VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Musacchio, Kessiè, Ricardo Rodriguez e André Silva. Quale nuovo acquisto del Milan vi piace di più?
  Mateo Musacchio
  Franck Yannick Kessié
  Ricardo Rodriguez
  André Silva

TMW Mob
Editoriale

Il Milan cerca soci: ma la squadra? L'Inter all'esame Europa, la guerra dei conti tra Napoli e Juve. E il Barça fermato sul mercato: ecco le ripercussioni in Italia

Nato a Terni il 6 maggio 1976, lavora a Sky come vice caporedattore e si occupa del coordinamento del telegiornale. Tra i volti più conosciuti del calciomercato per l'emittente di Rupert Murdoch.
03.04.2014 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 24864 volte
© foto di Federico De Luca

Stasera ancora Juve, l'unica italiana presente in Europa. Sicuramente l'italiana che in questo periodo storico sta lavorando al meglio per cercare di raggiungere un profilo da top. Questo processo passa anche dall'Europa League, quasi come una legittimazione. Conte lo sa e non molla. Dopo la partita contro il Napoli si è parlato tanto di cifre. DI quanto si investe, di chi spende di più, chi ha il fatturato più alto fra Juve (appunto) e Napoli. In realtà i due progetti economico/sportivi sono diversi. Da una parte la Juve (che ha un fatturato più alto perché ha un'ottima organizzazione societaria e perché può contare su molti tifosi in più in giro per l'Italia e il mondo) ha una potenza di fuoco (ingaggi al lordo più ammortamenti annui dei cartellini) di circa 200milioni all'anno. Il Napoli meno (sono 75 i milioni di euro per gli ingaggi a cui bisogna aggiungere la cifra spesa all'anno per acquistare giocatori) ma anche perché per molto tempo De Laurentiis ha tenuto un tetto salariale per calmierare le spese. E questo non gli ha impedito di arrivare comunque in Champions e quindi ai vertici del calcio italiano. Ora con Benitez in panchina si cercherà di colmare anche l'ultimo gradino. Con alcuni piccoli problemi all'orizzonte (ne parliamo tra poco...).
Il Milan ha presentato ufficialmente la nuova casa. Ed è anche uscito allo scoperto: si cercano partner. Un socio che entro con il 20-30% per continuare a rendere il Milan competitivo. Soprattutto dopo quest'anno ce n'è bisogno. Ma la famiglia Berlusconi (e le ultime dichiarazioni del presidente sono sempre in questa direzione) non ha voglia di lasciare il Milan ma neanche di continuare a buttare soldi nella squadra. C'è bisogno di un piano concreto di rinnovamento. Quindi nuovi entroiti non solo da nuovi partner, non solo allargando i "confini" commerciali del Milan, ma anche grazie al mercato.
Il problema è che questo non è l'anno buono per vendere. Nessuno dei gioiellini del Milan (per un motivo o per un altro) ha visto accrescere il proprio valore in questa stagione malandata. E il sacrificio di vendere uno fra El Shaarawy, De Sciglio o Balotelli potrebbe non rendere più di quanto si perde. Mondiale e finale di stagione potrebbero aiutare, ma è necessaria una strategia alternativa. Ovvero quella della riduzione della rosa, abbassare notevolmente il monte ingaggi (con la cessione di chi guadagna di più) puntare sui giovani che vengono dal settore giovanile (che ultimamente sta raccogliendo anche buonissimi risultati).
Nessuno dice che sia facile, ma la strada sembra quasi obbligata.
In più c'è la vicenda Kakà. Sul web il popolo milanista sta già cercando di convincere Ricky a non lasciare Milano. Il suo portavoce Diogo Kotchko allontana ma non troppo lo spauracchio Orlando. Se ne parla solo nel 2015, che praticamente è l'anno prossimo. Il problema è che se Kakà inizia la prossima stagione il Milan non vorrebbe lasciarlo andare durante l'anno. Quindi un affare alla Beckham, tanto per capirci, rimane di difficile attuazione. Ma è una vicenda, questa, che ci terrà occupati a lungo.
L'Inter è alla prese con una piccola crisi d'identità. Thohir ha parlato chiaramente in quest'ultimo periodo. Europa imprescindibile. Mazzarri lo sa. E se è vero che già si parlava di un possibile rinnovo (anzi un allungamento di un anno) è anche vero che ora più che mai è legato ai risultati e agli obiettivi da raggiungere. Il primo ad essere rammaricato dei punti persi per strada è sicuramente lui, ma ora è proprio lui a dover indicare la rotta all'Inter. Naturalmente anche il mercato dipende dall'Europa, ma anche in Indonesia non si immaginano un nerazzurro senza coppe anche la prossima stagione.
La sospensione del mercato del Barcellona ha delle conseguenze, soprattutto dalle parti di Napoli.
Sia in entrata che in uscita. Perché Mascherano, senza nascondersi, è stato a lungo un obiettivo di mercato di Benitez (anche nelle ultime riunioni di mercato si è fatto il suo nome e non solo per rinforzare il reparto difensivo). Ora chiaramente si può acquistare lo stesso: ma visto che a Barcellona non possono comprare e che già Puyol andrà sicuramente via (ha rescisso il suo contratto ed ha già comunicato che andrà via perché ha bisogno di riposo) lasciar andare anche Mascherano potrebbe essere un rischio.
E sicuramente non potrà arrivare il portiere, ovvero Pepe Reina. Già in parola con i blaugrana, soprattutto ora dopo l'infortunio di Valdes. E invece (per ora) il Barca è aggrappato a Pinto.
In passato la Roma e il Chelsea erano stati puniti allo stesso modo. Il ricorso servi in un caso (la Roma) a ridurre la squalifica a una sola finestra di mercato, nell'altro (Chelsea) addirittura a togliere la "punizione".
Chissà quindi cosa succederà a Cuadrado (che era nel mirino del Barca). E alla Fiorentina che programma questo può interessare eccome visto che prima ci saranno le uscite e poi entrate. Fra le entrate ci saranno 2 difensori, 1 centrocampista e 1 esterno basso a destra. I nomi? Doria e Musacchio su tutti.
Il Palermo comincia a guardare in giro in vista della prossima stagione: il direttore sportivo Perinetti andrà a vedere lo Zurigo contro il Losanna. Occhi puntati su Yassine Chikhaoui (1986) gioca esterno, molto tecnico tanto da essere soprannominato lo Zidane tunisino. L'agente di Behrami è stato a Londra nei giorni scorsi: potrebbe esserci stato un contatto con il Tottenham, Pavoletti (ora al Varese, ma del Sassuolo) piace in Bundesliga (Werder e Hertha) mentre il Sunderland ha puntato (in caso di salvezza) Vrsaljko.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Gigio firma subito ed esci dal tritacarne! Mercato Juventus, adesso tocca alla difesa. Città in rivolta: Borja Valero come Hernanes? Roma e Napoli: Milan e Inter snobbate 24.06 - La visita di Vincenzo Montella a Castellammare di Stabia ha riportato la vicenda nel suo ambito, quello della casa e della famiglia. Il PSG e il Real Madrid sono stati una tentazione, drenata e gestita da Mino Raiola, e possiamo comprenderlo. Ma oggi che anche il presidente del Senato...
Telegram

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Bonucci non è incedibile. Se vuole può partire. Douglas Costa o Bernardeschi? Iniesta con Cuadrado al Barça. Agnelli rimane presidente. Milan, Donnarumma resta 23.06 - Dalla notte di Cardiff sta nascendo il mercato della Juventus e neppure le liti (presunte o vere), i lunghi coltelli (veri o presunti) dello spogliatoio, potranno far cambiare idea a Marotta e Paratici. Avanti con questo gruppo, anche se i ritocchi saranno pesanti. E se qualcuno pensa...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Gli incastri della Juve, le mosse dell'Inter, le attese del Milan. E tutte le trattative di giornata... 22.06 - La Juventus comincia a muoversi per sostituire Dani Alves. E per farlo deve stare attenta agli incastri. Perché i nomi su cui si è concentrata in queste ore sono Darmian (che per il Manchester non è più incedibile) e Danilo (che però è extracomunitario). E soprattutto i dirigenti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Milan-Donnarumma, la soluzione c’è! Roma, le idee (giuste) di Monchi… Juve, ansia Alex Sandro! Ma Ibra? 21.06 - Ogni estate ha il suo tormentone calcistico… Il 2017 lo ricorderemo, a parte per il caldo asfissiante, per le “bizze” legate a Gigio Donnarumma. Neanche i sceneggiatori di Beautiful (soap opera che va in onda, in Italia, dal 1990) potevano creare un intrigo simile… Dal bacio alla...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: c’è un nome per sostituire D.Alves (ma fa a “pugni” con D.Costa…). Milan: attenti alla novità “per forza” su Donnarumma (e Conti…).  Inter: tutto quello che Spalletti ha chiesto dal mercato. Napoli: Raiola ci ha fatto un regalo 20.06 - Per iniziare salutiamo tutti assieme Luigi di Sciacca, filibustiere siciliano incontrato sabato sera a Como. “Ciao, tu scrivi chilometri di robe su tmw. Ti leggo per addormentarmi”. Gli ho offerto un birrone bello fresco perché mi sembrava un complimento. A mente fredda rivorrei...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Raiola non è una minaccia ma una condanna: Tavecchio vigili per il bene dei vivai. Juve, multa Dani Alves. Sabatini prepara i colpi. Serie C, final four "format" da rivedere 19.06 - Quello che in molti non capiscono, dirigenti e tifoserie lontane dai colori rossoneri, che la battaglia sul caso-Donnarumma non riguarda solo il Milan o solo Donnarumma. E' una battaglia di sistema. I tifosi, invece, la racchiudono frettolosamente nel colore sociale e si perdono nel...

EditorialeDI: Marco Conterio

E' il calciomercato più bello del nuovo millennio. Casi shock e trasferimenti record: la top ten dei tormentoni ma siamo solo all'inizio 18.06 - E' un'estate calda, ma questo non è certo una novità. Solo che quest'anno, sotto l'ombrellone, ci stiamo già godendo la più bella e divertente sessione di mercato da anni a questa parte. In ordine sparso: la bomba Cristiano Ronaldo con il Real Madrid. L'avvento dei cinesi del Milan...

EditorialeDI: Mauro Suma

Donnarumma: costi quel che costi. Suning tra ex juventini ed ex milanisti. Da Cardiff a Castellammare 17.06 - Non l'ha ordinato nessuno ai tifosi del Milan di innamorarsi di Donnarumma. Nemmeno ai bambini ai quali, come per Kakà, e torneremo su questa nemesi, è particolarmente difficile spiegare cos'è successo. Ma non è il tempo del pistolotto moralistico: solo analisi e solo dettagli. Era...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma, ecco perché va via. Una storia scandalosa. Il Real lo aspetta, ma anche la Juve. Tornerà in Primavera o andrà in tribuna. Piace Neto. Inter, via Perisic. Nel mirino Bernardeschi e Borja Valero. Allegri aspetta Iniesta 16.06 - Donnarumma, una storia scandalosa. Una società investe sul settore giovanile, fa crescere un bambino, lo lancia in serie A, gli offre cinque milioni di ingaggio per cinque anni (una follia) e lui che fa? A diciotto anni dice no, vuole andar via per più soldi e forse più gloria. Una...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Inter colpo a centrocampo, Juve passi avanti per N'Zonzi (e non solo), Milan il giorno di Donnarumma 15.06 - Si presenta Spalletti e spiega la sua filosofia. E mentre si presenta i suoi direttori lavorano per consegnargli una squadra che possa ricalcare più possibile le sue idee. Ecco perché è partita l'offensiva per Borja Valero. Il giocatore era già in cima alla lista dei desideri di Spalletti...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.