HOME  | EVENTI TMW  | REDAZIONE  | NETWORK  | RMC SPORT EVENTI LIVE  | CALENDARIO E CLASSIFICA  | CONTATTI
Da TUTTOmercatoWEB.com le ultime notizie di calcio mercato su Juve, Milan, Inter, Napoli, Roma
 
SONDAGGIO
Calciomercato chiuso: quale big s'è mossa meglio?
  Juventus
  Napoli
  Roma
  Inter
  Lazio
  Milan

La Giovane Italia
Editoriale

Il problema non è il contatto Benatia-Vazquez, il problema è tutto il resto: Ceferin faccia subito un passo indietro. La UEFA ha due scuse, ma non bastano per giustificare questo atteggiamento: ha ragione Gattuso

Nato a Napoli il 10/03/88, laureato in Filosofia e Comunicazione presso l'Università Orientale di Napoli. Lavora per Tuttomercatoweb.com dal 2008, è il vice direttore dal 2012
15.04.2018 09:30 di Raimondo De Magistris  Twitter:    articolo letto 64556 volte
© foto di TUTTOmercatoWEB.com

Andò peggio, molto peggio, un anno fa. Erano sempre i quarti di finale di Champions League, c'era sempre il Real Madrid, ma i blancos al Bernabeu non avevano di fronte la Juventus, bensì il Bayern Monaco, sconfitto 2-1 all'andata. I bavaresi, allora guidati da Carlo Ancelotti, nei 90 minuti regolamentari riuscirono a ribaltare il risultato dell'andata e a trascinare la partita ai supplementari. Poi però successe l'imponderabile: sviste su sviste e due gol in posizione di fuorigioco - di cui uno nettissimo su lancio di Sergio Ramos - convalidati a Cristiano Ronaldo, che in questo modo trascinò i suoi verso la finale e poi verso la vittoria.
E' andata peggio, molto peggio, al Manchester City e alla Roma. Dei torti subiti dai giallorossi non se ne parla più, sono comunque in semifinale e sono giustamente tutti felici e contenti, ma la verità è che il rigore negato a Dzeko dopo una manciata di minuti al Camp Nou, il contatto Umtiti-Pellegrini sanzionato solo come una punizione e il mancato rosso a Piqué sono tutti episodi che potevano decidere, dalla parte del Barça, il discorso qualificazione. Episodi che il VAR avrebbe corretto in pochi secondi. Così come in un amen sarebbe stato convalidato il gol di Sané, quello del potenziale 2-0 del Manchester City che doveva recuperare il 3-0 dell'andata e che con quella rete al 42esimo del primo tempo avrebbe vissuto tutt'altra ripresa. L'errore è clamoroso, perché l'ala del City non può mai essere in fuorigioco se a passargli il pallone è un avversario, cioè Milner. Ma l'arbitro vede male, quindi arrivederci e grazie senza possibilità di replica.
Sono tutti episodi chiari, limpidi, a differenza del contatto Vazquez-Benatia al 93esimo. L'attaccante del Real Madrid è in vantaggio sul difensore marocchino, che alle sue spalle con la mano destra lo spinge e con la gamba sinistra prova ad anticiparlo. Il contatto c'è, anche a rivederlo sanzionare quell'intervento non è un errore. Ma chi può giudicare meglio dell'arbitro in tempo reale l'intensità della spinta? Nessuno. E infatti anche in Italia questa decisione sarebbe spettata solo ed esclusivamente all'arbitro.
Però quella del Bernabeu non era una normale gara di Serie A, in ballo c'erano tante cose: il fascino di una rimonta clamorosa, il sogno di una Champions solo sfiorata negli ultimi anni, l'ultima in Europa di Buffon e quel tocco di patriottismo che può anche andare bene, a patto che non condizioni giornalisti e moviolisti nei giudizi. E allora ecco il clamore su un episodio che di clamoroso non aveva nulla. Reazione scomposte e parole fuori luogo che hanno offuscato anche la straordinaria prestazione della Juventus al Bernabeu. Quella si che andava sottolineata, anche se non è bastata perché il calcio quando vuole sa essere crudele e cinico e rovinare in un istante una bella favola. E' il bello - o il brutto, fate voi - di questo sport.
Nel turbillon di dichiarazioni post Real Madrid-Juventus c'è però da sottolineare che Andrea Agnelli ha detto una cosa giustissima: serve il VAR anche in Europa. Va dato merito al presidente della Juventus di aver cambiato idea sulla questione e di aver posto sul tavolo un tema di discussione prioritario. Alexander Ceferin, presidente dell'UEFA, lo scorso 28 febbraio si disse contrario all'inserimento della tecnologia nelle competizioni europee a partire dalla stagione 2018/19. Molto più coraggiosa è stata la FIFA, che si spera con l'esempio del Mondiale in Russia possa far definitivamente pendere l'ago della bilancia a favore del VAR. E far cambiare presto idea anche a Ceferin, se non per la prossima stagione almeno per quella successiva.
La domanda che ci poniamo tutti è quella che ieri, punzecchiato in conferenza stampa, Gennaro Gattuso ha girato ai giornalisti presenti a Milanello: "In Europa ci sono interessi incredibili, come si può pensare di fare ancora a meno della tecnologia?". Ha perfettamente ragione.
A questo quesito, la UEFA negli ultimi mesi ha più o meno ufficialmente sempre risposto così: è un problema di logistica, un problema organizzativo e di competenza. Non bisogna infatti pensare solo ai quarti o agli ottavi, ma ai mesi di giugno, luglio e a quelli autunnali quando ci sono tantissime partite in contemporanea e mettere in moto la macchina organizzativa col VAR è molto più difficile. Poi c'è la questione della competenza, perché ad oggi sono poche le federazioni che hanno già adottato il VAR nei campionati nazionali e quindi pochi gli arbitri abituati ad utilizzarlo.
Spiegazioni logiche, attenuanti comprensibili, ma che non possono e non devono fermare il vento del cambiamento. Serve un calcio più giusto ed equo. E soprattutto in competizioni così brevi ed equilibrate, ancor più che nei campionati nazionali, evitare che le decisioni errate si tramutino negli episodi decisivi è fondamentale.


TUTTOmercatoWEB.com - il sito di calciomercato aggiornato 24 ore su 24

Ancelotti valore aggiunto del Napoli, Emre Can farà la differenza alla Juventus, Inter mercato top, Milan può lottare per la Champions, Milinkovic Savic rinnova con la Lazio fino al 2023 18.08 - Come ogni estate arriva il momento del gong. Sono passate appena 4 ore dalla chiusura del mercato e l’adrenalina è ancora alle stelle. La prima riflessione che mi viene da fare è che è stato bellissimo, il più entusiasmante degli ultimi anni. E non solo perché è arrivato Cristiano...

EditorialeDI: Enzo Bucchioni

Modric, l’ultimo no del Real. Ma nella notte restano piccole speranze. All’Inter è mancato uno come Mendes per Ronaldo. Nerazzurri sono comunque l’anti-Juve. E c’è sempre Rafinha. Milan, colpi da Champions League 17.08 - Florentino Perez ha detto l’ultimo no. Il Real Madrid non libera Luca Modric, non lo farà andare all’Inter come avrebbe voluto. Del resto, hanno spiegato i dirigenti madridisti al procuratore del giocatore nell’ultimo incontro di ieri, in due mesi sono cambiate troppe cose e il presidente...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Ancora 48 ore e tutti si affannano: anche chi sembra aver chiuso tutto. 48 ore da vivere con il fiato sospeso... 16.08 - Siamo ormai alle battute finali e tutti si affannano per rifinire la squadra. Il Milan, è naturalmente, la big più attiva visto che per i problemi societari si è potuta muovere concretamente soltanto un paio di settimane fa. Sono arrivati a Milano Castillejo e Laxalt, entrambe operazioni...

EditorialeDI: Tancredi Palmeri

Promosse e bocciate del calciomercato a 72 ore dalla fine: Juventus e Inter regine assolute. Segue il Milan. Solo sufficienti Napoli, Roma e Lazio. E in coda, in bocca al lupo all'Udinese, ne ha bisogno... 15.08 - A 72 ore dalla fine del calciomercato, andiamo con il pagellone sospeso della Serie A, con le squadre divise tra promosse, rimandate e bocciate. Ma con una premessa fondamentale: qua non si giudica il conto economico, e nemmeno soltanto gli acquisti. E nemmeno della squadra costruita...

EditorialeDI: Fabrizio Biasin

Juve: mercato con (doppia) sorpresa, ma occhio a Nedved... Inter: dopo il settimo (Keita) c'è una certezza. Milan: 2 colpi in 4 giorni, l'impresa di Leonardo. Napoli: il "complesso" di De Laurentiis 14.08 - Ciao. C'è il fuso. Son dall'altra parte del mondo. Al mare. È un posto strano. Qui, per dire, è nuvoloso da 4 giorni. Sapete quando sono arrivato? Quattro giorni fa. Il fuso è devastante. Soprattutto se vuoi stare al passo con le robe del mercato. Per questo metto tanti punti. Almeno...

EditorialeDI: Michele Criscitiello

De Laurentiis, 5 giorni per dare un senso a questo mercato. Milan, sessione intelligente. L’Inter dietro la Juve. Volevate il Commissario? Era meglio Montalbano… 13.08 - Cinque giorni e poi sarà tutto finito. L’assurdità di chiudere il calciomercato il 17 agosto, alle ore 20.00, lascerà tanti cadaveri sulla riva del fiume. Lo scriviamo da mesi, adesso, molti club di serie A iniziano a capire la fesseria di seguire Marotta nell’unica sciocchezza fatta,...

EditorialeDI: Raimondo De Magistris

Il mondo dorato di CR7 e quello sommerso dei Tribunali, dove vige il tutti contro tutti. Tra udienze, sentenze e ricorsi B e C sono in pieno caos. E anche la Serie A non può dirsi tranquilla 12.08 - E' un'estate strana, particolare. Senza dubbio unica quella che tra meno di una settimana - per gli operatori di calciomercato - chiuderà i battenti. Non sono mancate le notizie, né i colpi di scena. Sono stati mesi che hanno riportato una manciata di club italiani a sedere di nuovo...

EditorialeDI: Niccolò Ceccarini

Ore decisive per il futuro di Modric. Inter, fatta per Keita. Il Milan pronto a chiudere per Bakayoko. Ochoa in pole per il Napoli, occhio anche a Tatarusanu. 11.08 - Luka Modric, l’Inter e il Real Madrid. Sono ore decisive per il futuro del centrocampista croato vice campione del mondo, che vorrebbe andare all’Inter, anche se non è intenzionato ad arrivare ai ferri corti con Florentino Perez. Il numero uno del Real non cede. Anzi in Spagna sono...

EditorialeDI: Luca Serafini

I colpi di Leo, il ruolo di Paolo, il lavoro di Rino: notte prima degli esami 10.08 - Tra una settimana è campionato. Possiamo davvero dire che l’estate è volata, sotto questa cappa di afa con ventate di grande ottimismo. Di meritato sollievo. Mi fanno ridere i censori del ruolo di Paolo Maldini, come se avere una figura di riferimento così autorevole non fosse già...

EditorialeDI: Luca Marchetti

Modric ancora attesa, Keita si tratta ad oltranza. Bakayoko convinto ora si fa sul serio. Portieri Napoli e quello del Chievo. Ultima settimana... 09.08 - Doveva essere il Modric-day, nel bene o nel male, ma si è trasformato in un altro giorno di attesa. Tutto rinviato a data da destinarsi, forse venerdì, visto che le prossime ore saranno quelle di Cortouis e che Florentino non vorrà togliere la scena al suo portiere con la grana Modric....
   Editore: TC&C srl web content publisher since 1994 Partita IVA 01488100510   
Utilizzo dei Cookie
PROSEGUO
Utilizziamo cookie, anche di terze parti, per migliorare l'esperienza di navigazione e per inviarti messaggi promozionali personalizzati.
Proseguendo con la navigazione acconsenti al loro uso in conformità alla nostra Cookie Policy