HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
TUTTOmercatoWEB.com: notizie di calcio e calciomercato
 
SONDAGGIO
Inter, Sanchez ko: fiducia a Esposito o ritorno sul mercato?
  Avanti con Politano, Lukaku e Lautaro Martinez: sono più che sufficienti alle esigenze di Conte
  Occhi sul mercato, sia quello degli svincolati che invernale
  Fiducia al giovane Esposito: sarà lui a completare la batteria di attaccanti nerazzurri

La Giovane Italia
Editoriale

Il pagellone del 2018-2019: ecco i voti alle 20 squadre di serie A

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
27.05.2019 00:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 41848 volte

In questi casi devo fare sempre una premessa. Doverosa: Potrete trovare voti simili tra più squadre o, addirittura, più alti ad una piccola rispetto ad una big. Questo non significa che la Spal salva ha fatto come il Napoli in Champions. I voti sono singoli, in base agli obiettivi stagionali e alla forza della squadra. Ovviamente, teniamo sempre lo stesso esempio, la Spal da 7 non poteva avere gli stessi obiettivi del Napoli. Altrimenti se alla Spal mettiamo 7 ed è questo il termine di paragone, dovremmo mettere al Napoli 9, alla Juventus 10 e all’Atalanta 12. Buona lettura e ci vediamo più in fondo per gli insulti.

Atalanta, Voto 9
Manca il 10 perché la perfezione non la merita nessuno ma se ci fosse un club al quale dare, obbligatoriamente, 10 non avremmo dubbi. Complimenti ai Percassi, a Gasperini, a Sartori e a tutta la squadra. Fino al magazziniere e alla segreteria. Portare in Champions la Dea è un miracolo, arrivare fino alla finale di Coppa Italia, eliminando la Juventus, è un altro mezzo miracolo. Calciatori, ancora una volta, valorizzati all’ennesima potenza, e altri rilanciati: come Duvan Zapata, considerato bollito dalla stampa friulana. Unico neo dell’era Percassi: non aver investito, in tutti questi anni, nello stadio. Una realtà così bella, con una tifoseria così tosta non può emigrare ogni volta a Reggio Emilia per le partite di cartello.

Bologna, Voto 5.5
Eppure chiude decima... Dal 4 di Inzaghi al 7 di Sinisa. Ne esce un 5.5 per quello che abbiamo visto in questa annata. La dimostrazione, come sempre, l’ha data il campo. La squadra non era il City ma non era neanche il Chievo Verona. Bastava una guida tecnica vera che facesse anche da società. Con Sinisa problemi risolti in due settimane. Non si può, però, rischiare ogni anno così…

Cagliari, Voto 6.5
Stagione tranquilla ed è quello che si chiedeva alla squadra. Salvezza mai in discussione e diverse dissipazioni tolte nel corso della stagione. Ottimo lavoro di Rolando Maran che si conferma tra i migliori allenatori italiani in circolazione. Brava anche la società nella gestione. In primis, il Presidente Giulini.

Chievo Verona, Voto 3
Imbarazzanti. Dal primo all’ultimo. Molte, se non tutte, le responsabilità sono da attribuire al Presidente Campedelli che sbaglia tutto quello che c’era da sbagliare. Dal ritiro all’ultima di campionato. Avevamo ammonito il Presidente e possiamo dire: te lo avevamo detto… Se fai la serie A con Romairone Direttore e, durante la stagione, cambi per prendere Ventura non puoi aspettarti un ultimo posto in classifica e un 3 in pagella. E’ finito un ciclo. Basterebbe ammetterlo.

Empoli, Voto 6
Non avrei scommesso un euro, neanche 50 centesimi, sulla salvezza dell’Empoli. Dopo il secondo cambio la squadra era morta, Andreazzoli l’ha fatta risorgere con un finale di stagione pazzesco. Sicuramente il calendario, in alcuni casi, ha aiutato i toscani ma non sono gli unici ad aver tratto profitto dagli incastri. Salvarsi con una rosa giovane e fatta di calciatori, ottimi, ma di serie B sarebbe stato un successo enorme. Ha sfiorato l'impresa di San Siro ma è rimasta vittima del brodino di Firenze.

Fiorentina, Voto 4.5
Poteva essere una tragedia, calcistica, è stata per Firenze “solo” una catastrofe senza conseguenze. Buon percorso in Coppa italia e campionato anonimo, reso disastroso dal cambio di panchina. I Della Valle si sono assunti le loro responsabilità e hanno spaccato tutto. Far andare via Pioli, a stagione di fatto conclusa e con una semifinale di ritorno di Coppa Italia da giocare, e prendere Montella è da folli. Corvino aveva consigliato la strada giusta: Pioli fino a fine stagione e Di Francesco per la prossima. Andrea e Diego hanno fatto tutto quello che non andava fatto. Riprendere Montella e fargli firmare un biennale. Cose assurde. Il campo ha dimostrato il valore del tecnico, dopo Samp, Milan e Siviglia ma soprattutto lo stesso campo ha confermato che per fare calcio servono qualità diverse dalla classica qualità che occorre per essere imprenditori di successo. Per una volta le scarpe le hanno fatte ai Della Valle. E anche quelle stavano per costare caro. Lo 0-0 con il Genoa la fotografia della stagione.

Frosinone, Voto 4
La lezione della prima volta, Stirpe non l’ha imparata. Al secondo giro non ha più scuse e merita di tornare in serie B senza essersi goduto la A un solo giorno. Parte male: tenere due Direttori Sportivi non ha senso. Prendi una decisione e scegli tra Giannitti e Capozucca. Insieme non possono lavorare. Ne pagano le conseguenze due bravi allenatori come Longo e Baroni. Il campo ha confermato che il problema era la squadra, oltre la società prima responsabile.

Genoa, Voto 4
Stesso discorso di Firenze. Quando una società decide di rovinarsi da sola. Partenza con il botto con Ballardini, rovinata dai cambi senza senso del Presidente. Ottimo colpo di mercato in estate, con lo sconosciuto Piatek, giustamente venduto a gennaio a suon di milioni di euro e anche sostituito bene ma se poi sei retrocesso a 9 minuti dalla fine del campionato non puoi prendertela con Santi, fanti e Sampdoria. Ogni anno la stessa storia ma questa volta c’è stato il lieto fine per un soffio di vento tirato su Milano.

Inter, Voto 6
Raggiunge il minimo obiettivo stagionale. L’accesso alla prossima Champions League. Deve, però aspettare gli ultimi 90 minuti e rischiare il clamoroso ribaltone. A 9 dalla fine era fuori. Deve ringraziare Milan, Roma e Lazio che non hanno tenuto il passo. In Champions un disastro, eliminata con il PSV già fuori dalla fase a gironi, in Europa League e Coppa Italia peggio che andar di notte. Marotta arriva, a stagione in corso, come il salvatore della Patria ma, ormai, molti buoi avevano già lasciato la stalla. Uno di questi è Mauro Icardi, con la moglie Wanda. Ci saluta con un rigore fallito. Da salvare ci sono solo due cose: la qualificazione in Champions e le idee chiare sul futuro. Spalletti grande delusione, adesso tocca a Marotta e Conte riprovare a ripetere quanto fatto insieme a Torino.

Juventus, Voto 8
In Italia senza avversari, in Europa ancora rimandata. Stagione da 10 in casa ma il vero obiettivo stagionale viene fallito anche con Cristiano Ronaldo. Esce dalla Coppa Italia e saluta Allegri, forse, con troppa fretta. Sarà la settimana della verità per conoscere il nome individuato da Paratici per il nuovo corso. Il campionato appena concluso, nonostante lo scudetto, lascia ancora troppi buchi per pensare ad un futuro da leader assoluta in Europa.

Lazio, Voto 7
Scende dal treno Champions troppo presto, è vero, ma è altrettanto vero che non era l’obiettivo di Simone Inzaghi. La vittoria della Coppa Italia fa svoltare la stagione ma molti calciatori non rendono come l’anno prima. Luis Alberto e Milinkovic Savic su tutti. Obiettivi rispettati e Tare, sempre, in prima fila tra i Top dirigenti della serie A.

Milan, Voto 6.5
La Champions non arriva per un soffio e per 7 mesi la squadra è andata a mille. Gattuso, nonostante i detrattori, ha fatto quasi un miracolo se consideriamo che in estate parlava di mercato con Mirabelli e sul più bello gli hanno presentato Leonardo. Lo stesso Leo che non ha mai aiutato l’allenatore nel lavoro quotidiano e neanche gli ha sostituto l’infortunato Bonaventura. Higuain e Caldara che dovevano essere i colpi del mercato estivo si sono rivelati due flop.

Napoli, Voto 7
Stagione al di sotto delle aspettative ma almeno conferma il risultato dell’anno precedente. Da Ancelotti, perché si chiama Ancelotti, tutti ci aspettavamo di più ma sia in Italia che in Europa questa squadra non lascia il segno. Andava fatto un mercato diverso, cosa che si farà adesso ma con un anno di ritardo. Lo scudetto resterà un sogno, in Europa si dovrà fare meglio.

Parma, Voto 6.5
Il finale non è stato dei migliori ma non dimentichiamo che questa squadra arriva da una clamorosa cavalcata dalla serie D. Primo anno in A e mai la sofferenza delle zone calde. Un mezzo miracolo per una società così giovane, passato inosservato solo per il blasone della piazza.
Faggiano, con Paratici, si conferma tra i migliori dirigenti italiani. Ottimo lavoro di D’Aversa che spiazza tutti con i risultati, anche se molti lo volevano esonerato ad ottobre.

Roma, Voto 5
Fuori dalla Champions, squadra scarica e stagione da buttare. Paga Di Francesco per tutti, poi anche Monchi, ma gli unici a dover andare via dovrebbero essere Baldini e Pallotta. De Rossi trattato come un Pastore qualsiasi. Presidente senza ambizione e società senza organizzazione. Totti serve da immagine ma in questo club occorre gente di sostanza. Se Totti dovrà ricoprire il ruolo da DT almeno prenda qualche decisione altrimenti meglio un poster a Trigoria.

Sampdoria, Voto 6.5
Nel complesso una buona stagione. Senza infamia e senza lode. La Samp sogna posti più importanti ma, di questi tempi, anche un campionato di metà classifica può bastare. Forse è finito il ciclo Giampaolo, non ancora quello Ferrero.

Sassuolo, Voto 7
Ottima annata per De Zerbi che raggiunge, in carrozza, l’obiettivo stagionale. Per 6-7 mesi gioca il miglior calcio della serie A, poi accusa una flessione ma era più che naturale. La società non fa grandi acquisti sul mercato e quando c’è da vendere Boateng non si fa mille problemi. De Zerbi il valore aggiunto del club, ottima la gestione di Rossi e Carnevali. Sassuolo promosso a pieni voti.

Spal, Voto 7
Se ti salvi senza mai, seriamente, rischiare e sei la Spal meriti solo applausi. Semplici fa un grande lavoro e conferma quanto di buono fatto l’anno prima. Il mix giovani-vecchi funziona e la società solida alle spalle fa sempre la differenza.

Torino, Voto 7
Grande annata per il Toro e la mano di Mazzarri si vede. Doveva essere l’anno della consacrazione e così è stato. Cairo dimostra, con i fatti, che si può fare calcio vincendo senza buttare soldi. Non è un mago ma è un ottimo imprenditore. La costruzione del nuovo stadio e un settore giovanile super competitivo fanno la differenza in società programmate per vincere nel tempo. Unica nota stonata: l’addio mediatico e poco elegante tra Cairo e Petrachi. Andava gestita meglio la comunicazione.

Udinese, Voto 6.5
Un miracolo calcistico: il prossimo anno sarà il 25esimo consecutivo in serie A. Solo come Milan, Inter, Roma e Lazio. Per una Provinciale si chiama “Storia”. Club apprezzato in tutto il Mondo fatta eccezione che in Friuli. Certamente l’annata non è stata brillante ma salvarsi a 90 minuti dal termine non è da buttare. Chi sognava ogni anno terzo o quarto posto può restare anche deluso ma i realisti si godono una salvezza storica. Mezzo voto in più per aver valorizzato, anche quest’anno, calciatori poi lanciati in Nazionale. De Paul farà la Cosa America e vale 30 milioni, Musso e Pussetto le rivelazioni. Okaka rilanciato e Lasagna inseguito dal Napoli. Non male per una squadra che viene spesso criticata. Anche quest’anno, però, la differenza l’ha fatta la società nei momenti più difficili. Vincente la scelta Tudor, nel momento di crisi. Pozzo, Collavino e Pradè hanno saputo reagire nel momento più complicato dell’anno. Perché i cavalli si vedono sempre all’arrivo. Chiude dodicesima davanti a Fiorentina, Parma, Spal, Cagliari e Genoa ma ad Udine avrebbero voluto molto di più.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Insigne venga trattato da capitano (o si volti pagina). Mandzukic e l'accordo 'suicida'. In Serie A c'è un club perfetto per questo Zlatan Ibrahimovic 20.10 - Tutti i nodi vengono al pettine. Tutti i problemi, quando non li risolvi e provi solo ad accantonarli, ti tornano indietro più forti di prima. E' così nella vita, è così nel calcio. Prendete Lorenzo Insigne: lui non potrà mai dirlo, perché è napoletano e capitano del Napoli, ma in...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Matic, l’Inter alza il pressing.  Rakitic, Milinkovic e Tonali gli altri obiettivi. Leonardo vuole Paquetà. Mandzukic sempre più United, vicini i rinnovi di Cuadrado, Matuidi e Szczesny 19.10 - Matic è l’ipotesi più concreta per l’Inter in vista di gennaio. La società nerazzurra non ha ancora programmato in maniera definitiva le sue mosse, ma se ci dovessero essere i presupposti per un centrocampista in grado di alzare ulteriormente il livello qualitativo del reparto si...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Napoli, salta tutto. Adl attacca Insigne, Mertens e Callejon. E mette in vendita Koulibaly. Milan in rosso, giallo Donnarumma. Elliott aspetta lo stadio per vendere e rientrare. Inter, Conte vuole un centrocampista. Ibra, un segnale 18.10 - Ci sono giorni in cui ti prende così e ieri è stato uno di quei giorni in cui Adl, Aurelio De Laurentiis rigorosamente con due i per l’anagrafe, prende cappello e sbotta contro tutto e tutti. Non è la prima volta e non sarà l’ultima, il carattere non lo cambi a settant’anni, la diplomazia...

Editoriale DI: Luca Marchetti

I pensieri in casa Napoli, Milan più rosso che nero, l’Inter stringe i denti (fino a gennaio) 17.10 - A Napoli il processo di crescita continua, ma come in tutte le cose ci sono dei passaggi obbligati e dei nodi da sciogliere. Fra questi sicuramente il rapporto fra Insigne e Ancelotti, che deve essere chiarito fino in fondo, dopo le ultime decisioni dell’allenatore (la tribuna in...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Ecco i 23 convocati per Euro2020. In 16 sono già sicuri: Bernardeschi e Zaniolo devono migliorare, ma il nome a rischio più clamoroso è Romagnoli. Balotelli? No, a meno che... 16.10 - “Se erano qua è perché crediamo in questi giocatori, ma è anche vero che a giugno purtroppo qualcuno bravo dovrà rimanere a casa”. La frase di Roberto Mancini su Di Lorenzo e Cristante, in coda al record di 9 vittorie consecutive raggiunto contro il Liechtenstein, è più importante...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: la verità (sensata) di De Ligt. Inter: gli infortuni, il comandamento di Conte” e le panzane sul “vice Lukaku”. Milan: la logica sulla scelta di Pioli e le mezze verità di Silvio. Italia: è tutto bello, ma non esageriamo 15.10 - Ciao. Il dramma della pausa per la nazionale è che porta con sé molti effetti collaterali a contorno. Il primo è che tutti quelli che parlano di calcio si ritrovano spaesati, non sanno che dire, e allora pur di non ritrovarsi senza opinioni esprimono il loro giudizio su altri argomenti:...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Milan e Samp, servono i cambi di mentalità. Napoli, per Ancelotti l'anno della verità. Petrachi, se pensi una cosa non ritrattare... 14.10 - Ringraziamo Milan e Sampdoria che ci hanno consentito di lavorare in una settimana, quelle delle Nazionali, che è una autentica mazzata per giornalisti e tifosi. Queste continue soste spezzano e, consentitemi, falsano il campionato. Troppe pause, troppe volte i calciatori devono andare...

Editoriale DI: Andrea Losapio

Bentornata Italia. Inter, perché Lazaro? Milan e Sampdoria, scelte diverse ma uguali: uno paga 150 milioni di euro, altri sbandierano trattative per la cessione, autodestabilizzandosi. De Laurentis e Icardi, l'ammissione di non voler spendere 13.10 - La settima vittoria consecutiva manda Roberto Mancini e la sua Italia agli Europei. Ora c'è il Liechtenstein e il record di Vittorio Pozzo a una sola lunghezza, probabilmente verrà pareggiata proprio nella prossima. Facendo l'avvocato del Diavolo, però, c'è da sottolineare come -...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Milan, Pioli merita fiducia. Primo passo: recuperare Piatek e lanciare Rebic. Inter per giugno obiettivi Tonali e Van de Beek. Napoli, Hysaj verso la Roma. Genoa, tieniti stretto Andreazzoli. Samp, Ranieri non basta 12.10 - Pioli merita fiducia. Non credo sia giusto giudicare a priori chi ancora non ha cominciato a lavorare. Il Milan ha una storia gloriosa e un passato fantastico ma se da 7 anni non riesce ad alzare la testa a certi livelli ci sarà pure un perché. La ripartenza è sempre stata difficile...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Milan, tutta colpa di Elliott. Il fondo deve vendere subito se vuole il bene del Club e non solo dei suoi conti. Boban e Maldini, che delusione. Inter tra Rakitic e Matic per gennaio. La Juve vuole Emerson Palmieri. Ranieri-Samp, ci siamo 11.10 - Con il Milan in pieno caos, dalla Cina arriva la notizia di un’inchiesta su mister Yonghong Li. I cinesi, a quanto pare, vogliono sapere come e dove il presunto magnate con gli occhi a mandorla, abbia fatto i soldi per comprare il Milan. Di riffe e di raffa circa un miliardo di euro....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510