VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Il mercato aiuta o no la Nazionale? Quanti sono gli stranieri in Italia? E quanti sono competitivi? E la serie B?

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
16.10.2014 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 22689 volte
© foto di Federico De Luca

Stavolta ve lo scrivo da subito, più che notizie troverete un'analisi. A costo di perdere "numeri" di visualizzazioni sul mio editoriale, avevo piacere di condividere con voi queste riflessioni determinate da altri numeri, incontrovertibili, su come e quanto il mercato può incidere sull'andamento del nostro calcio. Si parla tanto di riforme: ma in quale direzione?

L'Italia è il primo paese fra i Big Five (Inghilterra, Spagna, Francia e Germania) per numero di giocatori movimentati: 1053. E oltre la metà di queste operazioni di mercato riguarda i giovani, ovvero gli under 19. Quindi il primo dato è che l'Italia guarda al futuro. Sulla qualità di questi investimenti non possiamo pronunciarci: lo vedremo in futuro, ma il segnale è confortante. Quello che ci interessa guardare con più attenzione è il mercato dei "grandi", ovvero dei giocatori già pronti. Ebbene il 32% di questi giocatori acquistati proviene dall'estero e va a formare l'esercito degli stranieri in Italia: sono il 43% della "forza lavoro".

Sono troppi o sono pochi? Cerchiamo di capirlo. Intanto nella scorsa stagione gli italiani impiegati in media nella nostra serie A sono meno della metà (46%). La squadra che ne ha utilizzati di meno è l'Inter, che tiene fede alla sua filosofia e al suo nome (poco più del 5%), quella che ne ha utilizzati di più è il Sassuolo (circa 82%). Altro dato: delle prime 10 della classifica dello scorso anno solo in 3 hanno utilizzato più della metà degli italiani (Juventus, Parma e Torino, ma comunque consideando solo i titolari gli italiani erano sempre in minoranza). Se consideriamo solo le prime 5 la percentuale cala ancora al 26%. Addirittura alla 27^ giornata dello scorso campionato erano 5 le squadre che avevano utilizzato (anche solo per un minuto) meno di 7 italiani in stagione. Volete sapere chi? Fiorentina, Inter, Lazio, Napoli e Udinese. E quest'anno i dati ricalcano esattamente la tendenza dello scorso campionato.
La domanda da porci è: se giocano evidentemente sono forti. Allora basta analizzare i giocatori convocati per il Mondiale. L'Italia ha portato in Brasile l'11% dei giocatori (solo la Premier ha fatto meglio). Quindi gli stranieri "italiani" sono bravi giocatori. Ma non ottimi, visto che dopo il taglio dei quarti l'Italia perde una posizione e molti punti in percentuale. Di sicuro pesa l'eliminazione degli azzurri, ma la Premier il suo primato lo mantiene lo stesso e l'Inghilterra ha fatto la nostra stessa fine.

Va da se che questa situazione fotografata dai numeri non aiuta nella crescita virtuosa della Nazionale. Potrebbe succedere infatti che la qualità dei nuovi arrivi in Italia non sia così superiore ai giocatori già presenti ma che comunque crei una concorrenza ancora più spietata e magari impedisca una formazione completa. Questo naturalmente i numeri non lo dicono. Non questi, almeno. Questi indicano delle tendenze. Che si stiano prendendo provvedimenti in Federazione per riformare il sistema calcio è altrettanto certo e di questi numeri si deve tener conto.

Il problema comunque non è la presenza degli stranieri: la concorrenza non può far altro che migliorare la nostra serie A. Oltre al problema economico (che non può essere risolto da regole) si puo cercare di indirizzare delle scelte. Negli altri paesi del Big Five non ci sono limitazioni agli extracomunitari (anzi in Spagna e Francia le naturalizzazioni sono molto più facili che in Italia) in Inghilterra però per esempio per gli extracomunitari pretendono che ci sia eccellenza: ovvero che abbiano fatto almeno il 75% delle partite della propria nazionale. In Germania la federazione invece obbliga le società ad avere in ogni squadra per fascia d'età (dall'Under 16 in poi) almeno 12 giocatori convocabili per la nazionale tedesca. Questo favorisce molto il mercato interno e anche gli investimenti nei settori giovanili. In Spagna esistono le squadre B (oltre a funzionare molto bene la "cantera"). E a proposito di questo l'ultima riflessione.

Nella nostra serie B il 55% dei giocatori proviene dalla A. Di questi, l'81% è in prestito. Vale a dire che il 45% del totale dei giocatori è in prestito dalla A e nel migliore dei casi "paga" un premio di valorizzazione, nel peggiore tutto (o quasi) lo stipendio. Ecco perché le società di A vorrebbero avere le squadre B: abbattimento costi e gestione diretta dei propri giocatori. Vale la pena ancora non prendere in considerazione questa possibilità?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Finalmente è finito uno dei campionati più brutti degli ultimi anni. Il pagellone semiserio da 10 a 0: tra il closing più lungo di una soap, il tatuaggio di Baccaglini, il Pallone d'Oro a Buffon, la carriera di Totti e un addio che ha stufato 28.05 - Finalmente uno dei campionati più brutti e scontati di cui abbia memoria è finito. Doveva vincere la Juventus e lo ha fatto. Dovevano retrocedere Pescara, Palermo e Crotone con l'Empoli a rischio e ci siamo quasi. Dovevano andare in Champions League il Napoli e la Roma e l'hanno fatto....
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Gigio guardalo, è il tuo Milan. L'inevitaible egoismo di Totti. Bonucci e United esempi veri 27.05 - Ci sono in giro due tentativi di contaminare il momento magico del Milan. Che non è il sesto posto, ma è il mercato di svolta fatto con intensità e coraggio, il buon senso che si legge in tante scelte e in tanti atteggiamenti, l'eccezionale stato di forma dei tifosi. Che non si sono...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Mancini in corsa per il dopo Allegri. Ma piacciono anche Sousa e Spalletti. Via libera a Bonucci. Inter, Sabatini prepara la sorpresa in panchina. Milan, Morata vuole il Real. Bernardeschi in vendita per 60 mln 26.05 - Resta o non resta? Il futuro di Allegri è il grande rebus di questo finale di stagione. La sensazione, più che diffusa, è una e una sola: se ne andrà. E questo la Juve l’ha ampiamente capito. Le motivazioni sono abbastanza semplici, normali e condivisibili, dopo tre scudetti e tre...

EditorialeDI: Luca Marchetti

La rincorsa di Inter e Milan: panchina e campo. La Roma irrompe su Schick. Juve in sordina 25.05 - Vi avevamo avvertito: sarebbe bastato che il campionato desse i suoi verdetti (anche non tutti) e poi sarebbe partito il mercato. Quella che sembra occuparsene di meno (sembra) è la Juventus, concentrata sull'Europa della Champions. Ma non credeteci troppo: chiedete a Keita e Schick...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.