VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Il Milan cerca soci: ma la squadra? L'Inter all'esame Europa, la guerra dei conti tra Napoli e Juve. E il Barça fermato sul mercato: ecco le ripercussioni in Italia

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
03.04.2014 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 24864 volte
© foto di Federico De Luca

Stasera ancora Juve, l'unica italiana presente in Europa. Sicuramente l'italiana che in questo periodo storico sta lavorando al meglio per cercare di raggiungere un profilo da top. Questo processo passa anche dall'Europa League, quasi come una legittimazione. Conte lo sa e non molla. Dopo la partita contro il Napoli si è parlato tanto di cifre. DI quanto si investe, di chi spende di più, chi ha il fatturato più alto fra Juve (appunto) e Napoli. In realtà i due progetti economico/sportivi sono diversi. Da una parte la Juve (che ha un fatturato più alto perché ha un'ottima organizzazione societaria e perché può contare su molti tifosi in più in giro per l'Italia e il mondo) ha una potenza di fuoco (ingaggi al lordo più ammortamenti annui dei cartellini) di circa 200milioni all'anno. Il Napoli meno (sono 75 i milioni di euro per gli ingaggi a cui bisogna aggiungere la cifra spesa all'anno per acquistare giocatori) ma anche perché per molto tempo De Laurentiis ha tenuto un tetto salariale per calmierare le spese. E questo non gli ha impedito di arrivare comunque in Champions e quindi ai vertici del calcio italiano. Ora con Benitez in panchina si cercherà di colmare anche l'ultimo gradino. Con alcuni piccoli problemi all'orizzonte (ne parliamo tra poco...).
Il Milan ha presentato ufficialmente la nuova casa. Ed è anche uscito allo scoperto: si cercano partner. Un socio che entro con il 20-30% per continuare a rendere il Milan competitivo. Soprattutto dopo quest'anno ce n'è bisogno. Ma la famiglia Berlusconi (e le ultime dichiarazioni del presidente sono sempre in questa direzione) non ha voglia di lasciare il Milan ma neanche di continuare a buttare soldi nella squadra. C'è bisogno di un piano concreto di rinnovamento. Quindi nuovi entroiti non solo da nuovi partner, non solo allargando i "confini" commerciali del Milan, ma anche grazie al mercato.
Il problema è che questo non è l'anno buono per vendere. Nessuno dei gioiellini del Milan (per un motivo o per un altro) ha visto accrescere il proprio valore in questa stagione malandata. E il sacrificio di vendere uno fra El Shaarawy, De Sciglio o Balotelli potrebbe non rendere più di quanto si perde. Mondiale e finale di stagione potrebbero aiutare, ma è necessaria una strategia alternativa. Ovvero quella della riduzione della rosa, abbassare notevolmente il monte ingaggi (con la cessione di chi guadagna di più) puntare sui giovani che vengono dal settore giovanile (che ultimamente sta raccogliendo anche buonissimi risultati).
Nessuno dice che sia facile, ma la strada sembra quasi obbligata.
In più c'è la vicenda Kakà. Sul web il popolo milanista sta già cercando di convincere Ricky a non lasciare Milano. Il suo portavoce Diogo Kotchko allontana ma non troppo lo spauracchio Orlando. Se ne parla solo nel 2015, che praticamente è l'anno prossimo. Il problema è che se Kakà inizia la prossima stagione il Milan non vorrebbe lasciarlo andare durante l'anno. Quindi un affare alla Beckham, tanto per capirci, rimane di difficile attuazione. Ma è una vicenda, questa, che ci terrà occupati a lungo.
L'Inter è alla prese con una piccola crisi d'identità. Thohir ha parlato chiaramente in quest'ultimo periodo. Europa imprescindibile. Mazzarri lo sa. E se è vero che già si parlava di un possibile rinnovo (anzi un allungamento di un anno) è anche vero che ora più che mai è legato ai risultati e agli obiettivi da raggiungere. Il primo ad essere rammaricato dei punti persi per strada è sicuramente lui, ma ora è proprio lui a dover indicare la rotta all'Inter. Naturalmente anche il mercato dipende dall'Europa, ma anche in Indonesia non si immaginano un nerazzurro senza coppe anche la prossima stagione.
La sospensione del mercato del Barcellona ha delle conseguenze, soprattutto dalle parti di Napoli.
Sia in entrata che in uscita. Perché Mascherano, senza nascondersi, è stato a lungo un obiettivo di mercato di Benitez (anche nelle ultime riunioni di mercato si è fatto il suo nome e non solo per rinforzare il reparto difensivo). Ora chiaramente si può acquistare lo stesso: ma visto che a Barcellona non possono comprare e che già Puyol andrà sicuramente via (ha rescisso il suo contratto ed ha già comunicato che andrà via perché ha bisogno di riposo) lasciar andare anche Mascherano potrebbe essere un rischio.
E sicuramente non potrà arrivare il portiere, ovvero Pepe Reina. Già in parola con i blaugrana, soprattutto ora dopo l'infortunio di Valdes. E invece (per ora) il Barca è aggrappato a Pinto.
In passato la Roma e il Chelsea erano stati puniti allo stesso modo. Il ricorso servi in un caso (la Roma) a ridurre la squalifica a una sola finestra di mercato, nell'altro (Chelsea) addirittura a togliere la "punizione".
Chissà quindi cosa succederà a Cuadrado (che era nel mirino del Barca). E alla Fiorentina che programma questo può interessare eccome visto che prima ci saranno le uscite e poi entrate. Fra le entrate ci saranno 2 difensori, 1 centrocampista e 1 esterno basso a destra. I nomi? Doria e Musacchio su tutti.
Il Palermo comincia a guardare in giro in vista della prossima stagione: il direttore sportivo Perinetti andrà a vedere lo Zurigo contro il Losanna. Occhi puntati su Yassine Chikhaoui (1986) gioca esterno, molto tecnico tanto da essere soprannominato lo Zidane tunisino. L'agente di Behrami è stato a Londra nei giorni scorsi: potrebbe esserci stato un contatto con il Tottenham, Pavoletti (ora al Varese, ma del Sassuolo) piace in Bundesliga (Werder e Hertha) mentre il Sunderland ha puntato (in caso di salvezza) Vrsaljko.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
La Champions non ci tira su, Malagò a piedi uniti e i giovani veramente giocano? 23.11 - Se il campionato ci aveva ritirato su il morale, riconsegnandoci la voglia di calcio, la Champions un po' ce ne toglie. Insigne, è vero, ci ha fatto vedere che sta arrivando a dei livelli internazionali (e questo fa aumentare il rammarico) Juve e Roma invece non riescono a utilizzare...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Rivoluzione? Invoco il Commissario… Juve, c’è un problema! Roma? Ha ragione Falcao… 22.11 - Sto ancora elaborando il lutto (l’esclusione dal Mondiale) ma mi sta anche salendo quella sana rabbia di chi pretende un cambiamento, non di facciata ma reale!!! Il popolo ha avuto il sangue che bramava: le teste di Ventura e Tavecchio sono rotolate sul selciato… Purtroppo, il resto...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.