo perché Totti è andato oltre le più rosee aspettative di carriera del computer. Maradona senza dubbio è stato uno dei grandissimi. Ma il successo raggiunto in una fase della carriera “matura”, un addio al calcio (come quello di Platini) arrivato più vicino ai 30 che ai 40 e la squadra di appartenenza (in questo caso il Napoli) con un blasone con meno appeal del top di allora. E lo stesso discorso vale per Van Basten, che addirittura ha smesso neanche 30enne...
Tutti questi campioni però hanno un minimo comun denominatore. Anche al loro splendore valgono meno di Neymar... come è possibile? Abbiamo fatto allora uno sforzo in più. Abbiamo cercato di capire la “neymarizzazione” del prezzo. Ovvero: il PSG ha deciso di pagare di più Neymar (quasi il 200% in più rispetto al valore di mercato assegnato in quel momento) perché grazie a Neymar può far crescere il proprio brand, può sfruttarlo per il marketing (anche quello del Quatar) può migliorare la propria squadra rendendola più attrattiva. Ecco che allora possiamo parlare di prezzi neymarizzati. I criteri sono sempre gli stessi, ma cambia leggermente la classifica. Ronaldo rimane sempre il primo con un costo (pazzesco) di 433 milioni di euro. Secondo Maradona con 345, terzi a parimerito Platini e Vieri con 334. Poi Totti con 330, qualche milioni di euro in meno, infine Van Basten con 328 e per chiudere con Batistuta a 281. Ecco quanto varrebbero parametrati a ora. Al prezzo di Neymar. Quasi il doppio nel caso di Ronaldo, probabilmente alla stessa età. Ma il clamore che aveva intorno il Fenomeno in quel periodo, fosse vissuto adesso avrebbe generato un giro di affari talmente vorticoso che l’impegno economico sarebbe stato sostenibile. Almeno tanto quanto Neymar. Sempre per gli stessi criteri di prima Maradona non è davanti a tutti e sempre per gli stessi motivi gli altri si giocano punto a punto (anzi, milione a milione) le altre posizioni.
A guardare al passato con gli occhi del presente ci siamo divertiti. Abbiamo cercato di razionalizzare e di mettere a confronto giocatori, anzi campioni, di epoche diverse con un gradi di scientificità. Sicuramente non abbiamo messo d’accordo tutti. Ma nel calcio il bello è proprio discutere, figuriamoci nel calciomercato. Tenetevi forte, siamo solo all’inizio...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Un Napoli così vale il miliardo di euro... Rino, adesso arriva il bello. Inter, gioia e fatica. La favola Chievo mostra le prime crepe 12.02 - Siamo sempre esterofili. Amiamo la Germania per la birra e per gli stadi. Amiamo l'Inghilterra per il pubblico e per i soldi della Premier. Forse amiamo anche la Francia che ha un campionato mediocre, ma il PSG e la Torre Eiffel. Ora, però, una cosa la possiamo dire: in Italia abbiamo...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

In Europa resiste solo la Serie A grazie al miracolo Napoli. Bernardeschi come Dybala: c'è il marchio Allegri. Spalletti e Di Francesco: chi salta a maggio? 11.02 - Ha ragione Maurizio Sarri quando paragona la Juventus al Bayern Monaco. Lo dice la storia, la tradizione vincente e un fatturato che è completamente differente da quello delle altre 19 squadre di Serie A. In attesa del ritorno ad alti livelli delle milanesi, che ormai aspettiamo invano...

EditorialeDI: Mauro Suma

Gattuso: il Milan dice la verità. Mazzarri: infierire est diabolicum. Sarri: su Ghoulam si gioca lo Scudetto. Mancini: la Nazionale la vuole davvero 10.02 - Gattuso non si conta. Gattuso si pesa. Senza sapere quanto dureranno e a dove porteranno i miglioramenti della squadra in campionato, senza sapere se il Milan andrà in finale di coppa Italia e senza sapere se supererà zero, uno o più turni di Europa League, Rino ha già convinto. Per...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Arbitro napoletano per la Juve, l’ultima follia dei complottisti che non la smettono di inquinare il calcio. Dybala lascia la casa a Torino. Anche Ronaldo spinge Icardi al Real. E l’Inter cosa aspetta a ridiscutere la clausola? 09.02 - Finalmente un campionato incerto, due squadra in corsa per lo scudetto, uno straordinario Napoli per il gioco che esprime, un’altrettanto straordinaria Juventus che non molla un centimetro, eppure c’è qualcuno che questa volata non se lo gode.  Ma come si fa nel 2018 a pensare ancora...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.