VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Mercato di gennaio: da quale big i colpi più importanti?
  Juventus
  Roma
  Inter
  Napoli
  Milan
  Lazio

Editoriale

Il piccolo Ibra: la Juve va su Petkovic. Roma: Diawara in lista d'attesa. Toni: Vicepresidente a Verona. Bacca: il presidente Berlusconi va convinto. Ibra: davvero United

Nato a Milano il 10 Maggio 1965; Giornalista Professionista dal 1994. Dirige Milan Channel dal 16 Dicembre 1999.
28.05.2016 00:00 di Mauro Suma   articolo letto 39121 volte

Milan e Inter sono comprensibilmente in tutt'altre faccende affaccendate. E la Juventus fa ogni giorno la doccia nella sua spietatezza. L'obiettivo bianconero è scavare sempre più il fossato del suo vantaggio, sfruttare le faccende altrui e vincere non soltanto oggi ma anche domani. E' per questo che il Club bianconero, mentre tutti sono alle prese con il consueto specchietto delle allodole estivo rappresentato da Zlatan Ibrahimovic, va su chi promette di ricalcarne almeno qualche piccola traccia. L'uomo, anzi il ragazzo, si chiama Bruno Petkovic, sta trascinando il Trapani verso un grande sogno. Croato, classe 1994, forte fisicamente, forte sulle punizioni, la Juventus è già sul giocatore. E dalla determinazione, dalla cattiveria, con cui la Juventus si è fatta sotto, anche a Trapani hanno capito quanto sia forte e articolato il progetto bianconero. Petkovic, prospetto solido e sicuro.

E siamo ormai a 100. Sono proprio 100 i milioni di euro, soldi veri, non carta autenticata, inseriti da Joey Saputo nel Bologna. L'ultimo versamento da 22 milioni cash ha portato alla cifra tonda, milione più milione meno. E' per questo che il mercato del Bologna deve partire da una cessione. Non da una qualunque. Ma dalla cessione di Amadou Diawara, classe 1997, non ancora 20enne e già trascinatore nell'ultima stagione di un centrocampo della Serie A italiana. Roma e Bologna sono già d'accordo, ma sembra che il Club giallorosso abbia chiesto a quello emiliano di pazientare fino alla seconda metà di Giugno. A Bologna hanno pensato che fosse per ragioni di sessioni di bilancio e/o di fair play finanziario. Adesso invece che si infittiscono le voci su Brozovic alla Roma, a Bologna sono tornati a guardarsi attorno.

Le voci sono insistenti, pressochè quotidiane. Già anticipate dai giornali, l'attesa adesso è per l'ufficialità. Luca Toni sarà il vice-presidente del Verona. Anche dipendenti e collaboratori scaligeri sono consapevoli della svolta. Toni dunque ha fermato le lancette. Dopo le tante squadre che hanno colorato la sua carriera, si è fermato sull'ultima. Ha scelto la scrivania. Non altri ruoli fumosi. La scrivania in una società presieduta da un giovane come Setti, la piazza giusta per inserirsi, apprendere, iniziare a muoversi. Senza andare a caccia di soldi facili, ma per progettare un futuro concreto e consistente da dirigente. L'insegnamento di Toni, una grande carriera in Nazionale e in Serie A, potrebbe essere utile o potrebbe essere stato utile anche a molti altri e più celebrati suoi colleghi e avversari in tante sfide.

Sembra che nella sua ultima visita a Milanello prima della Finale di Coppa Italia, il presidente Berlusconi si interrogasse e interrogasse lo spogliatoio sulle qualità di Bacca. Che sia un formidabile finalizzatore nessuno lo mette in discussione e lo ha forte e chiaro nei suoi pensieri anche il numero uno del Milan. Ma come mettere questa vena realizzativa al servizio della squadra nelle partite in cui il gol non arriva, è lo sviluppo del discorso. Sarà un tema dell'estate. Carlos Bacca è un patrimonio del Milan, ma è anche con le frasi recenti di Christian Abbiati che bisogna misurarsi. Costruire la squadra su Bacca o lavorare perché Bacca costruisca per la squadra. Sarà il primo pensiero di campo del Milan dopo tutti i discorsi e le trattative di società in itinere. Siamo fra coloro che non pensano che il presidente Berlusconi non si riferisse a Bacca mercoledì sera su TL quando parlava di alcuni giocatori che il Milan ha in animo di cedere. Ma il di cui sopra costruire o lavorare, in relazione a Bacca, è il blocco di partenza del Milan della prossima stagione.

A volte i tifosi rossoneri, nel nostro specificissimo caso, commentano l'intenzione e il non detto di ciò che proviamo a scrivere in questo spazio, piuttosto che concentrarsi sul contenuto. Che è sempre la cosa più importante. Non conta la scorsa estate o questa estate, la realtà è che né il calcio italiano né il Milan, come tra l'altro ripetevamo a più non posso esattamente un anno fa mentre attorno a noi tutti si illudevano su Ibra al Milan, possono permettersi l'ingaggio di Zlatan Ibrahimovic. E' fantasia solo ipotizzarlo. La sensazione forte, come riportavano ieri il Corriere dello Sport e La Repubblica, non Suma, che Zlatan vada davvero al Manchester United. Come chi lo conosce bene, ha acutamente interpretato dal ghigno di giovedì dal ritiro della Nazionale svedese.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Inter avanti per Rafinha, ma spuntano le alternative, le mosse (segrete) del Napoli e quelle (clamorose) delle spagnole: da CR7 a Griezmann... 18.01 - Il primo incontro con il Barcellona ora deve maturare. L'Inter, con il suo direttore sportivo, ha allacciato ufficialmente i rapporti (fra società importanti come Inter e Barca è molto meglio, anche diplomaticamente, parlarne di persona) e ha "lanciato" l'ultima offerta. 35 milioni...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Giù le mani da Nainggolan… Verdi, la risposta è ok! Inter, nomi all’altezza? Quanto vale oggi CR7? 17.01 - A Milano fa freddo… Di colpo, pare che l’inverno si sia ricordato di esistere. Anche il calciomercato pare “bloccato” in una morsa gelida. Non si muove quasi nulla. A chiacchiere stiamo a 1000, come sempre. C’è un nome che continua ad essere scritto a lettere cubitali: RADJA NAINGGOLAN....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: oltre a Emre Can, un altro colpo per giugno. Inter: la cena con Pastore e la strategia per Rafinha. Milan: un anno di polemiche, la compravendita e altri “misteri”. Napoli: occhio alla risposta di Verdi. E in Figc… 16.01 - Ciao. Siamo in regime di sosta invernale. La sosta a suo tempo ci stava antipatica perché era "sosta della nazionale" ma siamo stati bravi e abbiamo deciso di eliminarla del tutto, infatti per non rischiare non scegliamo neppure un ct ("vuole un ct?". "Sia mai! Poi quello magari pretende...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Cessione Milan, una giustizia col Rolex. Napoli, blinda Sarri: ora o mai più! Sabatini, sei più bravo senza portafogli. Figc, che pasticcio! Serve l'intesa 15.01 - La giustizia con il Rolex ci ha sempre fatto paura. Ciò non significa che le indagini non vadano condotte, ma tempistiche e modalità sono al quanto dubbie. Premesso che non siamo fan di Berlusconi (chi legge questo editoriale con un po' di costanza lo sa bene), non capiamo come mai,...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il primo bilancio del mercato e quello che può accadere da qui a fine mese: le regine sono al contrario. Juve già in ottica futura. Spalletti ritrova il sorriso coi due rinforzi, il Milan resta in bilico. E occhio al valzer dei tecnici in estate 14.01 - A metà del guado. Mancao solo due settimane nel calciomercato italiano e finora cosa è concretamente successo? Le regine sono al contrario, ovvero le formazioni che lottano per non retrocedere. Sugli scudi un Benevento in crisi nera di risultati ma con un presidente, Vigorito, che...

EditorialeDI: Mauro Suma

3 stadi, 3 derby e 3 film diversi. Milan, il vulnus Montella. Nazionale, Conte entra in scena. Ramires, Capello lo vuole in Cina 13.01 - Settimana di pausa campionato ed ecco che i protagonisti non diventano i giocatori o i tifosi, ma la loro cornice, il loro punto di ritrovo naturale: lo stadio, gli stadi. Milano, Genova, Roma: è stata una settimana cruciale su tutti e tre i fronti. Il fil rouge è stato soprattutto...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Inter, ecco Lisandro Lopez. Rafinha vicino, ma Spalletti frena. Deulofeu preferisce Milano, ma il Napoli tratta. Sarri aspetta lunedì l'ok di Verdi. Juve-Barella, vertice 12.01 - Ora è ufficiale, sarà contenta anche la mamma di Spalletti. Che succede? Forse l’Inter compra un centrale e la pista porta dritta a una vecchia conoscenza chiamata Lisandro Lopez del Benfica. Non è un fenomeno, buon giocatore, ma vecchia conoscenza perché il mancato arrivo dell’argentino...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Napoli e Deulofeu: contatto. L’Inter e le opportunità, incontro Juve-Samp, Cagliari Castan e non solo... 11.01 - L’agente di Deulofeu Gines Carvajal è stato a Milano. E ha incontrato il Napoli. Le distanze di ingaggio praticamente non ci sono, potremmo dire che è una sorta di accordo visto che le distanze si possono colmare in tempi anche brevi. Ora toccherà poi al Napoli andare a trattare con...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Caos VAR, la soluzione c’è! Loro Coutinho, noi Deulofeu… Roma, un big lascia? Milan, dubbio André Silva! 10.01 - Sono stati giorni caotici e complicati… Dal doveroso arrivederci alle Feste al “campionato falsato dal VAR”. Si esagera nella Feste, si sa. E stiamo esagerando anche con il VAR. Ci si continua a dimenticare che il VAR è al suo debutto, al suo primo anno. E’ un’innovazione sperimentale....

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il mercato “tedesco” dei bianconeri. Inter: le tre mosse di gennaio e la rabbia di Spalletti. Napoli: il nodo Verdi e la scelta-scudetto. Milan: auguri Ringhio... e occhio alla sorpresa. Giù le mani dal Var! 09.01 - Buondì. “Auguri a te e famiglia” va in vacanza. Lo rispolvereremo a inizio dicembre 2018. Fine delle feste. Siamo tornati tutti. Non si trova parcheggio. Molti sono incazzati. Qualcuno ha smontato l’albero, l’ha messo in cantina. Altri no, lo lasciano lì “perché in fondo arreda”...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.