VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi vincerà la Champions League 2017/2018?
  Real Madrid
  Barcellona
  Bayern Monaco
  Manchester United
  Manchester City
  Juventus
  Chelsea
  PSG
  Atletico Madrid
  Roma
  Napoli
  Monaco
  Liverpool
  Borussia Dortmund
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Il gioco delle coppie: Seedorf ha riunito Barbara e Adriano. Polemica Marotta-De Laurentiis Jr: sto con Beppe! Pulvirenti- Cosentino, c'era una volta il "Grande Catania"

Nato ad Avellino il 30 Settembre 1983 ha diretto per 8 anni la redazione calcio di Sportitalia. Ha collaborato con Eurosport nel 2005 e 2006. Dal 2007 è Direttore di Tuttomercatoweb.Conduttore ed organizzatore del Gran Galà del Calcio Aic 2011 e 20
07.04.2014 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 34966 volte
© foto di Federico De Luca

Da pochi minuti è finita Parma-Napoli: Ghirardi e Leonardi non si contengono più, Benitez ha il suo solito faccione con le guance rosse e la grande sfida con la Juventus è già finita in archivio. La grande contraddizione partenopea continua. Dal trionfo del San Paolo ai punti persi con Parma, Bologna, Chievo, Udinese e Sassuolo. Semplice: il Napoli non può essere considerato una grande (pronti gli insulti: rivolgetevi al Twitter MCriscitiello) Soffermiamoci su 3 coppie, 6 persone e tanti fatti da raccontare. Il Milan non ha ancora giocato. C'è chi ci chiede di parlare di Seedorf perchè nell'ultima settimana ha conquistato 7 punti in 3 giornate. Alleluia! Qualcuno, però, dovrebbe spiegare ai milanisti che la stagione rossonera è finita a Madrid. La Champions il prossimo anno la vedrai in tv su Sky, tra due anni speri di viverla da protagonista altrimenti dovrai passare a Mediaset ma c'è un dato di fatto: i milanisti non possono risollevarsi per una vittoria a Firenze o per una doppietta di Kakà al Chievo Verona. Se vi sente Marotta vi definisce "provinciali". Giustamente! Ricordatevi che siete pur sempre il Milan dei tulipani, di Sacchi e Capello, dello squadrone di Don Carletto Ancelotti. Vorrei fare come il mio amico Biasin che il martedì vi racconta che guarda il grande fratello al lunedì sera, ad una riga ti spiega il mercato e quella dopo ci frantuma il cervello con il gossip e la politica. Mi arrendo prima di iniziare perchè come Biasin non c'è nessuno. Fabri, fai presto a scrivere oggi che a mezzanotte ti leggo su Tmw. Scusatemi, era una messaggio per Biasin; ho risparmiato i pochi centesimi di sms, perchè in questo periodo è meglio mettere qualche soldo da parte visto che in molti ci hanno preparato il funerale. E sapete bene che i funerali costano più del battesimo. Veniamo all'amico Clarence. A Milanello non lo sopporta più nessuno, per comportamenti e atteggiamenti. Abbiati gli vorrebbe dare fuoco alla macchina, Abate gli manderebbe volentieri la finanza al ristorante e Montolivo lo spedirebbe in Brasile, non con Prandelli, altrimenti se lo ritrova pure lì in estate. Si ammazzerebbero tutti gli azzurri. Clarence ha un grande merito: ha riportato serenità nel rapporto tra Barbara Berlusconi e Adriano Galliani. Si parlava di liquidazione, si odiavano e non si rivolegavano la parola. A Barcellona Lady B diede la mano ad Adriano ma guardava da tutt'altra parte. Ora si sono alleati contro Seedorf e hanno trovato il giusto equilibrio. Bisognava convincere il Cavaliere a mollare l'olandese e ci sono riusciti. A proposito: buona guarigione al Cav. La mente pensante della comunicazione di Seedorf ha provato a farsi amici alcuni giornalisti italiani; appena l'ha saputo Galliani (vecchia volpe che conosce da 30 anni tutta la stampa) ha fatto scatenare il putiferio. Il mental coach è sempre lì, riportato a Milanello dall'ex centrocampista e scaricato da Ancelotti, a Londra, per scarsa fedeltà. Bravo Carletto, questi sono i peggiori e vanno subito distrutti. Il problema al Milan è che non trovano un degno sostituto in panchina: Inzaghi va bene a Galliani ma non a Barbara e Adriano sa bene che non può sbagliare la scelta della guida tecnica. Montella potrebbe essere un nome vincente ma si vorrebbe puntare, ancora una volta, sul dna rossonero.
Altra coppia che scoppia: è stata la settimana di Giueseppe Marotta, Beppe per gli amici, e Luigi De Laurentiis, il figlio di papà per i nemici. Bene, da Lione, Beppe ha sputato l'oliva che gli era rimasta in gola al San Paolo. Peccato che abbia beccato, dritto in fronte, De Laurentiis (il figlio di papà per i nemici). Gigi, per i suoi amici, ha definito "un grande ignorante" il Direttore Generale della Juventus che a Torino, quest'anno, vincerà il terzo scudetto consecutivo, vuole provare a vincere una coppa europea e ha rimesso in ordine i bilanci della Regina d'Italia. Se Beppe ha rosicato, per un attimo, per la sconfitta a Napoli, Gigi è stato un gran maleducato. Il suo Napoli deve dimostrare anche da questi gesti di meritare palcoscenici importanti, invece, continua a perdere punti con le piccole e le medio grandi. In Europa è uscito subito dalla Champions e, quasi subito, dall'Europa League. La stagione di Benitez non si può, assolutamente, definire positiva e il distacco dalla Juventus è pari alla distanza tra Capri e Carpi. Sembrano uguali ma non lo sono. Chi è Capri e chi Carpi? Che saranno due faraglioni. I napoletani sentono la partita con la Juventus come l'evento dell'anno e, giustamente, i tifosi fanno i tifosi ma i dirigenti devono/dovrebbero restare sempre tra le righe del rispetto e dell'intelligenza pallonara. Ci dicono, però, che Beppe dopo l'attacco di Gigi non ha deciso di smettere con il calcio; se ne farà una ragione e non invierà neanche il c.v. per partecipare al prossimo cinepanettone. Al massimo consiglierà a Gigi un difensore per rinforzare la rosa di Benitez che ha costruito la squadra dimenticandosi di quelli che giocano nella propria metà campo.
Infine torniamo su un nostro cavallo di battaglia. Premesso che diciamo e scriviamo tante fesserie (ad esempio che Muriel avrebbe fatto 20 gol in questa stagione e, invece, non ha fatto neanche 20 presenze) abbiamo beccato, casualità, che il Catania dalla quasi Europa League dello scorso anno quest'anno avrebbe rischiato la retrocessione. Hanno ri-esonerato Maran!!! Ma qualcuno gli ha spiegato che il problema non è l'allenatore? A Catania abbiamo avuto sempre un gran consenso popolare; dopo questa previsione estiva la città si è ribellata. Chiedemmo scusa, giustificando la previsione e spiegando che siamo e restiamo amanti del nostro amico Liotru. Si può mai fare calcio senza un Direttore Sportivo o Direttore Generale e affidare le chiavi del mercato e dello spogliatoio ad un procuratore che per 6 mesi all'anno ha sempre vissuto a Miami? Ci sembrava strano, con una squadra da guidare e un centro sportivo da gestire. Conseguenza: una querela di Pulvirenti e una serie di offese dai catanesi. Ma chi me l'ha fatto fare... ho più volte pensato in questo campionato. Mi sono dato una risposta da solo, alla Gigi Marzullo. Per la verità! Catania non merita questa improvvisazione e neanche questa rassegnazione. A gennaio abbiamo dato un consiglio ad Antonino: prendi un Dg e cambia marcia, ti puoi ancora salvare. Nulla! Allora fai come vuoi e non piangere se il prossimo anno ti vediamo a giocare con l'Entella. Gli errori di Pulvirenti, adesso che la B rischia di essere davvero dietro l'angolo: 1) l'ingaggio di Cosentino. 2) Non aver fatto chiarezza sull'addio di Lo Monaco. 3) Non aver sostituito degnamente Sergio Gasparin. 4) Aver venduto Gomez a 6,5 milioni di euro, l'unico capace di saltare l'uomo e creare la superiorità numerica in fase offensiva. 5) Aver trattenuto calciatori che a Catania avevano perso ogni tipo di motivazione 6) Aver cambiato Maran con De Canio e De Canio con Maran. 7) Aver creduto, tutto ad un tratto, che i meriti del miracolo Catania fossero i propri. 8) Aver esonerato, per la seconda volta, Maran.
Buona settimana.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve, ormai vincere in Italia non basta. Pecchia e Baroni, i conti non tornano. Sassuolo, il mercato non perdona. Visto Montella? Bastava metterli dentro... 18.09 - La Juventus vince e passeggia in Italia ma, ormai, non basta più. Vedere Dybala segnare e realizzare triplette non fa più un certo effetto perché, anche se il nostro campionato è leggermente migliorato, la Juventus è ancora troppo avanti sulla concorrenza. Certo, il Napoli c'è e anche...
Telegram

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Allenatori, la rivoluzione silenziosa: il vento è realmente cambiato? Tra podio, sottovalutati e chi ha tutto da dimostrare: ecco il nuovo trend dei presidenti di Serie A 17.09 - Parto da una rapida riflessione, prima di arrivare al nocciolo della questione: se Conte o Simeone a maggio avessero accettato la mega-offerta dell'Inter, questa estate probabilmente solo due club di Serie A avrebbero cambiato allenatore per la stagione appena iniziata. I nerazzurri,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, da Romagnoli a Conti. Inter e Juve: primo, minimizzare. Roma, Il Ninja sbuffa 16.09 - Il Milan della scorsa stagione, pur con una rosa più stretta e meno qualitativa, ha superato le lunghe degenze di Montolivo prima, di Bonaventura poi e di Abate da Febbraio in poi. Il Milan di questa stagione è e deve essere in grado, con tutta la sua attrezzatura, di fronteggiare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ecco tutti gli errori fatti a Barcellona. Processo a Allegri. Douglas Costa non serve. Paragonare Dybala a Messi è follia. Donnarumma deve scegliere il Milan o Raiola. Inter, contatto per Chiesa 15.09 - Conosciamo troppo bene il calcio per non sapere che tirare conclusioni a settembre è roba da ricovero. Soprattutto quando si parla di Juve e di Allegri. Ricordate l’anno dei dodici punti in dieci partite? E comunque la non brillantezza, le partenze in salita a settembre, sono una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Una brutta Champions e una speciale classifica: ecco quanto costano le squadre in Europa, che sorprese! 14.09 - Certo che questa due giorni di Champions non ci lascia con buoni pensieri... le italiane vanno male, un punto in tre partite, e comunque con una gara di sofferenza più che di sfortuna. La Juve che dimostra ancora di non essere al livello del Barcellona (e Dybala con alcune curve ancora...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Dybala-Messi, la differenza è abissale! Di Francesco, cena per Alisson… Inter, pensieri da grande! E brindiamo con Rooney… 13.09 - La Juventus ha perso al Camp Nou. Ci ha pensato Leo Messi a spegnere i sogni di gloria dei bianconeri. Tutti aspettavamo la consacrazione, l’ennesima, di Paulo Dybala. Non è andata benissimo… Ancora una volta, la Pulce ha confermato, a suon di giocate e leadership, di essere il numero...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: la questione europea e l'obiettivo già raggiunto. Milan: è il momento del silenzio (e delle scelte). Inter: c'è qualcosa che va oltre il campo. Napoli: 90' studiati a tavolino 12.09 - Buonanotte, tra brevissimo parleremo di calcio. È andato in onda lo show denominato Miss Italia, che poi è il celeberrimo concorso di bellezza. Una volta funzionava così: un gruppo di ragazze molto belle si metteva in mostra e il pubblico decideva (“Questa è la più bella, questa...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Caro Marotta, ecco perché non ha senso chiudere prima il mercato. E ridateci le comproprietà! Presidenza di A: Brunelli la scelta migliore... 11.09 - Gli inglesi chiudono prima il mercato? Bene, allora facciamolo anche noi. Siamo il Paese del "copia e incolla". Senza senso e senza ragione. Non abbiamo una nostra idea e dobbiamo replicare, male, quelle degli altri. Il problema del nostro calciomercato non è, come dice Marotta, la...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Il PSG e il fair play finanziario, sempre più aggirato. L'Inter imbrigliata, la Juventus parte in prima fila. Il Milan punta su altri mercati e modelli esteri, ma senza sponsor rischia di star dietro 10.09 - Il Paris Saint Germain, in settimana, ha presentato Kylian Mbappé. Sula carta uno degli investimenti più onerosi di sempre, secondo solo a quello per Neymar Jr. 180 milioni di euro che, però, sono ancora da investire, perché il Monaco lo ha ceduto in prestito con diritto di riscatto...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan: soldi veri, soldi precisi. Come Verratti? Gigio e Lorenzo pensateci. Mercato: la Premier va capita, non scopiazzata 09.09 - Le cifre vanno e vengono. Una volta che entra in scena il campo, lasciano il tempo che trovano. Ma intanto "passano". Esattamente come due anni fa, estate 2015, insistevamo sul fatto che il calciomercato del Milan fosse stato di 80 milioni e non di 100, allo stesso modo, senza virgole...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.