HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Rinnovo Icardi: cosa farà il capitano dell'Inter?
  Resterà all'Inter senza rinnovo
  Rinnoverà il contratto in scadenza nel 2021
  Non rinnoverà e lascerà l'Inter in estate

La Giovane Italia
Editoriale

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
15.04.2018 09:30 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 64594 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei 90 minuti regolamentari riuscirono a ribaltare il risultato dell'andata e a trascinare la partita ai supplementari. Poi però successe l'imponderabile: sviste su sviste e due gol in posizione di fuorigioco - di cui uno nettissimo su lancio di Sergio Ramos - convalidati a Cristiano Ronaldo, che in questo modo trascinò i suoi verso la finale e poi verso la vittoria.
E' andata peggio, molto peggio, al Manchester City e alla Roma. Dei torti subiti dai giallorossi non se ne parla più, sono comunque in semifinale e sono giustamente tutti felici e contenti, ma la verità è che il rigore negato a Dzeko dopo una manciata di minuti al Camp Nou, il contatto Umtiti-Pellegrini sanzionato solo come una punizione e il mancato rosso a Piqué sono tutti episodi che potevano decidere, dalla parte del Barça, il discorso qualificazione. Episodi che il VAR avrebbe corretto in pochi secondi. Così come in un amen sarebbe stato convalidato il gol di Sané, quello del potenziale 2-0 del Manchester City che doveva recuperare il 3-0 dell'andata e che con quella rete al 42esimo del primo tempo avrebbe vissuto tutt'altra ripresa. L'errore è clamoroso, perché l'ala del City non può mai essere in fuorigioco se a passargli il pallone è un avversario, cioè Milner. Ma l'arbitro vede male, quindi arrivederci e grazie senza possibilità di replica.
Sono tutti episodi chiari, limpidi, a differenza del contatto Vazquez-Benatia al 93esimo. L'attaccante del Real Madrid è in vantaggio sul difensore marocchino, che alle sue spalle con la mano destra lo spinge e con la gamba sinistra prova ad anticiparlo. Il contatto c'è, anche a rivederlo sanzionare quell'intervento non è un errore. Ma chi può giudicare meglio dell'arbitro in tempo reale l'intensità della spinta? Nessuno. E infatti anche in Italia questa decisione sarebbe spettata solo ed esclusivamente all'arbitro.
Però quella del Bernabeu non era una normale gara di Serie A, in ballo c'erano tante cose: il fascino di una rimonta clamorosa, il sogno di una Champions solo sfiorata negli ultimi anni, l'ultima in Europa di Buffon e quel tocco di patriottismo che può anche andare bene, a patto che non condizioni giornalisti e moviolisti nei giudizi. E allora ecco il clamore su un episodio che di clamoroso non aveva nulla. Reazione scomposte e parole fuori luogo che hanno offuscato anche la straordinaria prestazione della Juventus al Bernabeu. Quella si che andava sottolineata, anche se non è bastata perché il calcio quando vuole sa essere crudele e cinico e rovinare in un istante una bella favola. E' il bello - o il brutto, fate voi - di questo sport.
Nel turbillon di dichiarazioni post Real Madrid-Juventus c'è però da sottolineare che Andrea Agnelli ha detto una cosa giustissima: serve il VAR anche in Europa. Va dato merito al presidente della Juventus di aver cambiato idea sulla questione e di aver posto sul tavolo un tema di discussione prioritario. Alexander Ceferin, presidente dell'UEFA, lo scorso 28 febbraio si disse contrario all'inserimento della tecnologia nelle competizioni europee a partire dalla stagione 2018/19. Molto più coraggiosa è stata la FIFA, che si spera con l'esempio del Mondiale in Russia possa far definitivamente pendere l'ago della bilancia a favore del VAR. E far cambiare presto idea anche a Ceferin, se non per la prossima stagione almeno per quella successiva.
La domanda che ci poniamo tutti è quella che ieri, punzecchiato in conferenza stampa, Gennaro Gattuso ha girato ai giornalisti presenti a Milanello: "In Europa ci sono interessi incredibili, come si può pensare di fare ancora a meno della tecnologia?". Ha perfettamente ragione.
A questo quesito, la UEFA negli ultimi mesi ha più o meno ufficialmente sempre risposto così: è un problema di logistica, un problema organizzativo e di competenza. Non bisogna infatti pensare solo ai quarti o agli ottavi, ma ai mesi di giugno, luglio e a quelli autunnali quando ci sono tantissime partite in contemporanea e mettere in moto la macchina organizzativa col VAR è molto più difficile. Poi c'è la questione della competenza, perché ad oggi sono poche le federazioni che hanno già adottato il VAR nei campionati nazionali e quindi pochi gli arbitri abituati ad utilizzarlo.
Spiegazioni logiche, attenuanti comprensibili, ma che non possono e non devono fermare il vento del cambiamento. Serve un calcio più giusto ed equo. E soprattutto in competizioni così brevi ed equilibrate, ancor più che nei campionati nazionali, evitare che le decisioni errate si tramutino negli episodi decisivi è fondamentale.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Milan, così non va. Da Gonzalo a Piatek, segnale di debolezza. Visto Muriel? Balata e una Lega B allo sfascio. Lecce, esempio di mercato. Si scrive Juve, si legge Stabia 21.01 - Se la scorsa estate Leonardo e Maldini avessero portato al Milan Piatek al posto di Higuain avrebbero preso 3 su tutte le pagelle del mondo. Arrivò Gonzalo e si sprecarono i 7 per il grande affare fatto con la Juventus, ridando indietro quel pacco vecchio di Bonucci prendendo il futuro...

Editoriale DI: Raimondo De Magistris

Leonardo non conosceva Higuain? Il Milan ha sopravvalutato il Pipita. Troppa ipocrisia su Wanda Nara: l'unico errore sarebbe quello di non comportarsi come gli altri procuratori 20.01 - Gonzalo Higuain è stato il miglior centravanti visto in Italia dopo Zlatan Ibrahimovic. Ha riscritto la storia dei cannonieri della Serie A battendo nel 2016 il record di Nordhal che resisteva da 65 anni. Diciassette, poi 18, 36, 24 e 16 gol in cinque stagioni di Serie A, 111 in cinque...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain al Chelsea e Piatek al Milan ormai ci siamo. Nell’operazione anche il ritorno di  Bertolacci al Genoa. Su Barella per giugno l’Inter di nuovo in pole position. Napoli, Lozano se in estate parte uno tra Mertens e Callejon 19.01 - Higuain al Chelsea, Piatek al Milan, Morata all’Atletico Madrid, Il gioco è fatto. Tutti gli incastri al posto giusto per un grande valzer di attaccanti. E allora andiamo a ricostruire quello che accadrà a breve. Higuain presto volerà a Londra per le visite mediche e si metterà a...

Editoriale DI: Enzo Bucchioni

Juve-Milan falsata, l’ultimo scandalo. Con questo VAR aumentano solo le polemiche e non si fa giustizia. Banti, che delusione. Higuain, che vergogna. Piatek al Milan, che rischio. Icardi rinnoverà 18.01 - Gli arbitri italiani stanno diventando dei piccoli Tafazzi: sono riusciti nell’impresa ciclopica di falsare perfino una gara tutto sommato non complicata come la Supercoppa italiana e farsi ancora una volta travolgere dalle polemiche. Autolesionismo puro, incredibile ma vero, come...

Editoriale DI: Luca Marchetti

Higuain-Chelsea, ci siamo. Le alternative del Milan per sostituirlo: Piatek ma non solo... Iniziano a muoversi gli attaccanti... attenzione! 17.01 - Era sicuramente uno dei temi più intressanti da analizzare in questo mercato invernale. Dopo la giornata appena finita è diventata una vera e propria telenovela, con dei colpi di scena (più mediatici che reali) che starebbero bene in una sceneggiatura da soap opera. Higuain, è evidente,...

Editoriale DI: Tancredi Palmeri

Il triangolo scaleno del mercato Milan-Chelsea-Atletico: tutte le parti in causa vogliono che Higuain, Morata e Piatek si muovano. Ma manca ancora molto: ecco esattamente le cifre in questo momento delle tre trattative 16.01 - Il mercato di gennaio che in verità non si muove mai particolarmente, ringrazia l’asse Milano-Londra-Madrid che va a incidere profondamente su Serie A, Premier e Liga, e sarà la vera trattativa principale del calciomercato invernale. Non solo adesso, ma fino alla fine, fino all’ultimo...

Editoriale DI: Fabrizio Biasin

Juve-Milan con Higuain in mezzo: ma i rossoneri si meritano di più (e le voci su Piatek…). Inter: l’incontro con Icardi (non ancora fissato) e l’obiettivo del club. Stadi chiusi: ecco l’occasione per dimostrare del buonsenso 15.01 - Ciao. Uno ieri mi ha detto “Buon anno”. È stato molto gentile, ma dopo l’Epifania la vivo come una presa per il culo. Oggi è il 15 gennaio. Secondo il calendario originale la sessione di mercato sarebbe dovuta terminare tra tre giorni. Invece andrà avanti fino al 31. Che bello, così...

Editoriale DI: Michele Criscitiello

Inter-Icardi, Mauro indossa tu i pantaloni. Ridateci l'albo degli agenti e basta con mogli improvvisate. Gonzalo, resta dove sei. Capotondi, per favore risparmiaci le lezioni e torna a fare cinema 14.01 - La "telenovela" Icardi è un finto problema per l'Inter ma quando il campionato è fermo fa tutto brodo. Per Wanda, per i giornali e per le tv. Parliamo di Icardi perché fa notizia. La notizia, comunque, non c'è se non che Mauro vuole più soldi ma ancora non ha capito come fare le trattative...

Editoriale DI: Marco Conterio

La caccia al nuovo sogno mercato della Juventus passa dai conti. E dall'inevitabile partenza di un big. Icardi, decimo stipendio della A: con l'Inter è braccio di ferro economico 13.01 - Kylian Mbappè. Come sogno e come chimera. Come grande obiettivo, perché "adesso la Juventus deve puntare i nuovi Cristiano Ronaldo". E chi meglio del crack francese che col portoghese si scattava le foto da giovane e imberbe talento? Chi meglio di un giocatore che a Parigi non vive...

Editoriale DI: Niccolò Ceccarini

Higuain e Morata situazione in evoluzione, ma il Milan punta a tenere il Pipita. Icardi-Inter vertice in settimana per trattare il rinnovo.  Juventus, dopo Ramsey ora è il turno di Romero. Per Barella continua il pressing di Chelsea e Napoli 12.01 - Sono giorni importanti per capire il futuro di Higuain e Morata. Le posizioni sono molto chiare. Sarri considera il Pipita l’uomo giusto per aumentare tantissimo il potenziale offensivo del Chelsea. Sta spingendo perché questa possa diventare un’ipotesi concreta fin da subito. Higuain...
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510