VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Dove giocherà Schick la prossima stagione?
  Resterà alla Sampdoria per il primo vero anno da titolare
  E' pronto per il grande salto: andrà alla Juventus
  All'Inter come prima grande alternativa a Icardi
  Andrà al Milan per il dopo Bacca
  In Premier League

TMW Mob
Editoriale

Il grande giro degli attaccanti è una lunga catena. Tutti in mezzo, la grande abbuffata. Quanti intrecci, buon divertimento!

29.01.2015 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 45590 volte
© foto di Federico De Luca

L'avevamo detto no? Gli attaccanti movimenteranno il mercato. Senza dubbio. E infatti così sta accadendo. Praticamente tutta la serie A ha un attaccante fra le mani, o pre prenderlo o per ceederlo. E tutti si incrociano. Proviamo a fare chiarezza.
Intanto Destro. L'immagine della giornata è Galliani che citofona a Destro. Sicuramente in tanti anni di mercato non mi era mai capitato di vedere una scena del genere. Di sicuro Destro deve sentirsi lusingato da tanto interesse, ma ancora non ha deciso. Lo farà nelle prossime ore. Ma non perché non sa se il Milan è una buona squadra o meno: semplicemente non è convinto della formula del trasferimento. Il prestito non gli piace, perché poi magari non viene riscattato. E perché magari a giugno si trova nella stessa situazione in cui è adesso. E allora dice: perché non pensarci allora direttamente a giugno. Galliani dice di essere moderatamente ottimista, vedremo cosa succede.
Intanto alla Roma stanno battendo almeno due piste e anche la decisione di Destro potrebbe influire sulla scelta dell'attaccante. La pista numero uno è Luiz Adriano: lo Shakhtar non ha ancora risposto. La sensazione è che il 2 milioni di prestito più gli 8 di riscatto non bastino proprio. Qui stiamo parlando di una società molto ricca. Anche una non risposta, potrebbe essere significativa. Pista numero due è invece Konoplyanka, esterno offensivo del Dnipro, valutazione circa 10 milioni. Terza pista (sbucata nelle ultime ore) è quella di Doumbia, del CSKA Mosca, valutato almeno 18. Tre giocatori diversi (con Salah ormai praticamente fuorigioco) per un posto solo visto che sono tutti extracomunitari. E uno arriverà indipendentemente da Destro (e potrebbe essere anche questo motivo di riflessione).
Da Roma potrebbe partire Borriello. Perché la corte del Genoa non si è mai sopita. Ma il problema è che lui e Matri insieme i rossoblu di fatto non possono permetterseli, almeno a livello economico e di numeri in rosa. Ecco che allora anche Matri diventa oggetto di mercato. Il Genoa ha provato a parlarne sia con il Milan (che però potrebbe prendere Destro e ha ancora in rosa Pazzini) e la Juve (che invece, nonostante la stima di Allegri, ha altri obiettivi). Ci potrebbe provare ad esempio la Lazio ed è diventato i sogno di fine mercato del Cagliari, dove la sua carrierà è praticamente esplosa. Perché Matri Lazio? Perché nel frattempo la trattativa per Bergessio non sta andando affatto bene, sembra essersi arenata, praticamente all'improvviso. Tentativo fatto per Pazzini, che cortesemente ha risposto no, grazie. Perché sulla sfondo c'è sempre la Juventus. Che probabilmente saluterà Giovinco e che quindi un attaccante lo orenderà. Il ballottaggi (una volta valutato anche Matri) è sempre a due: Osvaldo e Pazzini. Magari, perché no, anche in cambio di De Ceglie, visto che il giocatore è rientrato da Parma (alla Juve) e che potrebbe servire al Milan che sta cercando un terzino sinistro. Perché anche i difensori si mettono a dare "fastidio" nel giro degli attaccanti! Un giro in cui aleggia sempre Antonio Cassano, ora svincolato, che può accasarsi ovunque e ogni sistemazione sarebbe suggestiva. Senza dimenticare che proprio a Cagliari sono in competizione con il Chievo (ora avvantaggiato) per Pavoletti e che sempre a Cagliari arriverà M'Poku, giovane centrocampista belga molto quotato, altro colpo in canna per la squadra di Giulini.
Poi non sarà proprio un attaccante, ma ci sta giocando: Cuadrado. Chelsea sempre più forte, su di lui. A Firenze non possono far altro che aspettare. Se a Londra dovessero davvero decidere di tirar fuori i 35 milioni la famiglia Della Valle, nessuno potrebbe farci nulla. E i segnali che arrivano non sono confortanti, per i tifosi viola, visto che la trattativa per Douglas Costa non sta andando affatto bene. Mourinho lo vuole, Schurrle se ne sta andando... A Firenze il problema non sarebbe in attacco (arrivato Gila) ma a centrocampo invece potrebbe arrivare il rinforzo: occhi puntati su Baselli (Atalanta) e Ocampos (Monaco). Attenzione però su Baselli c'è anche la Samp che non è riuscita a chiudere Marrone (che va a Cordoba) e anche il Milan ci sta facendo un pensierino per ultimo giorno mercato, una volta risolti i suoi problemi.
Problemi che prevedono il terzino sinistro: oltre al discorso De Ceglie, si arena Antonelli e spunta una pista Vargas. Anche se Bocchetti come terzino sinistro potrebbe giocare eccome. A proposito di difensori l'Inter visti i problemi di formula per Rodolfo prova per Vida, difensore centrale della Dinamo Kiev (croato ha già giocato con Brozovic e Kovacic). La Samp invece è scatenata. Da Gastaldello al Bologna e ne prende addirittura due, entrambi dal Catania: Spolli in prestito e Gyomber (ancora infortunato) definitivo. Paletta quindi rimane al Parma, mentre per giugno alla Samp si continua a parlare per Moisander dell'Ajax. Se non dovesse arrivare Baselli a centrocampo, una buona pista è Acquah, del Parma.
Intrecci, incastri e strategie. Ultima settimana di mercato, tenetevi forte...

ARTICOLI CORRELATI

TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Mercato: gran fermento Milan. Ritiro misura mediatica: Pioli scivola. Juventus: il Monaco non è il Barcellona 29.04 - Il Milan ha perso contro l'Empoli, molle e male, e lo sa. Ma sgombriamo il campo dalla mozzarella sfatta del sesto posto che nessuno vuole. Il Milan che scende in campo a San Siro otto giorni dopo il derby, ha al primo minuto pronti-via la possibilità tutta piena e tutta aperta di...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Di Maria, De Sciglio, Verratti, Tolisso, Caldara, Spinazzola: tutti i nomi della nuova Juve. Milan su Dzeko. Inter, Simeone si complica 28.04 - Allegri resterà alla Juventus anche se dovesse essere triplete (tifosi della Signoira toccate ferro), non è Mourinho. La sua è un’altra storia. Vi abbiamo già anticipato la settimana scorsa che è stata raggiunta un’intesa di massima per prolungare il contratto fino al 2020 con un...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ricostruzione Inter,  i rinnovi di Napoli e Milan. La Roma di Monchi 27.04 - Nessuno si sarebbe mai aspettato una situazione in casa Inter così complicata un mese fa. La dirigenza nerazzurra dà piena fiducia a Pioli, considerato in questo momento senza alcuna ipocrisia il migliore. Non il migliore in assoluto. Il migliore in questa situazione. Dichiarare fallito...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, un giallorosso nel mirino… Schick? Non solo offerte italiane! Milan e Inter, non solo acquisti 26.04 - La Juventus è una meraviglia. Lo Scudetto, il sesto di fila, è pratica in via di chiusura. C’è poi una finale di Coppa Italia da giocarsi e una Champions League che fa ben sperare. Una squadra magnifica. Migliorabile? Risposta affermativa ma con interventi accorti… La rosa è super,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto di una macchina perfetta (e una guida sul Monaco). Inter: terremoto in panchina, occhio ai nomi (e alle priorità). Milan: il pessimismo sui cinesi, la mossa sul mercato e 2 appunti a Montella. Napoli: non scherziamo su Sarri 25.04 - Come ogni anno dal lontano 2006 è iniziato il drammatico torneo di calcetto dedicato ai giornalisti: si chiama “Press League”, lo organizza un tizio di nome Luca Mastrorocco che poi è il papà di “Zona Gol” (questa citazione dovrebbe valere almeno due arbitraggi “comodi”: Luca, ci...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Inter, prima il mercato dei dirigenti poi quello dei calciatori. Milan, tutto come previsto: c’è poco o nulla da salvare. Calori e Liverani, la bacchetta magica nascosta. Foggia-Pisa: mondo capovolto 11 mesi dopo 24.04 - Se volessero farlo apposta non ci riuscirebbero. I calciatori dell’Inter hanno gettato la croce su Pioli togliendo dall’imbarazzo i dirigenti dalla difficile decisione se confermare o meno l’allenatore per la prossima stagione. Con un finale così osceno hanno “esonerato” Pioli ma...

EditorialeDI: Andrea Losapio

La fortuna di Suning passa dai risultati deludenti, la Juve non ne ha bisogno. De Laurentiis pensa a un'innovazione ogni tre minuti, Pallotta e Monchi al prossimo tecnico 23.04 - L'Atalanta è a un passo dall'Europa, l'Inter un bel po' meno. Da una parte ci sono nerazzurri che vincono e convincono - a parte ieri, partita brutta nonostante i cinque gol - dall'altra una squadra che vorrebbe diventare grande senza passare dalla necessaria anticamera. L'Inter attuale...

EditorialeDI: Mauro Suma

In Cina adesso sanno chi è Li Yonghong. Gabigol costa come Dybala. E la Juve pescò il castigamatti 22.04 - Le cinque squadre più conosciute in Cina, le cinque squadre percepite dalle masse cinesi sono Real Madrid, Barcellona, Manchester United, Bayern Monaco e Milan. E' questa la forza che sarà respiro alla nuova proprietà del Milan. E, conoscendo i nostri chicken, respiro non significa...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, ora pesca il Monaco. Cento milioni dalla Champions. Allegri rinnova fino al 2020. Isco primo obiettivo. Milan, Morata dice no. Inter, 60 milioni per Berna 21.04 - La vera impresa della Juventus d’Europa credo sia quella di non aver preso neppure un gol dal Barcellona in due partite. Questo dato freddamente numerico racconta di una squadra straordinaria che nella fase difensiva rasenta la perfezione pur giocando con quattro attaccanti di ruolo....

EditorialeDI: Luca Marchetti

La Juve fra le top 4, ecco come vuole rimanerci. I progetti di Milan e Inter per tornare fra le grandi. Napoli Insigne: accordo raggiunto 20.04 - I complimenti sono d’obbligo, scontati e sentiti. La Juventus per la seconda volta in tre anni è in semifinale in Champions. E’ il trionfo di una società granitica che difficilmente sbaglia mosse sul mercato e sul campo. E’ il trionfo di Allegri che in 180’ contro il miglior attacco...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.