HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato di Serie A in chiusura: qual è il vostro flop tra le big?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Il colpo di De Laurentiis: Ancelotti rilancia il Napoli e Napoli. E ora Sarri? Ecco la nuova Inter e tutti gli allenatori di A

24.05.2018 07:26 di Luca Marchetti   articolo letto 40604 volte
© foto di Federico De Luca

Ancelotti sbarca ufficialmente a Napoli. 3 anni di contratto a circa 5 milioni di euro. Con il suo staff al completo e con una gran voglia di tornare ad essere protagonista nel nostro campionato. Il presidente De Laurentiis ha fatto un grande colpo, ha riportato in Italia un grandissimo allenatore, uno dei più vincenti della storia del calcio. Ha certificato che il progetto Napoli continua , anzi si rilancia con forza. Ancelotti significa che il Napoli punta alla vittoria in campionato, ha capito, il presidente, che è il momento di fare lo sforzo maggiore con il Napoli in crescita e la Juve che sarà costretta a far ripartire il proprio ciclo. Quello di cui aveva paura Sarri (dover ripartire di nuovo) è stato completamente ribaltato. Il Napoli ora si rilancia con un rinnovato entusiasmo sia della piazza, che presidenziale. Ancelotti sarà un catalizzatore di giocatori, sarà la garanzia del progetto. Con tanti saluti a Sarri, in tutti i sensi. Che ora si ritrova praticamente senza clausola, esonerato dal Napoli. E chi lo vuole ora dovrà trattare non solo con lui ma anche con De Laurentiis. Lo Zenit lo farà anche se lui, nonostante tutto, non sarebbe ancora convinto. Sullo sfondo c’è sempre l’ipotesi Chelsea (addirittura si parla di un imminente viaggio a Londra di Sarri). Ma qui la situazione è complessa: perché Conte non molla, per licenziarlo il Chelsea dovrebbe spendere troppo e comunque ci sarebbe la concorrenza di Luis Enrique. Quindi bisognerà aspettare come bisognerà aspettare per capire bene gli obiettivi di Ancelotti. I primi nomi che girano sono i “suoi” giocatori. Vidal, David Luiz, Benzema, più Seri, Balotelli, Boateng. E naturalmente Leno per sostituire Reina. Di sicuro il mercato del Napoli alzerà l’asticella proprio per proseguire quel processo di crescita che con Ancelotti ha di fatto scalato l’ultimo gradino, almeno in Italia.
De Laurentiis, come già successo in passato, in un momento che poteva essere di difficoltà, ha dimostrato di avere le idee giuste per proseguire il suo cammino. Come abbiamo avuto modo di dire anche in passato: ogni cambio di allenatore che sembrava disastroso per la società si è dimostrato invece un nuovo passo in avanti per il Napoli come società e come squadra.
Ora il passo è arrivare al pari della Juventus, superarla, per regalare un campionato ancora migliore di quello appena concluso.
La Juve non starà a guardare. Dovrà, come detto, cambiare senza perdere troppo. Una possibilità potrebbe essere il ritorno di Morata? Intanto in avanti va detto che la Juventus, anche se dovesse partire Mandzukic, sarebbe comunque più che coperta e che le necessità sarebbero dietro, ma comunque ancora nulla è entrato per lo spagnolo nella fase calda. È vero che c’è stato un incontro, a Milano, fra Morata e Paratici. Ma è stato casuale, in un noto ristorante in via Montenapoleone. Due tavoli diversi: da un lato il ds della Juve e la sua famiglia, con amici, dall’altra Morata con diversi pacchi da shopping il suo procuratore Juanma Lopez e Bozzo. Che fai non ti saluti? Da qui a dire che è già un giocatore della Juve ce ne corre. Piace, ha lasciato il segno. Ma ancora non è il momento di mettersi a trattare. Soprattutto non così!
A Milano sentimenti opposti. In casa Milan l’attenzione è tutta rivolta alla decisione UEFA di non concedere il settlement agreement. I problemi sono altri, non certo il mercato. All’Inter invece sono pronti per la nuova avventura in Champions League. La programmazione li ha portati a chiudere già da ora tre operazioni (De Vrij, Asamoah e Martinez) e ora si aspetta il rinnovo di Icardi. Wanda Nara dopo le dichiarazioni scoppiettanti è tornata a tranquillizzare i tifosi interisti: Mauro rimane. Rinnoverà il contratto, come Spalletti, come annunciato anche ieri dopo il vertice nerazzurro. E potrebbe arrivare all’Inter anche Verdi. Dalberto potrebbe tornare a lavorare con Favre (suo allenatore al Nizza) al Borussia Dortmund, mentre Kondogbia sarà riscattato dal Valencia. Non solo buone notizie però: visto che sempre dal Valencia fanno sapere che sconti su Cancelo non hanno intenzione di farne (l’opzione scade il 31 maggio).
Al Bologna potrebbe sostituire Verdi con Ciciretti, già chiesto al Napoli (ha chiuso la stagione al Parma), mentre a Parma è arrivato Kovadio, ‘99 centrocampista della Costa d’Avorio esterno destro. Ultimo campionato al Lanusei in Serie D dove ha fatto bene (tesserato a gennaio 16 presenze e 1 gol).
Poi naturalmente gli allenatori: alla Samp rimane Giampaolo, dopo l’incontro con la dirigenza (presenti Ferrero, Romei, Osti e Pecini, sul quale è tornato forte l’Empoli). Si dovrà comunque rinnovare la rosa. In serata incontro a Bologna con Donadoni: sarà addio, da capire se esonero o rescissione. Se si dovesse arrivare all’addio, due filosofie: o puntare su allenatore giovane (Inzaghi o De Zerbi i nomi) o su uno più esperto (in quel caso entrerebbe in gioco Maran con Semplici e Nicola). Se dovesse partire Semplici alla Spal, una soluzione potrebbe sempre essere Nicola. Mentre a Sassuolo, dovesse partire Iachini, piace molto De Zerbi. A Udine pure non è sicuro si prosegua con Tudor, ma ancora non si è entrato nello specifico, a Cagliari invece in questo momento prima fila per Juric, con Maran e Ventura in seconda battuta. Capitolo Chievo: D’Anna è piaciuto e ha fatto bene ma si dovrà valutare attentamente se continuare anche per la prossima stagione. Previsto anche qui un incontro in settimana.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Modric-Inter: è il D-Day. Ecco perché tutti i fattori esterni sono contro l’Inter (diversamente da come erano stati tutti a favore della Juve con Cristiano). Pogba-Barcellona: dipende da Lotito… 08.08 - E’ arrivato il giorno in cui l’Inter saprà se può tornare a sognare l’impossibile, come non le accadeva dai tempi del Triplete. Nonché in cui la Serie A può scoprire se davvero le cose hanno già cominciato a cambiare a livello sistemico, o se il locomotore Juventus tira ancora il...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy