VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
      
SONDAGGIO
Chi è stato il calciatore rivelazione della stagione di Serie A?
  Andrea Conti
  Mattia Caldara
  Federico Chiesa
  Piotr Zielinski
  Gianluigi Donnarumma
  Franck Kessie
  Sergej Milinkovic-Savic
  Roberto Gagliardini
  Emerson Palmieri
  Roberto Inglese
  Diego Falcinelli
  Giovanni Simeone
  Gerard Deulofeu
  Patrik Schick
  Lucas Torreira
  Lorenzo Pellegrini
  Jakub Jankto
  Amadou Diawara

TMW Mob
Editoriale

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano...

18.05.2017 00.00 di Luca Marchetti   articolo letto 28547 volte
Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano...

Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter inseguire il triplete. Vincere aiuta a vincere, aiuta a mettersi alle spalle le scorie di un finale di stagione dove Allegri sta dosando le forze per arrivare lucido a tutti gli appuntamenti decisivi. E contro la Lazio ha dimostrato di essere solida e cinica la Juventus. Ha dimostrato che nelle partite che contano la Juve ha un'altra testa. Una testa che parte dall'alto dalla proprietà e dalla dirigenza che - come abbiamo avuto modo di dire la scorsa settimana - hanno inaugurato un nuovo ciclo senza che nessuno se ne accorgesse. Le operazioni sul mercato hanno permesso alla Juventus di cambiare pelle sul campo ma non di cambiare carattere e caparbietà. Il DNA è rimasto quello. Marotta e Paratici hanno voluto impreziosire il nucleo storico con giocatori come Dani Alves, l'uomo di coppa, che è riuscito a dare alla Juve quella marcia in più a livello di mentalità. Vincere non è mai banale. Diventa ancora più speciale se ti accorgi che 10 anni fa esatti (il 19 maggio) la Juventus festeggiava il ritorno in serie A. In 10 anni sono arrivati 5 campionati (più uno che si può davvero solo perdere), tre coppe Italia consecutive (impresa mai riuscita a nessuno in Italia), due finali di Champions, più le Supercoppe. La Juve non è un esperimento da laboratorio ma è proprio l'organizzazione societaria, la bravura dei dirigenti, le qualità (diverse ma vincenti) degli allenatori (Allegri e Conte) e quelle dei giocatori. In ordine, come ha sottolineato Chiellini prima della semifinale di ritorno di Champions. Ed è qui che stanno le chiavi della vittoria. In questo la Juve è davanti agli altri competitor italiani: non solo sul campo.
E' quello a cui ambiscono - in questo momento più delle altre - le due milanesi, alle prese con un profondo cambiamento. Il Milan ha appena iniziato il suo percorso e nel giro di queste settimane ha cominciato a mettere primi mattoncini. Kessié è in dirittura d'arrivo: l'affare in rossonero non è in discussione. La firma materialmente sul contratto dovrebbe avvenire a campionato chiuso o addirittura essere anticipata a lunedì. Ma possiamo già considerare Kessié un giocatore rossonero. L'altro è Rodriguez del Wolfsburg. 15 milioni più 3 di bonus per convincere il Wolfsburg. 4 anni di contratto al giocatore. Questi i dettagli che trapelano di una trattativa - anche qui - praticamente conclusa. Il ragazzo ha mantenuto la parola data nell'ultimo incontro che c'era stato a casa Milan. Per definire la trattativa nel dettaglio c'è bisogno che il Wolfsburg si salvi. Dovesse succedere sabato contro l'Amburgo allora martedì o mercoledì ci potrebbe essere il via libera definitivo.
L'Inter è alle prese con una soluzione di una crisi profonda. Dopo i nuovi innesti societari (Sabatini) ora il tassello fondamentale è l'allenatore. Le mire sono alte e le intenzioni ambiziose. Ma non sempre si riesce ad ottenere quello che si spera perché gli allenatori più importanti sono già in squadre importanti e non è facile portarli in nerazzurro. Primo perché non li lasciano andare, secondo perché l'appeal nerazzurro (nonostante la potenza economica di Suning e una sorta di carta bianca per la ricostruzione) senza l'Europa è inferiore a quello di molte squadre. Conte, Simeone, Pochettino sembra che non possano muoversi. I contatti ci sono stati, qualcuno ha più che tentennato di fronte alla possibilità di allenare l'Inter. Ma al momento gli spiragli sono veramente pochi. Anche volendo leggere al di là delle dichiarazioni ufficiali. L'Inter continuerà a muoversi con la consapevolezza che lo stesso Spalletti è corteggiato da Monchi. Ecco perché non è facile. Poi si parlerà (anche) dei giocatori. Perché l'Inter va ripensata, ma insieme. E soprattutto con pazienza e raziocinio. Senza aver fretta di crescere: altrimenti si rischia un altro fracaso come quest'anno. Come detto vincere non è mai banale...
Poi ci saranno i golden boy a movimentare il mercato in generale in Italia. Di Kessie abbiamo già parlato e possiamo toglierlo. Ma parleremo molto, moltissimo, di Keita, di Bernardeschi, di Berardi. Di Conti, di Meret. C'è Schick e anche Skorupski. 7 gioielli che renderanno più movimentata la nostra estate.
Ma non preoccupatevi, sarà l'estate delle ricostruzioni. Tenetevi forte, stiamo arrivando.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Totti Day, niente scherzi! Donnarumma, tanta paura… Inter? 11 con le valigie, con possibile scambio con la Juve… 24.05 - Domenica 28 maggio, ore 18.00, Stadio Olimpico in Roma. Ultima giornata di Serie A con i giallorossi vogliosi di blindare il secondo posto. Ci dispiace, non è questo il “titolo ad effetto” che ci interessa… Domenica 28 maggio andrà in scena il Totti Day, non c’è altro che abbia senso…...
Telegram

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Il futuro di Allegri e della Juve, al di là di Cardiff. Inter, Spalletti ma non solo (e su Gabigol…). Milan: i legittimi festeggiamenti e il "benefattore" dietro Li. Napoli: il piano di Sarri per fare ancora meglio 23.05 - Succedono un sacco di cose. Una è che settimana scorsa mentre scrivevo codesta articolessa sul cellulare ho preso una capocciata devastante contro un palo della luce. Ve lo giuro. Sono un cretino. Mi sono fatto talmente male che ho deciso di prendermi una settimana di pausa: per la...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Capolavoro Juve: Agnelli vince tutto ma la famiglia lo ostacola. Inter, Sabatini ha "scelto" Spalletti. Roma, blitz decisivo per Di Francesco. Sassuolo e Bari, in due per Bucchi 22.05 - Fanno più effetto le immagini del "trionfo" del Milan che quelle dei festeggiamenti della Juventus. La fotografia di San Siro che lancia in aria Montella e del giro di campo della squadra che festeggia un preliminare di Europa League è il riassunto di quanto abbia lavorato male in...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Sabatini non basta a Suning: c'è un altro super consulente. Spalletti, le avances all'Inter ti stanno screditando: perché non restare a Roma? Bravo Napoli, strappo alla regola necessario per il grande obiettivo 21.05 - E' stata la settimana dei verdetti: Chelsea campione d'Inghilterra, Monaco campione di Francia, Feyenoord campione d'Olanda. E così via, col Real che può aggiungersi alla lista già questa sera: basterà un pareggio sul campo del Malaga. In Italia la Juventus ha alzato la Coppa...

EditorialeDI: Mauro Suma

Giù le mani da Kessie! Milan-Atene e Juve-Cardiff. Inter: la guerra di Piero 20.05 - Ma Kessie inventeranno, se davvero il centrocampista dell'Atalanta verrà ufficializzato come nuovo giocatore del Milan? Fino a metà stagione, era il simbolo della freschezza e dell'energia dell'Atalanta, era il vero crack del centrocampo bergamasco anche più di Gagliardini, era il...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Milan, ecco i piani di Fassone e dei cinesi. Subito grandi, non solo Musacchio, Kessie e Rodriguez. Kalinic si può. Inter, Sabatini-Ausilio decidono su Spalletti 19.05 - Chissà dove saranno adesso quelli che vagavano per la Cina suonando ai campanelli con scritto mister Li per poi annunciare in Italia: non risponde nessuno, non esiste. Pensando che la Cina sia come Abbiategrasso. Chissà dove saranno le vedove di Galliani, delle cravatte gialle...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano... 18.05 - Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

Sarri vuole più soldi? Inter in ascolto… Donnarumma-Milan, pericolo! Roma-Genoa, incubi per Spalletti 17.05 - Tra poche ore sapremo se la Juventus alzerà al cielo il primo trofeo della stagione (Coppa Italia) o se, come qualcuno ha ripetuto, all’infinito, in questi giorni, “la sconfitta con la Roma ha minato le certezze dei bianconeri”. Un occhio alla Juve, l’altro alla Lazio, una delle realtà...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Inter, riparte il casting: il nome per la panchina più dura della A. Il ko della Juve non riapre il campionato, ma rivela una verità.Milan: due appuntamenti, è l'ora dei fatti. W Sarri e la dura legge del talento 16.05 - Eccoci lettori di Tmw, a voi giustamente non fregherà nulla, ma l'altra sera c'è stato l'Euro-Festival, una roba di cantanti che curiosamente cantano e giurie che curiosamente giudicano. Il tutto per decretare la canzone più bella del Vecchio Continente. Bene, per l’Italia c’era in...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Piero, un consiglio da vecchi amici. Sabatini ha bruciato più calciatori che sigarette. Inter con i soldi, Milan con le idee dei dirigenti. S.P.A.L.: Serietà, Professionalità, Azzardo, Lealtà. Il patrimonio di De Laurentiis non va sprecato 15.05 - Lo abbiamo osannato quando c'era da osannarlo, lo abbiamo criticato quando c'era da criticarlo ma oggi vogliamo parlare a cuore aperto. Piero Ausilio, Direttore Sportivo dell'Inter non sappiamo ancora per quanto tempo, è un bravo ragazzo; uno che si è fatto da solo che dalla Pro Sesto...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.