VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/2018 al via: chi vince il campionato?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Milan
  Inter
  Lazio
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Il Milan lavora su Cristiano Ronaldo, nessuna fantasia. Impossibile per molti motivi, ma l'uomo franchigia non c'è. La Juventus si sta ammalando di indecisionismo, l'Inter qualcosa dovrà fare. Il perché dei prezzi gonfiati

Nato a Bergamo il 23-06-1984, giornalista per TuttoMercatoWeb dal 2008 e caporedattore dal 2009, ha diretto TuttoMondiali e TuttoEuropei. Ha collaborato con Odeon TV, SportItalia e Radio Sportiva. Dal 2012 lavora per il Corriere della Sera
28.07.2017 11:42 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 153987 volte
Il Milan lavora su Cristiano Ronaldo, nessuna fantasia. Impossibile per molti motivi, ma l'uomo franchigia non c'è. La Juventus si sta ammalando di indecisionismo, l'Inter qualcosa dovrà fare. Il perché dei prezzi gonfiati

Nella NBA esiste l'uomo franchigia. Quello che per i Cleveland Cavaliers è Lebron, per i Clippers era Chris Paul, Chicago con Dwayne Wayne e via dicendo. Quel campione che cambia la squadra, che sposta gli equilibri e per cui la società muove il proprio tetto salariale per affidare le chiavi della squadra. Insomma, il giocatore che vende le magliette e che in campo sia il leader, sia del gioco che sotto il punto di vista caratteriale. Questa cosa manca ancora al Milan: è vero che è arrivato Leonardo Bonucci, 40 milioni - probabilmente ben spesi - e 30 anni, può rappresentare l'anima prossima ventura del Diavolo. Ma non è quello per cui i cinesi spenderanno mai i propri risparmi per comprarne la maglietta in serie: dal punto di vista tecnico è una grande operazione, da quello di merchandising è da vedere.

Insomma, dopo i Belotti e i Kalinic, con in mezzo ad Aubameyang e Morata, il Milan sta cercando di capire se ci sono i margini per Cristiano Ronaldo. Pare che gli incontri con Mendes, al di là delle notizie che fanno filtrare i vertici del Milan (alcuni movimenti poi si sono realizzati, come André Silva, per dire, e si realizzeranno, come Renato Sanches) hanno sempre chiesto la situazione del portoghese. L'antefatto è ovviamente l'accusa di evasione fiscale da 14,7 milioni di euro verso il fisco spagnolo, con il lusitano che dovrà comparire in aula il prossimo 31 luglio per testimoniare. Lì per lì Cristiano Ronaldo aveva pensato di tornare al Manchester United, che poi per bocca di José Mourinho ha spiegato che non è acquistabile.

E in effetti il problema si pone per tanti motivi. In primis quello economico: ipotizzando un'offerta alla Mbappé, da 140-150 milioni, toccherà poi capire l'esborso per l'ingaggio. Attualmente Cristiano Ronaldo guadagna circa 18 milioni di euro annui. Il Milan dovrebbe (almeno) dargliene 20, netti, 40 lordi. Per un quadriennale e per un trentaduenne, significa andare a spendere 350 milioni di euro. L'impatto mediatico di una mossa del genere, soprattutto in Cina - ma in generale in tutto il Sudest asiatico - genererebbe un'onda lunga che premierebbe il Milan: quante magliette devono essere vendute per coprire il tutto? La risposta è molto semplice, assumendo che circa 35 euro entrerebbero nelle casse rossonere, come margine: sono 10 milioni di maglie in un mercato sterminato tra Europa, Cina ma anche America. Cristiano Ronaldo, come Messi - più di Neymar - è il campione globale. Sposta più di tutti e, di fatto, sarebbe solamente un giocatore normale in NBA. Ma il campionato italiano tornerebbe ad avere quel sapore di Superlega che ha perso.

Le conferme sono piovute, sin dalle prime ore del giorno, da più parti. Perché il Milan vorrebbe provare ora ad acquistare CR7? Parecchi fattori giocano a favore dei rossoneri e delle tempistiche: prima di tutto l'anno prossimo c'è il Mondiale, partendo dall'assunto che Cristiano Ronaldo vincerà questo Pallone d'Oro, nel 2018 molto dipenderà dal Mondiale. Non tanto dal club. Poi c'è una questione che ora non si pone, ma diventerà d'attualità: Ceferin vuole tassare l'acquisto dei grandi campioni, così tutti pensano tutti al super acquisto. Se Cristiano Ronaldo costasse 150 milioni più 150 di contributo solidarietà, beh, sarebbe praticamente inacquistabile. Così la situazione è un po' differente. Poi, dopo 9 anni di Real Madrid, vivere a Milano potrebbe avere un bel fascino per il lusitano, che ha vinto in Inghilterra e in Spagna. Si vedrà, l'operazione è praticamente impossibile ma qualcosina si sta muovendo. E la posizione di Ceferin sul salary cap e sulle varie tasse alle big, di fatto, fa gonfiare i prezzi in maniera esagerata.

Capitolo Juventus: i bianconeri devono sostituire Bonucci, forse prendere un altro esterno di difesa, oltre a un grande centrocampista. Preso Bernardeschi, davanti ci sarebbe il pienone, ma molto dipenderà da due giocatori: Cuadrado, tolto dal mercato dopo l'addio a Schick, ma soprattutto Dybala. Il domino parte da Neymar e arriva, appunto, a Cristiano Ronaldo. Il problema non è però questo, perché la Juve, come sempre le accade, a centrocampo si blocca. C'è un casting in mediana pressoché continuo e che dura da due anni: cioè da quando Draxler doveva diventare un nuovo calciatore bianconero ma che poi saltò per vari motivi. Da lì in poi braccino e indecisonismo, con gli approdi di Hernanes e altri, passando anche per i gregari, perché Lemina, Rincon e Sturaro sono costati come un centrocampista di livello mondiale.

L'Inter prima o poi acquisterà qualcuno, il mirino era puntato su Nainggolan - che intanto ha rinnovato in serata con la Roma - ma niente da fare, Vidal è incedibile e Di Maria ha costi davvero enormi. Certo, rispetto all'anno scorso c'è un allenatore di grande esperienza, abituato alle pressioni della piazza e, ultimo ma non in ordine di importanza, sin dal primo allenamento. L'Inter pensa di avere una grande squadra già ora, però per ora non ha ancora inserito un titolare fisso. A meno che Skriniar non prenda il posto di Murillo, ma non sembra un grande miglioramento. Almeno per ora. La Lazio ha un grande pregio, Lotito, e un enorme difetto, Lotito stesso: non torneranno mai i tempi di Cragnotti, ma alle volte essere comprensivi può portare a grandi risultati. E la Fiorentina? I viola hanno smantellato la squadra, perdendo, dei titolari, Tatarusanu, Gonzalo Rodriguez, Borja Valero, probabilmente Vecino, forse Badelj, Ilicic, Bernardeschi e con un Kalinic che appare separato in casa. E c'è pure chi esulta per una cessione, chissà perché.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter, Juve, Milan, Roma e Napoli devono ancora lavorare sul mercato. E Marotta di cosa si lamenta? Il mercato non si deve accorciare 20.08 - È iniziato già il campionato, sotto il segno di Mario Mandzukic e di Paulo Dybala. E pure con Gianluigi Buffon sulla copertina, perché il portiere della Juventus ha ipnotizzato Diego Farias dagli undici metri, dopo che il Var - sarà protagonista pure lui, possiamo esserne certi -...
Telegram

EditorialeDI: Mauro Suma

Nainggolan e Belotti meglio di Dembelè. Kalinic, crudo ma chiaro. Niang come Cerci? Keita: sarà vera ritirata quella della Juve? 19.08 - Tre anni fa era l'estate dell'Ice Bucket Challenge. Nato per scherzo e diventato virale. Questa è invece l'estate dell'I go where i want. E' altrettanto virale, anche se evidentemente non è un hashtag o qualcosa di definito. E' la moda, inaugurata da Neymar e Dembelè, di prendere...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve, Matuidi non basta. Con questo mercato l’obiettivo Champions si allontana. Oltre a Spinazzola anche Caldara? Il modulo da cambiare. Cuadrado via. Inter, Spalletti vuole un fantasista. Schick vice Icardi, arriva un centrale 18.08 - Erano due anni che un giorno si’ e un altro pure, puntualmente, Matuidi era dato come imminente acquisto della Juve. Una storia simile a quella del lupo e il lupo questa volta e’ arrivato. Un giocatore cosi’, fisico, ma anche piedi discreti e visione di gioco, servira’ di sicuro e...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Un Ferragosto di colpi: Juve, Inter e Milan. Caso Keita, restyling Fiorentina: ma non è affatto finita qui 17.08 - Entro il fine settimana sarebbe arrivato Matuidi. E Matuidi è stato. Anche in anticipo (leggero) rispetto alle previsioni. Approfittando della festa di Ferragosto Marotta e Paratici hanno rotto gli indugi e già da martedì sera Paratici era andato a Montecarlo per chiudere la trattativa...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Quanti pensieri sotto il sole di Riccione… Kondo, che pasticcio! Juve e le scuse di Higuain… Sarri, ora o mai più! Ma Asensio? 16.08 - Le spensierate vacanze sono agli sgoccioli… Sotto il sole di Riccione ci si diverte e la mente (e il fisico) si rilassa, immagazzinando energie per i mesi futuri… Eppure, tre o quattro volte al giorno, ci si ritrova a parlare di calcio! Impossibile farne a meno… La Juventus ridimensionata...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Allarme Juve: il rinforzo di Marotta e la scelta (complicata) di Allegri. Inter: la decisione su Schick. Bomber Milan? Un silenzio "studiato". Napoli: ecco la mossa giusta 15.08 - E ben ritrovati a tutti. Questo editoriale va in onda in forma ridotta per ovviare a una questione di "ferie del sottoscritto iniziate giusto ieri". Questo non significa che non si possa toccare il fondo anche questa settimana: ci riusciremo, solo in maniera più concentrata. Vi...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

5 giorni al via della nuova serie A: ecco la griglia di partenza… e di arrivo aspettando il 31 Agosto 14.08 - Ovviamente preferiamo tutti la grigliata di Ferragosto alla griglia di partenza della serie A, però, è giusto parlare prima anziché dopo quando sarà tutto più facile per tutti. Certamente ci sono ancora due settimane piene per cambiare obiettivi e per spostare gli equilibri, con un...

EditorialeDI: Marco Conterio

L'anno zero del calcio mondiale. Il risveglio dal sogno Leicester, la lezione di Rooney, i milioni del PSG e le grandi d'Italia in cerca degli ultimi botti 13.08 - Il Leicester City di Claudio Ranieri aveva risvegliato, in tutti noi, una parola antica. Fanciullesca. Favola. Aveva riportato alla mente i racconti di un calcio che fu, le pagine polverose del pallone delle leggende, di quanto la televisione era un miraggio, o di quanto Davide aveva...

EditorialeDI: Mauro Suma

Juve, Milan e Inter: cosa manca. Biglia e Kondo: casi di Ferragosto. Kolarov: l'ovvio del derby 12.08 - Alla Juventus manca un centrocampista, al Milan un centravanti, all'Inter un colpo. Quello del centrocampista inizia ad essere un caso per i bianconeri. Sempre vincenti e sempre leader, ma nel corso degli anni il reparto-chiave, la sala macchine, ha perso irreversibilmente qualità....

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Juve allarme, il mercato e’ in ritardo. Per la Champions serve di più. Non poteva prendere Strootman con la clausola? Serve un altro Bonucci. Ma anche l’Inter e’ ferma. Milan, occhi su Cavani. Fiorentina, Simeone e Jese’ 11.08 - Guardo la casella degli acquisti su un giornale qualsiasi, conto i giorni che mancano alla fine del mercato (soltanto venti) e comincio a pensare che la Juventus sia in netto ritardo. Magari oggi Marotta mi smentira’ presentando in un colpo solo i tre-quattro giocatori che servono...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.