VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Sedici squadre si giocano la Champions League: chi è la favorita?
  Barcellona
  Basilea
  Bayern Monaco
  Besiktas
  Chelsea
  Juventus
  Liverpool
  Manchester City
  Manchester United
  Paris Saint-Germain
  Porto
  Real Madrid
  Roma
  Siviglia
  Shakhtar Donetsk
  Tottenham

Editoriale

Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato...

21.09.2017 21:33 di Luca Marchetti   articolo letto 26645 volte
Il Napoli è devastante, Juve alla tedesca. Il duello è appena iniziato...

Impossibile non parlare di calcio giocato nella sera dell'infrasettimanale. Impossibile non parlarne dopo una serata piena di emozioni e che regala al campionato dopo 5 giornate le due prime della classe lassù in testa alla classifica a punteggio pieno con una dimostrazione di forza diversa, ma ugualmente appassionante. E appassionante sarà il loro duello incrociato con quello delle outsider che nonostante qualche difficoltà e la necessità di registrarsi durante la stagione sono sempre lì.
Se aveste guardato la classifica alla fine del primo tempo vi sareste accorti che c'erano 5 squadre in un punto. Inter, Juve e Lazio prime in classifica, un gradino sotto Napoli e Milan. Ma le partite - ecco perché i modi di dire sono sempre validi - finiscono al novantesimo, a volte anche oltre. E nei secondi quarantacinque minuti Napoli e Juve hanno tirato fuori le loro qualità. Il Napoli, bisogna dirlo, ha avuto anche un po' di buona sorte dalla sua: la Lazio nel corso della partita ha perso tutti i difensori e addirittura ha chiuso in 10 (finite le sostituzioni). Ma ha segnato 3 gol in 5 minuti e 8 secondi. 3, non uno. Con il terzo che scomoda paragoni illustrissimi: quel pallonetto che arrotonda il risultato ricorda Maradona. E se Sarri dice di non voler mettere sullo stesso piano El Pibe de Oro e "Ciro" Mertens, ammette che anche il suo è un fuoriclasse. Non vuole sentire parlare di scudetto, Sarri: "io me ne vo!". Se ne vada pure, per scaramanzia. Continuiamo noi a celebrare il suo Napoli. La Lazio non era un ostacolo morbido. Né tantomeno scontato visto quello che era riuscita a fare finora la Inzaghi-band. Ecco perché il successo acquisisce un sapore particolare.
Nel frattempo la Juve non si scompone. Ampio turnover, stesso risultato. CI pensa Marione Mandzukic, e ci pensa su assist di Cuadrado con quello schema che già diverse gioie ha regalato ad Allegri. Che un'altra volta si è imbufalito per con i suoi per la gestione del risultato. Stavolta è toccato a Pjanic: ma è lo spirito che conserva la Juve, dopo 6 scudetti consecutivi, che meraviglia. Anzi che è la sua forza. La Juve non molla. Anche se il primo tempo è stato a basso ritmo, con soltanto due conclusioni in porta e pochi brividi. Nel secondo la Juve aumenta la pressione e questa Juve, anche con i ricambi, non si perde mai d'animo. Bum, bum, bum, bum. E alla fine arriva. E pensate: manca ancora la brillantezza sotto porta di Higuain. Che si riprenderà, state certi. Non si può certo discutere uno come lui: alla fine arriveranno anche le sue perle. E la Juve nel frattempo riesce a vincere anche senza i suoi gol.
Poi le milanesi: a un punto di distanza. Con il Milan che fa il suo contro la Spal e l'Inter che invece non riesce a tenere il ritmo delle prime della classe. Ma il campionato è ancora lungo. Senza dimenticarsi della Roma che ancora deve recuperare una partita. Cinque dicevamo e cinque sono. Più quella Lazio che ora pare uscita ridimensionata dallo scontro diretto con il Napoli, ma che ridimensionata non è (ma attenzione al Toro che zitto zitto si è inserito).
E' un campionato bellissimo, divertente. Con un'Atalanta in grande spolvero. Un Sassuolo che torna a vincere, un'Udinese che comincia a tremare (ma che ha avuto in canna il gol del 3-3). Con le ultime della classe che fanno fatica, molta fatica. Tanto che già Baroni è in discussione. Dopo 10 gol in due partite la sfida con il Crotone diventa praticamente decisiva. E se il Verona si consola con il pari con la Samp attenzione ai campionati nei campionati. Sarà emozionante anche in fondo...


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Caso Donnarumma e Voluntary Agreement bocciato, una brutta settimana al Milan. L'Inter piange sulla prima sconfitta, Spalletti deve tenere la barca. Giacomelli horror, ma certi pianti... Complimenti a Massimo Oddo che ha già fatto nove punti 17.12 - Una settimana da Dio. Quella di Marco Fassone è stato a mercato ancora chiuso, perché l'amministratore delegato del Milan aveva già gettato le basi per il Milan del 2017-18, trovando accordi con praticamente tutti i giocatori poi acquistati in estate. Il mercato iniziava a luglio,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Tra voluntary Milan e rating BB- Inter. Gigio, la prova del nove. ADL: Ounas? No, Donnarumma! 16.12 - Certo che al Milan non si fanno salti di gioia. Sul piano industriale presentato a Nyon e sulle successive integrazioni in base alle richieste di documentazione UEFA, il Club rossonero aveva puntato molto. In ogni caso il tono del comunicato europeo, come tutti hanno potuto verificare...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Lo scandalo Donnarumma. Il portiere contro il suo procuratore Raiola: “Mai subito violenza psicologica”. Raiola contro Mirabelli: “E’ lui il male”. Mirabelli: “Tanto non lo cediamo”. Ma il Milan ora può solo vendere il giocatore 15.12 - Dopo due giorni di polemiche, striscioni e lacrime, ieri sera a tarda ora è arrivata la versione di Gigio Donnarumma: “Non ho mai scritto o detto di aver subito violenza morale da parte del Milan durante la firma del contratto”. Una presa di posizione netta, chiarissima, del giocatore...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Donnarumma, sempre Donnarumma, ancora Donnarumma 14.12 - Donnarumma torna al centro della polemica. E ancora una volta, una parte della tifoseria organizzata del Milan, esprime il proprio dissenso. Di sicuro il rapporto, ora, è di nuovo teso. Per via di quanto è successo nelle ultime settimane. Proviamo a fare allora un riassunto (naturalmente...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Donnarumma-Raiola, che pasticcio! Il VAR va migliorato non demonizzato… Lazio, incubo Barcellona! 13.12 - Un mio vecchio amico mi ripete, alla noia, questa frase: “Ai miei tempi il calcio era un gioco semplice fatto da persone semplici”. Avendo superato la settantina, è evidente il suo riferimento ad un calcio, quello degli anni ’60 e 70’ che ben poco ha a che fare con il calcio d’oggi…...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: Allegri e la "grana" Dybala. Inter: il senso delle parole di Spalletti. Milan: Gattuso non è solo "grinta". Occhio agli Euro-sorteggi... 12.12 - Ciao. Oggi c’è Inter-Pordenone di Coppa Italia. La Coppa Italia è molto considerata dai nostri capi del calcio: fanno giocare l’ottavo di finale in casa della più forte. Di martedì. Alle nove antelucane. Con -12 gradi e l’incubo “gelicidio”. Il gelicidio fa paura a tutti. Tutti ne...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Juve-Inter, uno spot per poveri. Roma e Napoli, siamo alle solite. Crotone, con Nicola hai perso un patrimonio tecnico ed umano 11.12 - Quando aspetti una settimana intera un big match, lo carichi con titoloni e speciali e poi vedi (o meglio non vedi) una partita priva di emozioni, capisci che questo campionato è aperto ad ogni pronostico. L'Inter è la vera anti-Juve? Difficile pensarlo se ci ricordiamo da dove arriva...

EditorialeDI: Marco Conterio

Juventus-Inter: altro che partita perfetta e spot del calcio italiano. Nei bianconeri ci sono due casi ma molto diversi tra Allegri e Mourinho. Icardi, l'esame Mundial e la corte di Florentino Perez 10.12 - Zero a zero sarà pure la partita perfetta ma Juventus-Inter è stata la fotografia della noia. Un ben noto e ascoltato incipit della gara, spiegava che sarebbe dovuta essere lo spot per il calcio italiano. Purtroppo, lo è stata del calcio italiano. Dove contano tanto i giocatori di...

EditorialeDI: Mauro Suma

La Cavese e il Povero Diavolo. Il Milan 2012-2017. I doveri dei Club channels. Juve, vigilia violenta 09.12 - I giocatori del Milan devono capire, compatibilmente con il lavoro di carico atletico che stanno mettendo nelle gambe, che in questo momento hanno un dovere doppio. Non solo quello di giocare e fare punti. Sarebbe troppo banale. Ma anche e soprattutto di tenere il Milan come simbolo...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Un giallo: il Milan accerchiato. Bocciato o no il piano finanziario, l’Uefa non si fida di Li Yonghong. E Montella non andava esonerato adesso. Napoli, resta solo lo scudetto: De Laurentiis investa a gennaio e fuori subito dall’Europa League 08.12 - E’ l’anno del Milan, l’anno nero intendo. Il nuovo corso cinese che doveva riportare i rossoneri al vertice del calcio mondiale, in realtà sta portando soltanto enormi problemi. In campo e fuori. “Aridatece il Berlusca”, urla il popolo milanista e chissà lui quanto starà godendo. L’ultimo...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.