VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Il Diavolo si è stancato di Balotelli. Tutti lo stimano, nessuno lo vuole. Beh, se finisse nelle mani di Conte...

Nato a Magenta il 28/4/1974, giornalista professionista dal 2001. Vanta collaborazioni con diverse testate web e cartacee, oltre ad esperienze da telecronista. Opinionista Campionato dei Campioni. Direttore del mensile cartaceo CALCIO2000
21.05.2014 00:00 di Fabrizio Ponciroli   articolo letto 35780 volte
Il Diavolo si è stancato di Balotelli. Tutti lo stimano,  nessuno lo vuole. Beh, se finisse nelle mani di Conte...

Ci penso da tempo: non deve essere affatto facile essere Mario Balotelli, sia in campo che fuori. Sul terreno di gioco, in cuor tuo (sono già nei panni dell'ariete rossonero), sai di poter fare quello che vuoi. Il dio del pallone ti ha fornito una dose di massiccia di talento, degna dei più grandi di sempre. Eppure, nonostante gol, giocate sopraffine e un potenziale che farebbe invidia ad un'antica armata spartana, non riesci mai ad essere catalogato come fuoriclasse assoluto. Vivi costantemente nel limbo, tra alti e bassi con cui farebbe fatica a convivere anche un maestro del vecchio detto "croce e delizia" come Savicevic. Ancor più intricata la vita fuori dal rettangolo verde. Ogni gesto, anche il più quotidiano, sotto la lente d'ingrandimento, nella speranza, mediatica, di scovare un retroscena che porti al tanto bramato gossip. Pia, Enoch, orologi rubati, vigili, tutto diventa anormale nella vita di Balo. Eh sì, non è facile essere Mario Balotelli. Lo ammetto, quando è sbarcato a Milanello, in stile discoteca Hollywood, mi sono detto: "Ecco, ha trovato il club giusto per lui, quello in cui esploderà. Qui capirà come comportarsi...". Beh, non è esploso, purtroppo, ma è imploso. Come gli capita spesso, quello che era un feeling meraviglioso (Inter, City, film già visto) si è trasformato in un senso di apatia continua. Si sente svuotato Super Mario, come se i suoi poteri lo avessero abbandonato. Ma qui non c'entra la kriptonite fatale a Superman, qui il problema è un altro... Ancora una volta, nonostante l'impegno, non ha convinto, anzi ha spiazzato tutti. Nessuno lo dice apertamente ma, al Milan, gli preparerebbero volentieri le valigie, ingombranti come la sua presenza. La scusa è che ha un mercato, vicino ai 25 milioni di euro, la realtà è che, con Balotelli, non sei mai certo di niente, ben che meno di arrivare a vincere (scongiuri in vista del Mondiale). E qui la domanda sorge spontanea? Ma chi se lo prende Super Mario? Se ne facciamo una mera questione di soldi, l'agente Raiola ha già in tasca due o tre giocate da prim'attore quale è. Esempio: il Monaco andrebbe in visibilio con il Balo al fianco di Falcao. Avrebbe l'anti Ibra che cerca da tempo... Ma uno come lui andrebbe mai a Monaco? Forse sì ma, appunto, forse... Il suo DNA gli impone di mettersi in gioco dove lo porta l'istinto. Le sfide più difficili lo esaltano, il resto lo annoia. E quindi? Quindi la soluzione ci sarebbe e ha le tinte bianconere. In tanti hanno provato, con tutti i mezzi possibili, a rendere Balotelli un "campione gestibile" ma, a conti fatti, nessuno ha trionfato nella titanica impresa, neppure il suo uomo guida, almeno nel calcio, Mancini... Alla Juventus, però, c'è Conte. Per un altro anno sarà lui a guidare la corazzata bianconera. Vi ricordate che dicevano di Tevez prima del suo arrivo a Torino? Per tanti era un pazzo scatenato, sempre pronto a fare di testa propria. Beh, Conte, se davvero la reputazione dell'Apache era tanto negativa (non ci ho mai creduto veramente), non ha avuto problemi a renderlo un suo servile (e fondamentale) adepto. Dopo aver vinto tre scudetti, sarebbe sublime vedere il ruvido Conte alle prese con il ribelle Balotelli. Ogni seduta di allenamento diventerebbe una sorta di duello dai sapori unici dell'antico Far West... Probabilmente si scannerebbero ma potrebbe anche accadere l'incredibile, ovvero vedere Conte e Balotelli alzare altri trofei nel segno della Vecchia Signora. Lo so, è fantamercato, nulla di più... Eppure, nell'anno di grazia in cui l'Inter rinuncia a Cambiasso senza neppure parlarci, Messi arriva a guadagnare 20 milioni di euro a stagione proprio quando inizia a non brillare più e Seedorf rischia il posto per non "piacere" ai vertici, qualcosa mi fa pensare che tutto è possibile, anche vedere Super Mario a tinte bianconere e, fidatevi, sarebbe uno spettacolo... non so di che genere...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.