VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Il peggior Lotito degli ultimi dieci anni, il Milan torna a ragionare da Milan. Napoli, ora chiudi i tre colpi. Benevento show, ecco il nuovo Sassuolo

Direttore di Sportitalia e Tuttomercatoweb
11.07.2016 11:00 di Michele Criscitiello  Twitter:    articolo letto 84939 volte
© foto di Federico De Luca

Avete presente quando il personaggio in questione è peggio della sua stessa caricatura? Bene, Claudio Lotito ha raggiunto l'apice. In questi dieci anni non aveva mai toccato il fondo come adesso. Gli contestavamo altre cose: la maleducazione, la supponenza e la lista potrebbe essere ancora molto lunga ma gli attribuivamo alcuni meriti sportivi che sembravano oggettivi. Insomma, vuole diventare il nuovo Moggi ma non ha le competenze calcistiche. Vuole comandare in Lega e Federazione e vuole diventare il nuovo dio del calcio. Entra nella stanza dei bottoni mentre Tavecchio parla con Lippi, prova ad imporre il Presidente di Lega Pro ed ottiene il risultato opposto e spera che in Lega ci sia sempre il vuoto di potere per intrufolarsi con le sue idee. Lotito perde colpi e la vicenda Bielsa lo ridimensiona sotto tutti i punti di vista. Attenzione: non gli contestiamo di non aver portato Bielsa alla Lazio. Se ci fosse riuscito avrebbe fatto un grande colpo ma è anche vero, quello che dice Tare, che se lo chiamano Loco un motivo ci sarà. Peccato che Tare non sapesse che lo chiamano così da una vita e non da due giorni, ovvero da quando ha coperto di ridicolo la Lazio. Il classico esempio della volpe e l'uva. Lotito ne esce a pezzi per come ha gestito la cosa. Ne avesse azzeccata mezza. Specifichiamo che su una cosa Lotito ha ragione: il contratto di Bielsa (che non è ancora stato depositato in Lega Calcio) non deve per forza di cose essere depositato in Lega in quanto non avrebbe alcun significato considerato che l'accordo tra Lega e Aiac è scaduto e non è stato rinnovato. Diverso, invece, per la Lega di B che con l'Aiac ha un accordo in scadenza nel 2017. Insomma, basterebbe un contrattino di lavoro classico. Lotito, però, ha fatto tutto il contrario di quello che dovrebbe fare un Presidente. Lui porta le trattative all'esasperazione e, a volte, resta con il cerino in mano. Non poteva aspettare un allenatore così a lungo e soprattutto non doveva riempirsi la bocca di parole e promesse che sapeva bene che non avrebbe mai potuto mantenere. Quando dall'Argentina ha saputo che Bielsa stava per dargli buca ha commesso l'errore più grande: sfidare il Loco facendo un fasullo comunicato stampa per ufficializzare l'arrivo del Mister facendogli sapere che avrebbe depositato il contratto. Mossa mediatica più sbagliata non poteva farla. Avrebbe fatto prima a prendere un aereo per l'Argentina se davvero voleva raggiungere il risultato di convincerlo. Lotito deve sapere anche che non può andare avanti con Tare, Direttore non idoneo e non capace. L'operazione Simone Inzaghi è l'emblema della disorganizzazione mentale che regna nella testa di Lotito che tratta la Salernitana come una squadretta di Provincia dimenticandosi che a Salerno vivono di calcio. I granata da Lotito vengono ridicolizzati a livello nazionale perché sarà pure che Inzaghino non è Capello ma se tu presenti ai tifosi della Salernitana il loro allenatore che già lavora sulla squadra non glielo puoi togliere ad una settimana dal ritiro perché alla Lazio Bielsa ti ha dato buca. I più bistrattati sono proprio i tifosi della Salernitana che vengono trattati da Lotito come pezza dei piedi. Per non parlare di Inzaghi. Se due settimane fa non era considerato all'altezza della Lazio e doveva farsi le ossa in B perché ora dovrebbe essere pronto per un nuovo ciclo alla Lazio?
Mentre Lotito cercava l'allenatore, il Milan iniziava a ragionare da Milan. Il vento sta cambiando e questa svolta serviva tantissimo ai tifosi rossoneri. Probabilmente sarà un anno di transizione ma ben venga. Si devono gettare le basi della rinascita e non perdere l'ennesimo anno. Berlusconi sta facendo la scelta giusta ed essere capaci di chiudere i cicli è dimostrazione di grande intelligenza. Galliani si sta muovendo bene. Montella la scelta, in questo momento, più logica. Musacchio ottimo profilo per la difesa e anche Sosa sarebbe da prendere in un momento di crescita della sua carriera. Non è quello di Napoli e in questi anni è maturato molto. Servirebbe un centrocampista che detti i tempi perché Montolivo non è idoneo al gioco di Montella e per accontentare l'allenatore servono centrocampisti con caratteristiche specifiche. Bacca è ai saluti e il Milan ha bisogno di un attaccante vero. Pavoletti non sarebbe una cattiva idea anche perché, seppur possa sembrare forzata, una coppia con Lapadula non sarebbe da vedere come la coppia dei poveri. Tutt'altro.
Dovrà essere per forza la settimana del Napoli. Giuntoli ha seminato tanto ma ora è momento di raccogliere. Witsel e Candreva sarebbero due grandi risposte alla Juventus ma soprattutto Sarri avrebbe ciò che ad oggi più gli manca. Il Napoli non deve correre e non deve farsi prendere dall'ansia perché il mercato è ancora un lungo. I Direttori, quelli veri che capiscono di calcio, non dimenticano mai una regola: chi fa la squadra adesso è costretta a farla due volte. Tradotto, è giusto gettare le basi per partire in ritiro quasi pronti ma gli affari si fanno ad agosto ed è lì che le squadre prendono forma anche perché le richieste di calciatori ed agenti sono come le clessidre. Se a giugno chiedono 100, a luglio passano a 50, le prime due di agosto scendiamo a 25 e dal 16 agosto in poi quasi quasi vengono gratis. Questo discorso vale in A, come in categorie inferiori. La classica legge del mercato.
In serie B sta nascendo il nuovo Sassuolo. Qualche sera fa ne parlai a Sportitalia ma siccome a volte la gente non capisce e cerca sempre polemiche sterili, questa volta lo metto anche nero su bianco. Così chi diceva che ero sarcastico adesso non può dare altre chiave di lettura. Il Benevento può fare la guerra. E' l'unica società italiana che può ottenere ciò che vuole. La disponibilità economica di Vigorito è immensa ma soprattutto, al contrario di quelli che hanno i soldi come lui, il Benevento non può essere contestato perché paga tutti, paga puntuale, paga le procure (forse troppo) e soprattutto non paga a nero. Complimenti a Vigorito. Il suo problema era la gestione dell'anno, le squadre forti le ha sempre fatte ma non riusciva a conquistare la serie B. Una volta ottenuta, è giusto e naturale che faccia uno squadrone in serie B. Sarà un Benevento fortissimo. Ragiona da grande e vuole conquistare la promozione, perché se prendi Falco e Ceravolo non puoi pensare di ragionare da matricola. Vigorito può fare come il Sassuolo o anche meglio. Il Sassuolo ha impiegato qualche anno per raggiungere la serie A, il Benevento invece si era impantanato in serie C. Ora può esplodere anche perché grandi potenze in questa serie B non ce ne sono. Lo stesso Verona sarà super competitivo ma non sarà il Cagliari dell'ultimo campionato. Il Benevento ha scelto un allenatore capace: Marco Baroni quest'anno può piazzare il colpo della vita, dovrà solo essere consapevole dei suoi pregi e suoi difetti. Se emergeranno i pregi, allora, potrà andare in A. Se non lavorerà sui difetti allora rischierà di restare nell'anonimato. Baroni lavora benissimo dal lunedì al venerdì ma deve migliorare nella lettura della gara e nella scelta della formazione iniziale. Baroni ha un grande vice, Del Rosso, che gli consentirà di prendere pochi gol perché sulla fase difensiva è un fenomeno. Baroni se viene attaccato nella sua area di rigore ammazza tutti con le ripartenze ma se deve fare la partita soffre molto. Inutile puntare quest'anno sui giovani a Benevento ma Di Somma che è intelligente l'ha capito e sta prendendo a Baroni tutti giocatori già formati. Il Benevento sarà una delle vere sorprese italiane dei prossimi 5 anni.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: che vergogna a Bruxelles. Inter: la ridicola “insidia” di Spalletti. Napoli: il top player che non c’era. Pausa per la Nazionale: istruzioni per l’uso (la strana scelta di Ventura) 10.10 - Ciao. È appena terminata Albania-Italia. Capite benissimo che il tempo è poco. Mentre Candreva la buttava dentro, su Canale 5 Belen e la Blasi limonavano. Gliel’ha chiesto Signorini in “onore dell’omosessualità”. Loro hanno eseguito e tutti erano felici e applaudivano. Io mica...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Pallotta predica bene e razzola male. Più che un'avventura sembra una disav-ventura. Milan, un derby per la svolta. Allegri, comunque vada a fine stagione è consigliato l'addio 09.10 - La polemica della scorsa estate che fece rumore. Pallotta, Presidente della Roma, che grida allo scandalo per le spese folli del Milan che non rispettavano alcuni parametri economici. Detto da un Presidente non è mai bello. Ci furono botta e risposta alla distanza, Fassone che replicò...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.