VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

TMW Mob
Editoriale

Il Milan e il colpo a sorpresa, la Juve punta su Matuidi (e Keita), l'Inter avanza piano. E l'estero si prepara a un estate bollente...

27.07.2017 08:14 di Luca Marchetti   articolo letto 73958 volte
© foto di Federico De Luca

Mancano solo 24 ore poi sarà esordio per il nuovo Milan. Non sarà tutto il nuovo Milan, ovvio. Ma l'entusiasmo è tangibile. Mancheranno gli ultimi due acquisti perché sono da perfezionare tecnicamente dei passaggi finanziari in Lega, ma soprattutto manca ancora il grande colpo in avanti. Nei giorni scorsi vi abbiamo raccontato come Fassone e Mirabelli siano andati in Sardegna per parlare con Jorge Mendes e studiare delle strategia per i suoi assistiti, visto che c'è la disponibilità economica per un grande colpo dall'estero. Quello su cui bisogna ragionare di più è Renato Sanches, del Bayern Monaco che ha avuto il via libera dalla sua società. Ma bisogna far quadrare i conti perché lui è stato ad oggi il maggior impegno finanziario della storia del club e i bavaresi non vogliono perdere neanche un euro. E siccome la trattativa per il suo acquisto è stata piuttosto complessa e prevede una serie di bonus (fino ad arrivare a 45 milioni di euro) bisogna studiarla con attenzione. Per il momento il Milan ha detto di essere disposto a pagare molto il prestito con un diritto di riscatto. Ma ancora il Bayern non è convinto, si lavora proprio su questo. Altri obiettivo: Diego Costa. Fassone ha detto che non parla di giocatori di altri club, ma sarebbe un prestito per 6 mesi soltanto e questa è un'ipotesi che il Milan qualche tempo fa aveva già scartato. Il nome più intrigante è quello di Falcao che probabilmente di rimanere in un Monaco che cerca di resistere a tutte le offerte che arrivano (ma non si sa se ci riuscirà) magari non vuole rimanere. Potrebbe essere lui il grande colpo a sorpresa? In più c'è anche El Ghazi, attaccante olandese, classe 95 che in passato i rossoneri avevano già seguito. Lui ora gioca nel Lille e non si trova bene con Bielsa... poi c'è stata la strana richiesta: quelle informazioni su Cristiano Ronaldo. Una cosa informale, ai limiti della battuta: "oh, caro Jorge: se tante volte CR7 dovesse lasciare Madrid ricordati dei tuoi amici Marco e Massimo". Nulla più di questo ma naturalmente lascia aperta una serie di ipotesi folli. In questo momento praticamente nessuno potrebbe garantirsi un giocatore come CR7. Anche perché i costi sarebbero quelli di Neymar, o poco ci manca. Fra stipendio e cartellimo siamo fra i 400 e i 500 milioni di euro. Follie, appunto. Ma è forse un sognod i grandeur che testimonia l'ambizione rossonera. Meglio rimanere alle altre piste che rimangono vive, anzi vivissime, le piste Aubemayang e Kalinic

Alla Juventus, dopo aver ufficializzato Bernardeschi e ragionato sulla possibilità o meno di piazzargli la 10 sulle spalle (Marotta ha detto che ne discuteranno insieme a breve ed è una bella responsabilità) ora si cerca di costruire uno zoccolo italiano. Ma il prossimo obiettivo è certamente francese e dichiarato: Matuidi. Il più "semplice" da prendere visto che ha un anno dalla scadenza di contratto ma quest'anno probabilmente non è incedibile come la scorsa estate. Anche Emre Can avrebbe un anno soltanto ancora da giocare, ma il Liverpool non ha intenzione di lasciarlo andare (anche se poi cercando Keita del Lipsia). Matic è in uscita dal Chelsea ma Mourinho lo ha puntato e non molla la presa nonostante lo sgarbo Lukaku che frena la trattativa. E poi ci sRebbe Milinkovic Savic, ma anche qui la Lazio non sempre affatto propensa a lasciarlo andare... peraltro nel frattempo ci sarà stata la partita proprio con il PSG ma difficilmente verrà fuori qualcosa dagli USA visto che gli uomini mercato bianconeri erano a Sky per la presentazione dei calendari. Poi c'è stata la grande apertura su Keita. La concorrenza dell'Inter forse ha stimolato gli uomini mercato bianconeri che hanno presentato un'offerta ufficiale alla Lazio da circa 20 milioni di euro. Ora si aspetta la risposta di Lotito, ma la Juve fa sul serio e il ragazzo (con il quale un accordo sostanziale la Juventus già ce l'ha) ora conteso fra Inter e Juve non può che essere contento. Le famose offerte italiane che non erano arrivate per lui ora cominciano ad essere recapitate. Nel frattempo si lavora per le uscite: Rincon piace alla Fiorentina, Torino e Atalanta. Leali ha firmato con lo Zult Waregem

L'Inter continua il suo avvicinamento lento ai suoi obiettivi. La proprietà cinese ha le sue tempistiche che vanno rispettate. Ecco perché Vecino continua ad allenarsi con la Fiorentina nonostante si tutto fatto. Poi tutto, o quasi, ruota intorno a Perisic. Finché il Manchester non fa l'offerta giusta viene invitato, anche dal suo stesso allenatore, a dare il massimo. Se dovesse andare via (attenzione anche al discorso Candreva, visto che Conte lo ha messo nella lista dei suoi rinforzi) potrebbero arrivare almeno 3 esterni: Keita (ma come detto attenzione alla Juve), Martial (proprio nella trattativa Perisic) e Karamoh, giovanissimo attaccante esterno del Caen. Ci sarà spazio per il colpo a sorpresa? Senza dubbio: ma in questo momento pensare che l'Inter voglia investire 50 milioni di euro per un giocatore di 30 anni andrebbe contro i principi che la stessa Suning aveva dettato al momento dell'acquisizione della società. Poi il mercato fa il resto, e le regole possono anche avre delle eccezioni (Vidal?) ma l'impostazione è trovare i campioni del futuro. Nel frattempo Dalbert non ha giocato con il Nizza (che sta cercando un sostituto) e nelle prossime ore è previsto un nuovo contatto fra intermediario e il Nizza per l'offerta definitiva da 20 milioni più bonus e così sbloccare l'affare dopo il preliminare...

Per la Roma Monchi sta cercando di portare avanti l'affare Mahrez. Il Leicester chiede 45 miioni di euro e si sta lavorando pe arrivare a una cifra inferiore peraltro con dei bonus all'interno. Non la più agevole delle trattative ma il giocatore è l'arma in più del ds giallorosso, visto che ha già un accordo di massima con la Roma.

A Napoli ormai è noto non ci saranno molti cambiamenti. Si aspetta la situazione Reina e nel frattepmo ha ripreso "vita" la trattativa per Rulli: l'offerta alla Real Sociedad è da 20 milioni di euro più 3/4 milioni al Manchester (cifra che corrisponde al 30% del costo del trasferimento che spettrebbe comunque al club inglese). Il giocatore vuole il Napoli, si cerca il giusto compromesso per riuscire a chiudere.

La Lazio potrebbe a breve chiudere Caceres ma attenzione. Il ragazzo è in Italia, incontra i dirigenti dell'Antalyaspor (una concorrente quindi per la Lazio) ma soprattutto deve aspettare che la Lazio liberi il posto da extra con la cessione di uno dei suoi a titolo definitivo fuori Italia. E in più la sua figura sarebbe in concorrenza con quella di Azmoun, iraniano, attaccante sì, ma anche lui extracomunitario per il quale l'offerta da 15 bonus compresi potrebbe essere quella decisiva: basta alzare leggermente per poter chiudere l'affare.

Il Torino si tiene stretto Belotti, il Sassuolo ha preso Goldaninga (per 4 milioni di euro) e ora potrebbe essere meno rigido per Ferrari chiesto dalla Samp. E poi dichiara che vorrebbe fare di Berardi la propria Bandiera. Nel frattempo il Palermo spinge per Antei. Romagna è del Cagliari, Tatarusanu sta per accordarsi con il Nantes, a Verona accarezzano l'idea Kishna sul quale c'è anche il Crotone. La Samp oltre Ferrari, è in dirittura d'arrivo con Colley (difensore del Genk) e nelle scorse ore il presidente Ferrero insieme ad Osti è andato a Praga per andare a trovare Schick per fargli sentire la vicinanza del club e per parlare di futuro: per il momento si aspetta, ma non è preclusa alcuna soluzione, Inter compresa. Brignoli vrso Benevento. A Crotone Sadiq resta una pista per l'attacco, in difesa sta pr arrivare Ajeti, alla Spal sta per arrivare Grassi e sta per salutare Finotto che andrà alla Ternana. A Perugia in arrivo Bianco dal Carpi (dove invece andrà Dumitru). Ma la vetrina adesso a livello internazionale se la stanno prendendo Mbappé, Neymar e Coutinho. Un intrigo internazionale senza precedenti. Con smentite, doppi giochi, milioni di euro, contratti vertiginosi e promesse pazzesche. Come andrà a finire non lo sa nessuno, ma sarà interessante seguirlo, anche se da lontano. Nel frattempo: tenetevi forte


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e i problemi di novembre, un piccolo record italiano e una panchina per Nesta 07.12 - Al Napoli non è riuscita l'impresa. Non sarebbe dipeso solo dagli azzurri, serviva un aiutino (o aiutone, visto a posteriori) da parte del City. Invece il 2-0 maturato dopo mezz'ora ha fatto il resto. E il Napoli non ha neanche azzannato l'avversario. Per mille motivi, primo su tutti...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve, Allegri come Yoda… Roma in paradiso!!! Milan, disastro in vista. Contrattone Messi? Se lo merita… 06.12 - Ed ecco la solita, determinata, immensa, compatta Juventus… Quando la palla comincia a scottare, i bianconeri rispondono sempre alla grande. Dopo la fondamentale vittoria al San Paolo, il successo in terra greca (contro un coriaceo Olympiacos) e il conseguente pass per gli ottavi...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: sboccia Costa, ma “mister ottavi” ha il solito problema. Milan: Gattuso deve risolvere il “guaio estivo” (e c’è un esempio da seguire). Inter: Spalletti, Icardi e i pericolosi suonatori di violino. Napoli: Sarri non farti fregare 05.12 - Intanto chiedo un grande applauso al direttore artistico Luca Tommassini. Bravo Luca, riesci a sorprenderci ogni volta. (Se non chiedi un applauso per Luca Tommassini, oggigiorno non sei nessuno). Poi riflettiamo sul Natale. Il Natale sta arrivando con le sue luci e le sue mille...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Milan, gli alibi sono finiti. Inter, adesso dimostra a Torino chi sei. Napoli, sono pochi 13 calciatori per lo scudetto. Sassuolo, quando paga Angelozzi? 04.12 - Siamo tutti professori senza cattedra ma è il bello del nostro mestiere dove giudichiamo ma non siamo giudicati perché alla fine parlare è facile ma fare calcio è davvero complicato. Puoi spendere soldi, puoi fare progetti ma il calcio è bello e maledetto proprio perché può stravolgerli....

EditorialeDI: Andrea Losapio

La Russia è una tristezza che capiremo solo a giugno. Napoli incompiuto ma pur sempre primo in classifica, la Juventus è più forte. Milan e Sardegna-gate: perché rinnovare a Montella? 03.12 - C'è chi era al caldo di Zanzibar e chi al freddo di Mosca. Chi si godeva il bagno in un periodo che solitamente porta solo spifferi e chi rischiava di scivolare sul marciapiede in Russia in attesa di un sorteggio che non ci vedeva protagonisti. Sembrano due storie molto lontane fra...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.