VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Il ciuccio è da sballo ma non siamo americani... Inter, non facciamo scherzi con Kovacic...

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
24.09.2014 00:00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 25389 volte
© foto di Federico De Luca

Florenzi ci ha intenerito ma il ciuccio, beh il ciuccio di Tevez è stato di altra categoria... Lo ammetto, le esultanze fantasiose mi sono sempre piaciute. Ricordo ancora l'esultanza di un giovanissimo Vucinic, perfetto nell'emulare il gesto del taglio della gola del compianto Benoit, stella WWE. Indimenticabile il bruco dei "baresi" Protti e Tovalieri, la culla di Bebeto ai Mondiali, insomma potrei andare avanti all'infinito. Un gol, si sa, è la massima esaltazione per un calciatore. Festeggiarlo è doveroso (vero Balotelli?). Eppure, nel nostro calcio, la troppa esultanza è portatrice di guai: il cartellino giallo è lì, pronto a strozzare in gola la voglia di far festa di ogni bomber... Ma perché? Tutti dovrebbero avere il diritto di godere, a proprio piacimento, del proprio capolavoro. Non in Italia. Il nostro è un tifo particolare. La nostra cultura sportiva è diversa da tante altre (Premier in testa). Mi soffermo su Lampard, per capirci... Il buon Frankie, dopo 13 anni al Chelsea, ha pensato bene di rovinare la domenica a Mou, segnando, con la casacca del City, il gol che ha condannato i Blues al pareggio. E che hanno fatto i tifosi del Chelsea a fine gara? Insulti, imprecazioni, cosa? No, no, tutto il contrario. Hanno festeggiato la loro ex bandiera, nonostante il gol... Nel nostro calcio non sarebbe mai accaduto! Per le esultanze vale lo stesso concetto. Vedere un avversario dare sfoggio della propria fantasia per la rete appena siglata dà fastidio a chi non ha la stessa fede calcistica. Non si apprezza l'artista, si odia a prescindere... Non siamo americani, la nostra fede calcistica ci impone di restare concentrati solo e solamente sulla nostra squadra e etichettare come nemici tutti coloro che non ne fanno parte. Liberare le esultanze, eliminando il tanto odiato cartellino giallo, non cambierebbe nulla. In Italia, ci sono delle regole non scritte che sono radicate nel nostro patrimonio genetico. Ben venga il ciuccio ma non potrà mai essere la quotidianità. Lo so, mi sono soffermato su disquisizioni futili ma, a volte, è gradevole evitare le grandi problematiche che attanagliano il nostro calcio... Ma c'è spazio anche per un po' di serietà. Nome: Mateo. Cognome: Kovacic. Io non so se sia merito di Mazzarri, di Medel o di Sua Santità ma resta il fatto che il giovane gioiello croato (ricordo, classe 1994) ha messo finalmente le ali e senza ingurgitare nessuna bibita. Lampi di pura classe, freddezza da campione sotto porta, insomma un fuoriclasse. Platini ringrazia ancora oggi Furino perché correva al suo posto, Kovacic ha appena osannato il buon Medel. I miei complimenti vanno all'Inter. Dopo un anno e mezzo francamente da buttare, Thohir ha creduto ciecamente nel ragazzo. Non è partito, è rimasto e ora vale il triplo di quanto è stato pagato nel gennaio del 2013 (11 milioni circa). Il presente dice che Tevez, ciuccio compreso, è la star indiscussa del nostro calcio ma, ragazzi, Kovacic può essere l'erede. Ecco, non facciamo scherzi. La prossima estate, il croato sarà oggetto di mille attenzioni. Verratti, Immobile, Cerci, tanti hanno già fatto le valigie, Mateo vorremmo restasse...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Montella: sarto no, stilista sì. Dzeko: il mercato invece dorme. Sarri: attenti alle "facce..." 21.10 - No, Montella non è Lizzola. Nè, per la verità ha fatto discorsi da Lizzola. Chi era intanto costui? Si tratta del sarto che era bravissimo, secondo i racconti di Silvio Berlusconi, a fare i vestiti con la stoffa che aveva. Invece, in quel Marzo 2000, il Milan di Helveg e Bierhoff...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.