HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Il nostro campionato è durato 30 giornate, per questo servono i campioni. La Cina troppo vicina: il Milan a chiedere 10 milioni al suo proprietario, l'Inter che aspetta la Champions. Per la Nazionale sarebbe meglio un allenatore straniero

01.04.2018 10:46 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 53390 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Il Napoli che pareggia contro il Sassuolo è l'esatta dimensione del nostro calcio. Non tanto perché gli azzurri valgano i neroverdi, non è chiaramente per quello. Bensì perché i campioni ti fanno vincere le partite complicate. Milik, che campione non è, ha rischiato di ribaltarla come un calzino. È però un centravanti, di quelli che fanno gol e che ti spostano le partite. Insomma, se Ibrahimovic ha vinto una decina di scudetti di fila c'è un motivo. La Juventus invece è sempre la più forte, ha la rosa più lunga di tutti. Sinceramente credere di poter vincere uno Scudetto con due acquisti, Ounas e Mario Rui, di cui zero titolari (il portoghese solo per l'infortunio di Ghoulam) quando sei arrivato a troppi punti dalla Juve dell'anno scorso - che intanto prende Bernardeschi, Douglas Costa, etcetera - è un esercizio complesso. E soprattutto è presunzione.

Lontano dalle posizioni più nobili, seppur non troppo, Milan e Inter hanno vissuto una settimana particolare. Partendo dai rossoneri, che scrivono (farebbe ridere se non ci fosse da piangere) al proprietario di mandare loro 10 milioni di euro per assicurare la continuità aziendale, come avrebbero fatto quelli della mia generazione dalle vacanze estive, spesso in colonia, per sopravvivere e comprare le caramelle al barettino interno, oppure per giocare ai videogiochi. Il bonifico arriva tra oggi e domani, la risposta serafica di non si sa bene chi, visto che Li Yonghong l'inglese non lo parla (figuriamoci l'italiano, vengono dubbi pure sul cinese) e per ora l'accredito tarda ad arrivare. Questione di valute, avrebbe detto uno storico presidente del Parma con sede in Slovenia. I tifosi milanisti possono dormire sonni tranquilli? Probabilmente sì, il fondo di investimento Elliott ha tutti gli interessi di mantenere alto il valore di una squadra che non ha uno stadio di proprietà, non gioca la Champions League (per ora) ma ha pur sempre un appeal internazionale, oltre a San Siro che garantisce un buon introito annuale. Insomma, vedere un nuovo caso Parma sembra davvero improbabile, più che altro per interessi e agenti in gioco.

Dall'altra parte del Naviglio l'interista si agita, perché sperava che Suning fosse come lo sceicco del Manchester City, capace di inserire capitali a perdere senza colpo ferire, senza ricordare che la Cina è pur sempre una repubblica popolare comunista, dove nessuno spende i soldi a suo piacimento, soprattutto negli ultimi tempi. Suning ha però inserito capitali in Italia, forse non troppi nell'ultimo periodo, anche a causa della mancata qualificazione in Champions League. Se Spalletti dovesse riuscire ad arrivare terzo, allora tutto cambierebbe quasi magicamente, potendo anticipare gli eventuali proventi fissi nel bilancio di quest'anno, senza cessioni significative già a giugno. Le posizioni fra Milan e Inter sono profondamente diverse, anche se non è detto che entrambe poi non vogliano disfarsi del costoso giocattolo. L'Inter però ha fatturato 320 milioni di euro senza Champions, i rossoneri pensano di attestarsi intorno ai 263 per il 2017-18, con un anno di distanza.

Capitolo Nazionale: dopo la partita di Manchester con l'Argentina c'era un'idea chiara, ora forse lo è ancora di più. Non c'è un italiano che vorrebbe la patata bollente della panchina italiana, se non Di Biagio. Motivo semplice: se perdi prima delle competizioni, sei finito. Se perdi nel girone eliminatorio della fase finale, sei bollito. Dalle eliminatorie in poi, dipende come gioca la Nazionale. Se ti piazzi in un Europeo e non lo vinci, sei appena appena sufficiente. E se stecchi i Mondiali, croce sopra. Non c'è un equilibrio e forse è anche normale, perché vorremmo qualcosa di più per la nostra Nazionale. E per una volta, perché non affidarsi a un tecnico straniero, invece che a Mancini (che non sta facendo benissimo in Russia, meglio Carrera a quel punto)? Ranieri sarebbe probabilmente perfetto, ma veniva già definito vecchio dieci anni fa da Mourinho. Comunque il perché è presto detto: politicamente non conviene a nessuno, né alla Figc né all'associazione allenatori che si potrebbe costituire parte civile in caso di incarico a uno straniero. Cosa ci vogliamo fare, questo è uno strano paese dove i tifosi (della Lazio) possono denunciare un arbitro (Giacomelli) per un rigore non dato con il Var. Detto come il rigore ci fosse, la stortura è evidente. Un nome lo farei anche, ed è quello di Vladimir Petkovic, bravissimo con la Svizzera e che conosce già il nostro campionato dall'interno. Calcio pratico, alle volte anche divertente. Poi, per carità, se c'è il colpo di scena e Conte o Ancelotti accettano di accollarsi una situazione grave, ma non seria, allora meglio così.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Su Piatek il Milan accontenta il Genoa, ma su Higuain la colpa è anche di Gattuso. Juventus vicina a De Ligt! Non c’è l’offerta che il Napoli vuole per Allan. E il Barcellona adesso compra Doumbia? 23.01 - E’ andata come doveva andare. Esattamente 14 giorni fa vi avvisavamo che il triangolo Higuain-Morata-Piatek era impigliato intorno alla policy del Chelsea del non fare contratti pluriennali agli ultratrentenni, e che se Higuain si fosse incaponito su quell’aspetto, allora sarebbe...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Milan: l'esempio Gattuso contro i nemici del Diavolo (Higuain-Piatek e altre acrobazie). Inter: l'arma in più non arriva dal campo (e Barella...). Da Ancelotti a De Zerbi: finalmente c'è chi ha voglia di parlare di calcio 22.01 - Ieri era il compleanno di mio padre. Ne ha fatti 83, tipo mummia. È tifoso accanito del Milan. Ha visto la sua squadra vincere, ha mangiato la pizza alla diavola, ha bevuto una birra media, due fette di torta con su scritto "Auguri Celso", tre grappe Berta per le quali va matto e,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan, così non va. Da Gonzalo a Piatek, segnale di debolezza. Visto Muriel? Balata e una Lega B allo sfascio. Lecce, esempio di mercato. Si scrive Juve, si legge Stabia 21.01 - Se la scorsa estate Leonardo e Maldini avessero portato al Milan Piatek al posto di Higuain avrebbero preso 3 su tutte le pagelle del mondo. Arrivò Gonzalo e si sprecarono i 7 per il grande affare fatto con la Juventus, ridando indietro quel pacco vecchio di Bonucci prendendo il futuro...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510