VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Serie A 2017/18: chi vincerà la classifica cannonieri?
  Edin Dzeko
  Ciro Immobile
  Paulo Dybala
  Dries Mertens
  Mauro Icardi
  Cyril Thereau
  Fabio Quagliarella
  Andrea Belotti
  José Callejon
  Luis Alberto
  Adem Ljajic
  Alejandro Gomez
  Lorenzo Insigne
  André Silva
  Nikola Kalinic
  Duvan Zapata
  Leonardo Pavoletti
  Gonzalo Higuain
  Altro

TMW Mob
Editoriale

Il peso della Champions e le panchine che iniziano i loro valzer con largo anticipo…

16.02.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 20271 volte
© foto di Federico De Luca

Dobbiamo essere onesti e realisti. Il Napoli ha giocato con coraggio: ha guardato il Real negli occhi. Gli ha messo anche paura. Poi la qualità delle giocate (anche quelli “improvvisate” come il gol di Casemiro) e soprattutto la personalità e l’esperienza degli avversari ha fatto il resto. Forse De Laurentiis è stato troppo severo con i suoi giocatori e con il suo allenatore. E chissà se queste critiche a caldo possano aprire delle crepe nel rapporto fra Sarri e il suo presidente.
Con il gioco (anche se Sarri qualcosa in più avrebbe voluto vedere) il Napoli è arrivato sulle spalle del gigante, ma non è riuscito ad abbatterlo. Forse il risultato (per quanto pesante) è meno duro in vista del ritorno. Il gol in trasferta è stato segnato. Ora serve davvero la partita perfetta per ribaltare un risultato del genere contro il Real delle stelle ma anche della concretezza. Il Napoli dovrebbe cercare di non subire gol e ne deve fare almeno due. Impresa durissima, ma non impossibile. Soprattutto per chi può contare su 80mila tifosi e sulla consapevolezza che il gioco può colmare il gap. Bisogna sperare che qualcosa vada storto ai madridisti, ma non è buttato nulla. Paradossalmente, nonostante il 3-1, è una delle partite (finora) più equilibrate della Champions. Il Borussia che ha steccato contro il Benfica ha sicuramente il compito più facile. Ma non andate a dirlo a Barcellona o all’Arsenal che c’è anche il ritorno. Avrebbero già da oggi il mal di testa.
Può con il mercato il Napoli mettersi davanti al Real? Non ora, non nell’immediato. Neanche con lo stadio che vorrebbe De Laurentiis, non con le regole di autoregolamentazione che esistono (e che hanno permesso al Napoli di essere lì). Il Napoli deve pensare di poter fare un passo alla volta. E proseguire lungo una strada che gli ha permesso di raccogliere risultati sempre più importanti nel corso dell’era De Laurentiis. Più che ha queste sfide di grandissimo prestigio, da potersi giocare alla pari, dovrebbe puntare a colmare il gap in Serie A, dove la concorrenza, fra poco, potrebbe aumentare visto che Suning già ha fatto capire di essere pronta a spendere per far tornare l’Inter ipercompetitiva e visto che fra pochi giorni ci sarà il famoso closing milanista, con SES pronta a subentrare a Berlusconi.
Ma c’è un’altra variabile che potrebbe scombinare i piani delle big di serie A: le panchine. Generalmente si inizia a parlare dei movimenti degli allenatori a marzo/aprile, ma questa stagione così strana ha anticipato i tempi. Probabilmente il Napoli è l’unica grande sicura di avere lo stesso allenatore anche la prossima stagione, visto il contratto rinnovato lo scorso anno. E anche l’Inter, nonostante le sirene (più mediatiche che altro) di Simeone e Conte che insidiano Pioli è tranquilla visto che sta facendo talmente bene che non avrebbe alcun senso doverlo cambiare!
Quello che in questo momento (ma attenzione: solo a livello di ipotesi!) potrebbe decidere di cambiare vita è Allegri. La sensazione è che Allegri stia seriamente pensando (vada come vada la stagione, Champions o meno) a considerare chiuso il suo ciclo alla Juve. Non perché i bianconeri non abbiano più voglia di investire o perché si stia trovando male. Ma per una questione di tempistiche. Certo si lavorerà per rinsaldare il rapporto, anzi di rafforzarlo visto che non è in crisi. Ma i movimenti europei (Arsenal su tutti) potrebbero essere un’occasione da poter valutare con calma.
Anche Spalletti è in bilico, sempre per sua volontà. Lui non si è nascosto neanche in conferenza: detesta arrivare secondo, vuole una squadra per poter vincere. La società sta cercando di accontentarlo e di fargli capire che le cose saranno fatte proprio per vincere (vedi Kessie) ma il tormentone potrebbe durare a lungo. Così come quello di Montella. Per lui parleranno i risultati: nessuna preclusione da parte di Mirabelli e Fassone sul suo lavoro, ma come al solito sarà il campo a dire l’ultima. Finora Montella ha ridato al Milan una nuova consapevolezza a una nuova identità. Ha permesso al Milan di tornare a vincere un trofeo. Se continua così fino a fine anno non avrà problemi a rimanere.
La Fiorentina potrebbe cambiare visto che il rapporto con Paulo Sousa è ondivago. Per non parlare di chi quest’anno ha confermato le aspettative nonostante le difficoltà come Di Francesco, come Maran e come Giampaolo che potrebbero movimentare il mercato panchine. E questo limitandoci all’Italia senza andare ad intervenire su situazioni più complesse (Arsenal su tutte, come accennato) che potrebbero impreziosire ancor di più il vortice degli allenatori… Basta tenersi forte.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Ancelotti tra Juve e Milan, ma prima i mondiali con l’Italia? Inter, Ramires il centrocampista low cost. Il ritorno su Vidal. Milan su Kakà, quanti dubbi. E mister Li deve rifinanziare il debito 20.10 - Ancelotti se la rideva l’altra sera a Stamford Bridge, divertito da Chelsea-Roma, senza dubbio una gara emozionante. Rideva anche perché nonostante l’esonero del Bayern, è sempre corteggiato da tantissime squadre. Giustamente aggiungo io. Dell’interesse del Milan sappiamo da tempo,...
Telegram

EditorialeDI: Luca Marchetti

Roma che sorpresa, Juve di misura: ecco cosa ci regala la due giorni di Champions. E le risposte del Milan 19.10 - Chiusa la due giorni di Champions e possiamo vedere anche il bicchiere mezzo pieno. La sconfitta del Napoli era probabilmente pronosticabile, come la vittoria della Juve. Il pareggio della Roma è prestigiosissimo sia per come è arrivato sia per il risultato in sé. Del Napoli si è...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Juve come Tony Montana… Icardi, sms a Sampaoli! Mourinho, il futuro non è in Italia. La Svezia? Il “biscotto” ci motiva… 18.10 - Alla fine ce la giocheremo con la Svezia. Per nostra grazia, Re Zlatan ha deciso di non indossare più la casacca della nazionale e, altra fortuna, è ancora alle prese con i postumi dell’infortunio. Personalmente, Grecia a parte, la considero un’avversaria decisamente “alla nostra...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter: goduria da derby, ma occhio al tranello! Milan: quel che sarà di Montella. Juve: ricordatevi dello “schema Allegri”. Napoli: l’evoluzione di Sarri (in campo e fuori) 17.10 - Ciao. In questo momento è in onda il mondeinait Verona-Benevento, ma non è che dobbiamo storcere il naso. Abbiamo assistito al derby di Milano, a Roma-Napoli, a Juve-Lazio e comunque poteva andare peggio: poteva esserci Verona-Benevento con la nebbia. Oppure Verona-Benevento con speaker...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Allarme Juve. Simone, prenota il posto di Max. Che goduria questo Napoli. Torino, così in Europa non ci vai... 16.10 - Il paradosso del calcio è sempre lo stesso. Molte favole nascono dalla coincidenza, poi c'è quello bravo che le sfrutta (Simone detto Inzaghino perché in campo dei due era il più scarso, anzi, il meno forte) e chi invece sale sul treno sbagliato nel momento sbagliato (vedi Seedorf,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

La moda delle clausole e i giocatori che trattano l'addio (al momento del rinnovo...) prima dei club: così il calciomercato sta cambiando le sue regole e i suoi codici. Donnarumma come Higuain e Neymar: Raiola non ha cambiato idea 15.10 - Non viviamo certamente nel miglior periodo storico possibile. Se ci pensate, a guardarle per un attimo con un occhio quanto possibile esterno, le relazioni umane sono giunte oggi a un livello quantomeno buffo. Tendente al preoccupante. Tutto si svolge tramite il medium dei social,...

EditorialeDI: Mauro Suma

Andrè Silva, turbolenze e derby. Juve: giri di valzer sulla VAR. Sarri: facile essere belli? 14.10 - Montella non vuole più essere "usato" per detrarre qualcosa ad Andrè Silva. E dal momento che il giocatore sta raggiungendo livelli di rendimento molto importanti, non ci sarà più la sponda del tecnico rossonero. Chi vorrà storcere il naso su Andrè Silva, dopo 9 gol in 10 partite...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Donnarumma andrà via, è lui il big sacrificato dal Milan. Petkovic farà il traghettatore, c’è l’ok. Inter, per la difesa attenti a Jedvaj del Bayer. Capello fa tremare Ventura 13.10 - Fassone è di sicuro un ottimo dirigente e il curriculum parla, ma nelle ultime interviste non ha dato il meglio di sé. Forse risente del momento del Milan. Dopo la sconfitta di Genova, ho già detto, ha sbagliato nel mettere in discussione pubblicamente tutto e tutti. Certe cose vanno...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Pressione per sei: il campionato riparte col botto! Incroci e scontri, arriva il primo bivio. Con una considerazione (ancora) sulla Nazionale... 12.10 - Riapre il campionato. E come riapre. Le prime sei della classifica contro, e potrebbe succedere di tutto. Potrebbe esserci la fuga del Napoli o potrebbero esserci (potenzialmente, visto che la Roma deve recuperare un turno) 4 squadre in 2 punti, oppure ancora 3 squadre in testa alla...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Italia-Conte? Mai nella vita… Spareggi? Evitiamo James McClean! Istituiamo la Pallina d’Oro! Avete sentito? Ibra è uno Jedi… 11.10 - Ho un sogno: trasformarmi in Ant-Man, rimpicciolirmi e ascoltare lo sfogo, tra le propria mura, di Giampiero (Ventura) con la propria consorte Luciana… In TV, il nostro CT, cerca di mantenere il classico aplomb inglese ma, ne sono certo, nella sua mente ha un Santo per ognuno… Appena...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.