VERSIONE MOBILE
  HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | TMW RADIO EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
Telegram
SONDAGGIO
Italia Anno Zero: chi come ct per il dopo Ventura?
  Luigi Di Biagio
  Antonio Conte
  Carlo Ancelotti
  Roberto Mancini
  Fabio Grosso
  Luciano Spalletti
  Massimiliano Allegri
  Fabio Cannavaro

TMW Mob
Editoriale

Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano...

18.05.2017 00:00 di Luca Marchetti   articolo letto 28980 volte
Il primo passo della Juve parte 10 anni fa. Le ricostruzioni milanesi: fra Kessié e Pochettino. E i 7 gioielli del mercato italiano...

Un passo, il primo. Quello che ti consente ancora di sperare nel triplete. Perché se la vittoria del campionato è stata rimandata dalla sconfitta di Roma (ma le prossime partite della Juventus destano meno preoccupazioni), aver alzato la coppa Italia consente alla Juventus di poter inseguire il triplete. Vincere aiuta a vincere, aiuta a mettersi alle spalle le scorie di un finale di stagione dove Allegri sta dosando le forze per arrivare lucido a tutti gli appuntamenti decisivi. E contro la Lazio ha dimostrato di essere solida e cinica la Juventus. Ha dimostrato che nelle partite che contano la Juve ha un'altra testa. Una testa che parte dall'alto dalla proprietà e dalla dirigenza che - come abbiamo avuto modo di dire la scorsa settimana - hanno inaugurato un nuovo ciclo senza che nessuno se ne accorgesse. Le operazioni sul mercato hanno permesso alla Juventus di cambiare pelle sul campo ma non di cambiare carattere e caparbietà. Il DNA è rimasto quello. Marotta e Paratici hanno voluto impreziosire il nucleo storico con giocatori come Dani Alves, l'uomo di coppa, che è riuscito a dare alla Juve quella marcia in più a livello di mentalità. Vincere non è mai banale. Diventa ancora più speciale se ti accorgi che 10 anni fa esatti (il 19 maggio) la Juventus festeggiava il ritorno in serie A. In 10 anni sono arrivati 5 campionati (più uno che si può davvero solo perdere), tre coppe Italia consecutive (impresa mai riuscita a nessuno in Italia), due finali di Champions, più le Supercoppe. La Juve non è un esperimento da laboratorio ma è proprio l'organizzazione societaria, la bravura dei dirigenti, le qualità (diverse ma vincenti) degli allenatori (Allegri e Conte) e quelle dei giocatori. In ordine, come ha sottolineato Chiellini prima della semifinale di ritorno di Champions. Ed è qui che stanno le chiavi della vittoria. In questo la Juve è davanti agli altri competitor italiani: non solo sul campo.
E' quello a cui ambiscono - in questo momento più delle altre - le due milanesi, alle prese con un profondo cambiamento. Il Milan ha appena iniziato il suo percorso e nel giro di queste settimane ha cominciato a mettere primi mattoncini. Kessié è in dirittura d'arrivo: l'affare in rossonero non è in discussione. La firma materialmente sul contratto dovrebbe avvenire a campionato chiuso o addirittura essere anticipata a lunedì. Ma possiamo già considerare Kessié un giocatore rossonero. L'altro è Rodriguez del Wolfsburg. 15 milioni più 3 di bonus per convincere il Wolfsburg. 4 anni di contratto al giocatore. Questi i dettagli che trapelano di una trattativa - anche qui - praticamente conclusa. Il ragazzo ha mantenuto la parola data nell'ultimo incontro che c'era stato a casa Milan. Per definire la trattativa nel dettaglio c'è bisogno che il Wolfsburg si salvi. Dovesse succedere sabato contro l'Amburgo allora martedì o mercoledì ci potrebbe essere il via libera definitivo.
L'Inter è alle prese con una soluzione di una crisi profonda. Dopo i nuovi innesti societari (Sabatini) ora il tassello fondamentale è l'allenatore. Le mire sono alte e le intenzioni ambiziose. Ma non sempre si riesce ad ottenere quello che si spera perché gli allenatori più importanti sono già in squadre importanti e non è facile portarli in nerazzurro. Primo perché non li lasciano andare, secondo perché l'appeal nerazzurro (nonostante la potenza economica di Suning e una sorta di carta bianca per la ricostruzione) senza l'Europa è inferiore a quello di molte squadre. Conte, Simeone, Pochettino sembra che non possano muoversi. I contatti ci sono stati, qualcuno ha più che tentennato di fronte alla possibilità di allenare l'Inter. Ma al momento gli spiragli sono veramente pochi. Anche volendo leggere al di là delle dichiarazioni ufficiali. L'Inter continuerà a muoversi con la consapevolezza che lo stesso Spalletti è corteggiato da Monchi. Ecco perché non è facile. Poi si parlerà (anche) dei giocatori. Perché l'Inter va ripensata, ma insieme. E soprattutto con pazienza e raziocinio. Senza aver fretta di crescere: altrimenti si rischia un altro fracaso come quest'anno. Come detto vincere non è mai banale...
Poi ci saranno i golden boy a movimentare il mercato in generale in Italia. Di Kessie abbiamo già parlato e possiamo toglierlo. Ma parleremo molto, moltissimo, di Keita, di Bernardeschi, di Berardi. Di Conti, di Meret. C'è Schick e anche Skorupski. 7 gioielli che renderanno più movimentata la nostra estate.
Ma non preoccupatevi, sarà l'estate delle ricostruzioni. Tenetevi forte, stiamo arrivando.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Altre notizie Editoriale
Juve: attenti a quelli della “crisi” (e ai nemici in casa). Inter: Icardi e gli strani pensieri. Milan: il dubbio Montella e “la bella reazione”. Riflessione semiseria sul calcio italiano 21.11 - “Gli aspetti formali, tendenti alla verifica dello status quo, ci portano a considerare i rappresentanti delle Leghe, per quanto la situazione sia decisamente inaccettabile. E sì: bisogna riformare il calcio guardando al tutto!”. (Quelli che comandano, che hanno il culo sulla poltrona,...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tavecchio a casa, forse. Ventura fuori Paese ma attenzione ai successori. Gravina? C... Piace! Allegri, sveglia questa Juve. Palermo? Ve lo avevamo scritto un anno fa... 20.11 - E' successo l'impensabile e, allora, è giusto che si volti pagina perché il calcio è un'azienda e bisogna rispettare la meritocrazia. Prandelli e Abete salvarono la faccia e la dignità, qui non c'è stata né la faccia né la dignità. Un Mondiale si può sbagliare ma addirittura non salire...

EditorialeDI: Marco Conterio

Il disastro economico-sportivo di Tavecchio e Ventura: gli effetti sulle tasche degli italiani e pure sul mercato. Ancelotti, gli specchietti per le allodole e il nome che serve. Allenatori e giocatori: la ricetta per cambiare davvero 19.11 - Carlo Tavecchio che scarica il barile, le colpe e versa pure lacrime rabbiose e di frustrazione no. Carlo Tavecchio ancora in sella, neppure. Invece son due fotografie che questi giorni regalano, istantanee e video che arrivano e che resteranno a lungo in un calcio italiano destinato...

EditorialeDI: Mauro Suma

Milan, crocevia Usa. La Nazionale riparte dal Milan. Perisic e i giocatori che vanno attesi 18.11 - Se il New York Times arriva ad occuparsi del Milan, vuol dire che il Milan fa gola. Stupiscono, ma forse fino ad un certo punto, i tempi scelti per lanciare la bomba mediatica, da un autorevole quotidiano che comunque negli ultimi due anni non era mai entrato nelle vicende del closing...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Collina l’uomo nuovo per la Federcalcio. Ancelotti, no alla Nazionale. Non farà la foglia di fico di Tavecchio che deve solo andar via. La colpa è sua: non ha capito la guerra fra Ventura e i giocatori. Tutti i retroscena. L’ex Ct via dall’It 17.11 - C’è solo un uomo in grado di cambiare il calcio in Italia e di rilanciarlo verso il futuro con interventi radicali e riforme illuminate e quell’uomo si chiama Pierluigi Collina. L’attuale capo degli arbitri della Fifa è l’unica personalità di livello mondiale spendibile dal paese...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Non è una questione di nomi, ma di programmi. E stavolta sul serio... 16.11 - Lunedì. Lunedì sarà il giorno in cui ci saranno le risposte. Le proposte che Tavecchio (che non si è dimesso) presenterà il nuovo programma da cui ripartire. Uomini e idee. E' lì che si giocherà la vera partita, è lì che misureremo la voglia di cambiamento del movimento calcio italiano. Delle...

EditorialeDI: Fabrizio Ponciroli

La Nazionale interessa davvero? Allora nuova “regola”: cinque italiani in campo (minimo) in ogni club!!! 15.11 - La delusione è ancora forte, quasi insostenibile. Come era prevedibile, tutti si sono inorriditi per quanto successo. L’Italia fuori dal Mondiale, una catastrofe, un’apocalisse, la morte del calcio italiano. Tanti presidenti di club si sono espositi in prima persona… Tutti avviliti...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Qui muore il calcio italiano 14.11 - Qui muore il calcio italiano, condannato dall'improvvisazione, le cattive abitudini, il malcostume di chi pensa che ce la farà per qualche bislacco diritto divino. Qui muore il calcio italiano. E ci fa male, malissimo, ma guardiamoci in faccia: è dannatamente giusto così. Qui...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

Tifiamo Italia ma cambiamola da subito: 4 proposte per riformare serie A, B, C e D. Marotta, il problema non è la chiusura tardiva del mercato... 13.11 - Questa sera l'Italia del pallone, e non solo, si ferma. Come fosse una finale del Mondiale, il fiato sospeso per l'importanza della gara. Tutti su Rai 1 a tifare gli azzurri sbiaditi. Non è la finale di un Mondiale e neanche una semifinale. Un play off per farlo il Mondiale. Giochi...

EditorialeDI: Andrea Losapio

Italia, i colpevoli dopo martedì. Esonerare Ventura ora è inutile, magari due partite fa... L'ombra di Conte e gli errori di Tavecchio 12.11 - Il giorno dei processi non è ancora arrivato. Sarà in ogni caso quello di martedì, perché la partita della Friends Arena, pur difficile come dimostrato già dalla sconfitta dei nostri cugini francesi, ha scavato l’ennesimo solco incolmabile fra la Nazionale di Ventura e la realtà....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
CHIUDI
Questo sito utilizza i cookie. Accedendo a questo sito, accetti il fatto che potremmo
memorizzare e accedere ai cookie sul tuo dispositivo.
Clicca qui per maggiori informazioni.