HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato chiuso: quale big s'è mossa meglio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Il nostro campionato è durato 30 giornate, per questo servono i campioni. La Cina troppo vicina: il Milan a chiedere 10 milioni al suo proprietario, l'Inter che aspetta la Champions. Per la Nazionale sarebbe meglio un allenatore straniero

01.04.2018 10:46 di Andrea Losapio  Twitter:    articolo letto 53386 volte
© foto di Lorenzo Di Benedetto

Il Napoli che pareggia contro il Sassuolo è l'esatta dimensione del nostro calcio. Non tanto perché gli azzurri valgano i neroverdi, non è chiaramente per quello. Bensì perché i campioni ti fanno vincere le partite complicate. Milik, che campione non è, ha rischiato di ribaltarla come un calzino. È però un centravanti, di quelli che fanno gol e che ti spostano le partite. Insomma, se Ibrahimovic ha vinto una decina di scudetti di fila c'è un motivo. La Juventus invece è sempre la più forte, ha la rosa più lunga di tutti. Sinceramente credere di poter vincere uno Scudetto con due acquisti, Ounas e Mario Rui, di cui zero titolari (il portoghese solo per l'infortunio di Ghoulam) quando sei arrivato a troppi punti dalla Juve dell'anno scorso - che intanto prende Bernardeschi, Douglas Costa, etcetera - è un esercizio complesso. E soprattutto è presunzione.

Lontano dalle posizioni più nobili, seppur non troppo, Milan e Inter hanno vissuto una settimana particolare. Partendo dai rossoneri, che scrivono (farebbe ridere se non ci fosse da piangere) al proprietario di mandare loro 10 milioni di euro per assicurare la continuità aziendale, come avrebbero fatto quelli della mia generazione dalle vacanze estive, spesso in colonia, per sopravvivere e comprare le caramelle al barettino interno, oppure per giocare ai videogiochi. Il bonifico arriva tra oggi e domani, la risposta serafica di non si sa bene chi, visto che Li Yonghong l'inglese non lo parla (figuriamoci l'italiano, vengono dubbi pure sul cinese) e per ora l'accredito tarda ad arrivare. Questione di valute, avrebbe detto uno storico presidente del Parma con sede in Slovenia. I tifosi milanisti possono dormire sonni tranquilli? Probabilmente sì, il fondo di investimento Elliott ha tutti gli interessi di mantenere alto il valore di una squadra che non ha uno stadio di proprietà, non gioca la Champions League (per ora) ma ha pur sempre un appeal internazionale, oltre a San Siro che garantisce un buon introito annuale. Insomma, vedere un nuovo caso Parma sembra davvero improbabile, più che altro per interessi e agenti in gioco.

Dall'altra parte del Naviglio l'interista si agita, perché sperava che Suning fosse come lo sceicco del Manchester City, capace di inserire capitali a perdere senza colpo ferire, senza ricordare che la Cina è pur sempre una repubblica popolare comunista, dove nessuno spende i soldi a suo piacimento, soprattutto negli ultimi tempi. Suning ha però inserito capitali in Italia, forse non troppi nell'ultimo periodo, anche a causa della mancata qualificazione in Champions League. Se Spalletti dovesse riuscire ad arrivare terzo, allora tutto cambierebbe quasi magicamente, potendo anticipare gli eventuali proventi fissi nel bilancio di quest'anno, senza cessioni significative già a giugno. Le posizioni fra Milan e Inter sono profondamente diverse, anche se non è detto che entrambe poi non vogliano disfarsi del costoso giocattolo. L'Inter però ha fatturato 320 milioni di euro senza Champions, i rossoneri pensano di attestarsi intorno ai 263 per il 2017-18, con un anno di distanza.

Capitolo Nazionale: dopo la partita di Manchester con l'Argentina c'era un'idea chiara, ora forse lo è ancora di più. Non c'è un italiano che vorrebbe la patata bollente della panchina italiana, se non Di Biagio. Motivo semplice: se perdi prima delle competizioni, sei finito. Se perdi nel girone eliminatorio della fase finale, sei bollito. Dalle eliminatorie in poi, dipende come gioca la Nazionale. Se ti piazzi in un Europeo e non lo vinci, sei appena appena sufficiente. E se stecchi i Mondiali, croce sopra. Non c'è un equilibrio e forse è anche normale, perché vorremmo qualcosa di più per la nostra Nazionale. E per una volta, perché non affidarsi a un tecnico straniero, invece che a Mancini (che non sta facendo benissimo in Russia, meglio Carrera a quel punto)? Ranieri sarebbe probabilmente perfetto, ma veniva già definito vecchio dieci anni fa da Mourinho. Comunque il perché è presto detto: politicamente non conviene a nessuno, né alla Figc né all'associazione allenatori che si potrebbe costituire parte civile in caso di incarico a uno straniero. Cosa ci vogliamo fare, questo è uno strano paese dove i tifosi (della Lazio) possono denunciare un arbitro (Giacomelli) per un rigore non dato con il Var. Detto come il rigore ci fosse, la stortura è evidente. Un nome lo farei anche, ed è quello di Vladimir Petkovic, bravissimo con la Svizzera e che conosce già il nostro campionato dall'interno. Calcio pratico, alle volte anche divertente. Poi, per carità, se c'è il colpo di scena e Conte o Ancelotti accettano di accollarsi una situazione grave, ma non seria, allora meglio così.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Mercato 2018 finito: Promossi & Bocciati 20.08 - Mercato finito. Poche parole e molti fatti. Alcuni colpi rimasti in canna, altri esplosi clamorosamente durante questa estate bellissima. La differenza l'hanno fatta le grandi. Unica delusione gli affari mancati all'ultimo giorno dove si poteva fare qualcosa di più. Ecco promossi...

EditorialeDI: Marco Conterio

L'umiltà di CR7 e una rosa pazzesca: il buongiorno della Juve. Il bilancio del mercato: la rinascita di Milano. De Laurentiis stecca, Ancelotti no. E' stata l'estate dei grandi agenti e intermediari 19.08 - L'antipasto del campionato, ripartito sotto i riflettori quando forse era lecito aspettarsi una più sensibile e umana commozione da parte delle alte sfere del nostro pallone, è stato quel che ci aspettavamo. Il Chievo che alza le sue Maginot, la Juventus ancora sulle gambe, Cristiano...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ancelotti valore aggiunto del Napoli, Emre Can farà la differenza alla Juventus, Inter mercato top, Milan può lottare per la Champions, Milinkovic Savic rinnova con la Lazio fino al 2023 18.08 - Come ogni estate arriva il momento del gong. Sono passate appena 4 ore dalla chiusura del mercato e l’adrenalina è ancora alle stelle. La prima riflessione che mi viene da fare è che è stato bellissimo, il più entusiasmante degli ultimi anni. E non solo perché è arrivato Cristiano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy