VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Il fatturato decide i campionati, seppur non sempre. Fiorentina ko da mercato, il Milan deve trovare tranquillità, mentre Roma e Inter sono superiori. Si conoscono già le retrocesse?

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
07.02.2016 00:00 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 41211 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Partendo da lontano, la Juventus era distante undici punti dalla prima in classifica, tredici giornate fa. Peccato che, almeno ai tempi, a comandare la classifica era la Roma, ora a quarantuno e allora a ventitré, mentre i bianconeri di Allegri fossero solamente a undici. Di fatto, una distanza incolmabile per chi aveva davvero troppi problemi, un allenatore in mezzo all'occhio del ciclone - famosissimo il ritornello "ha usufruito del grande lavoro di Conte" - e qualche attaccante a secco. Da Mandzukic a Dybala, passando per Morata: in tre su quattro - Zaza non era giudicabile - non riuscivano a trovare la porta. A distanza di qualche mese, esattamente tre, troviamo il Napoli primo in classifica e la Juventus seconda, a sole due lunghezze. Sarri ha avuto la possibilità di trovare la quadratura precedentemente, Allegri ci ha impiegato un po' di più ma ha ingranato. La realtà, e si vede dagli acquisti di Mandragora e Lapadula, è che il fatturato della Juventus permette di giocare con il mercato e con i giovani. Poi, certo, in campo non ci vanno i milioni, ma quando i guadagni sono quasi infiniti (rispetto alle concorrenti) allora è chiaro che si parta da un'altra base. Di fatto la Juventus rischia di essere il Bayern Monaco d'Italia, e solo un Borussia Dortmund epocale può spezzare l'egemonia: può essere rappresentato dal Napoli, ma solo con un'annata pressoché perfetta.

Capitolo terzo posto: c'è una sfida molto interessante fra Fiorentina e Inter, con Roma come terzo incomodo e Milan outsider. La realtà è che i giallorossi, almeno sulla carta, sarebbero i favoriti. Rosa lunga, grandi acquisti - se mantenuti in forma, al netto degli infortuni - tecnico di dimensione europea e che a Roma ha sempre fatto benissimo. Le avversarie non si possono permettere queste cose. A partire dalla Fiorentina, con delle conferenze stampa al limite del grottesco, perché quello viola è stato un mercato di rincorsa. Per una squadra che rischia di arrivare al terzo posto, di raggiungere la Champions League dopo anni, che per parecchie giornate ha comandato la classifica mostrando un gioco meraviglioso (a tratti) gli acquisti non possono arrivare solamente alla fine, ed essere la terza scelta della seconda. Kone e Benalouane, buone riserve, non rappresentano giocatori su cui puntare con continuità, almeno per un club così avanti in classifica. Paulo Sousa prova a supplire con il gioco, ci riesce spesso, ma le piazzate a mezzo stampa fanno capire che non condivide granché di quanto fatto sul mercato. Era il problema di Montella, lo era a tratti per Neto e Salah, prima ancora con Montolivo... La dirigenza si muove tardi, spesso con la superbia di chi pensa di avere raccolto buoni risultati (vero, ma non ottimi) e con l'idea che tutti sono importanti ma nessuno indispensabile. Anche qui, vero, ma l'ambiente poi si scalda troppo. Sousa ha fatto ricredere tutto, ma non può sempre fare le nozze con i fichi secchi. Invece il Milan appare undici diverso rispetto ai primi mesi con Mihajlovic: vero è che le pressioni lo hanno (quasi) eliminato, ma in qualche modo ha riportato i rossoneri ad avere una coralità. La vittoria nel derby può essere la svolta, ma rispetto agli anni passati c'è una coralità e una solidità che non moltissimo si sono viste. Ovviamente quando Galliani lo ha scaricato: la lungimiranza di una dirigenza si vede anche dalle scelte tecniche, senza mettere in discussione sempre tutti, a meno che non siano della propria "scuderia", direttamente promossi e sponsorizzati.

Ventitré partite, la terzultima ha diciannove punti, la quartultima ventiquattro. C'è una grossa differenza, nelle lunghezze, ma anche in budget e qualità tecniche. Se uno fra Frosinone e Carpi dovesse salvarsi sarebbe un miracolo, mentre l'Hellas Verona paga delle scelte abbastanza poco oculate. Perché, globalmente, gli scaligeri sono più forti di molte altre squadre di medio livello che ora galleggiano nella parte medio bassa della classifica. Quindici partite dalla fine, quattordici punti: la compagine di Delneri dovrà raggiungere almeno quota 37 per salvarsi. Ventitré punti non sono impossibili, ma una vittoria nelle prime gare della stagione raccontano che c'è un problema più profondo, al di là di quello prettamente tecnico.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.