HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Il livello della Serie A è in crescita, ma lo Scudetto è un'altra storia. In B e in C il caos va avanti e c'è un colpevole: non si può riformare il calcio cambiando le norme in corsa

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
23.09.2018 10:23 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 35664 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Il gioco corale della Sampdoria orchestrato da Marco Giampaolo. La nuova Fiorentina, giovane, ricca di talento e con un tridente offensivo già forte, ma potenzialmente devastante. Il calcio rapido e verticale del Sassuolo di Roberto De Zerbi, e la personalità del leader del Cagliari Niccolò Barella: in una Nazionale che vuole davvero ripartire dai suoi migliori giovani, lui dovrebbe giocare sempre. Gli scatti fulminanti del vecchio Gervinho, il killer instinct di Piatek. Oltre alle idee di Semplici e Andreazzoli e in attesa di due realtà che hanno tutti gli ingredienti per brillare, nel breve e nel medio periodo: Atalanta e Torino.
Le prospettive di questa Serie A sono interessanti, più interessanti di quanto capitato nelle ultime stagioni. Offuscate dalle grandi manovre estive, da Cristiano Ronaldo e dallo scambio Bonucci-Higuain-Caldara, le squadre che hanno come obiettivo l'Europa League, o la salvezza, in quasi tutti i casi si sono mosse bene. Si sono rinforzate. E stanno dando vita a un campionato più bello, meno scontato nei pronostici. Non sarà ancora la Premier League, ma sui campi di Serie A la noia è argomento sempre meno di attualità. Basti guardare le prime tre sfide di questo quinto turno: Sassuolo-Empoli, Parma-Cagliari e Fiorentina-SPAL. Personalmente le ho trovate divertenti, ben giocate e piene di giocatori interessanti. Da seguire anche se in campo non sono scese le big.
Il problema, casomai, è proprio lì in alto. Sono proprio le big. Perché la squadra che ha vinto ininterrottamente negli ultimi sette anni continua ad aumentare il gap con le altre. Il problema non è la Juventus, ci mancherebbe. Andrea Agnelli da quando s'è insediato alla presidenza del club ha fatto tutto quello che doveva per riportare il club bianconero ai livelli delle super-potenze europee. Il problema è che senza sfida Scudetto il campionato perde appeal, inevitabilmente. Seguiamo la Premier perché ogni anno ci sono almeno cinque squadre che possono vincere il campionato, e per lo stesso motivo seguiamo molto meno Bundesliga e Ligue 1. Seguiamo la Liga perché sappiamo che ogni anno Barcellona e Real Madrid si daranno battaglia fino alla fine, e all'estero lo scorso 22 aprile tutti hanno trasmesso Juventus-Napoli proprio perché contestualizzata in un campionato incerto, ancora vivo.
Un fuoco di paglia difficilmente replicabile quest'anno perché trovare l'avversaria a una squadra che fattura più della seconda e della terza dell'ultima classifica messe insieme è davvero complicato: o ci si oppone col gioco, con la forza delle idee, come ha provato a fare Maurizio Sarri nell'ultima stagione, o si spera che chi è in vetta, chi è nettamente più forte, possa inciampare in una stagione negativa. Due ipotesi che, a giudicare da questo avvio, non sembrano appartenere all'attuale Serie A.

Sono da sempre favorevole alla riduzione delle squadre. Venti club in Serie A sono troppi, ancor più di 22. Ne va della competitività e della sostenibilità del sistema. Però, quanto successo questa estate è esattamente il contrario di quello che avrebbe dovuto fare la Lega di B per ridurre il numero di squadre. E trascinare con sé l'intero sistema.
Sacrosanto pensare che in questo modo la seconda serie italiana non possa più andare avanti e la mancata iscrizione di Cesena, Bari e Avellino doveva essere il vessillo da sventolare per dire a tutti che le riforme non erano più rimandabili. Per decidere, senza infrangere le norme, di abbassare il numero di squadre dalla Serie B 2019/20. Nessuno avrebbe detto nulla. Anzi, forse anche le altre leghe si sarebbero accodate. E sarebbe stato perfettamente regolare perché il secondo comma dell'articolo 50 delle norme NOIF era piuttosto chiaro: "La delibera con la quale viene modificato l'ordinamento dei Campionati entra in vigore a partire dalla seconda stagione successiva a quella della sua adozione e non può subire a sua volta modifiche se non dopo che sia entrata in vigore".
Invece, per volere dei presidenti, s'è deciso di forzare la mano. Col supporto di chi muove i fili nel campionato cadetto, Balata ha deciso di portare avanti una battaglia contro le regole. Anzi, ha convinto il commissario straordinario della FIGC Roberto Fabbricini a cambiarle in corsa. Aggiungendo il 13 agosto un terzo comma all'articolo 50 che ha di fatto permesso la modifica del numero di squadre ai campionati con effetto immediato "in caso di rischi concreti al regolare e/o tempestivo avvio del campionato".
Un comma che letto adesso ha un che di beffardo. Perché quel 'tempestivo avvio' - con la Serie C praticamente paralizzata dai ricorsi scaturiti da questa decisione - sembra quasi ironico.
Bastava rispettare le regole e la Serie B con 18 o 20 squadre dalla stagione 2019/20 sarebbe diventata realtà. Bastava avere un pizzico di lungimiranza, non avere paura di un campionato con più retrocessioni, per evitare una situazione come quella attuale. Una escalation senza fine che potrebbe non solo riportare la B a 22 squadre, ma anche a 24. O addirittura a 25.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510