VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Chi è attualmente il numero nove più forte del mondo?
  Harry Kane
  Mauro Icardi
  Gonzalo Higuain
  Robert Lewandowski
  Romelu Lukaku
  Luis Suarez
  Edinson Cavani
  Alvaro Morata
  Edin Dzeko

Editoriale

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano...

18.05.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 29053 volte
Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano...

Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter inseguire il triplete. Vincere aiuta a vincere, aiuta a mettersi alle spalle le scorie di un finale di stagione dove Allegri sta dosando le forze per arrivare lucido a tutti gli appuntamenti decisivi. E contro la Lazio ha dimostrato di essere solida e cinica la Juventus. Ha dimostrato che nelle partite che contano la Juve ha un'altra testa. Una testa che parte dall'alto dalla proprietà e dalla dirigenza che - come abbiamo avuto modo di dire la scorsa settimana - hanno inaugurato un nuovo ciclo senza che nessuno se ne accorgesse. Le operazioni sul mercato hanno permesso alla Juventus di cambiare pelle sul campo ma non di cambiare carattere e caparbietà. Il DNA è rimasto quello. Marotta e Paratici hanno voluto impreziosire il nucleo storico con giocatori come Dani Alves, l'uomo di coppa, che è riuscito a dare alla Juve quella marcia in più a livello di mentalità. Vincere non è mai banale. Diventa ancora più speciale se ti accorgi che 10 anni fa esatti (il 19 maggio) la Juventus festeggiava il ritorno in serie A. In 10 anni sono arrivati 5 campionati (più uno che si può davvero solo perdere), tre coppe Italia consecutive (impresa mai riuscita a nessuno in Italia), due finali di Champions, più le Supercoppe. La Juve non è un esperimento da laboratorio ma è proprio l'organizzazione societaria, la bravura dei dirigenti, le qualità (diverse ma vincenti) degli allenatori (Allegri e Conte) e quelle dei giocatori. In ordine, come ha sottolineato Chiellini prima della semifinale di ritorno di Champions. Ed è qui che stanno le chiavi della vittoria. In questo la Juve è davanti agli altri competitor italiani: non solo sul campo.
E' quello a cui ambiscono - in questo momento più delle altre - le due milanesi, alle prese con un profondo cambiamento. Il Milan ha appena iniziato il suo percorso e nel giro di queste settimane ha cominciato a mettere primi mattoncini. Kessié è in dirittura d'arrivo: l'affare in rossonero non è in discussione. La firma materialmente sul contratto dovrebbe avvenire a campionato chiuso o addirittura essere anticipata a lunedì. Ma possiamo già considerare Kessié un giocatore rossonero. L'altro è Rodriguez del Wolfsburg. 15 milioni più 3 di bonus per convincere il Wolfsburg. 4 anni di contratto al giocatore. Questi i dettagli che trapelano di una trattativa - anche qui - praticamente conclusa. Il ragazzo ha mantenuto la parola data nell'ultimo incontro che c'era stato a casa Milan. Per definire la trattativa nel dettaglio c'è bisogno che il Wolfsburg si salvi. Dovesse succedere sabato contro l'Amburgo allora martedì o mercoledì ci potrebbe essere il via libera definitivo.
L'Inter è alle prese con una soluzione di una crisi profonda. Dopo i nuovi innesti societari (Sabatini) ora il tassello fondamentale è l'allenatore. Le mire sono alte e le intenzioni ambiziose. Ma non sempre si riesce ad ottenere quello che si spera perché gli allenatori più importanti sono già in squadre importanti e non è facile portarli in nerazzurro. Primo perché non li lasciano andare, secondo perché l'appeal nerazzurro (nonostante la potenza economica di Suning e una sorta di carta bianca per la ricostruzione) senza l'Europa è inferiore a quello di molte squadre. Conte, Simeone, Pochettino sembra che non possano muoversi. I contatti ci sono stati, qualcuno ha più che tentennato di fronte alla possibilità di allenare l'Inter. Ma al momento gli spiragli sono veramente pochi. Anche volendo leggere al di là delle dichiarazioni ufficiali. L'Inter continuerà a muoversi con la consapevolezza che lo stesso Spalletti è corteggiato da Monchi. Ecco perché non è facile. Poi si parlerà (anche) dei giocatori. Perché l'Inter va ripensata, ma insieme. E soprattutto con pazienza e raziocinio. Senza aver fretta di crescere: altrimenti si rischia un altro fracaso come quest'anno. Come detto vincere non è mai banale...
Poi ci saranno i golden boy a movimentare il mercato in generale in Italia. Di Kessie abbiamo già parlato e possiamo toglierlo. Ma parleremo molto, moltissimo, di Keita, di Bernardeschi, di Berardi. Di Conti, di Meret. C'è Schick e anche Skorupski. 7 gioielli che renderanno più movimentata la nostra estate.
Ma non preoccupatevi, sarà l'estate delle ricostruzioni. Tenetevi forte, stiamo arrivando.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Sicuri che non vi interessa il fatturato? Ed è vero che chi spende di più, vince di più? 22.02 - Ancora numeri, per cercare di analizzare quanto il mercato influisce, soprattutto quanto i soldi influiscono sulle prestazioni. Soldi uguale mercato. Ma è vero che chi meglio spende meglio spende? Ovvero il famoso concetto del fatturato? E' un argomento che ciclicamente torna di attualità....

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Da Robben a Balo, quante offerte per l’estate! Juve su de Vrij, il Real tenta Bonucci… Ma Ibra non lo vuole nessuno? 21.02 - Sarà un’estate caldissima e non solo per le alte temperature (gli esperti parlano di una “bella stagione” torrida). Tutti si stanno affannando per cercare l’affare del secolo. Indubbiamente non mancano le super offerte. La lista di “parametri zero” è lunga ed interessante. Al Bayern...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il segreto delle "non-lacrime" di Allegri. Milan: l'allarme cinese... e occhio a maggio! Inter: è ora di giocare al gioco del silenzio. Napoli: il diritto di Sarri a fare come crede 20.02 - Ciao. Quando arriva il momento di compilare questo editoriale faccio un giro sui siti per cercare ispirazione ed evitare di scrivere cose come “prima o poi bisogna affrontarle tutte” o “lo scudetto si decide a primavera” o “la politica è tutto un magna-magna”. A volte i siti ti danno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Napoli-Juve, marzo sarà decisivo. Inter, che flop! Sassuolo, il problema era dietro la scrivania. Cuore De Zerbi e Bergamo Gasperini-Sartori sono ai titoli di coda… 19.02 - Se la Juventus non ha lasciato punti a Firenze e nel derby significa che il Napoli, per vincere questo scudetto, dovrà andare oltre la soglia del miracolo. Tuttavia, sembra chiaro che il campionato si deciderà a marzo, in un modo o nell'altro. Allegri e Sarri sono reduci da una pessima...

EditorialeDI: Andrea Losapio

I meriti di Gattuso o i demeriti di Montella? Borussia-Atalanta, che spot per il calcio. Un po' meno il Napoli in Europa League. Rosa lunga alla Juventus, ma se si fanno tutti male... 18.02 - In sala stampa a Dortmund, con i gol di Europa League che scorrevano in sottofondo, alcuni giornalisti tedeschi paragonavano Cutrone a Inzaghi. "Ci somiglia, eh?". Non può essere che lui l'uomo copertina del Milan di Gennaro Gattuso. Lui, invece, assomiglia tanto al Pioli della scorsa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Primavera Cutrone e Primavera Merrill Lynch. Juventus europea, stampelle e pareggio. Napoli provinciale, limiti e sconfitta 17.02 - Dalla Primavera rossonera arriva Patrick Cutrone e alla Primavera come stagione prossima ventura guarda tutto il Milan che sta lavorando per la propria nuova struttura finanziaria pre-Elliott e, possibilmente, post-Elliott. Insomma, pre ottobre 2018. Ci sono grandi novità in vista...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Ecco perché la Juve non ha battuto il Tottenham. Mancano i campioni. Le grandi lontane. Campionato non allenante. Napoli, vai fuori dalla Coppa 16.02 - La Juventus può ancora ribaltare il risultato a Londra, è giusto pensarlo e crederlo. L’impresa è difficile, ma possibile, conosciamo bene il calcio e anche il carattere dei bianconeri. Il pareggio con il Tottenham però è stato liquidato troppo in fretta come un incidente di percorso....

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il calciomercato di oggi, i nomi di ieri. Quanto varrebbero ora i big che ci hanno fatto sognare. Da Ronaldo a Totti, da Maradona a Platini: ecco le loro valutazioni... 15.02 - Quando Totti ha detto (a Sky) che nel mercato di oggi varrebbe almeno 200 milioni di euro è scattato in testa a tutti il solito giochino. Ma quanto varrebbero ora i grandi campioni del passato, Totti compreso? Non è la prima volta che ci si pensa, non è la prima volta che si fa. Proprio...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Inter tra riscatti, governo e sogni… Lazio-de Vrij, dipende da Lotito! Europa League, no alle seconde linee! 14.02 - L’Inter, seppur faticando, è tornata a vincere. Da oggetto misterioso, il giovane Karamoh si è trasformato in “enfant prodige”… Mentre Epic Brozovic ha iniziato una guerra con l’intero popolo San Siro (il croato è destinato a perdere, anche malamente), il 19enne francesino, ex Caen,...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: il messaggio di Allegri e la firma “segreta”. Inter: una Kara spallata agli autolesionisti (e le voci dalla Cina...). Milan: il fallimento di chi tifa fallimento. Napoli: che musica l'orchestra Sarri, ma occhio al bivio. 13.02 - Ciao, sono reduce da Sanremo. Non c’ero mai stato. A Sanremo c’è l’Altra Sanremo. L’Altra Sanremo non si vede in televisione, altrimenti tutti direbbero “minchia! Altro che Sanremo!”. L’Altra Sanremo è un delirio di cene alle 2 del mattino, feste alle 3 e “festini” fino all’alba. C’è...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.