HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Chi deve rinforzarsi di più a gennaio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Frosinone
  Parma
  Cagliari
  ChievoVerona
  Atalanta
  Lazio
  Inter
  Genoa
  Milan
  Sampdoria
  Bologna
  SPAL
  Sassuolo
  Fiorentina
  Torino
  Udinese
  Empoli

La Giovane Italia
Editoriale

Il Portogallo dopo CR7 tornerà mediocre, l'Argentina dopo Messi tornerà a vincere. Equivoco Roma: Pastore coi soldi di Nainggolan, ma il sostituto del Ninja era già stato acquistato. Hamsik e la Cina: aspettando Godot

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Politica presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
24.06.2018 10:00 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 102160 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Tra Messi e Cristiano Ronaldo ho sempre preferito il portoghese. Evidentemente, non è stato dotato da Madre Natura dello stesso talento puro dell'argentino, eppure il portoghese ha avuto la forza di cambiare il naturale corso della storia. Fino a 5 anni fa il confronto nemmeno esisteva, su 100 persone 90 votavano l'argentino. Gli altri 10 erano portoghesi o tifosi del Real Madrid. Poi la storia è cambiata. Con un lavoro ossessivo, quasi maniacale, CR7 ha invertito la parabola e ha eclissato il numero 10 del Barcellona. Ha trascinato per tre volte consecutive il Real Madrid alla conquista della Champions League, ha vinto tre volte consecutive il Pallone d'Oro e ha permesso al Portogallo di vincere il primo Europeo della sua storia. Non c'era riuscito nemmeno Eusebio.
Preferisco avere fortuna che talento. Ricordate? Si, è la frase più ad effetto del monologo iniziale di Match Point, film straordinario. E Cristiano Ronaldo ha avuto la fortuna di nascere con la testa da numero uno. Quando si ritirerà, il calcio perderà senza dubbio il miglior professionista che abbia mai avuto. E il Portogallo, che vive solo delle giocate del suo campione, tornerà quello che è sempre stato. Una nazionale discreta e nulla più.
Però, adesso che si spara a zero su Messi mi viene quasi naturale prendere le difese della Pulce.
La Federazione argentina negli ultimi anni gli ha dato troppo peso, sempre di più. Così come Sampaoli nelle ultime convocazioni. Ma se si decide che Messi deve mettere becco nella lista dei 23 o nello schema da adottare la colpa è della Pulce o di chi glielo concede?
Per me l'interrogativo nemmeno si pone, anche perché il Barcellona negli ultimi 15 anni ha dimostrato che si può vivere e vincere con Messi senza dipendere solo dall'argentino. Che adesso vive il suo momento più difficile, vive di critiche e attacchi più o meno frontali. Ma sicuri sia il primo dei colpevoli?
Jorge Sampaoli in queste due apparizioni è stato disastroso. Per definizione, il commissario tecnico deve selezionare i migliori talenti nazionali e schierarli. Non fare lo scienziato proponendo le sue idee a discapito di ciò che ha detto il campo. Invece, pronti via ed ecco una squadra con tante incognite, tanti calciatori che nell'ultimo anno non hanno in alcun modo dimostrato di valere la maglia dell'argentina - come Biglia o Mascherano - e tante scommesse. Oltre a giocatori fuori ruolo: perché Salvio terzino contro l'Islanda? Perché Caballero se hai Rulli e Armani? Perché tre portatori d'acqua in mezzo al campo contro la Croazia di Modric e Rakitic? Perché non convocare nemmeno il capocannoniere dell'ultima Serie A? Perché Dybala e Higuain in panchina?
Troppi perché irrisolti ed un unico schema di gioco: palla a Messi. Palla sempre e comunque a Messi. Uno schema delittuoso, quasi perverso. Nella testa di tutti, soprattutto degli argentini, la Pulce per essere considerato il migliore di sempre deve vincere un Mondiale come quello che vinse Maradona nel 1986, da protagonista unico e praticamente da solo. Un ulteriore carico di responsabilità sulle spalle di un giocatore che ha evidentemente nella mancata riuscita con la maglia dell'Argentina il suo tallone d'Achille. E quindi, ecco un altro carico da novanta. Per affossarlo definitivamente.
Sampaoli e l'AFA, molto più di Messi e Cabellero, sono i veri responsabili di una debacle che martedì può tramutarsi in eliminazione. Ma Messi ormai è molto più un peso che una risorsa per questa Argentina: anche per colpa sua, ma non solo per colpa sua. E solo quando sarà sgravata da questa risorsa, incredibilmente trasformata in un peso, che l'albiceleste potrà tornare a risplendere.

Capitolo calciomercato, inevitabile perché è stata una settimana molto importante. Domenica scorsa vi abbiamo raccontato di una Roma che aveva ormai sciolto le riserve su una doppia operazione, una delle più importanti dell'estate: Pastore in, Nainggolan out. Con il Flaco l'accordo è stato definito nella giornata di lunedì, poi è servito qualche giorno per completare la cessione del Ninja all'Inter e tutto è andato a dama.
Una doppia operazione che ha scatenato tante reazioni e giudizi. Approvazione pressoché unanime da parte dei tifosi dell'Inter, giudizi alterni dei sostenitori giallorossi per quanto fatto da Monchi.
Perché non cedere Nainggolan all'estero? Perché non pretendere altre contropartite tecniche? Questi i dubbi più frequenti. Semplice: perché la Roma aveva fretta di chiudere, e aveva già messo in preventivo di reinvestire la somma derivante dalla cessione del belga per l'acquisto di Pastore. E perché l'unica squadra seriamente interessata era l'Inter. Aspettare altre pretendenti, oltre offerte, avrebbe voluto dire protrarre la cessione ancora per settimane e settimane, e far saltare l'arrivo di Pastore.
Monchi non ne aveva nessuna voglia, anche perché il sostituto di Nainggolan l'aveva già portato a Trigoria da qualche giorno: Bryan Cristante. E' il centrocampista classe '95, la migliore mezzala italiana dell'ultima Serie A, il sostituto di Nainggolan. Mentre Pastore avrà il compito - da interno di centrocampo o da trequartista - di dare alla Roma più estro, più creatività.

Chiusura con Marek Hamsik, capitano del Napoli che dopo undici stagioni considerava conclusa la sua avventura all'ombra del Vesuvio. Decisione legittima, anche se sbilanciarsi in maniera così importante con dichiarazioni pubbliche ha prodotto risultati controproducenti annullando di fatto le possibilità di un suo addio. L'errore è stato nel limitare il campo all'Estremo Oriente, a un campionato che negli ultimi due anni ha cambiato il suo modus operandi.
Perché è vero che la Cina era pronta a fare ponti d'oro per portarlo nella Chinese Super League. Ma era pronta e disposta a farli a lui, non al Napoli. Che non a caso anche nell'ultimo fine settimana attraverso le parole del suo presidente Aurelio De Laurentiis è stato molto chiaro: "Voglio 35 milioni, anche se tutti dicono 30. Mi hanno offerto 15 milioni, anzi nemmeno quelli, mi hanno offerto un giocatore che gioca in Cina, che per me ha dimenticato ormai come si gioca in Europa. Il massimo che posso fare è chiedere 30 milioni, e se non me li portano entro lunedì diventano 40".
Il club che ha offerto i 15 milioni di euro è stato il Tianjin Teda, quello che ha offerto un giocatore il Tianjin Quanjian (Axel Witsel), mentre lo Shandong Luneng ha fatto sapere di essere interessato ma non ha fatto troppi passi avanti.
E' tutto un problema di luxury tax, che impone ai club di calcio cinesi per gli investimenti per cartellini di calciatori che militano in altre leghe di versare una somma dello stesso importo economico a un fondo destinato a finanziare la crescita del calcio cinese. E in Cina nessuno ha intenzione di pagare 60 milioni di euro per il cartellino di Hamsik. Anzi, 80 a partire da lunedì: parola di De Laurentiis.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

En plein probabile, chi l'avrebbe mai detto: la Serie A è di nuovo la casa dei grandi difensori. De Laurentiis aveva ragione: Ancelotti vale un top player. Calo Juventus? Non c'è da fidarsi 11.11 - Kalidou Koulibaly, Milan Skriniar e Kostas Manolas. Poi la difesa della Juventus che può andare ad Harvard per dare lezioni sulla fase difensiva. Sono loro il miglior spot di una Serie A che quest'anno in Champions ha buone possibilità di portare tutte le squadre almeno agli ottavi...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Su Skriniar tutte le big d’Europa: City, United, Barcellona e Bayern Monaco, ma la sua volontà è rimanere all’Inter. Il Napoli in pressing su Tonali. Il Milan pensa a Paredes. Juventus, a San Siro prova verità 10.11 - L’Inter è al lavoro per blindare Skriniar. Il difensore slovacco cresce partita dopo partita e ormai è arrivato a un livello altissimo. Anche Spalletti dopo la gara con il Barcellona ha sottolineato che ormai è un giocatore top. Un vero leader della difesa, in grado di unire qualità...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Contro Mourinho, evviva Mourinho. Si scatena un altro Juventus-Inter. Gli eccessi del tifo da condannare. Bocciato dagli inglesi. Da Mazzone in giù, ma che calcio vogliamo? Il Var in Champions, ora basta, cosa aspettate? 09.11 - Mourinho non è tipo da mezze misure, o lo odi o lo ami, ma questo lo sapevamo già. Il doppio confronto fra Juventus e Manchester è stata l’occasione per rimettere in moto cose antiche, rivalità mai sopite, sgarbi mai digeriti, gesti sopra le righe, un Triplete esagerato, pensieri...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Sorprese (e certezze) in Champions: Juve, CR7 e Pellegrini. E una foto - da non conservare - della nostra Serie A 08.11 - Bene: se la giornata di martedì ci aveva confermato che Napoli e Inter non solo hanno una propria posizione in Champions, ma che ce l'hanno anche Icardi e Insigne la sorpresa arriva dalle gare del mercoledì. Anzi le sorprese: una positiva e una negativa. Chiaramente quella negativa...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Inter, perché aspettare 150 minuti? Mentre a Napoli il confine è solo il cielo. Ecco perché alla Juventus la vittoria contro il Manchester United serve…contro l’Inter. Davvero Mosca ultima chiamata per la Roma e Di Francesco? 07.11 - Il calcio è questione di punti di vista, certamente. Dunque è sicuramente un punto di vista positivo per l’Inter aver rischiato di pareggiare all’83’ al Camp Nou. Così come è sicuramente un punto di vista positivo l’aver tenuto a San Siro il risultato fino al finale di partita. Ma...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve: i problemi di cui non si parla perché tanto... è la Juve. Milan: la zona Champions e le "indiscrezioni" su Wenger. Inter: il giorno del Barcellona. Napoli, vendicaci tutti 06.11 - Prima le cose importanti. Mi scrive Antonio Portaccio, lo trovate su messenger, ha una barba da competizione: “Ciao Fabrizio, io non ti ho scritto per i biglietti per il derby, inoltre ti leggo sempre. Se ci troviamo in giro ti offro un caffè, sono su Milano. Mo’ veniamo al favore,...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

La lunga storia di Donadoni, le richieste di rettifiche e le conferme. Inter, Spalletti ha cambiato tutto. Politano, non ti avrei dato un euro. De Zerbi show: Sassuolo è leader 05.11 - Vi devo raccontare questa storia, anche se sono certo vi annoierà. E' talmente banale che l'hanno ingigantita perché, forse, colti nel segno. Avete mai visto un Direttore andare a cena con un allenatore e un procuratore? Qualche volta è successo. Prima puntata: il Milan perde il derby...

Editoriale DI: Andrea Losapio

La Superlega, Football Leaks e il pallone sgonfiato: tutto molto triste. Dopo un decennio abbiamo una candidata alla Champions, forse più di una. Chi prenderà il quarto posto? 04.11 - Der Spiegel e L'Espresso stanno portando avanti, da anni oramai, una battaglia contro i furbetti del pallone. In principio si è parlato di Doyen Sports e Twente, dei rapporti di Radamel Falcao con i fondi di investimento, dell'ascesa dell'Atletico Madrid anche grazie agli investimenti...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Juventus obiettivo Marcelo, Alex Sandro a Madrid?  Duello con l’Inter per Andersen della Samp. Gattuso cuore Milan ma ora serve ripetersi ad Udine. Roma per gennaio assalto ad Herrera 03.11 - La Juventus insiste per Marcelo. La mezza rivoluzione di questa estate si completerà a giugno quando ufficialmente ripartirà un nuovo ciclo al Real Madrid. E il brasiliano a fine stagione partirà. Non è un caso che l’amicizia con Cristiano Ronaldo stia giocando un ruolo importantissimo....

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Pogba: “Torino è casa mia”. Juve, ritorno di fiamma per Barella per stoppare l’Inter. Oltre a James Rodriguez proposto anche De Gea. Galaxy fuori: Ibra-Milan giorni decisivi. Cavani e Napoli, storia non finita 02.11 - Barella sta scatenando un derby di mercato fra Inter e Milan, per molte ragioni entrambe le società lo vorrebbero da gennaio e lo sappiamo. L’Inter lo ha nel mirino da tempo, un jolly così, in grado di portare energia, qualità e quantità, di sicuro sarebbe l’ideale in un reparto con...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy