VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Il Milan ripensa a Belotti. Idea Ibra. Donnarumma firma lunedì. Arriva il colpo Inter: Di María. Dietro Manolas c'è Sabatini? Giallo Borja Valero

30.06.2017 06:49 di Enzo Bucchioni   articolo letto 74308 volte
© foto di Federico De Luca

Domandina della sera: come mai il Milan sta mollando Kalinic che piaceva tanto a Montella?

La risposta più facile è pensare alla cifra richiesta da Corvino (trenta milioni senza contropartite) sinceramente elevata per un giocatore di 29 anni. Ma non è solo questo. Il Milan sta ripensando a Belotti. Fatti due calcoli, conviene più spendere una settantina di milioni sull’attaccante del Toro che cifre elevate per altri che suscitano perplessità. Possibile quindi un nuovo attacco nei prossimi giorni anche se convincere Cairo è un’impresa complicata. Il silenzio e il basso profilo del presidente del Toro sono di sicuro collegati a sondaggi esteri e offerte in sospeso, in particolare del Manchester United, che potrebbe davvero fare follie e arrivare a pagare la clausola da cento milioni. Comunque il Milan c’è e ci sarà, ma frulla anche un’altra pazza idea: Ibrahimovic.

Con tutta probabilità lunedì prossimo ci sarà l’incontro con Donnarumma per arrivare al prolungamento del contratto. Il ragazzo e la sua famiglia hanno già deciso, dopo la rottura di due settimane fa e una ulteriore riflessione, s’è capito che forse è meglio farlo crescere ancora nel Milan, nel suo ambiente. Nel contratto di sicuro sarà inserita una clausola rescissoria, ma questo sarà tutta materia di discussione con quel marpione di Raiola. E Ibra di chi è? Raiola, appunto. Siccome il calcio è strano, fare la pace e riavviare buoni rapporti con un procuratore importante come Raiola conviene a tutti. Il Milan, fra l’altro, ha pure Bonaventura e Abate gestite dal Raiola, potrebbe inoltre proporre altri giocatori e soluzioni interessanti. Ibra guarito, perché no? Il suo carisma potrebbe essere un’arma in più, i tifosi ce l’hanno ancora nel cuore. Vedremo cosa accadrà lunedì, ma il Milan non si ferma. Anche Conti arriva, siamo ai dettagli. Il nodo può essere il regista. Il freddo di Lotito su Biglia e Keita ha convinto Fassone a portare a casa Borini che Montella voleva già a Firenze. A Keita ora si può rinunciare, ma non a Biglia. Alternative? Forse Badelj, ma Mirabelli spera ancora di convincere Lotito.

Comunque lunedì sarà un giorno importante non solo per il Milan, ma anche per l’Inter e la Juve.

L’Inter sta risolvendo i problemi con il fair play finanziario. Entro stasera dovrà completare le cessioni, tutte operazioni minori che però, da Banega in giù, messe assieme, stanno portando le risorse necessarie a sistemare i bilanci senza dover cedere Perisic. Spalletti è stato così accontentato e automaticamente è stata mollata la pista-Bernardeschi. Sabatini però vuole fare un colpo grosso, qualcosa per il campo, ma anche per il merchandising e l’immagine. Gli indizi portano a Angel Di Maria. Col giocatore ci sarebbe già l’accordo (sette milioni l’anno per cinque anni), con il Psg non dovrebbe esserci un problema che è uno. Qualche complicazione invece per Borja Valero. Lo spagnolo si è accordato ( 3,2 milioni per tre anni), la Fiorentina ha detto ok a sette milioni, ma la situazione ambientale sta bloccando tutto. Il giocatore sta accusando la società viola di volerlo cacciare, i tifosi scalpitano, ma la verità è che Borja in scadenza nel 2019, aveva chiesto di prolungare fino al 2021 quando avrà 36 anni. Richiesta giudicata eccessiva. Decisione congelata per opportunità, in attesa di chiarimenti fiorentini e di giorni migliori.

Sta diventando un giallo anche la cessione di Manolas dalla Roma allo Zenit. Il giocatore, come sappiamo, non si è presentato alle visite e i russi ora non lo vogliono, discorso chiuso.

Di sicuro il greco ha altre offerte che gradisce di più e c’è chi sussurra che dietro ci potrebbe essere Sabatini, l’uomo che l’ha portato a Roma. L’Inter voleva Rudiger dichiarato incedibile, Manolas si può fare anche se la Roma vorrebbe venderlo all’estero. Giallo su giallo. E’ chiaro che il giovane Skriniar della Samp è un ottimo colpo, ma non può bastare per sistemare un reparto difensivo con molti problemi. Alla Samp nell’affare Skriniar andrà il talento Caprari, l’anno scorso a Pescara e valutato 15 milioni. A conti fatti, dunque, Skriniar è stato valutato 35 milioni, non male per un giocatore di 22 anni ancora da verificare su grandi piazze.

Tornando alla Fiorentina e a Borja, in queste ore dopo aver venduto Ilicic alla Samp (cinque milioni), la società viola potrebbe dire sì anche per Bernardeschi alla Juve e troppe uscite senza entrate sono da evitare. L’avvocato Bozzo sottoporrà lunedì a Corvino l’offerta della Juve (45 milioni più Sturaro o Rincon), il giocatore ha già detto ok. La Juve ha deciso per Berna dopo aver mollato Douglas Costa che occuperebbe la casella da extracomunitario per la quale Marotta pensa invece fortemente a Danilo del Real. La vicenda Dani Alves ha aperto un buco da colmare subito. Marotta sta puntando anche Deulofeu che il Barca ha riportato a casa ma non sa ancora se tenere o meno. Lo spagnolo potrebbe sostituire Cuadrado che ha molto mercato e non è fra gli incedibili. Ma non possono essere questi i grandi nomi per la Juve, i colpi veri saranno a sorpresa. Scommettiamo?


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....

EditorialeDI: Mauro Suma

Italia, un palo che non trema. Milano, Herrera e i criteri del Comune. Pirlo, freddezza rossonera 11.11 - Han fatto quello che hanno voluto. Ci hanno tenuti bassi nel primo tempo e ci han fatto venire fuori nel secondo. In attesa dell'attimo buono, che hanno artigliato prima e gestito con disinvoltura poi. Non sono solo chiacchiere e zazzera bionda questi svedesi. Il peggior sorteggio...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Insigne non deve mancare. Ventura imita Maldini. Milan, no al blocco del mercato. Ottimismo per i conti. Donnarumma verso il Psg che pensa anche a Conte. Juve, preso Barella. Napoli, Quagliarella per Milik 10.11 - Cari amici, lo so che della Nazionale non ve ne può fregar di meno. Azzurro Tenebra, scriveva Arpino. Azzurro pallido oggi. Ma stasera il tifo positivo di tutta l’Italia deve accompagnare la Nazionale nello storico spareggio con la Svezia che venti anni dopo ricorda quello di Cesare...

EditorialeDI: Luca Marchetti

L’Italia e Insigne, il Napoli e i terzini, l’Inter e Joao Mario e il FFP del Milan 09.11 - Ora tutti concentrati sull’Italia. E di parole sull’importanza della partita in previsione domani ne sono state dette e scritte tantissime. Dai protagonisti di questo spareggio e da tanti colleghi. Tutti d’accordo, l’Italia non può mancare dal Mondiale. Il rischio, paradossalmente...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.